Risultati della ricerca per: 2008

Leonard Cohen


[youtube https://youtu.be/IEVow6kr5nI?list=PL22135BF03C47D7CC]

Leonard Norman Cohen (Montréal, 21 settembre 1934) è un cantautore, poeta, scrittore e compositore canadese. È uno dei cantautori più celebri, influenti e apprezzati della storia della musica.

Nelle sue opere esplora temi come la religione, l’isolamento e la sessualità, ripiegando spesso sull’individuo. Vincitore di numerosi premi e onorificenze, è inserito nellaRock and Roll Hall of Fame, nella Canadian Songwriters Hall of Fame e nella Canadian Music Hall of Fame. È inoltre insignito del titolo di Compagno dell’Ordine del Canada, la più alta onorificenza concessa dal Canada. Nel 2011, ricevette il Premio Principe delle Asturie per la letteratura.

https://it.wikipedia.org/wiki/Leonard_Cohen

Leonard Norman Cohen, CC GOQ (born 21 September 1934) is a Canadian singer, songwriter, musician, painter, poet, and novelist. His work has explored religion, politics, isolation, sexuality, and personal relationships. Cohen has been inducted into both the Canadian Music Hall of Fame and the Canadian Songwriters Hall of Fame as well as the American Rock and Roll Hall of Fame. He is also a Companion of the Order of Canada, the nation’s highest civilian honor. In 2011, Cohen received aPrincess of Asturias Awards for literature.

The critic Bruce Eder assessed Cohen’s overall career in popular music by asserting that “[he is] one of the most fascinating and enigmatic … singer/songwriters of the late ’60s … [and] has retained an audience across four decades of music-making…. Second only to Bob Dylan (and perhaps Paul Simon) [in terms of influence], he commands the attention of critics and younger musicians more firmly than any other musical figure from the 1960s who is still working at the outset of the 21st century.”

One of his notable novels, Beautiful Losers (1966) received attention from the Canadian press and was considered controversial because of a number of sexually graphic passages.[4] The Academy of American Poets has commented more broadly on Cohen’s overall career in the arts, including his work as a poet, novelist, and songwriter, stating that “Cohen’s successful blending of poetry, fiction, and music is made most clear in Stranger Music: Selected Poems and Songs, published in 1993, which gathered more than 200 of Cohen’s poems … several novel excerpts, and almost 60 song lyrics… While it may seem to some that Leonard Cohen departed from the literary in pursuit of the musical, his fans continue to embrace him as a Renaissance man who straddles the elusive artistic borderlines.”

Cohen’s first album was Songs of Leonard Cohen (1967) followed by Songs from a Room (1969) (featuring the often-recorded “Bird on the Wire”) and Songs of Love and Hate (1971). His 1977 record Death of a Ladies’ Man was co-written and produced by Phil Spector, which was a move away from Cohen’s previous minimalist sound. In 1979 Cohen returned with the more traditional Recent Songs, which blended his acoustic style with jazz and Oriental and Mediterranean influences. “Hallelujah” was first released on Cohen’s studio album Various Positions in 1984. I’m Your Man in 1988 marked Cohen’s turn to synthesized productions and remains his most popular album. In 1992 Cohen released its follow-up, The Future, which had dark lyrics and references to political and social unrest. Cohen returned to music in 2001 with the release ofTen New Songs, which was a major hit in Canada and Europe. In 2006 Cohen produced and co-wrote Blue Alert, a collaboration with jazz chanteuse Anjani Thomas. After the success of his 2008–13 world tours, Cohen released the highest charting album in his entire career, Old Ideas, to positive reviews. On 22 September 2014, one day after his 80th birthday, Cohen released his 13th studio album, Popular Problems, again to positive reviews.

https://en.wikipedia.org/wiki/Leonard_Cohen

Meditare senza forzare


Riflettendo…

La Riflessione

Come può Egli sorridere così felice?

Non confrontarlo con gli altri;

Il suo essere nel mondo non è mondano,

la sua gioia sgorga dalla sua Vera Natura.

Maestro Fugai Ekun (1568-1654)

——————-

In noi la vera natura,
nascosta, negata, non riconosciuta.

Aggrappati alle apparenze,
a quel che c’inganna
con l’attaccamento ad una falsa realtà.

In noi lo sciogliere di ombre
per ritrovare la luce del sole,
per accogliere in profondità
la reale sostanza del nostro essere.

Poetyca

——————-

L’insegnamento

Meditate senza forzare

Fate attenzione a non imporre alcunché alla mente.

Quando meditate, non ci dovrebbe essere sforzo di controllare qualcosa.

Né tentativi forzati di essere tranquilli.

Non siate eccessivamente solenni e cercate di non sentirvi coinvolti in uno speciale rituale:

lasciate andare perfino l’idea che state meditando.

Lasciate che il corpo rimanga così com’è e il respiro così come lo trovate.

Pensate a voi stessi come al cielo, che abbraccia l’intero universo.

Sogyal Rinpoce

——————–

Guardare i pensieri,
l’origine delle emozioni,
come si guarda uno stormo in volo.

Non provare attaccamento,
è sapere che quanto nasce, appare e ci abbandona
perchè impermanente,è come sono le nuvole che passano.

Non identificarsi, per vivere quest’attimo,
per comprendere che tutto è interconnesso,
riconoscendo nell’ignoranza
il riflesso delle nostre aspettative;
ci rende liberi e capaci di sorriso in ogni istante.

Poetyca

——————–

05.07.2008 Poetyca

Reflecting …

Reflection

How can he smile so happy?

Do not compare with others;

His being in the world is not mundane,

his joy springs from his True Nature .

Master Fugai Ekun (1568-1654)

——————-

In us the true nature ,
hidden , denied, not recognized.

Hold on to appearances,
to that which deceives us
with attachment to a false reality.

We dissolve into shadows
to find the light of the sun,
to receive in-depth
the real essence of our being.

Poetyca

——————-

The teaching

Meditate without forcing

Be careful not to impose anything to mind .

When you meditate , there should be no effort to check something.

Neither attempts forced to be quiet .

Do not be too solemn and try not to feel involved in a special ritual :

let go of even the idea that you are meditating .

Let your body remains as it is and the breath as you find it.

Think of yourself as the sky, which encompasses the entire universe .

Sogyal Rinpoche

——————–

Watch your thoughts,
the origin of emotions,
you look like a flock in flight.

Do not try attachment,
is to know that what is born, and it appears we are left
because impermanent , it’s like the clouds are passing by.

Do not identify yourself in order to live this moment ,
to understand that everything is interconnected,
recognizing ignorance
the reflection of our expectations;
makes us free and able to smile at all times.

Poetyca

——————–

05.07.2008 Poetyca

bodhidarma

Rewind


Rewind

La cogli in un attimo
poi ti sfiora e fugge,
in un alone di silenzio
ne ricordi l’odore

E’ nostalgia di un tempo
che appare troppo lontano
tra passi sull’erba bagnata
ed abbracci di nuvole

La leghi ad un sospito
come una farfalla smarrita
che impalpabile porta con sè
movimento e colore

E’ ancora felice quel tempo
che porti dentro l’anima,
s’affaccia senza preavviso
e fa scivolare un’altra lacrima

05.09.2008 Poetyca

Rewind

You grasp it in an instant
then touch you and runs away,
in a halo of silence
I remember the smell

It is nostalgia for a time
that is too far
between steps on the wet grass
and hugging clouds

You attach it to a sigh
Lost like a butterfly
intangible that brings
movement and color

It ‘s still happy that time
leading into the soul,
looks out without notice
and another tear slides

05.09.2008 Poetyca

Pink Floyd – Hits (Full Album)



I Pink Floyd sono stati un gruppo musicale rock britannico formatosi nella seconda metà degli anni sessanta che, nel corso di una lunga e travagliata carriera, è riuscito a riscrivere le tendenze musicali della propria epoca, diventando uno dei gruppi più importanti della storia.[1][4]

Sebbene agli inizi si siano dedicati prevalentemente alla psichedelia[5] e allo space rock, il genere che meglio definisce l’opera dei Pink Floyd, caratterizzata da una coerente ricerca filosofica, esperimenti sonori, grafiche innovative e spettacolari concerti, è il rock progressivo.[5][6][7]

Nel 2008 si è stimato che abbiano venduto circa 250 milioni di dischi in tutto il mondo,[8][9] di cui 74,5 milioni nei soli Stati Uniti d’America.[10]

I Pink Floyd hanno influenzato considerevolmente la musica successiva, dai gruppi progressive degli anni settanta, come Genesis e Yes,[11] fino a musicisti contemporanei, come Nine Inch Nails,[12] Dream Theater e Porcupine Tree.[13]

Il gruppo, nato a Londra nel 1965,[14][15] viene fondato dal cantante e chitarrista Roger Keith “Syd” Barrett, dal bassista George Roger Waters, dal batterista Nicholas Berkeley “Nick” Mason e dal tastierista Richard William “Rick” Wright. Nel dicembre del 1967 si aggiunge al gruppo il chitarrista David Jon “Dave” Gilmour,[14][15] che si affianca e quindi si sostituisce definitivamente a Barrett, progressivamente emarginatosi dal gruppo a causa del pesante uso di droghe e di una forma di alienazione.

Il gruppo, dopo essersi fatto notare grazie a lavori di stampo psichedelico, raggiunge la maturità con Atom Heart Mother e Meddle, e si afferma a livello mondiale con The Dark Side of the Moon e i successivi album, tra cui Wish You Were Here, Animals e The Wall, che consegnano i quattro alla storia del rock.[16] La formazione non subisce sostanziali cambiamenti fino al 1985,[15] escludendo una parentesi di alcuni anni in cui Wright figura solo come turnista.[14] Nel 1985 Waters abbandona il gruppo e i membri rimanenti, dopo aver vinto la breve battaglia legale per stabilire a chi spettasse continuare a usare il nome “Pink Floyd”, pubblicano successivamente altri due album in studio: A Momentary Lapse of Reason e The Division Bell. La formazione cessa la propria attività nel 1995,[14] sciogliendosi definitivamente nel 2006, quando Gilmour nega ufficialmente la possibilità di una riunione.[17] Nel 2008, con la morte di Wright, si spengono di fatto le speranze dei fan di rivedere il gruppo dal vivo con tutti e quattro i componenti al completo. Tuttavia, il 5 luglio 2014 viene annunciata da Polly Samson, moglie di David Gilmour, la pubblicazione a ottobre dello stesso anno di un quindicesimo album in studio, The Endless River.

https://it.wikipedia.org/wiki/Pink_Floyd
Pink Floyd were an English rock band formed in London. They achieved international acclaim with their progressive and psychedelic music. Distinguished by their use of philosophical lyrics, sonic experimentation, extended compositions and elaborate live shows, they are one of the most commercially successful and musically influential groups in the history of popular music.

Pink Floyd were founded in 1965 by students Syd Barrett, Nick Mason, Roger Waters, and Richard Wright. They gained popularity performing in London’s underground music scene during the late 1960s, and under Barrett’s leadership released two charting singles and a successful debut album, The Piper at the Gates of Dawn (1967). David Gilmour joined as a fifth member in December 1967; Barrett left the band in April 1968 due to deteriorating mental health exacerbated by drug use. Waters became the band’s primary lyricist and, by the mid-1970s, their dominant songwriter, devising the concepts behind their critically and commercially successful albums The Dark Side of the Moon (1973), Wish You Were Here (1975), Animals (1977), The Wall (1979) and The Final Cut (1983).

Wright left Pink Floyd in 1979, followed by Waters in 1985, declaring it a “spent force”. Gilmour and Mason continued as Pink Floyd; Wright rejoined them as a session musician and, later, a band member. The three produced two more albums, A Momentary Lapse of Reason (1987) and The Division Bell (1994), and toured until 1994. After nearly two decades of acrimony, Pink Floyd reunited with Waters in 2005 for a performance at the global awareness event Live 8, but Gilmour and Waters have since stated they have no plans to reunite as a band again. Barrett died in 2006 and Wright in 2008. The final Pink Floyd studio album, The Endless River, recorded without Waters and based on material recorded in 1993–1994, was released in November 2014.

Pink Floyd were inducted into the US Rock and Roll Hall of Fame in 1996, and the UK Music Hall of Fame in 2005. By 2013, the band had sold more than 250 million records worldwide, including 75 million certified units in the United States.

https://en.wikipedia.org/wiki/Pink_Floyd

Estemporanea


Estemporanea

Un ricordo, uno svanito istante….eppure:
farei ancora oggi le scale a quattro a quattro,
per suonare alla tua porta,
correrei con finta indifferenza verso la vita.

Un sorriso che si colora
nel buio di questa notte,
tra stelle che si offrono silenti
e vibrante respiro, il tuo ricordo:
quante volte celavo il rossore
al disegno di una sigaretta
che meglio di me accende il tempo,
ma tu non lo sapevi, perchè hai strappato tutto.

21.05.2008 Poetyca

Extemporaneous

A memory, a vanished moment …. yet:
I would still up the stairs four at a time,
to play at your door,
run with feigned indifference toward life.

A smile that turns
in the darkness of this night,
between stars that have silent
and vibrant breath, your memory:
how many times celavo redness
the design of a cigarette
that better than I turn on time
but you did not know, because you tore everything.

21.05.2008 Poetyca

Sussurro infinito


Sussurro infinito

Esprimi tutte le parole che sai,
falle scorrere piano sul foglio…
Come lacrime, come lampi di cielo notturno
e poi prendi fiato prima che possano
in un solo istante scagliarsi
a lasciare sgomenta questa notte

Offri la linfa del tuo essere
per rendere complice
solo quest’irripetibile istante
e non temere l’arrivo dell’alba
perchè sarà nascita e vita
a cullare ogni tua vibrante attesa

Io ascolto cullata dal sogno
che appeso alle stelle
sa scuotere ogni respiro
ed accolgo ora
le emozioni vive
che ci accompagnano ancora

Nulla sarà più
come prima della manifestazione
di questa polvere d’oro
che ricopre le palpebre
in un sussurro infinito d’amore

29.01.2008 Poetyca

Whisper infinite

Give all the words you know,
Slide it up on the sheet …
Like tears, like flashes of the night sky
and then take a breath before they can
in an instant lash
frightened to leave tonight

Offer the lifeblood of your being
to make accomplice
only quest’irripetibile moment
and do not fear the arrival of dawn
Why is birth and life
to cradle your every expectation vibrant

I listen lulled by a dream
that hung the stars
knows how to shake every breath
and welcome hour
emotions live
that is still with us

Nothing will be more
as before the event
This gold dust
covering the eyelids
in a whisper of endless love

29.01.2008 Poetyca

Verso la speranza


Verso la speranza

Amorevole è lo sguardo
di chi il mondo abbraccia
senza nulla chiedere

dolce è il sentimento
di chi con compassione
scava un solco nel cuore
e lo irriga di lacrime
per la gente che soffre
e per chi è sordo
al richiamo del suo amore

Forte come roccia
è il temperamento
di chi crede
e non smette
neppure con le tempeste
delle tante esperienze
che urlano nel silenzio
dentro al suo cuore

Tutti insieme cerchiamo la rotta
e quella Luce che è faro
in ogni notte di confusione

Tutti insieme cerchiamo la stella
che porta luce ed conduce
verso la via della Speranza

24.10.2008 Poetyca

to Hope

Loving gaze is
who embraces the world
without asking

sweet is the feeling
of others with compassion
digging a furrow in the heart
and watering with tears
to people suffering
and who is deaf
the call of his love

Strong as a rock
and temperament
of those who believe
and stops
even with storms
of the many experiences
screaming in silence
inside his heart

All along the route we
and that light is light
every night of confusion

Together we seek the star
that brings light and leads
towards the way of Hope

24.10.2008 Poetyca

Anche se…


Anche se…

Anche se ti dicono che sei idealista,
cercano di farti desistere, perchè il tuo sentire sarebbe diverso
dalla maggior parte delle persone, che non credono più;
che si sono disperse nell’illusione che tutto sia da gettare via…

Tu non ti arrendere!

Anche se dentro di te le lacrime sono l’unica fonte
che possa irrigare la speranza,
perchè è cocente constatare
che si attraversa ogni giorno il deserto e l’indifferenza…

Non smettere di credere!

Ascoltati, immergiti nel silenzio e lascia andare ogni cosa…
Riprendi la forza del sorriso, della consapevolezza che, in fondo,
ogni amarezza, ogni paura, ogni sofferenza si lega ad una precisa scelta,
anche quella di aspettarti qualcosa,
di credere che altri siano capaci di seguirti,
di abbracciare il tuo stesso desiderio
di un mondo perfetto e giusto.

Nella danza degli opposti sarebbe difficile che questo accada,
sii consapevole!

Semplicemente cerca la gioia,
l’equidistanza e la volontà di fare tutto il possibile,
affinché, nel tuo piccolo, tu sappia dare senso al tuo essere
qui ed ora,

sembra poco ma il vento accarezza ogni seme
e ne fa l’essenza perchè sia frutto da offrire
– nell’interessere –
a tutti coloro che sono nella sofferenza.

21.03.2008 Poetyca

Although …

Even if you say you are idealistic,
try to make you give up, because your feeling is different
by most people, who no longer believe;
that were released in the illusion that everything is to throw away …

You did not give up!

Even if inside you tears are the only source
that can irrigate hope
because it is hot note
that cross the desert each day and indifference …

Do not stop believing!

Play, enjoy the silence and let everything go …
Shoot the power of smile, knowing that, ultimately,
all bitterness, all fear, all suffering binds to a specific choice,
also to expect something
to believe that others are able to follow you,
to embrace your own desire
a perfect world and just.

In the dance of opposites would be difficult for this to happen,
Be aware!

Simply search for joy,
the equidistance and willingness to do everything possible
ensure that your child, you know make sense of your being
here and now,

seems little but the wind caresses each seed
and makes the essence because the fruit has to offer
– In the interest –
to all those who are suffering.

21.03.2008 Poetyca

Vacuità


199192_213452008681493_180153952011299_915126_1582933_n

Supponete che un uomo con la vista molto buona

osservi la schiuma trascinata dalla corrente del Gange,

la guardi con attenzione e la esamini con cura;

e che, dopo averla esaminata, tutta questa schiuma

gli appaia vuota, irreale e insostanziale.

Esattamente nello stesso modo il praticante

contempla tutti i fenomeni fisici, le sensazioni,

le percezioni, le formazioni mentali e gli stati di coscienza,

siano essi del passato, del presente o del futuro,

lontani o vicini. Li guarda e li esamina con attenzione;

e, dopo averli attentamente esaminati, questi gli appaiono vacui,

vuoti e privi d’essenza.

Phena Sutta, Samyutta Nikaya XXII, 95

Suppose that a man with a very good view

Observe the foam driven by the current of the Ganges,

you look carefully and examine with care;

and that, after examination, all this foam

seems to him empty, unreal and unsubstantial.

Exactly in the same way the practitioner

covers all physical phenomena, feelings,

perceptions, mental formations and states of consciousness,

whether past, present or future,

near or far. He looks at them and examine them carefully;

and, after careful examination, they appear to him blankly,

empty and devoid of essence.

Phena Sutta, Samyutta Nikaya XXII, 95

Figlio della luna


Figlio della luna

Figlio della luna
tu rispecchia i tuoi occhi
nel riflesso del lago

questi sono giorni che rompono la notte
queste sono notti che richiamano il giorno
e tutto gira intorno alla mente
(come un ballo)

Figlio della luna che cosa ricordi
di tutte le fasi della tua corsa?

Noi siamo notti e forse siamo sogni
ancora corriamo dopo il buio
e teniamo stretta nella mano
una piccola briciola di cielo.

22.08.2008 Poetyca


Child of the moon

Child of the moon
You mirror Your eyes
in reflex of the lake

these are days that break the night
these are nights that recall the day
and all turns around the mind
(as a dance)

Child of the moon what memoirs
of all the phases of your run?

We are nights and perhaps we are dreams
we still race after the dark
and we hold in the hand
a small crumb of sky.

22.08.2008 Poetyca

Savitri – l’ultima notte


Savitri

Ma ora lei sedeva accanto a Satyavan addormentato,
interiormente attenta, ed enorme la Notte
la circondava della vastità dell’Inconoscibile.

Una voce cominciò a parlare dal Suo cuore,
che non era la Sua, ma dominava il pensiero e i sensi.

Com’essa parlava, tutto cambiava dentro e fuori di lei;
tutto esisteva,tutto viveva;lei sentì tutto l’essere uno;
il mondo dell’irrealtà cessò di esistere:
non c’era più un universo costruito dalla mente,
condannato come struttura o segno;
uno spirito, un essere vedeva le cose create,
si proiettava in forme innumerevoli
ed era ciò che vedeva e generava;tutto divenne allora
la prova di un’unica stupenda verità,
d’una Verità in cui non c’era posto per la negazione,
la prova di un essere e d’una coscienza vivente,
d’una Realtà completa e assoluta.

Sri Aurobindo Savitri – Volume II- Canto VII

L’ultima notte

Una Verità inconoscibile attraverso i sensi,
eppure di essi è parte,
un percorso oltre ogni immaginazione
che vibra, respira, s’espande ed E’.

Un viaggio senza muovere passo,
perchè sia manifesta la Realtà
che in tutto è Presenza ed è di Tutto essenza.

Senza stupore, senza timore
perchè sia quel che deve essere
oltre ogni freno nel fremito dell’ultima notte.

03.05.2008 Poetyca

SavitriBut now she sat beside Satyavan asleep
inwardly attentive, and the big night
The surrounding of the vastness of the Unknowable.A voice began to speak from his heart,
that was not His, but dominated the thoughts and feelings.

As she spoke, everything changed in and out of her;
All there, all living, and she felt a whole being;
the world of unreality ceased to exist:
there was a universe constructed by the mind,
condemned as a structure or sign;
a spirit, he saw a being created things,
is projected in many forms
and what he saw and was generated, then everything became
proof of one stupendous truth,
of a Truth in which there was no room for denial,
evidence of a living being and consciousness,
Reality of a complete and absolute.

Sri Aurobindo’s Savitri – Canto VII-Volume II

The last night

A Truth unknowable through the senses,
yet it is part of them,
a journey beyond imagination
that vibrates, breathes, expands and E ‘.

A journey without moving step,
because the reality is manifested
Presence and that everything is all essence.

No wonder, without fear
because it is what must be
beyond any brake shudder in last night.

03.05.2008 Poetyca

La retta parola


263326_174441539291327_153721198030028_406561_3081005_n

La retta parola  di Poetyca

Nel Vinaya leggiamo queste istruzioni: «Chiunque
stia per ammonire un altro deve suscitare in sé
cinque qualità prima di aprir bocca, in modo da
poter dire così: “Parlerò a tempo debito, non nel
momento sbagliato. Dirò la verità, non bugie.
Parlerò soavemente, non con severità. Parlerò a
suo vantaggio, non a suo danno. Parlerò con
intento gentile, non con rabbia”».

Parlare rettamente è sopratutto mantenere una costante attenzione
al proprio modo di esprimersi in ogni circostanza,
perchè la parola è manifestazione del proprio essere.

Una delle cose importanti è il non parlare vanamente,
l’essere prudenti e misurati andando a verificare le fonti,
perchè non si trasmetta ad altri qualcosa di non vero,
che propagasse ignoranza (nel senso di falsa conoscenza).

Sopratutto nell’evitare di sovraccaricare gli altri
di troppe parole che non sempre sono utili.
Si deve sviluppare un processo di sintesi
per trasmettere l’essenza e dare spazio agli altri
nella ricerca ed ascolto interiore.

Non è la mente che deve parlare e soppesare
ma il nostro accostarci con amorevolezza
e compassione, in questo modo cade il giudizio
e la rabbia per mantenere sempre posizioni di supremazia.

Essere duali è percorrere la strada della competizione
e non ci sono giudici e gare.

Si apprende molto osservando ad ascoltando,
mentre non si ha nulla da insegnare a nessuno imponendo
delle proprie opinioni. Meglio tenerle per se stessi
o chiedersi se sono davvero valide o frutto
di condizionamenti della nostra mente.

La ricerca interiore è un giardino che ogni essere
coltiva in prima persona, possiamo solo dare sostegno
e non serve essere concitati ed agitarsi con gli altri
per far capire di essere vicini o di sentirsi distanti.

Meglio un fermo silenzio, addolcito da un sorriso
ed un amorevole accoglienza che il farsi trascinare
da un fiume in piena che non placa la mente.

Non giova sapere se si è approvati o disapprovati
da qualcuno, è importante riflettere e capire
se il passo che compiamo è costruttivo
o arreca danno ad altri esseri, in questo
possiamo essere capaci da soli.

Si è davvero vicino ad una persona restando in silenzio,
per permetterle di leggersi nel profondo,
ed aspettando che quello che noi avevavo compreso,
finalmente trovi chiarezza nell’altro attraverso
la retta visione ed il suo retto sforzo.
Possiamo suggerire con dolcezza, mai sovrapporti
o sostituirci agli altri.

Questo è nella mia esperienza e nel mio
modo di porgere la mia presenza in tanti anni.

Nel nostro rapporto con gli altri
non abbiamo merito alcuno, siamo solo testimoni
del loro sforzo per migliorare.
Ma sopratutto non dobbiamo distrarci
dal lavoro che serve per migliorare noi stessi.

06.10.2008 Poetyca 

Vinaya è un termine sanscrito e pali che significa disciplina e nel Buddhismo indica la raccolta scritturale delle norme di condotte seguite dai monaci (bhiksu, sanscr., bhikkhu, pali) e dalle monache (bhiksuni, sanscr., bhikkhuni, pali).
Il vinaya è una delle due categorie degli antichi insegnamenti del Buddha Shakyamuni (o Buddhadharma) insieme al ‘Dharma’ (ovvero dottrina). Un altro termine per indicare il Buddhismo è infatti Dharmavinaya.
Attualmente disponiamo di sette vinaya delle antiche scuole (Buddhismo dei Nikaya).
Il vinaya Theravada, di probabile origine Sthaviravada Vibhajyavada, è conservato nel Canone pali ed è suddiviso in tre parti:
Suttavibhanga, le regole di condotta fondamentali dei monaci e delle monache (patimokkha) con le storie all’origine di ciascuna regola;
Khandhaka, a sua volta suddiviso in:
Mahavagga, altre regole di condotta e di etichetta per il sangha insieme ad altri discorsi e insegnamenti del Buddha;
Cullavagga, elaborazioni sull’etichetta e le norme dei monaci e delle monache e la trattazione di come vadano affrontati i casi di infrazione delle regole monastiche;
Parivara, una ricapitolazione delle sezioni precedenti riportante in sunto le regole classificate in vari modi a scopo didattico.

 

Right speech by Poetyca
Vinaya read these instructions: “Whoever
is to warn another must arouse itself
five qualities before you open your mouth, so
can say the following: “I will speak in due course, not in the
wrong time. Tell the truth, not lies.
I will speak softly, not with severity. I’ll talk to
his advantage, not to their detriment. I’ll talk to
intent gentle, not with anger. ‘”

Speaking directly is especially maintain constant attention
the way they express themselves in all circumstances,
because the word is a manifestation of one’s being.

One of the important things is not to speak in vain,
being cautious and measured by checking the sources,
why not pass it on something not true,
that propagate ignorance (in the sense of false knowledge).

Especially avoid overloading others
too many words which are not always helpful.
It must develop a process of synthesis
to convey the essence and give space to others
in research and inner listening.

It is not the mind that has to speak and weigh
but our draw near with loving kindness
and compassion, so the judgment falls
and anger to keep positions of supremacy.

Being dual is the path of competition
and there are no judges and races.

We learn a lot by observing for listening,
while you have nothing to teach anyone imposing
their opinions. Better to keep them for themselves
or wonder if they are really valid or fruit
of the conditioning of our mind.

The inner search is a garden that every
cultivates in person, we can only give support
and do not need to be excited and agitated with others
to understand or to be close to feel distant.

Better a still silence, softened by a smile
and a loving reception that get carried away
by a river that does not allay the mind.

Does not help to know if you are approved or disapproved
by someone, it is important to reflect and understand
if the step we take is constructive
or causes damage to other beings, in this
we may be able by themselves.

It is really close to a person remaining silent,
to allow it to be read in the deep,
and waiting for what we avevavo including,
finally find clarity through another
right view and his right effort.
May we suggest gently, never sovrapporti
or replace us with others.

This is in my experience and in my
way to extend my presence in many years.

In our relationship with others
we do not have any merit, we are only witnesses
of their effort to improve.
But above all we must not distract us
from work it takes to improve ourselves.

06.10.2008 Poetyca

Vinaya is a Sanskrit word that means discipline and poles and in Buddhism indicates the collection of scriptural standards of conduct followed by the monks (bhiksu, Skt., Bhikkhus, poles) and nuns (bhiksuni, Skt., Bhikkhuni, poles).
The vinaya is one of the two categories of the ancient teachings of the Buddha Shakyamuni (or Buddhadharma) together with the ‘Dharma’ (or doctrine). Another term for Buddhism is indeed Dharmavinaya.
Currently we have seven vinaya of the ancient schools (the Nikaya Buddhism).
The Theravada Vinaya, probably from Sthaviravada Vibhajyavāda, is preserved in the Pali Canon and is divided into three parts:
Suttavibhanga, the basic rules of conduct for monks and nuns (Patimokkha) with the stories behind each rule;
Khandhaka, in turn divided into:
Mahavagga, other rules of conduct and etiquette for the Sangha along with other discourses and teachings of the Buddha;
Cullavagga, processing and labeling standards of monks and nuns, and a discussion of how they should be dealt with breaches of the monastic rules;
Parivara, a recap of the previous sections showing in summary the rules classified in various ways for teaching purposes.

Un sorriso


Un sorriso

In noi
il contenitore
che tutto racchiude:
Luce e sogno
forza e cuore
che spezza le catene
di ogni illusione.

Per noi
un bagliore in cielo
e il ritmo di un palpito
che è Vita
anche se non cogli il mistero

Per te
il sorriso della speranza
che in armonia danza
e offre musica e senso
del percorso da scoprire

18.01.2008 Poetyca

A smile

In us
container
that encompasses all:
Light and dream
strength and heart
who breaks the chains
any illusion.

For us
a glow in the sky
and the rhythm of a heartbeat
that is Life
though not grasp the mystery

For you
the smile of hope
in harmony dance
and offers music and sense
Path to discover

18.01.2008 Poetyca

Sussurro infinito


Sussurro infinito

Esprimi tutte le parole che sai,
falle scorrere piano sul foglio…
Come lacrime, come lampi di cielo notturno
e poi prendi fiato prima che possano
in un solo istante scagliarsi
a lasciare sgomenta questa notte

Offri la linfa del tuo essere
per rendere complice
solo quest’irripetibile istante
e non temere l’arrivo dell’alba
perchè sarà nascita e vita
a cullare ogni tua vibrante attesa

Io ascolto cullata dal sogno
che appeso alle stelle
sa scuotere ogni respiro
ed accolgo ora
le emozioni vive
che c’accompagnano ancora

Nulla sarà più
come prima della manifestazione
di questa polvere d’oro
che ricopre le palpebre
in un sussurro infinito d’amore

29.01.2008 Poetyca

Whisper infinite

Give all the words you know,
slide it on top of sheet …
Like tears, like flashes of the night sky
and then take breath before they can
in an instant dash
frightened to leave tonight

Give the lifeblood of your being
making accomplice
only quest’irripetibile moment
and not fear the arrival of dawn
Why is birth and life
to cradle your every expectation vibrant

I listen rocked by Dream
that hung the stars
knows how to shake every breath
and I hour
emotions live
that still c’accompagnano

Nothing will be more
as before the event
This gold dust
covering the eyelids
in a whisper of endless love

29.01.2008 Poetyca

Empatia


Empatia

Mentre il cuore s’apre
accoglie battiti e fiato rappreso
in chi traccia mente ed anima
ed io mai vorrei offrire peso

Pennello il timbro
e la voce s’accorda
a quel che s’imprime
tra pieghe di tempo andato

Empatica è la traccia
che graffia il cielo e ricuce
oltre il silenzio e la speranza
il mio palpito segreto

In questo è il senso
di voli pindarici o soffio lieve:
specchio in altrui occhi
percorso vissuto o da sperimentare

03.09.2008 Poetyca

Empathy

While the heart opens
receives heartbeats and breath congealed
in those who track mind and soul
and I never would like to offer weight

Brush stamp
and the voice accords
impressed with what
between folds of time gone

Empathy is the trace
grazing heaven and sews
beyond the silence and hope
My secret thrill

This is the way
flights of fancy or slight breeze:
mirror in the eyes of others
path or lived experience

03.09.2008 Poetyca

Felicità – Le Quattro Menti Commensurabili


Riflettendo…

La Riflessione

Qualcosa già esisteva
prima di Terra e Cielo.

Originariamente
senza forma e silente,
nondimeno maestro d’opera
di ogni immagine e forma.

Mai appassisce,
col passo del tempo.

Bankei (1622-1693)

———————–

Oltre la forma
oltre i sensi
è la forza di essere
dove tu non cogli
e non sai tracciare
con l’intelletto
e con le parole
perchè è nel silenzio
e nella mente attenta
che potrai svelare
la vera essenza
che straccia ogni confine

Mente/cuore
che si apre
come fiore di loto
nella consapevole fragranza
del tuo respiro
accarezzato istante
che tutto annulla
e in tutto si ritrova:
qui ed ora
nello sciogliere del tempo

Poetyca

————————–

L’insegnamento

Felicità: le Quattro Menti Incommensurabili

Amorevolezza: Possano tutti gli esseri essere felici
Compassione: Possano tutti gli esseri estinguere l’infelicità

Gioiosa empatia: Possano tutti gli esseri gioire della felicità altrui
Equanimità: Possano tutti gli esseri essere ugualmente felici

Shian

———————–

Tu ed io
non siamo lontani:

quando un sottile filo
unisce spazio e respiro

quando il mio bene
è anche il tuo

quando sciolto ogni timore
so donare in ogni allargato confine
la danza del cuore che raccoglie
e respira amorevolezza e gioia

Non esiste più
un tu ed un io
un mio o un tuo
ogni cosa è manifesta
nella consapevole forza
che traccia i passi
nell’amorevolezza per ogni essere

Nel saper offrire nel Dharmakaya
l’abbraccio equamine
di chi raccoglie lezioni
nella purezza del Dharma

Poetyca

————————–

15.03.2008 Poetyca

testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

La vera libertà


“Prima di agire, voi siete liberi; ma, dopo aver agito, l’effetto di quella azione vi seguirà, sia che lo vogliate o no. Quella è la legge del ‘Karma’. Voi siete un libero agente; ma, quando eseguite un certo atto, voi raccoglierete i risultati di quell’atto.”

Paramahansa Yogananda

La vera libertà 

La vera libertà è scelta, 
non è percorso obbligato ma opportunità. 
In noi la capacità di leggere nel profondo, 
di applicare la presenza mentale 
per cercare le origini della nostra sofferenza. 

Non è attraverso la reazione che si trova la libertà, essa fiorisce attraverso l’azione consapevole, dove il nostro disagio possa essere letto e con attenzione si possa trovare la soluzione ad esso. 

Il Nobile Ottuplice Sentiero è strumento per essere capaci di risalire la corrente di un fiume, di relazionarsi con la nostra mente 
e da essa sciogliere le cause della sofferenza. 

Ogni effetto nuovo è fiore che conduce 
ad amorevolezza e compassione verso noi stessi e tutti gli esseri senzienti. 

La libertà dai condizionamenti esterni, intesi come non consapevolezza e ripetizione di credenze a volte erronee, senza riflettere se effettivamente esse sono capaci di rappresentarci, è un piccolo passo alla scoperta di Sè. L’ascolto di noi stessi, delle emozioni è il tracciato da percorrere. 
In forma semplicistica Susanna Tamaro affermerebbe ” Vai dove ti porta il Cuore”, questo non signifca un seguire senza regole l’impulsività a volte distruttiva e cieca, ci sfugge spesso che l’aggressività trova origine dalla paura, dal timore di non essere oggetto d’amore. 
La conoscenza dei meccanismi che procurano la sofferenza conduce a svelarne l’origine nella paura, nell’attaccamento, nelle aspettative e nelle illusioni. Quando riconosciamo in noi questi atteggiamenti, perchè siamo stati capaci di osservarci senza farci trascinare, con equidistanza, allora possiamo attraversare il nostro spazio interiore con una consapevolezza nuova che ci permetta di manifestare la nostra vera natura.Sopratutto ci permette di non reagire di fronte a chi tentasse di provocarci perchè ne comprendiamo i meccanismi mentali e proviamo comprensione. 
Non è facile camminare nel Mondo del tutto disarmati, trasparenti, senza maschere, ma è una sfida che ci permetta di ascoltare e manifestare il nostro vero Sè. 
Quando infatti avremo fatto spazio, con l’ascolto del silenzio, delle piccole manifestazioni, siamo pronti ad essere quel che siamo. Come una freccia scoccata che possa colpire il bersaglio senza esitazione. 

Le regole che ci possiamo dare diventano delle naturali inclinazioni che conoscono e manifestano il rispetto di sè e degli altri, non come ” disciplina” ma come evoluzione di quei disagi oramai tramutati in empatia, attenzione amorevole verso tutti gli altri esseri. 

Poetyca 25.08.2008

 
“Before you act, you are free, but having acted, the effect of that action will follow, whether we like it or not. That is the law of ‘Karma’. You are a free agent, but whenexecuted a certain act, you reap the results of that act. “Paramahansa Yogananda

True freedom

True freedom is choice,
path is not required, but opportunity.
In us the ability to read deeply,
to apply mindfulness
to search for the origins of our suffering.

It is through the reaction which is freedom, it blooms through the conscious action, where our hardship can be read and carefully you can find the solution to it.

The Noble Eightfold Path is a tool to be able to go against the current of a river, to relate to our mind
dissolve it and the causes of suffering.

Every effect has a new flower that leads
with loving kindness and compassion towards ourselves and all sentient beings.

Freedom from external constraints, understood as non-awareness and repetition of erroneous beliefs sometimes, without thinking whether they are actually able to represent us, is a small step to the discovery of self. Listening to ourselves, is the trace of emotion to go.
In simplistic form Susanna Tamaro would say “Go where your heart takes you”, this is not no rules to follow a signifca impulsiveness sometimes destructive and blind, often escapes us that aggression stems from fear, fear of not being the subject of ‘love.
Knowledge of the mechanisms that bring suffering leads to unravel the origin in fear, attachment, expectations and illusions. When we recognize these attitudes in us, because we were able to observe without being dragged, equidistant, then we can cross our inner space with a new awareness that allows us to express our true natura.Sopratutto allows us not to react to those who were trying to provoke us because we understand the mental mechanisms and try to understand.
It is not easy to walk around unarmed in the World, transparent, without masks, but it is a challenge that allows us to listen and show our true self.
In fact, when we made room, listening in the silence of small events, we are ready to be who we are. As an arrow that can hit the target without hesitation.

The rules that we can become the natural inclinations that they know and demonstrate respect for self and others, not as a “discipline” but as an evolution of that unease now turned into empathy, caring attention to all other beings.

Poetyca 25.08.2008

Ascolto profondo


Riflettendo…

La Riflessione

Poiché non c’è un inferno eterno,
non esiste una definitiva sconfitta spirituale
a parte l’abbandono della pratica.

Stonepeace

—————-

Tutto nella mente
è impermante:
soggetto a nascere,
essere presente ed andare.

Ogni turbamento,
proiezione ed attaccamento
sono soggetti a liberare energie,
lasciandoci di fronte
alla nostra amorevolezza,
a quella compassione
che scioglie nodi per sempre.

Solo con la costante retta pratica
si sprigiona l’essenza ed il valore,
di quel lavorare bene
per essere pacificati con noi stessi
e con tutti gli esseri senzienti.

Poetyca

—————-

L’insegnamento

Ascolto profondo

Ascoltare è un processo molto più difficile di quello che la gente immagina.
Ascoltare realmente nel modo insegnato dai maestri,
significa lasciar andare completamente se stessi,
lasciare andare tutte le informazioni, tutti i concetti, tutte le idee
e tutti i pregiudizi con i quali sono imbottite le nostre menti.

Se realmente ascoltate gli insegnamenti,
quei concetti, che sono il vostro vero ostacolo,
ciò che si frappone fra voi e la vostra vera natura,
possono essere lentamente e progressivamente lavati via.

Sogyal Rinpoche

——————-

Ascoltando getto via il fardello
pieno di dubbi, di verità preconcette,
di condizionamenti che non sono la realtà.

Ascoltando libero la mente
da ogni atteggiamento separativo
ed ” io ” e ” mio” restano tacitati.

Ascoltando apro la mente/cuore
in completa accoglienza
per essere retta attenzione.

Ascoltando non reagisco ma raccolgo
come spettatore tutto quel che accade
e respiro equidistanza con dolcezza.

Ascoltando in empatia raccolgo, comprendo e mi svuoto,
per dare tutta la mia amorevole attenzione
e aperta la mano tutto è interconnesso.

Ascoltando non conosco sofferenza
mentre si libera energia che avvolge tutto
ed un fiore di loto sboccia in delicata fragranza.

Poetyca

——————-

17.05.2008 Poetyca

Reflecting …

Reflection

Because there is no eternal hell ,
there is a definite spiritual defeat
apart from the abandonment of the practice.

Stonepeace

—————-

All in the mind
is impermante :
subject to birth,
be present and go.

Any disturbance ,
projection and attachment
are subject to free energies ,
leaving us in the face
our loving kindness ,
that compassion
that melts nodes forever.

Only by constant practice straight
emanates the essence and value,
of that work well
to be at peace with ourselves
and with all sentient beings .

Poetyca

—————-

The teaching

deep listening

Listening is a process much more difficult than most people imagine .
Listen really in the way taught by the masters ,
means letting go completely themselves,
let go of all the information, all concepts, all ideas
and all the prejudices with which our minds are padded .

If you really listen to the teachings ,
those concepts , which are your real obstacle ,
what stands between you and your true nature ,
can be slowly and gradually washed away.

Sogyal Rinpoche

——————-

Listening to throw away the burden
full of doubts, truths preconceived
of influences that are not the reality .

Listening to free the mind
from each separative attitude
and “I” and “mine” are acknowledged.

Listening to open my mind / heart
Full hospitality in
to be wise attention .

Listening to collect but do not react
everything that happens as a spectator
equidistance and breathing softly.

Listening to gather empathy , and I understand I empty ,
to give all my loving attention
and open the hand everything is interconnected .

Listening not know suffering
while the free energy that surrounds all
and a lotus flower blossoms in a delicate fragrance.

Poetyca

——————-

17.05.2008 Poetyca

bodhidarma

La vera libertà


rosaflor

La vera libertà

La vera libertà è scelta,
non è percorso obbligato ma opportunità.
In noi la capacità di leggere nel profondo,
di applicare la presenza mentale
per cercare le origini della nostra sofferenza.

Non è attraverso la reazione che si trova la libertà, essa fiorisce attraverso l’azione consapevole, dove il nostro disagio possa essere letto e con attenzione si possa trovare la soluzione ad esso.

Il Nobile Ottuplice Sentiero è strumento per essere capaci di risalire la corrente di un fiume, di relazionarsi con la nostra mente
e da essa sciogliere le cause della sofferenza.

Ogni effetto nuovo è fiore che conduce
ad amorevolezza e compassione verso noi stessi e tutti gli esseri senzienti.

La libertà dai condizionamenti esterni, intesi come non consapevolezza e ripetizione di credenze a volte erronee, senza riflettere se effettivamente esse sono capaci di rappresentarci, è un piccolo passo alla scoperta di Sè. L’ascolto di noi stessi, delle emozioni è il tracciato da percorrere.
In forma semplicistica Susanna Tamaro affermerebbe ” Vai dove ti porta il Cuore”, questo non signifca un seguire senza regole l’impulsività a volte distruttiva e cieca, ci sfugge spesso che l’aggressività trova origine dalla paura, dal timore di non essere oggetto d’amore.
La conoscenza dei meccanismi che procurano la sofferenza conduce a svelarne l’origine nella paura, nell’attaccamento, nelle aspettative e nelle illusioni. Quando riconosciamo in noi questi atteggiamenti, perchè siamo stati capaci di osservarci senza farci trascinare, con equidistanza, allora possiamo attraversare il nostro spazio interiore con una consapevolezza nuova che ci permetta di manifestare la nostra vera natura.Sopratutto ci permette di non reagire di fronte a chi tentasse di provocarci perchè ne comprendiamo i meccanismi mentali e proviamo comprensione.
Non è facile camminare nel Mondo del tutto disarmati, trasparenti, senza maschere, ma è una sfida che ci permetta di ascoltare e manifestare il nostro vero Sè.
Quando infatti avremo fatto spazio, con l’ascolto del silenzio, delle piccole manifestazioni, siamo pronti ad essere quel che siamo. Come una freccia scoccata che possa colpire il bersaglio senza esitazione.

Le regole che ci possiamo dare diventano delle naturali inclinazioni che conoscono e manifestano il rispetto di sè e degli altri, non come ” disciplina” ma come evoluzione di queli disagi oramai tramutati in empatia, attenzione amorevole verso tutti gli altri esseri.

Poetyca 25.08.2008

True freedom

True freedom is choice,
path but is not obligated opportunities.
In us the ability to read deeply,
to apply mindfulness
search for the origins of our suffering.

Not by the reaction that is freedom, it blooms through conscious action, where our discomfort can be read and carefully you can find the solution to it.

The Noble Eightfold Path is the instrument to be able to travel upstream in a river, to relate to our mind
and dissolve it causes suffering.

Each flower is a new effect that leads
with kindness and compassion towards ourselves and all sentient beings.

Freedom from external constraints, meaning no repetition of awareness and mistaken beliefs sometimes, without thinking whether they are actually able to represent us, is a small step to self-discovery. Listening to ourselves, emotion is the path ahead.
In simplistic form Susanna Tamaro would say “Go where your heart”, this is not a meaning to our follow no rules impulsiveness sometimes destructive and blind, often escapes us that aggression originates from fear, fear of not being the subject of ‘love.
Knowledge of the mechanisms that bring suffering leads to reveal the origin in fear, in attachment, expectations and illusions. When we recognize these attitudes in us, because we were able to observe without being carried away, equidistant, then we can cross our inner space with a new awareness that allows us to express our true natura.Sopratutto we can not react towho tried to provoke because we understand the mental mechanisms and try to understand.
It is not easy to walk in the World completely disarmed, transparent, without masks, but it is a challenge that allows us to listen and show our true self.
Indeed, when we made room, listening silence, small events, we are ready to be who we are. As an arrow that can hit a target without hesitation.

The rules that we can to become familiar with the natural inclinations and show respect for self and others, not as “discipline” but as an evolution of that unease now turned into empathy, loving attention to all other beings.

Poetyca 25.08.2008

Vivere il presente


Vivere il presente

“Sono tante le ragioni per le quali ci stiamo rivolgendo verso la consapevolezza, non ultima forse l’intenzione di conservare la nostra salute mentale o di recuperare il senso delle proporzioni e o il significato delle cose, o anche solo di tenere testa al tremendo stress e alla grande insicurezza del nostro tempo …in effetti limitarsi a sedere e a stare tranquilli per un po’ di tempo per proprio conto è un atto radicale di amore.”
Jon Kabat Zinn

Tutto ciò che accade nella tua vita prende origine dalla tua coscienza. Elevando la tua coscienza, tu elevi tutto il tuo essere ed il tuo modo di vedere la vita, e cominci a vivere quell’esistenza piena e meravigliosa che è il tuo autentico retaggio. Te la si può spiegare, e puoi vedere gli altri viverla; ma finché essa non penetra nella tua coscienza e finché non accetti il fatto che essa ti sia destinata, non accade nulla. L’anima in apparenza più semplice e infantile può accettare il regno dei cieli molto più facilmente dell’anima più profondamente intellettuale, che crede di conoscere tutte le risposte grazie alla mente, ma la cui coscienza non è assurta a più alti livelli. Ogni anima può raggiungere uno stato di coscienza elevato, ma è qualcosa che deve essere compiuto dal di dentro, partendo da una conoscenza interiore, dall’ispirazione e dall’intuizione che non hanno bisogno di alcun sapere o saggezza esterni. E’ tutto lì, nel profondo di ogni anima, semplicemente in attesa di essere riconosciuto, portato alla luce e vissuto.

da: Eileen Caddy (Le Porte Interiori)

Vivere il presente non significa ” vivere alla giornata”, come un vagabondo senza nè arte nè parte, senza pensare a se stessi ed essere in balia degli eventi.
Non significa non avere un progetto di vita, disinteressarsi del lavoro, godere e basta, con opportunismo, egoismo e narcisismo e sfruttamento delle debolezze altrui.
Seguimi sulla strada della comprensione e vedrai che questi “…ismo” non hanno nessun riferimento a questo stile di vita che ti accenno. Orazio, poeta latino, quando nell’ode 1,11 (carmina) parla di “carpe diem” esprime una visione della vita diversa, che può favorire l’equilibrio interiore, l’amonia dei sensi, l’integrazione dei ritmi esistenziali, il piacere vero di vivere il quotidiano nella sua profondità.Tu puoi intervenire ed agire solo nel presente: il futuro è lontano e il passato è nella memoria. Vivendo il presente con consapevolezza totale

” quam minumum credula postero” ( confidando il meno possibile nel domani),

( come continua a dire Orazio nella sua splendida poesia), tu sei invitato ad essere ragionevole, a cogliere le occasioni che ti offre la vita giorno per giorno. Queste occasioni, questi momenti buoni che tu vivi ti daranno la forza di ” vivere al meglio” i tuoi minuti, le tue ore, il tuo mattino, il tuo pomeriggio, la tua sera, la tua notte. Non solo ma godendo giorno per giorno ti arricchirai talmente che potrai scaricare le tue tensioni ” di ieri”, del ” passato”, e anche del “domani”, “dell’avvenire”. Con questa catarsi non ti farai del male, ripetendo gli errori del passato o indirettamente preparando iun terreno sfavorevole per il tuo futuro. Nel presente tu darai il meglio di te.
L’oggi va risolto così, senza pregiudizi, senza condizionamenti in piena libertà, senza il carico del passato( con i suoi traumi, le sue ferite, le sue amarezze, le sue perdite) o le speranze ( e molto spesso le preoccupazioni, le ansie e le angosce) per il futuro.
Confucio stesso accenna al passato dicendo che non deve essere un peso da portare sulle spalle ma un un insegnamento da averlo davanti a noi, leggero e piacevole. E questo è possibile solo se vivi il presente, l’oggi in tutta la sua splendida bellezza, in tutto il suo mistero e e la magia imprevedibile del divenire. In effetti se tu elabori il passato nel presente esso ti anche una previsione per il futuro. Facci caso e poni attenzione: tu puoi vivere i tre tempi nel presente, in un attimo. Allora cogli l’attimo fuggente, non lasciarti scappare quel momento prezioso d’amore, quella gioia di un sorriso, quella risata di una goduria estrema, il profumo di un corpo che ti accarezza, il canto di un uccellino, l’ascolto e la visione della natura, degli uomini e delle cose. Gibran diceva che spesso ci indebitiamo con il futuro per non pagare il debiti del passato. Te ne prego non andare in questa direzione, non pensare più del previsto: il futuro può tormentarti, il passato può bloccarti, il presente può sfuggirti.
Forse ricorderai Elvis Presley e Bob Dylan. Appartengono al passato eppure Elvis ci ha liberato il corpo e Dylan la mente. e insieme ci hanno fatto sognare. Questo non è pensare, è vivere e trasmettere un sogno. Sant’Agostino aveva ragione quando diceva: noi viviamo tre tempi: il presente del passato che è la storia; il presente del presente che è la visione; il presente del futuro che è l’attesa.
Goethe immaginava il tempo com un compagno di viaggio che ” dobbiamo onorare con letizia e a allegrezza di spirito. quando ci passa accanto”.
Ti invito ancora una volta a considerare il tempo non come una persona gaudente della vita, un parassita, che si è dimenticato gli errori di ieri e non pensa alla dignità di un domani ( che sceglie di non scegliere), ma con una mente libera che va al di la del pensiero.
Nietzsche stesso se ne è accorto quando in una riflessione così affermava:

” quando più si pensa a quello che fu e a quello che sarà,
tanto più pallido diventa quello che è ora”.

Se tu ti immergi nel presente con chiarezza e comprensione, tu sarai un altro, tu darai il meglio di te, tu godrai immensamente l’attimo e berrai l’acqua dell’eternità, gusterai la bellezza del momento,. Se vivi nei condizonamenti del passato e nelle fantasie e nelle aspettative del futuro vedrai che questo mondo esiste, ci vivrai, passerai le tue giornate comunicando l’incomunicabilità ma tu lo osserverai come un ubriaco o come un miope che non porta occhiali e lo interpreterai a modo tuo. Tu stai dormendo.
Eraclito diceva che coloro che sono prigionieri dei legami del pensiero anche se sono, non sono, anche se sono presenti sono assenti. In effetti con il passato ( che non c’è più) e con il futuro ( che non c’è ancora) qualsiasi azione diventa assurda.
Eppure quante volte sentiamo dire: l’ho fatto per il suo bene. O in altri contesti: l’ho fatto perchè pensavo di raggiungere dei risultati, e così ascoltiamo centinaia e più di altre motivazioni per giustificare molti programmi e strategie operative.
Il tempo è legato alla mente. La mente vive su queste due dimensioni. E’ il sapere stesso dell’uomo: la storia e l’avvenire. Mi viene alla memoria il verso di Ovidio ( amores – libro III – elegia seconda, verso 39):
” nec sine te, nec tecum vivere possum”
( non posso vivere nè con te, nè senza di te)

Quando lasciamo un pò da parte la mente ( e ti consiglio di farlo) tu inizi ad esistere, anzi tu sei.
Non ti dico di dimenticare il passato, esso è la tua storia, è il bambino che è dentro di te, è parte integrante del tuo essere.Esso è come un cibo che diventa parte delle tue cellule, del tuo essere corporeo trasformandosi in proteine, glucidi, lipidi, minerali e vitamine. Non ti dico di non credere nel futuro. Nel presente consapevole e attento, in quest’attimo ardente e appassionato, in questo istante di vita, tu vivi sia il passato che il futuro perchè il presente contiene tutto il tuo passato e a secondo come vivrai questo presente esso sarà la base del tuo futuro. Io ti invito a godere l’attimo nella sua pienezza e nella sua intensità, e nella sua grande creatività a non lasciartelo sfuggire, a non proiettarti in avanti o regredire e andare all’indietro. Nel centro del tuo essere c’è il tuo seme, la tua essenza, tutte le tue potenzialità. Lascia crescere questo fiore, questa pianta, quest’albero lungo le stagioni della vita e dalla terra al cielo con naturalezza e spontaneità
Forse ti sembrerà di aver fatto chissà che cosa, di aver conquistato chissà quale vetta, di aver raggiunto uno scopo sublime. In realtà non hai fatto niente di tutto questo. Hai solo scoperto te stesso…

Ti sembrerà, questa scoperta, la fine del tuo percorso. Essa è solo l’inizio. La fine è il tuo inizio. L’inizio di un viaggio verso una gioia profonda e incommensurabile. Tu hai superato il tempo, tu sei un uomo senza tempo.

http://www.vigliottiangelo.it/2008/03/vivere-il-presente-cogliere-lattimo.html

Parole in viaggio

Vi esorto a non buttare via il tempo, perché è veloce come una freccia, rapido come una corrente. La distrazione è interamente dovuta a mancanza di concentrazione; la stupidita’ e la cecita’ sono causate dalla mancanza di vera comprensione.
(Yung-Ming Yen-Shou – 905-975)

Immagina d’essere un bimbo che, sdraiato sulla schiena con lo sguardo rivolto al cielo senza nuvole, faccia bolle di sapone con un anello di plastica. Non appena la bolla si stacca, l’osservi mentre s’innalza nel cielo, e così facendo sposti l’attenzione dalla bolla al cielo. Mentre osservi la bolla, questa scoppia, ma l’attenzione per un attimo rimane là dove c’era la bolla. Ecco, in quell’attimo la consapevolezza si posa nello spazio vuoto.
(B. Alan Wallace)

La meditazione è come un singolo pezzo di legno. L’investigazione e l’introspezione sono un’estremità del legno, la calma e la concentrazione sono l’altra estremità. Se sollevi un pezzo di legno, entrambe le estremità si sollevano contemporaneamente. Qual è la concentrazione e qual è l’introspezione? Soltanto questa mente.
(Ajahn Chah,)

Stare attenti vuol dire vivere nel momento presente, non essere imprigionati nel passato e nemmeno anticipare eventi futuri che potrebbero non accadere. Allorché siamo pienamente coscienti del momento presente, la vita si trasforma e l’ansia e lo stress scompaiono. Gran parte della vita se ne va nella febbrile anticipazione delle cose da fare e nella conseguente sospensione d’animo. Dovremmo imparare a fare un passo indietro nella liberta’ e possibilita’ del presente.
(Bede Griffiths)

La comprensione è migliore della pratica meccanica. Migliore della comprensione è la meditazione. Ma meglio di tutto è lasciar andare l’ansia per il risultato, perché a questo fa immediatamente seguito la pace.
(Bhagavad Gita 12:12)

Consapevole mentre cammina, consapevole mentre sta fermo, consapevole mentre sta seduto, consapevole mentre giace, consapevole nel distendere e raccogliere le proprie membra – in alto, di fianco e in basso – dovunque vada nel mondo, il praticante osserva il sorgere e lo svanire di tutte le cose composte di elementi. Chi vive in questo modo zelante, quieto e non esaltato, sempre mentalmente presente, esercitantesi nella tranquilla consapevolezza, vien definito “costantemente intento”.
(Itivuttaka, 111)

Nella meditazione la prima cosa di cui ci rendiamo conto è che non serve cercare; infatti ciò che si cerca è predeterminato da ciò che si desidera…
(J. Krishnamurti)

Tenete le mani aperte, tutta la sabbia del deserto passerà nelle vostre mani. Chiudete le mani, non otterrete che qualche granello di sabbia (Dogen)

Prima del risveglio tagliavo legna e portavo acqua; dopo il risveglio tagliavo legna e portavo acqua.

(Proverbio Zen)

Se hai ragione non hai bisogno di gridare.
(Proverbio zen)

Se siamo felici, se siamo in pace, possiamo sbocciare come un fiore; e la nostra famiglia, tutta la società, trarranno beneficio dalla nostra pace.
(Thich Nhat Hanh)

Non potremo mai ottenere la pace nel mondo se trascuriamo il mondo interiore e non facciamo la pace con noi stessi. La pace nel mondo deve scaturire dalla pace interiore. Senza pace interiore è impossibile realizzare la pace nel mondo esteriore. Le armi non sparano da sole. Non sono piovute dal cielo: le ha fatte l’uomo. Ma nemmeno queste armi, queste terribili armi, non possono sparare da sole. Finché vengono lasciate nei depositi non possono fare alcun danno. Ci vuole un essere umano per usarle. Qualcuno deve premere il grilletto. Satana, le forze del male, non possono premere il grilletto. Occorrono degli esseri umani per farlo.

(Riflessioni di Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama)

La scomparsa totale dei sensi di insicurezza si avra’ soltanto quando avrai quella benedetta capacita’ degli uccelli del cielo e dei fiori del campo di vivere pienamente, momento per momento, nel presente, per quanto insopportabile questo possa apparire.

(Anthony De Mello)

Il sole brilla senza intenzioni. Non spera elogi né ricompense. Brilla, semplicemente. O, piuttosto, no, ecco: brucia, si consuma nell’eccesso stesso della sua gioia.

(Sukkananda)

Devi comprendere in prima persona, direttamente, la verità su di te. E non puoi realizzarla tramite un altro, per quanto grande sia. Non c’è autorità che possa rivelarla.
(Jiddu Krishnamurti)

Spesso siamo anche noi ad aumentare il nostro dolore e la nostra sofferenza con l’ipersensibilità e l’iperreattività verso cose da nulla, e talvolta prendendo le cose troppo personalmente.
(Dalai Lama)

Tutti i difetti della nostra mente – l’egoismo, l’ignoranza, la rabbia, l’attaccamento, il senso di colpa e tutti gli altri pensieri molesti – sono temporanei, non permanenti e duraturi. E poiché la causa della nostra sofferenza e dei nostri pensieri molesti è temporanea, anche la nostra sofferenza è temporanea.
(Lama Zopa Rinpoche)


Living the present

“There are many reasons why we are turning toward awareness, not least perhaps the intention to maintain our mental health, or to recover a sense of proportion and / or the meaning of things, or just to keep up with the tremendous stress and the great insecurity of our time … in fact simply sit and be quiet for a while ‘time for its own account is a radical act of love. “
Jon Kabat Zinn

Everything that happens in your life stems from your consciousness. By raising your consciousness, you elevate your whole being and your outlook on life, and begin to live full and wonderful that existence that is your true legacy. You can explain to you, and you can see the other live, but until it enters your consciousness until you accept the fact that it is intended, nothing happens. The soul apparently simple and childish to accept the kingdom of heaven much more easily than the soul more deeply intellectual, who think they know all the answers thanks to the mind, but whose consciousness has not risen to the highest level. Every soul can reach a higher state of consciousness, but it is something that should be performed from within, from an inner knowing, inspiration and intuition that they do not need any external knowledge or wisdom. It ‘s all there, in the depths of every soul, just waiting to be recognized, brought to light and lived.

by: Eileen Caddy (The interior doors)

Living this does not mean “live for the day” as a vagrant without neither art nor part, without thinking of themselves and be at the mercy of events.
It does not mean not having a life plan, lose interest in the work, and just enjoy, with opportunism, selfishness and narcissism and exploitation of the weaknesses of others.
Follow the path of understanding and you will see that these “… ism” have no reference to this lifestyle that you mention. Horace, Latin poet, when ode 1.11 (Carmine) speaks of “carpe diem” expresses a different view of life, which can promote inner balance, the amon of the senses, the integration of the rhythms of existence, the true pleasure of living everyday in his profondità.Tu can speak and act only in this: the future is far away and the past is in memory. Living in the present with total awareness

“Quam minumum credulous posterity” (trusting little as possible in tomorrow)

(As Horatio continues to say in his beautiful poetry), you are invited to be reasonable, to seize the opportunities that life offers every day. These opportunities, these good times that you live will give you the strength to “live better” your minutes, your hours, your morning, your afternoon, your evening, your night. Not only that but enjoying every day you get rich so that you can download your tensions “yesterday”, the “past” and also “Tomorrow,” “the future”. With this catharsis is not gonna hurt you, repeating the mistakes of the past or indirectly preparing Iun unfavorable terrain for your future. In the present you give your best.
The date needs to be resolved this way, without prejudices, without conditioning in full freedom, without the burden of the past (with his injuries, his wounds, his bitterness, his losses) and hopes (and very often the concerns, anxieties and fears) for the future.
Confucius himself alludes to the past, saying that should not be a burden to bear on his shoulders but a lesson from him in front of us, light and pleasant. And this is only possible if you live on this, today in all its stunning beauty, in all its mystery ee the magic of becoming unpredictable. In fact if you draw the past into the present it will also predict the future. Let us ask the case and attention: you can live three times in the present, in a moment. So seize the fleeting moment, do not miss that precious moment of love, the joy of a smile, that laugh of a pleasure resort, the scent of a body that caresses you, the song of a bird, listening and vision of nature, men and things. Gibran said that often we go into debt with the future not to pay the debts of the past. I beg you not to go in this direction, do not think more than expected: the future can torment you, the past is blocked, this can escape.
Perhaps you remember Elvis Presley and Bob Dylan. Belong to the past but Elvis has released the body and the mind Dylan. and together have made us dream. This is not to think, you live and pass on a dream. St. Augustine was right when he said: we live three times: This is the story of the past and the present of the present that is the vision, this is the expectation of the future.
Goethe imagined time travel with a companion that “we must fulfill with joy and gladness of spirit. When they go by.”
I invite you once again to consider time not as a pleasure-seeking person of life, a parasite that has forgotten the mistakes of the past and not think about the dignity of tomorrow (who chose not to choose), but with a clear mind that goes the thinking.
Nietzsche himself noticed it when it said in a debate:

“When you think more about what was and what will be,
becomes much paler than it is now. “

If you dive in the present with clarity and understanding, you will be another, you give your best, you’ll enjoy immensely the moment and drink the water of eternity, enjoy the beauty of the moment. If you live in the past condizoni and fantasies and expectations of the future you will see that this world exists, we will live, you will spend your days indicating the lack of communication but you see how a drunk or a short-sighted who does not wear glasses and interpreters your way. You’re sleeping.
Heraclitus said that those who are prisoners of the links of thought even if they are not, even if there are are absent. In fact with the past (which no longer exists) and the future (which is not yet) any action becomes absurd.
Yet how many times we hear: I did it for his own good. Or in other contexts: I did it because I thought of getting results, and so we hear more and hundreds of other reasons to justify many programs and operating strategies.
Time is linked to the mind. The mind lives on these two dimensions. E ‘knowledge of man: history and future. I comes to mind the verse of Ovid (Amores – Book III – the second elegy, verse 39):
“Nec sine you live nec tecum possum”
(I can not live either with you or without you)

When we leave a little bit from the mind (and I suggest you do) you begin to exist, indeed you are.
I do not say forget the past, it is your story, is the child who is within you, is an integral part of your essere.Esso is like a food that becomes part of your cells, your body be transformed into proteins, carbohydrates, fats, minerals and vitamins. Do not say do not believe in the future. In this conscious and attentive, and passionate in this moment, in this moment of life you live is the past and the future because this contains all your past and present it according to how you live this will be the foundation of your future. I invite you to enjoy the moment in its fullness and in its intensity, and his creativity to not let it slip away, not to project forward or reverse and go backwards. In the center of your being is your seed, your essence, all of your potential. Let this flower grow, this plant, this tree along the seasons of life and from earth to heaven with naturalness and spontaneity
Perhaps you feel you have done God knows what, to have won some kind of peak, having reached a sublime goal. In fact you have not done anything like that. You just found yourself …

It may seem, this discovery, the end of your trip. It is just the beginning. The end is your beginning. The beginning of a journey to a profound and immeasurable joy. You have exceeded the time, you’re a man with no time.

http://www.vigliottiangelo.it/2008/03/vivere-il-presente-cogliere-lattimo.html

Words on the move

I urge you not to throw away the time, because it is fast as an arrow, swift as a stream. Distraction is entirely due to a lack of concentration, the stupidity ‘and blindness’ are caused by the lack of true understanding.
(Yung-Ming Yen-Shou – 905-975)

Imagine being a child who, lying on your back with an eye to the sky without clouds, make soap bubbles with a plastic ring. As soon as the bubble detaches, while the observed rises in the sky, and thereby shift attention away from the bubble in the sky. While watching the bubble, it bursts, but the focus remains there for a moment where there was a bubble. Behold, at that moment awareness rests in empty space.
(B. Alan Wallace)

Meditation is like a piece of wood. The investigation and introspection are one end of the wood, the calm and concentration are the other end. If you lift a piece of wood, both ends are lifted simultaneously. What is the concentration and what is introspection? Only this mind.
(Ajahn Chah)

Be careful it means to live in the present moment, not be imprisoned in the past and even anticipate future events that may not happen. When we are fully aware of the present moment, life changes and the anxiety and stress disappear. So much of life goes away in feverish anticipation of things to do and the consequent suspension of mind. We should learn to take a step back in freedom ‘and the possibility’ of this.
(Bede Griffiths)

The understanding is better than mechanical practice. Better understanding is meditation. But best of all is letting go of anxiety for the result, because this will immediately follow the peace.
(Bhagavad Gita 12:12)

Aware while walking, standing still while conscious, aware as he is sitting, while lying conscious, aware of the stretch and gather its members – top, side and bottom – wherever he goes in the world, the practitioner observes the arising and passing away of all things are composed of elements. Who lives in this way, zealous, serene and exalted, ever mindful, practicing in the quiet awareness, is called a “constant concern”.
(Itivuttaka, 111)

In meditation the first thing we realize is that no use trying, because what is sought is predetermined by what you want …
(J. Krishnamurti)

Keep your hands open, all the sand of the desert pass in your hands. Close your hands, do not you will get a few grains of sand (Dogen)

Before waking cut wood and carried water, after waking up I cut wood and carry water.

(Zen Proverb)

If you’re right you do not need to shout.
(Zen Proverb)

If you are happy, if we are at peace, we can blossom like a flower, and our family, society as a whole, will benefit from our peace.
(Thich Nhat Hanh)

We can never obtain peace in the world if we neglect the inner world and do not make peace with ourselves. World peace must come from inner peace. Without inner peace it is impossible to achieve peace in the outside world. The weapons do not shoot themselves. Do not have rained down from heaven, the man has made. But even these weapons, these terrible weapons, they can not shoot themselves. As long as they are left in the stores can not do any harm. It takes a human being to use them. Someone has to pull the trigger. Satan, the forces of evil, can not pull the trigger. It takes human beings to do so.

(Reflections of Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama)

The total disappearance of the senses of insecurity will have ‘only when you have the blessed ability’ of the birds of the air and flowers of the field to live fully, moment by moment, in the present, as this may seem unbearable.

(Anthony De Mello)

The sun shines without intentions. I hope for praise or rewards. Brilla, simply. Or rather, no, here it is: it burns, it consumes itself in the excess of his joy.

(Sukkananda)

You have to understand first hand, directly, the truth about you. And you can not achieve it through another, however great. There is no authority that could reveal it.
(Jiddu Krishnamurti)

Often we are also increasing our pain and our suffering with the hypersensitivity and hyperreactivity to things from nothing, and sometimes taking things too personally.
(Dalai Lama)

All the defects of our minds – the selfishness, ignorance, anger, attachment, guilt and all the other disturbing thoughts – are temporary, not permanent and lasting. And since the cause of our suffering and our thoughts are temporary nuisances, even our suffering is temporary.
(Lama Zopa Rinpoche)

Notte


Notte

Dolce notte, scivolando
in luoghi d’incanto
tra l’armonia del sogno
ed il rilassato respiro.

Lucciola danza lieve
tra luci sommessa e carezze
d’un alito vivo e fugace
sino all’alba d’onde increspate.

Sia la notte
estasi e carezza
per cercare nel sogno
la nuova certezza:
il tempo non esiste
e in ogni luogo è dolcezza.

09.08.2008 Poetyca

Night

Sweet night, slipping
in place of enchantment
harmony between the dream
and relaxed breathing.

Firefly dance mild
between light and soft caresses
I live and breath for a fleeting
until the dawn of choppy waves.

Both the night
ecstasy and caress
to search for in the dream
The new certainty:
time does not exist
and in any place is sweet.

09.08.2008 Poetyca

Separati


199192_213452008681493_180153952011299_915126_1582933_n

Continuiamo a credere che siamo separati.
Non lo siamo – neanche per un solo istante.
Lascia andare l’idea della separazione
e sparirà la paura della morte.  
Se diventi uno con il tutto, vivrai per sempre,
sarai al di là della nascita e della morte.

                                          Osho

We continue to believe that we are separate.
We’re not – not even for an instant.
Let go of the idea of ​​separation
will disappear and the fear of death.
If you become one with everything, you will live forever,
‘re beyond birth and death.

                                           Osho

Cuore sconfinato – Facendosi varco tra i sogni


Dove la mente non arriva ti raggiunge sempre il cuore.
Poetyca

« Come una madre darebbe la vita
per proteggere il proprio unico figlio,
nello stesso modo si coltivi un cuore sconfinato
verso tutti gli esseri »
(Sutta Nipata I, 8)

Facendosi varco tra i sogni

Soffi di vento
su ali già forti
imprimono il segno
di quel che è stato capire
che si è liberi e capaci si esserlo
soltanto se si accetta il limite.

Scogli accarezzati dall’onda
che addolcisce e scalfisce
per rimodellare una forma
dove tutto è caos e non conosce ordine.

Ritmo e stagione, sole ed ombre
per dare senso all’essere in cerca
d’ impressioni ed intuizione
sulla via dell’ascolto profondo
oltre tutte le apparenti parole.

Ed abbraccio del silenzio
che conduce allo specchiarsi
in quel volo senza confine
perchè siano traiettorie impalpabili
di gioia che respira dentro.

Spirito libero che inarchi la soglia
tra il tempo trascorso e consumato
e l’ignoto da comprendere e vivere
ascolta l’attimo e sii essere senza ricerca.

Perchè tutto è adesso senza meta e confronto
tra pieghe di sogno e aliti di nuova speranza
abbandonando illusione ed offrendo vero amore

03.08.2008 Poetyca

Where do you get the mind does not always reach the heart.
Poetyca“As a mother would give his life
to protect his only son,
in the same way you cultivate a boundless heart
to all beings “(Sutta Nipata I, 8)

Making way through the dreams

Puffs of wind
already strong on the wings
engrave the sign
understanding of what was
that you will be free and able
only if you accept the limit.

Cliffs caressed by the wave
that softens and scratches
to reshape a shape
where everything is chaos and does not know order.

Rhythm and season, sun and shadow
to give meaning to being in search
d ‘impressions and intuition
on the path of deep
beyond all the apparent words.

And I embrace the silence
leading to the mirror
in that flight without borders
because trajectories are impalpable
of joy that breathes within.

A free spirit who raises the threshold
between time spent and consumed
and the unknown to understand and live
listen and be the moment to be without research.

Why everything is now without a goal and comparison
creases between dream and breath of new hope
offering false hope and giving up true love

03.08.2008 Poetyca

La chiave


Riflettendo…

Recidere un Fiore

Posso recidere il tuo gambo, piccolo fiore,
regalo della Terra e del Cielo?

Grazie, caro Bodhisattva,
per rendere la vita così meravigliosa.

Maestro Thich Nhat Hanh

—————————-
La bellezza non si possiede,
rispettarne la grazia
è accorgersi del suo valore.

L’umiltà riconosce
solo in altri la presenza
di quel cuore che accoglie
ed accresce tale fortuna.

Poetyca

—————————

L’insegnamento

La Chiave

Il Buddha comprese che l’ignoranza della nostra vera natura
è la radice di tutti i tormenti del samsara
e che la radice dell’ignoranza stessa
è l’abituale tendenza della mente alla distrazione.

Porre termine alla distrazione della mente,
significherebbe estinguere lo stesso samsara.

La chiave per realizzare ciò, Egli comprese,
è riportare la mente a dimorare nella sua vera natura,
mediante la pratica della meditazione.

Sogyal Rinpoche

—————————

Fermati ed ascolta
senza deviare, senza distrarti
dal tuo percorso
ed immergiti, senza giudizio
nell’attimo che vivi.

Tutto è nella realtà
osservata ed accolta
per come essa è,
nella porta aperta
verso la vera comprensione,
senza separazione alcuna.

Poetyca

————————–

05.01.2008 Poetyca

testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Profonda essenza


Riflettendo…

La Riflessione

Chi sono io non ha importanza.
Sono solo un altro uomo.

Guarda te stesso,
io sono te con una storia diversa,
e un diverso insieme di circostanze.

Rev. Fudo Michael Koppang

—————————

Pietra di paragone,
specchio oppure accusa,
vedi nell’altro quanto sia diverso,
eppure nei suoi occhi sei riflesso;
accogli questo e leggi meglio
perchè solo in te va cercato
quello che in altri credi essere sbagliato.

Sei tu in ricerca e puoi comprendere
che siamo interconnessi e che parte di noi
si riversa in un fiume differente
ma con le stesse nostre acque.

Poetyca

—————————

L’insegnamento

Profonda essenza

Ogni volta che iniziamo la nostra pratica di meditazione,
siamo intimamente motivati dalla consapevolezza che noi, e tutti gli esseri senzienti,
abbiamo fondamentalmente la natura di Buddha come più profonda essenza.

Realizzarla significa liberarsi dall’ignoranza
e, finalmente, mettere fine alla sofferenza.

Sogyal Rinpoche

—————————

Stracciato il velo dell’inganno,
a che serve l’attaccamento?

La voce che si appiglia
ad una mente che riflette solo la paura
ci conduce su senteri sbagliati

Scoperta la nostra vera natura
di amorevolezza ed accoglienza
a che serve dare alimento alla sofferenza?

Ignorare la realtà è non permetterci
di abbracciarla come essa è:
risvegliati si smette di far girare
la ruota del samsara e nel silenzio
si allontana ogni illusione.

Poetyca

——————————

01.03.2008 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Un nuovo giorno


Riflettendo….

La Riflessione

Se apri spezzando
il ramo di un ciliegio,
non trovi un solo fiore.

Ma il cielo della primavera,
ne invita la fioritura.

Ikkyu (1394-1481)

…………………

Non analizzare con la mente
in cerca di risposte,
ma sappi accogliere ed essere
nella presenza mentale,
dove tutto quel che è interconesso
sa offrire bellezza e meraviglia,
perchè tu sia ascolto e partecipazione.

Poetyca

—————————–

L’insegnamento

Un nuovo giorno

Svegliandomi al mattino,
sono consapevole di quanto sia veramente prezioso un nuovo giorno:
la sua freschezza non dovrebbe essere data per scontata.

Quindi, cosa farò di questo giorno?
Cosa farete di questo giorno?

Insegnante di Dharma

——————————–

Ogni attimo è opportunità:
scoperta e partecipazione,
dialogo e manifestazione
che prende origine dal nostro atteggiamento.

Ogni porta aperta è accoglienza
che non chiuda fuori lo stupore
e la gioia di essere – qui ed ora –
nell’incessante presenza di ogni respiro.

Poetyca

——————————–

03.05.2008 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Uno spazio vuoto


Riflettendo…

La Riflessione

L’esperienza personale, calma e chiara,
è l’unico modo per essere sicuri
di ciò che sperimentiamo.

Altrimenti,
la nostra comprensione delle persone, delle idee, delle cose,
sono solo percezioni superficiali.

Suona come una meditazione?
La realtà ultima si comprende
solo attraverso una profonda meditazione!

Shian

———————–

In attesa ed in silenzio
tutto è più chiaro,
ricercando l’attenzione
il flusso calmo della mente
offre di sè pace e comprensione.

Non ti attaccare a nulla,
lascia fluire e sorridi
perchè vacuità ed impermanenza
sono traccia del cammino.

Poetyca

———————–

L’insegnamento

Uno spazio vuoto

Nella nostra mente ordinaria, percepiamo il flusso dei pensieri come un continuo,
ma, in realtà, non è così.
Scoprirete da soli che fra due pensieri, c’è uno iato, uno spazio vuoto.

Quando l’ultimo pensiero è passato e il prossimo pensiero non è ancora sorto,
troverete sempre uno spazio vuoto nel quale la natura della mente si rivela.

Così, il lavoro della meditazione è far sì che i pensieri rallentino,
in modo da rendere questo spazio sempre più evidente.

Sogyal Rinpoche

“Fra un pensiero e l’altro, c’è un vuoto.
In quel vuoto TU sei.”

Raphael

————————
Respira calmo e lascia
che il cerchio s’allarghi,
allenta la tensione
ed osserva senza trattenere
un pensiero che sorge,
un pensiero che va.

Tra un respiro e l’altro
è il vuoto da non temere,
ricco di chiarezza
dove in profondità
sai accogliere la realtà.

Non trattenere nulla
e tutto svanisce
facendoti dono
di un vuoto che è ricchezza
perchè è la casa
della tua vera natura.

Poetyca

———————–

25.05.2008 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Cinque cose da ricordare


Riflettendo…

La Riflessione

Non parliamo di karma,
ma semplicemente di responsabilità verso il mondo intero.

Tenzin Gyatzo, XIV Dalai Lama

————-

Quando accogliamo in noi
il senso della responsabilità
possiamo comprendere
che possiamo migliorare noi stessi,
di conseguenza il mondo.

Nulla è solo predeterminato
ed immodificabile,
noi possiamo agire
perchè ogni cosa migliori.

Poetyca

————-

L’insegnamento

Cinque cose da ricordare

Cinque cose sono state ben insegnate da quel beato che sa e vede,
da quel puro, risvegliato perfettamente da se stesso,
ovvero le cose che tutte le persone, donne e uomini, monaci e laici,
dovrebbero ricordare ogni giorno.

Quali cinque cose?

1) La mia natura è di decadere:
io non sono esente dalla decadenza.

2) La mia natura è d’essere soggetto a malattia:
io non sono immune dalle malattie.

3) La mia natura è di dover morire:
io non sono immune dalla morte.

4) Tutto quel che ho, che mi è caro e fonte di piacere,
cambierà e sparirà.

5) Io sono il padrone delle mie azioni, l’erede delle mie azioni,
originato dalle mie azioni, dipendente dalle mie azioni,
vivo sostentandomi con le mie azioni.

Di qualunque azione compia, buona o cattiva che sia,
sarò io ad ereditare il frutto.

Anguttara Nikaya, V, 57

——————

In noi la scelta e l’opportunità
per coltivare una buon seme
che non conosca veleni,
che sappia offrire attenzione
con compassione ed amorevolezza
verso tutti gli esseri.

In noi la capacità di comprendere
cosa sia davvero durevole e cosa
sia evanescente perchè si possa
seguire la via del risveglio
che come filo invisibile ma robusto
unisce ogni essere come una perla
di una preziosa collana.

Poetyca

——————
12.10.2008 Poetyca
testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Compagni di viaggio


Compagni di viaggio

Penso che quando si entra in contatto con un gruppo di ricercatori, sia fondamentale porsi la domanda: – Cosa mi aspetto da questi compagni di viaggio?
Sebbene ci si dimentichi spesso: – Cosa ho intenzione di offrire di me stesso agli altri?

Accade allora che siamo noi stessi ad idealizzare, a mettere in atto una forma di proiezione circa quel ” mondo perfetto” che, chiaramente, troverà un impatto contro la realtà.
Nessuno abbraccia la perfezione, in primis chi si attende che gli altri ci trascinino, addirittura ci possano portare in braccio per qualche tratto di strada.

E’ importante il mettere in atto l’offerta e l’interscambio, senza arroccarsi, magari con la pretesa di prendere senza mai avere una briciola di gratitudine.

Così come è importante ogni giorno chiedersi ( magari a fine giornata): – Cosa ho seminato oggi? Potrei fare di meglio?

Molto bello il seguente pensiero:

“Il dono prezioso

Ricorda sempre che tu sei un dono e tale devi essere per tutte le persone che ti circondano.
Non entrare nella vita di qualcuno se non riesci ad essere un dono. Quando qualcuno entra inaspettatamente nella tua vita, cerca di capire quale dono è venuto a ricevere da te.

Neale Donald Walsch”

In realtà lo sforzo va compiuto singolarmente, il confronto non deve rappresentare qualcosa di frustrante ma uno stimolo, un’apertura che ci faccia sentire parte di un gruppo. Per il buddhismo il Shanga ( il gruppo di praticanti) è tra i fondamenti del cammino stesso, infatti, insieme a Dharma e Buddha è considerato come uno dei tre gioielli. Fare parte di un Shanga non significa che si abbia accanto dei “tutori” che ci facciano da scudo durante le tempeste, piuttosto è naturale che si possa coltivare il seme dell’amorevolezza e della compassione nei confronti di chi in noi generi rabbia o incomprensione, questo perchè senza le opportunità di confronto non si avrebbe modo di leggere nel profondo quali atteggiamenti vadano osservati, accolti e poi fatti andare. Essere da soli, percorrere – la via stretta – è qualcosa che resta indelebile in noi, siamo infatti artefici delle nostre personali scelte, delle conseguenze che ne possano derivare, però è fondamentale mettere in comune ed applicare quelle piccole conquiste nell’ambito sociale. In fondo anche Gesù aveva bisogno del sostegno di una comunità, era importante che si mettesse a frutto ogni insegnamento e non ci sarebbe confronto senza il lavoro comune.

Poetyca 01.04.2008

L’Assoluto


199192_213452008681493_180153952011299_915126_1582933_n

L’Assoluto non è nessuna delle cose di cui è la Sorgente; la Sua natura è tale che non si può dir nulla di Lui – né esistenza, né essenza, né vita. Trascende tutte queste cose. Ma se tu Lo possiedi, attraverso l’eliminazione dell’essere, allora custodisci una meraviglia.
   
                  Plotino

The Absolute is not any of the things of which it is the source; His nature is such that you can not say anything to him – neither existence nor essence, nor life. It transcends all these things. But if you do I have, through the elimination of being, then keep them a wonder.

Plotinus