Risultati della ricerca per: 2013

Ultravox


[youtube https://youtu.be/hIuOz8vycWc]

Gli Ultravox sono un gruppo di musica new wave formato a Londra nel 1973. All’inizio della loro carriera, il nome del gruppo era Ultravox! (col punto esclamativo finale), per richiamare quello dei tedeschi Neu!, e tale rimase per i primi due album.

La carriera del gruppo viene marcatamente divisa in due periodi, ossia quello dal 1974 al 1979, guidato dal leader John Foxx, e quello dal 1979 al 1988, segnato dal suo sostituto Midge Ure.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ultravox

Ultravox (formerly known as Ultravox!) are a British new wave band, formed in London in 1974 as Tiger Lily. Between 1980–86, they scored seven Top Ten albums and seventeen Top 40 singles in the UK, the most successful of which was their 1981 hit “Vienna”.

The band has been led by two different frontmen who never played together in the band at the same time. From 1974 until 1979, singer John Foxx was frontman and the main driving force behind Ultravox. Foxx left the band to embark on a solo career and, following his departure, with the three remaining members in hiatus, Midge Ure took over as lead singer, guitarist and frontman in 1980 after he and keyboardist Billy Currie worked in the studio project Visage. Ure revitalised the band and steered it to commercial success lasting until the mid-1980s. Ure left the band in 1987 after establishing his own solo career and the group disbanded for a while. A new line-up, led by Currie, was formed in 1992, but achieved little success.

The band’s best-known line-up of Currie, Ure, bassist Chris Cross and drummer Warren Cann reformed in 2008 and performed a series of reunion shows in 2009 and 2010 before releasing a new studio album, Brill!ant, in May 2012. In November 2013, Ultravox performed as special guests on a four date UK arena tour with Simple Minds.

https://en.wikipedia.org/wiki/Ultravox

Il viaggio dentro di Sè – The Journey of Self in


7
Il viaggio dentro di Sè
L’amore è la capacità di prendersi cura, al fine di proteggere, nutrire. Se non siete in grado di generare questo tipo di energia verso voi stessi – se non siete in grado di prendervi cura di voi stessi, di nutrire voi stessi, di proteggere voi stessi – è molto difficile prendersi cura di un’altra persona.
Maestro zen Thich Nhat Hanh
Il viaggio interiore inizia spesso da un sentimento di inadeguatezza, da un disagio nel confronto con gli altri, quando ci accorgiamo che quanto viviamo nell’interscambio non ci basta, quando vogliamo scoprire chi siamo e cosa racchiudiamo.
Ci viene spesso insegnato ad amare il prossimo, non sempre siamo preparati a questo, dovremmo prima comprendere noi stessi per poi avere la pazienza dell’ascolto, il non attaccamento ad aspettative, la comprensione per noi stessi e la capacità di non avere competività ma una naturale compassione per chi ci sia accanto.
Così come è importante comprendere che il prossimo non è la nostra fonte di appagamento, l’illusione di contare per qualcuno o la nostra continua sollecitazione ad avere attenzione.
Il nostro valore non è proporzionale a quanto gli altri dicano o pensino di noi.
Per sapere davvero chi siamo non ci serve lo specchio esteriore ( gli altri) ma dobbiamo compiere il primo passo per scavare in noi stessi e tappa dopo tappa arricchirci della scoperta – noi siamo già, possiamo manifestarlo e comprenderlo, possiamo amarlo e donarlo ad altri.

Le tappe possono essere diverse, come diverse sono le esperienze umane, proteggere se stessi spesso è una forma di difesa, è la proiezione della visione di un pericolo che crediamo esterno, mentre il disagio è solo il nostro se ci sentiamo non all’altezza e incapaci di sostenere le pressioni o di un confronto che ci trova impreparati.
Solo sciogliendo ogni nostro nodo interiore possiamo conoscere armonia ed amore incondizionato verso quel che siamo e quello che sono gli altri.
Poetyca 20 gennaio 2009

The Journey of Self in
Love is the ability to care , to protect , to nourish . If you are not able to generate this kind of energy toward yourself – if you are not able to take care of yourself, of nourishing yourself, of protecting yourself – it’s very difficult to take care of another person.
Zen Master Thich Nhat Hanh
The inner journey often begins from a feeling of inadequacy, from a discomfort in comparison with the others, when we realize that as we live in the interchange is not enough , when vogliiamo find out who we are and what we enclose .
We are often taught to love our neighbor, we are not always prepared for this , we should first understand ourselves and then have the patience to listen, non-attachment to expectations , understanding ourselves and the ability to not have a competitiveness but natural compassion for the one who is next .
Just as it is important to understand that the neighbor is not our source of contentment, the illusion of someone or count for our continuous stress to get attention.
Our value is not proportional to what others say or think of us .
To find out who we really do not need the external mirror (the other ), but we have to take the first step to dig ourselves and enrich the discovery stage by stage – we already are , we can manifest it and understand it , we love it and give it to others.
The stages may be different, as there are different human experiences , protect yourself is often a form of defense , is the projection of the vision of a danger that we believe exterior, while the discomfort is only ours if we feel not up and unable to withstand the pressures or a comparison that is unprepared.
Only by dissolving each of our inner node can know harmony and unconditional love for what we are and what are the others.
Poetyca January 20, 2009

Maestri di se stessi – Masters of oneself


bruno2_1024

Maestri di se stessi

Essere maestri di se stessi non è sempre facile:
si inciampa nelle apparenze, nell’approssimazione
e sembra che sia più forte la spinta nel credersi arrivati
che la pazienza e l’umiltà nel riconoscere
con attenzione e profondità cosa davvero conti.

18.05.2014 Poetyca

Masters of oneself

Be masters of oneself is not always easy:
you stumble in appearances, in the approximation
and seems to be stronger in the push believe arrived
that patience and humility in recognizing
carefully and depth what really accounts.

05/18/2014 Poetyca

Una perla al giorno – Svetasvatara Upanisad



L’Essere Supremo trascende di gran lunga l’universo,
pur essendo immanente in tutte le creature.
Non ha forma perché trascende nomi e forme.
Non Lo tocca la tristezza.
Chi conosce l’Eterno diventa immortale;
gli altri invece restano nelle carceri del dolore.

Svetasvatara Upanisad, III, 10

The Supreme Being far transcends the universe,
although immanent in all creatures.
It has no form because it transcends name and form.
It does not touch the sadness.
Those who know the Lord become immortal;
the others remain in prisons of pain.

Svetasvatara Upanishad, III, 10

Deep Purple-Made In Japan (1972)


I Deep Purple sono un gruppo musicale hard rock inglese, formatosi a Hertford nel 1968. Insieme a gruppi come Led Zeppelin e Black Sabbath, sono considerati fra i principali pionieri del genere heavy metal.

Vengono considerati una delle band più influenti del panorama musicale degli anni settanta, con un substrato musicale molto vario, che spazia dal blues al rock and roll, dal funky al jazz e al folk, dalla musica orientale alla musica classica, fino all’R&B, a cui unirono un certo virtuosismo tecnico. Il suono della band comprende anche elementi di rock progressivo, genere in auge nel periodo.

Hanno venduto più di 100 milioni di copie nel mondo senza contare le enormi vendite di bootleg, ovvero il traffico di dischi illegali spesso registrati durante le esibizioni dal vivo del gruppo.

Il gruppo venne inserito nel Guinness dei primati come band più rumorosa del mondo a seguito di un concerto al Rainbow Theater di Londra durante il quale tre spettatori persero conoscenza a causa dei 117 dB raggiunti.

https://it.wikipedia.org/wiki/Deep_Purple

Deep Purple are an English rock band formed in Hertford in 1968. They are considered to be among the pioneers of heavy metal and modern hard rock, although their musical approach changed over the years. Originally formed as a progressive rock band, the band shifted to a heavier sound in 1970. Deep Purple, together with Led Zeppelin and Black Sabbath, have been referred to as the “unholy trinity of British hard rock and heavy metal in the early to mid-Seventies”. They were listed in the 1975 Guinness Book of World Records as “the globe’s loudest band” for a 1972 concert at London’s Rainbow Theatre, and have sold over 100 million albums worldwide.
Deep Purple have had several line-up changes and an eight-year hiatus (1976–1984). The 1968–1976 line-ups are commonly labelled Mark I, II, III and IV Their second and most commercially successful line-up featured Ian Gillan (vocals), Jon Lord (organ), Roger Glover (bass), Ian Paice (drums), and Ritchie Blackmore (guitar). This line-up was active from 1969 to 1973, and was revived from 1984 to 1989, and again from 1992 to 1993. The band achieved more modest success in the intervening periods between 1968 and 1969 with the line-up including Rod Evans (vocals) and Nick Simper (bass, backing vocals), between 1974 and 1976 (Tommy Bolin replacing Blackmore in 1975) with the line-up including David Coverdale (vocals) and Glenn Hughes (bass, vocals), and between 1989 and 1992 with the line-up including Joe Lynn Turner (vocals). The band’s line-up (currently featuring Ian Gillan, and guitarist Steve Morse from 1994) has been much more stable in recent years, although organist Jon Lord’s retirement from the band in 2002 (being succeeded by Don Airey) left Ian Paice as the only original Deep Purple member still in the band.

Deep Purple were ranked number 22 on VH1’s Greatest Artists of Hard Rock programme and a poll on British radio station Planet Rock ranked them 5th among the “most influential bands ever”. At the 2011 Classic Rock Awards in London, they received the Innovator Award.[16] In October 2012, Deep Purple were nominated for the first time for the Rock and Roll Hall of Fame, but were not voted in the following March. In October 2013, the band was announced as a Hall of Fame nominee for a second time, but again was not voted in.

https://en.wikipedia.org/wiki/Deep_Purple

Il bene sulla terra – The good on earth – Dannion Brinkley


7

Il bene sulla terra
Gli esseri umani sono potenti creature spirituali
destinate a generare il bene sulla terra.
Questo bene si realizza di solito, non attraverso
azioni audaci, bensì tramite singoli atti
di gentilezza tra persone. Sono le piccole cose che contano,
perché sono più spontanee e dimostrano chi sei realmente.
Dannion Brinkley

💙💛 💙💛 💙💛

The good on earth
Humans are powerful spiritual beings
intended to generate good on earth.
This is accomplished usually good, not through
bold action, but through individual acts
of kindness between people. It’s the little things that matter,
because they are more spontaneous and show who you really are.
Dannion Brinkley

Phil Collins – En Concert Complet a (Paris 2004)


Philip David Charles Collins (Londra, 30 gennaio 1951) è un cantautore, polistrumentista e musicista britannico, noto sia come solista sia come componente dello storico gruppo dei Genesis.

Collins è uno dei tre artisti (insieme a Paul McCartney e Michael Jackson), ad aver venduto oltre 150 milioni di album in tutto il mondo sia come solisti che come membri principali di una band[1].

https://it.wikipedia.org/wiki/Phil_Collins

Philip David Charles “Phil” Collins, LVO (born 30 January 1951),[6] is an English singer, songwriter, multi-instrumentalist, music producer and actor. He gained fame as both the drummer and lead singer for the rock group Genesis, and he also gained worldwide fame as a solo artist.

Collins is one of the most successful songwriters and performers of all time, singing the lead vocals on dozens of hit albums and singles in the UK and the US between 1976 and 2010, either as a solo artist or with Genesis. His solo singles, sometimes dealing with lost love and often featuring his distinctive gated reverb drum sound, ranged from the atmospheric “In the Air Tonight“, dance-rock of “Sussudio“, piano-driven power balladAgainst All Odds“, to the political and religious connotations of “Another Day in Paradise“. Collins has been described by AllMusic as “one of the most successful pop and adult contemporary singers of the ’80s and beyond”.[1]

Collins joined Genesis in 1970 as the group’s drummer and became their lead vocalist in 1975 following the departure of the original lead singer Peter Gabriel. His solo career, which was launched in 1981 and was heavily influenced by his personal life and soul music, brought both himself and Genesis greater commercial success. Collins’s total worldwide sales as a solo artist are 150 million.[7] Collins has won numerous music awards throughout his career, including seven Grammy Awards, six Brit Awards—winning Best British Male three times, three American Music Awards, an Academy Award, two Golden Globe Awards and a Disney Legend Award in 2002 for his solo work.[8][9][10] He received a star on the Hollywood Walk of Fame in 1999, was inducted into the Songwriters Hall of Fame in 2003, and into the Rock and Roll Hall of Fame as a member of Genesis in 2010.[11][12] Collins was listed at number 22 in Rolling Stone magazine’s list of the “100 Greatest Drummers of All Time”.[13]

Collins is one of only three recording artists (along with Paul McCartney and Michael Jackson) who have sold over 100 million albums worldwide both as solo artists and (separately) as principal members of a band.[14] During his most successful period as a solo artist between 1981 and 1990, Collins had three UK number-one singles and seven number-one singles on the Billboard Hot 100 in the United States, as well as a U.S. number one with Genesis in 1986. When his work with Genesis, his work with other artists, as well as his solo career is totalled, Collins had more top 40 hits on the Billboard Hot 100 chart during the 1980s than any other artist.[15] In 2008, Collins was ranked the 22nd most successful artist on the “Billboard Hot 100 All-Time Top Artists”.[16] Although one of the world’s best-selling recording artists and a highly respected drummer, Collins has garnered significant criticism over the years from music journalists and fellow artists. He announced his retirement in 2011 to focus on his family life,[17][18] though he continued to write songs and in 2013 he said he was considering a return to the music industry.[19]

https://en.wikipedia.org/wiki/Phil_Collins

Magia – Magic


6

Magia

Magia della notte
ascolto di un infinito
attimo senza frontiere:
Tutto respira vita
nel rincorrersi del silenzio
appeso al battito del cuore

Magia di chi vede
con occhi sognanti
oltre la siepe:
Tutto conosci
senza parole
nell’incanto senza nome

11.11.2013 Poetyca

Magic

Magic of the night
listening to an endless
moment without borders:
Everything breathes life
in chase of silence
hanging from the heartbeat

Magic of those who see
with dreamy eyes
over the hedge:
everything you know
without words
enchantment with no name

11/11/2013 Poetyca

Scaglie d’emozione – Scales of emotion


ak3_1024

Scaglie d’emozione

Anche a te
sia dolce il sognare
l’estendere pensieri
in luoghi
non ancora nati
 
Sia presente
la delicata brezza
che disegna immagini
dietro le ciglia
 
Passi di danza
tra un palpito
che silenzioso sovrasta
nel silenzio delle notti
 
Esanime resta
l’incanto di colori
se non soffi
sulle fantasie vive
 
Lontano s’effonde
il suono del cuore
se in ascolto
ti poni ancora
 
Nessuno rimane
mai solo
se raccoglie
scaglie d’emozione

 08.06.2003 Poetyca

Scales of emotion

Same to you
sweet is the dream
extend the thoughts
in places
the unborn

Both present
the gentle breeze
that draws images
behind the lashes

Dance Steps
between one heartbeat
which dominates noise
in the silence of nights

Lifeless remains
the magic of colors
if it does not blow
fantasies about the lives

Faraway poured out
the sound of the heart
if listening
you ask again

Nobody stays
never alone
if it collects
scales of emotion

08.06.2003 Poetyca

 

Specchio di vita – Mirror of life


2

Specchio di vita

Raccogli una lacrima
e svela a te stesso
quel che nascondevi
Dipingi un sorriso
e allarga le braccia
per accogliere l’arcobaleno

La vita ha a volte passi incerti
e vorresti l’incanto della luna
per sognare , ancora una volta
oltre il confine del nulla

Consapevolezza
è un cammino che raccoglie
tracce di cielo
per rincorrere nei silenzi
quel che eri e che sarai domani

Traccia di vita
in concentriche danze
oltre ogni tempo
per essere dell’infinito
l’incanto senza mistero

Respira ed apri la tua mano
per sentirla sfiorare
senza distanze
da chi ha nel cuore
la tua stessa musica

14.11.2004 Poetyca

Mirror of life

Collect a tear
and reveals to yourself
that you were hiding
Paint a smile
and spreads yours arms
to accommodate the rainbow

Life has sometimes uncertain steps
and would like the charm of the moon
to dream once again
beyond the boundary of nowhere

Awareness
is a path that collects
traces of sky
to chase in the silences
what you were and who you will be tomorrow

Trace of life
in concentric dances
beyond time
to be infinite
without the magic mystery

Breathe and open your hand
to hear her touch
distances without
by those who have the heart
your own music

14.11.2004 Poetyca

 

Una perla al giorno – Ajahn Sumedho


fiamma

 Meditazione: del mattino Inizia a riconoscere la consapevolezza come uno stato naturale. E ‘molto semplice e senza complicazioni.

Ajahn Sumedho

Morning meditation: Begin to recognise awareness as a natural state. It is very simple and uncomplicated.

Ajahn Sumedho

Confine – Boundary


wpid-ali2.jpg

Confine

Non esistono barriere

dove vasto è il ricordo

come cielo

come respiro

in una carezza di silenzio

nel sussurro di onde

illuminate di stelle

Basta accendere speranze

ascoltare l’incanto della notte

come brezza sul viso

come luce di vita

nella mano stretta

a conferma dell’essere

insieme sulla nostra isola

25.06.2013 Poetyca

Boundary

There are no barriers

where large is the memory

like heaven

like breath

in a caress of silence

the whisper of waves

illuminated of stars

Just turn hopes

listen to the magic of the night

as a breeze on your face

as the light of life

in the hand tight

a confirmation of being

together on our island

25.06.2013 Poetyca

Colori del cuore – Colors of the heart


colori del cuore

Colori del cuore

Colorerò l’alba
con il tramonto
nella sorpresa
del dolce incanto
mentre la notte
regala a tutti stelle
per ricomporre
un nuovo percorso
su vecchie tracce

Una sola bussola
un solo cuore
itinerario certo
da ascoltare
nei momenti incerti
dove le ombre danzano
su sfavillii di luce
ma rinasce ogni istante
soltanto amore

10.01.2013 Poetyca

Colors of the heart

I want to paint the dawn
with the sunset
in the surprise
of the sweet enchantment
while the night
gives all stars
to reconstruct
a new path
on old tracks

A single compass
one heart
certain route
to listen
in uncertain times
where shadows dance
on flickering of light
but reborn every moment
only love

10.01.2013 Poetyca

Nel mistero – In the mystery


nel mistero

Nel mistero

Danzano
Gocciolano
Abbracciano il mondo
parole sbocciate
Soffice incanto
Fascino lieve
in punta di dita
dalla mente al cuore
Girandola di stelle
illumina il tempo
di un solo sospiro:
È vita intinta
nel mistero

11. 04. 2013 Poetyca

In the mystery

Dance
Drips
Spanning the world
words blossomed
Soft charm
Charm slight
at your fingertips
from the mind to the heart
Swirl of stars
illuminates the time
a single sigh:
Life is dipped
in the mystery

11. 04. 2013 Poetyca

Devo


I Devo sono un gruppo musicale statunitense formatosi ad Akron (Ohio) nel 1972.

Il loro stile musicale è stato classificato come punk, art rock o post-punk, ma sono per lo più ricordati come una delle band-simbolo della New wave. Sono oggi considerati dalla critica un gruppo fondamentale per l’evoluzione del rock contemporaneo.

Il gruppo viene fondato da Gerald Casale, Bob Lewis e Mark Mothersbaugh, nel 1972.

Il nome “Devo” viene dal termine “de-evolution” (de-evoluzione), teoria secondo cui l’umanità, invece che continuare ad evolversi, avrebbe cominciato a regredire, come dimostrerebbero le disfunzioni e la mentalità gretta della società americana. Tale teoria era frutto di uno scherzo di Casale e Lewis, nato nella fine degli anni sessanta, quando i due frequentavano la Kent State University.

La prima formazione prevedeva sei componenti: i fratelli Gerald e Bob Casale (basso e voce il primo, chitarra, tastiere e cori il secondo), Bob Lewis (chitarra), Mark Mothersbaugh (voce, sintetizzatori e chitarra), Rod Reisman (batteria) e Fred Weber (voce). La loro prima performance avviene nel 1973 al Performing Arts Festival della Kent State University.[6] Dopo questa prima esibizione, il gruppo abbandona Reisman e Weber, e ingaggia Jim Mothersbaugh alla batteria elettronica e Bob Mothersbaugh alla chitarra, entrambi fratelli di Mark. Negli anni a venire, il gruppo passerà attraverso cambi di formazione, che vedono, tra gli altri, l’abbandono di Jim Mothersbaugh, ed esibizioni dal vivo conflittuali.

Nel 1976 viene reclutato il batterista Alan Myers alla batteria, che sancisce una formazione solida che durerà dieci anni circa.

Lo stile del gruppo, ironico, pungente, irriverente e critico nei confronti della società moderna, inserito in un contesto estetico che rimanda a una sorta di fantascienza al limite del kitsch, gli fa guadagnare la simpatia di artisti noti come Neil Young e David Bowie, nonché apparizioni in film dei quali Mark Mothersbaugh curerà la colonna sonora. Il gruppo sarà anche pioniere nell’uso del videoclip, il più noto dei quali, Whip It, godrà di una massiccia presenza nei primi mesi di vita di MTV.

Nel 1977, grazie anche a Bowie e Iggy Pop, ottengono un contratto con la Warner Bros. Il loro primo album, Q: Are We Not Men? A: We Are Devo! viene prodotto nientemeno che da Brian Eno. L’anno successivo sono ospiti del Saturday Night Live, dove si esibiranno in una cover di (I Can’t Get No) Satisfaction dei Rolling Stones.

Nel 1984, lo scarso successo commerciale del sesto album Shout e l’abbandono del batterista Myers, costringono il gruppo a rinunciare al tour di promozione, con conseguente pausa delle attività. Nel frattempo, Mark Mothersbaugh si diletta nella produzione di musica per la televisione, nonché di un progetto solista, Musik for Insomniaks.

Nel 1987 il gruppo si riforma con un nuovo batterista, David Kendrick, precedentemente con gli Sparks. L’anno successivo esce Total Devo, che contiene brani che compariranno in alcuni B movie come Slaughterhouse Rock e The Tapeheads, con John Cusack e Tim Robbins.

Nel 1990 esce Smooth Noodle Maps, che non raccoglie grandi consensi di pubblico e critica, e l’anno successivo il gruppo si scioglie nuovamente. Successivamente, Mark Mothersbaugh fonda uno studio di registrazione per produzioni musicali commerciali, il Mutato Muzika, insieme col fratello Bob e Bob Casale. Lo studio lavora principalmente per produzioni televisive come sigle, programmi, cartoni animati, videogame e film, tra cui alcuni di Wes Anderson. Nel frattempo, Gerald Casale intraprende una carriera come regista di spot pubblicitari e video musicali, per gruppi come Rush, Silverchair e Foo Fighters.

Nel 1995 il gruppo appare nella colonna sonora del film Tank Girl, e l’anno successivo si esibisce al Sundance Film Festival e al Lollapalooza proponendo alcuni classici del periodo tra il 1978 e il 1982.

Pur non pubblicando album fino al 2010, il gruppo produce una serie di singoli per compilation, produzioni televisive, spot pubblicitari per aziende come Dell e la multinazionale Target.

Nel 2006 collaborano con la Disney per un progetto chiamato Devo 2.0, un gruppo composto da bambini che suonano classici dei Devo.

Nel 2008 l’azienda McDonald’s propone un personaggio in omaggio che indossa l’Energy dome, il tipico copricapo dei Devo in plastica rossa a forma di ziqqurat circolare. Il gruppo intenterà una causa alla multinazionale, che successivamente alcuni blog riporteranno come “amichevolmente risolta”.

Nel 2010 esce il loro ultimo album Something for Everybody, a vent’anni dal precedente.

Nel 2013 il loro ex batterista Alan Myers muore a causa di un tumore cerebrale.

Il 17 febbraio 2014 muore improvvisamente Bob Casale, membro fondatore del gruppo, per arresto cardiaco.

https://it.wikipedia.org/wiki/Devo
Devo (/ˈdiːvoʊ/, originally /diːˈvoʊ/) is an American rock band formed in 1972, consisting of members from Kent and Akron, Ohio. The classic line-up of the band included two sets of brothers, the Mothersbaughs (Mark and Bob) and the Casales (Gerald and Bob), along with Alan Myers. The band had a No. 14 Billboard chart hit in 1980 with the single “Whip It”, and has maintained a cult following throughout its existence.

Devo’s style, over time, has shifted between punk, art rock, post-punk and new wave. Their music and stage show mingle kitsch science fiction themes, deadpan surrealist humor, and mordantly satirical social commentary. Their often discordant pop songs feature unusual synthetic instrumentation and time signatures that have proven influential on subsequent popular music, particularly new wave, industrial and alternative rock artists. Devo was also a pioneer of the music video, creating many memorable clips for the LaserDisc format, with “Whip It” getting heavy airplay in the early days of MTV.

https://en.wikipedia.org/wiki/Devo

Oltre ogni stagione – Over all seasons


6

Oltre ogni stagione

L’amore non conosce tempo
ma si concede istanti eterni di condivisione,
di fanciullesca bellezza e gioia

Cercami quando
la goccia tocca la superficie del lago
Cercami quando
la coccinella spicca il volo
verso l’infinito
Cercami nel respiro e nell’attimo
per cogliere dove sono

– Con te, in te e per te Vita –
e forza che non conosce abbandono
espansione di cerchi che toccano la sponda
dell’essere presenza nel silenzio
e sono infinito dono nel respiro ansante del Cuore
– estasi e congiunzione con l’Universo –
per questa meraviglia che non smette
neppure se chiudessi gli occhi
o finisse il respiro ad ancorare al tempo

Con te sono danza e nascondimento
tra colori ed incanto che armonizzano Amore
gioco della Vita che si manifesta oltre ogni stagione

06.08.2006 Poetyca

Over all seasons

Love knows no time
but it grants eternal moments of sharing,
of childish beauty and joy
Look for me when
the drop touches the surface of the lake
Look for me when
ladybird takes off
to infinity
Look for me in the breath and in the moment
to understand where they are
– With you, in you and for you life –
and strength that knows no surrender
expansion of circles that touch the shore
Being there in the silence
and are infinite in the gift of breath panting Heart
– Congiuzione ecstasy and the Universe –
for this wonder that never ceases
even if you were to close the eyes
or end the breath to anchor at the time
With dance and you are hiding
between color and charm that harmonize Love
Game of Life that manifests itself over every season
06.08.2006 Poetyca

Una perla al giorno – Hui Neng


2

Meditazione buddista: la fede in è fonte di delusione, ma trattando tutto come conseguimento del nulla,  si raggiunge merito incomparabile.

Hui Neng

Buddhist meditation: Belief in self is the source of delusion, But treating all attainment as void, attains merit incomparable.

 Hui Neng

Una perla al giorno – Sri Nisargadatta Maharaj


musica_e_parole

 

Una volta che vi  rendete conto che la strada è l’obiettivo e che siete sempre sulla strada, non per raggiungere un obiettivo, ma per godere della sua bellezza e la sua saggezza, la vita cessa di essere un compito e diventa naturale e semplice, di per sé un’estasi.

Sri Nisargadatta Maharaj

Once you realize that the road is the goal and that you are always on the road, not to reach a goal, but to enjoy its beauty and its wisdom, life ceases to be a task and becomes natural and simple, in itself an ecstasy.

Sri Nisargadatta Maharaj

Sbriciolo ricordi – I crumble memories


wpid-libera1.jpg

Sbriciolo ricordi

Erano rose
accarezzate e recluse
tra le pagine di un libro

Era soffuso incanto
che avvolgeva
anima e pensiero

Corda senza interruzione
che tenevano inseme
parole e vita

Più volte ho creduto
sperato e amato
senza credere vero
il sottile filo
che nero varcava
il disincanto

Eravamo tu ed io
sotto la pergola antica
a raccontare incanti
in lamine d’oro
– parole di vita –
perchè ci credevamo

Ed ora dimmi
di questo tuono
questa discordia sdrucita
tra parole acute
senza più poesia

Perle cadute
e ferita aperta
che mormora apatia
di un perduto sorriso

Volevo che non finisse
questo sogno sfatto
per essere fonte di magia
in aeree danze

Ma il tempo è inganno
lo sento avanzare
a rubare tutto
per non farci credere
– ancora una volta –
al perduto attimo
che possa tornare

Alimento volute di fumo
– i nostri ideali –
e nel silenzio immoto
saranno ali
oltre le piaghe infette
di chi s’è fermato
e non ci vuol seguire

24.05.2005 Poetyca

I crumble memories

There were roses
caressed and recluse
between the pages of a book

It was suffused with charm
that enveloped
soul and mind

Rope without interruption
that held concomitantly
words and life

I have often thought
hoped and loved
without believing true
the thin wire
that black crossed
disenchantment

Were you and I
under the pergola old
telling charms
in gold foil
Words of life
because we believed

And now tell me
This thunder
this strife torn
words between acute
no more poetry

pearls falls
and open wound
that murmurs apathy
of a lost smile

I wanted it to never end
this dream unmade
to be a source of magic
in aerial dance

But time is deception
I feel advance
to steal everything
for us not to believe
Once again
lost in the moment
he can return

Food plumes of smoke
Our ideals
and in motionless silence
wings will be
over infected wounds
who has stopped
and we do not want to follow

24.05.2005 Poetyca

Scoperta – Discovery


310857_10150322455414646_742844645_8288748_1579224996_n

Scoperta

Passi che solcano
il terreno del nostro andare
ricerca profonda
dove il sole
scaccia ogni ombra
Soffice incanto
quando la scoperta conduce
non a luoghi distanti
ma alla profonda essenza
del nostro essere Luce
04.10.2013 Poetyca
Discovery
Steps that ply
the ground of our going
deep research
where the sun
casts all shadows
Soft charm
when the discovery leads
not to distant places
but in the deepest essence
Light of our being
04.10.2013 Poetyca

Io resto – I’m staying


io resto

Io resto

Io resto sottovento
per non farmi prendere
dal timore
dal sogno
dall’illusione
Io resto in ascolto
per far penetrare
speranza viva
squarcio tra nubi
– luce ed amore –
Io resto nel disincanto
dove tutto accade
come testimone
senza cedere
 all’esaltazione
Io resto a braccia aperte
per mostrare il cuore
in attesa e presenza
dove tutto è adesso
oltre parole e silenzio

14.05.2013 Poetyca

I’m staying

I’m staying downwind
do not take me for
by fear
by the dream
by illusion
I’m staying in listening
to penetrate
living hope
gap in clouds
– Light and love –
I’m staying in the disillusion
where it all happens
as a witness
without giving
to the exaltation
I stand with open arms
to show the heart
waiting and presence
where all is now
beyond words and silence

14.05.2013 Poetyca

Una perla al giorno – Gangottara Sutra


82_1024

 

L’assenza del pensiero discriminante non può essere compresa o afferrata per mezzo del pensiero.

 Budda

  Gangottara Sutra

The absence of discriminative thought cannot be understood or grasped by means of thinking.

 Buddha

 Gangottara Sutra

Raccontami – Tell me


raccontami2
Raccontami

Raccontami parole
incise e mai uguali
sull’orlo di un arcobaleno
– perle vive –
per prendere per mano
ogni cuore assetato

Raccontami pensieri
colorati di sapori
vivi nell’incanto
 – attese mai vane –
dove tutto srotola
respiri d’amore

Raccontami di te e di me
soffici passi
di anime senza tempo
 – perché tutto è incandescente –
tutto cerca senso
solo se tu ci sei

15.05-2013 Poetyca

Tell me

Tell me words
engraved and never the same
on the brink of a rainbow
– pearls lives –
to join hands
every thirsty heart

Tell me thoughts
colorful flavors
live in the enchantment
– never waited in vain –
where everything rolls
breaths of love

Tell me about you and me
soft steps
of timeless souls
– Because everything is glowing –
all search direction
only if you’re there

15.05-2013 Poetyca

Storie da ricucire – Stories to mend


  1. L’ultima Thule è il ventiquattresimo ed ultimo album del cantautore italiano Francesco Guccini, uscito il 27 novembre 2012[2]. Come annunciato da Guccini[3], le registrazioni sono avvenute all’interno del Mulino della famiglia Guccini a Pavana.

    Come copertina del disco Guccini ha scelto un veliero fra i ghiacci polari, una foto scattata da Luca Bracali durante i suoi viaggi. “Quando ho visto quella immagine – ha spiegato il cantautore modenese – mi sono detto che era lei”.[4]

    L’edizione digitale contiene anche un video registrato a Pavana in cui Francesco Guccini racconta i giorni della lavorazione de L’ultima Thule.[5]

    Il cantautore ha dichiarato che, dopo questo album, molto probabilmente non scriverà più canzoni, né terrà concerti e che, in passato, meditò spesso di intitolare così l’ultimo lavoro discografico: L’ultima Thule.[6]

    Il disco si è rivelato l’ennesimo successo per Guccini: nel giro di solamente un mese ha infatti venduto più di 100.000 copie, risultando tra i cinque album più venduti in Italia nel periodo natalizio. A fine 2013 la FIMI gli ha attribuito il secondo disco di platino, per le oltre 120.000 copie vendute. Nel corso dello stesso anno è stato realizzato il film Francesco Guccini La mia Thule che documenta la registrazione del disco, in una sala di incisione particolare e creata per l’occasione nel mulino di Chicòn, a Pàvana, in cui il cantautore abitò e a cui sono legati alcuni momenti della sua vita e alcune sue opere letterarie e canzoni.

    Essendosi Guccini ritirato dalle esibizioni live a fine 2011, questo disco non è stato presentato in tournée dall’autore; i suoi storici musicisti, però, con la sola eccezione diEllade Bandini e Roberto Manuzzi, che non hanno preso parte al progetto, hanno portato in tour l’album nel corso del 2013, con l’aggiunta, alla voce, di Danilo Sacco. Il gruppo così costituito, che nei concerti alternava i brani nuovi con quelli storici del cantautore, ha assunto il nome di Danilo Sacco e i Musici.

    http://it.wikipedia.org/wiki/L%27ultima_Thule

Storie da ricucire

Bandiere di luce, storie da ricucire,
un passato che s’intreccia con il presente:
Un giorno d’Aprile che non va dimenticato,
banalizzato o strumentalizzato….
E’ nel sacrificio e nella storia
la traccia indelebile di quest’Italia
da difendere e da amare.

25.04.2015 Poetyca

Stories to mend

Flags of light, stories to mend,
a past that is interwoven with the present:
One day in April that should not be forgotten,
trivialized or exploited ….
And ‘sacrifice and history
the indelible mark of this Italy
to defend and to love.

04/25/2015 Poetyca

The Best of Echo & The Bunnymen



Gli Echo & the Bunnymen sono un gruppo musicale britannico post-punk formatosi a Liverpool nel 1978.
Inizialmente il gruppo era composto da Ian McCulloch, Will Sergeant e Les Pattinson. Sono diventati famosi
per album come Heaven Up Here, Porcupine e Ocean Rain in cui è contenuta la canzone The Killing Moon.
https://it.wikipedia.org/wiki/Echo_%26_the_Bunnymen
Echo & the Bunnymen are an English rock band formed in Liverpool in 1978.
The original line-up consisted of vocalist Ian McCulloch, guitarist Will Sergeant and bass player Les Pattinson,
supplemented by a drum machine. By 1980, Pete de Freitas joined as the band’s drummer.
Their 1980 debut album, Crocodiles, met with critical acclaim and made the UK Top 20.
Their second album, Heaven Up Here (1981), again found favour with the critics and reached number 10 in the UK Album chart.
The band’s cult status was followed by mainstream success in the mid-1980s, as they scored a UK Top 10 hit with “The Cutter”,
and the attendant album, Porcupine (1983), reached number 2 in the UK. Their next release, Ocean Rain (1984),
continued the band’s UK chart success, and has since been regarded as their landmark release, spawning the hit singles
“The Killing Moon”, “Silver” and “Seven Seas”. One more studio album, Echo & the Bunnymen (1987), was released
before McCulloch left the band to pursue a solo career in 1988.
The following year, in 1989, de Freitas was killed in a motorcycle accident,
and the band re-emerged with a new line-up. Original members
Will Sergeant and Les Pattinson were joined by Noel Burke as lead singer,
Damon Reece on drums and Jake Brockman on keyboards.
This new incarnation of the band released Reverberation in 1990,
but the disappointing critical and commercial reaction it received culminated
with a complete split in 1993.
After working together as Electrafixion, McCulloch and Sergeant
regrouped with Pattinson in 1997 and returned as Echo & the Bunnymen
with the UK Top 10 hit “Nothing Lasts Forever”. An album of new material,
Evergreen, was greeted enthusiastically by critics and the band made a successful
return to the live arena. Though Pattinson left the group for a second time,
McCulloch and Sergeant have continued to issue new material
as Echo & the Bunnymen, including the albums What Are You Going
to Do with Your Life? (1999), Flowers (2001), Siberia (2005), The Fountain (2009)
Meteorites (2014).
In 2012 Ian McCulloch released his fourth solo LP, Pro Patria Mori
and a live album Holy Ghosts in 2013.[4] In 2013 Will Sergeant
and Les Pattinson formed a group called “Poltergeist” and released
an album called Your Mind Is A Box (Let Us Fill It With Wonder)
in June 2013.
https://en.wikipedia.org/wiki/Echo_%26_the_Bunnymen

Il mio saluto – My greeting


fede_1024

Il mio saluto

Giri
concentrici
di parole
per gioco
per dare ritmo
al semplice andare
Soffi
di fantasia
per sorridere
per raccogliere
un pezzo di storia
Oggi
ancora attendo
le tue parole
ricche d’incanto
Occhi
leggono
ammiccanti
Prima
del mio saluto
Ciao

21.05.2015 Poetyca

My greeting

Rounds
concentric
of words
for game
to give rhythm
easy to go
puffs
fancy
to smile
to collect
a piece of history
today
still await
your words
rich with charm
eyes
read
winking
before
my greeting
Hello

21/05/2015 Poetyca

Caravan – In The Land Of Grey And Pink 1971


I Caravan sono un gruppo musicale inglese di rock progressivo formatosi nel 1968 a Canterbury, nel Kent. Il loro stile musicale combina la musica pop con il jazz rock ed il rock psichedelico.

Insieme ai Soft Machine, depositari di uno stile maggiormente basato sulla fusion e sulla sperimentazione, rappresentano i due filoni principali della corrente musicale nota come scena di Canterbury. La band, capostipite del filone melodico di questo movimento, ha influenzato diverse band progressive degli anni settanta,[1] come i Camel.

https://it.wikipedia.org/wiki/Caravan_(gruppo_musicale)

Caravan are an English band from the Canterbury area, founded by former Wilde Flowers members David Sinclair, Richard Sinclair, Pye Hastings and Richard Coughlan in 1968.[1] The band have not achieved much commercial success, but are considered a key part of the Canterbury scene, blending psychedelic rock, jazz and classical influences to create a distinctive sound.

The band were originally based in Whitstable, Kent, near Canterbury, but moved to London when briefly signed to Verve Records. After being dropped by Verve, the band signed to Decca Records, where they released their most critically acclaimed album, In the Land of Grey and Pink in 1971. David Sinclair left after the album’s release and the group split up the following year. Hastings and Coughlan added new members, notably viola player Geoffrey Richardson, continuing on before splitting in 1978.

The band reformed several times in the following decades, and Caravan still remain active as a live band in the 21st century, despite Coughlan’s death in December 2013.

https://en.wikipedia.org/wiki/Caravan_(band)

Stelle nuove – New stars


testesso

Stelle nuove
Pensieri colorano il respiro
scivola incanto di parole:
Come su tela di un pittore
l’anima danza ed accarezza
nuovi palpiti del cuore
L’armonia regala attimi
da cullare nella musica
di sogni e bagliori di stelle nuove

01.08.2013 Poetyca

New stars

Thoughts color the breath
slips enchantment of words:
How about a painter’s canvas

soul dance and caresses
new beats of heart
Harmony gives moments
lulled by the music
of dreams and flashes of new stars

01.08.2013 Poetyca