Risultati della ricerca per: 2013

Traccia inestinguibile


bruno2_1024

Traccia inestinguibile

Perduta è la traccia
di passi nel cuore
dove lucenti rifulgevano
Luce ed infinito Amore
come stelle dello stesso
immutato percorso
come fari tra le asperità
di ogni notte
nella ricerca di senso
E’ stato solo il tempo
di un distratto respiro
quando volgendo gli occhi
ad occidente
un muto desiderio
mi spinse a cercare altrove
illusione ed inganno
camuffate da Verità
senza tempo
Ora vuoto del suono
inebriante e profondo
è questo cuore in ricerca
ma so che nulla si perde
lungo la via
perché incisa è la rotta
nell’anima di chi sa cercare
con umile coraggio
nella sete inestinguibile
del vero Amore

08.10.2013 Poetyca

Unquenchable trace

Lost is the trace
of steps in the heart
where shone bright
Light and infinite Love
as stars of the same
unchanged path
as beacons between the roughness
each night
in the search for sense
It was just the time
a careless breath
when turning his eyes
to the west
a mute desire
prompted me to look elsewhere
illusion and deception
disguised as Truth
timeless
Now empty sound
heady and deep
is this heart in search
but I know that nothing is lost
along the way
because the route is engraved
in the soul of those who know how to seek
with humble courage
the unquenchable thirst
of true Love

10/08/2013 Poetyca

Annunci

Ripartire ancora


 

310857_10150322455414646_742844645_8288748_1579224996_n

Ripartire ancora

Cercare seguendo passi
orme sulla sabbia
della memoria
solo infiniti attimi di vita
per accarezzare
sempre gioia

Soffiare via paure
quelle tremanti illusioni
nascoste in fondo al cuore
Poi ripartire ancora
nell’incanto
di nuove aurore

08.07.2013 Poetyca


To sail again

Try following steps
footprints in the sand
of memory
only endless moments of life
to caress
always joy

Blow away fears
those trembling illusions
hidden deep in my heart
Then reboot again
in the enchantment
of new dawns

08.07.2013 Poetyca

Confine


wpid-ali2.jpg

Confine

Non esistono barriere

dove vasto è il ricordo

come cielo

come respiro

in una carezza di silenzio

nel sussurro di onde

illuminate di stelle

Basta accendere speranze

ascoltare l’incanto della notte

come brezza sul viso

come luce di vita

nella mano stretta

a conferma dell’essere

insieme sulla nostra isola

25.06.2013 Poetyca

Boundary

There are no barriers

where large is the memory

like heaven

like breath

in a caress of silence

the whisper of waves

illuminated of stars

Just turn hopes

listen to the magic of the night

as a breeze on your face

as the light of life

in the hand tight

a confirmation of being

together on our island

25.06.2013 Poetyca

Colori del cuore


colori del cuore

Colori del cuore

Colorerò l’alba
con il tramonto
nella sorpresa
del dolce incanto
mentre la notte
regala a tutti stelle
per ricomporre
un nuovo percorso
su vecchie tracce

Una sola bussola
un solo cuore
itinerario certo
da ascoltare
nei momenti incerti
dove le ombre danzano
su sfavillii di luce
ma rinasce ogni istante
soltanto amore

10.01.2013 Poetyca

Colors of the heart

I want to paint the dawn
with the sunset
in the surprise
of the sweet enchantment
while the night
gives all stars
to reconstruct
a new path
on old tracks

A single compass
one heart
certain route
to listen
in uncertain times
where shadows dance
on flickering of light
but reborn every moment
only love

10.01.2013 Poetyca

Nel mistero


nel mistero

Nel mistero

Danzano
Gocciolano
Abbracciano il mondo
parole sbocciate
Soffice incanto
Fascino lieve
in punta di dita
dalla mente al cuore
Girandola di stelle
illumina il tempo
di un solo sospiro:
È vita intinta
nel mistero

11. 04. 2013 Poetyca

In the mystery

Dance
Drips
Spanning the world
words blossomed
Soft charm
Charm slight
at your fingertips
from the mind to the heart
Swirl of stars
illuminates the time
a single sigh:
Life is dipped
in the mystery

11. 04. 2013 Poetyca

Cat Stevens Greatest Hits


Yusuf Islam, nato Steven Demetre Georgiou e a lungo conosciuto con il suo nome d’arte Cat Stevens (Londra, 21 luglio 1948), è un cantautore britannico.

Figlio di padre greco-cipriota (Stavros Georgiou) e madre svedese (Ingrid Wickman), cresce a Shaftesbury Avenue, nel quartiere di Soho a Londra, sopra il ristorante di proprietà del padre dove veniva spesso suonata musica popolare greca, dalla quale verrà influenzato.[2] Per un breve periodo della sua infanzia si sposta con la madre a Gävle in Svezia, dove impara i primi rudimenti della pittura dallo zio Hugo. Ciò influenzerà la carriera artistica del futuro Cat Stevens, spesso autore delle copertine dei propri album.

All’inizio della sua carriera musicale, Georgiou adotta il nome “Cat Stevens” dopo che un’amica gli fa notare che i suoi sembrano gli occhi di un gatto. Siamo in pieno periodo Swinging London, e Stevens incarna in pieno lo stereotipo del cantante pop commerciale dell’epoca, un’immagine dalla quale egli si distanzierà notevolmente negli anni a seguire. Dopo i primi due album Matthew and Son e New Masters, che ottengono un tiepido successo soprattutto grazie a qualche singolo come I Love My Dog, Stevens si ammala gravemente di tubercolosi e passa un certo periodo in un sanatorio di Midhurst, nella campagna inglese. Qui comincia a riflettere sul proprio futuro, sulla propria carriera (cambia casa discografica), sul proprio stile di vita, decidendo di operare un drastico cambiamento anche a partire dall’immagine: capelli più lunghi, barba e abiti più informali.

Il periodo lontano dalle scene lascia il segno e nel giro di due anni (1970 e 1971) dà alle stampe Mona Bone Jakon, Tea for the Tillerman e Teaser and the Firecat, che lo faranno diventare famoso in tutto il mondo: Lady D’Arbanville che arriva prima in Francia per quattro settimane, seconda nei Paesi Bassi ed ottava nel Regno Unito, Wild World, Father and Son, Morning Has Broken, Moonshadow, Peace Train tra le più celebri. Da segnalare la presenza tra i musicisti di artisti del calibro di Peter Gabriel (flauto in Katmandu) e Rick Wakeman, all’epoca quasi sconosciuti ai più.

Lo stile musicale che ne esce fuori è quello che contraddistinguerà Cat Stevens per tutta la sua carriera: chitarre acustiche in primo piano, sonorità delicate, richiami alla tradizione greca, testi a metà strada tra la canzone d’amore ed il misticismo, il tutto condito dalla calda vocalità dello stesso Stevens. In questo periodo partecipa alla colonna sonora del film Harold e Maude, con brani già editi e i due inediti Don’t Be Shy e If You Want to Sing Out, Sing Out. Gli album successivi Catch Bull at Four, Foreigner, Buddha and the Chocolate Box e Numbers abbandonano in parte lo stile acustico per soluzioni sperimentali più elettriche.
Yusuf Islam/Cat Stevens (2009)
Decisivo è in tal senso l’ingresso, nel gruppo di musicisti che accompagna Stevens, del tastierista Jean Roussell. Tra i brani di maggior successo di tali album vi sono Sitting, The Hurt e Oh Very Young. Nel frattempo Stevens intraprende una serie di tour intorno al mondo e arriverà a vendere oltre quaranta milioni di dischi. Il suo unico concerto in Italia si tiene a Roma nel 1974. Si trasferisce successivamente in Brasile per motivi di tasse, e comincia ad avvicinarsi a tematiche prettamente religiose. Nel 1976 suo fratello, di ritorno da un viaggio a Gerusalemme, gli regala una copia del Corano: quest’avvenimento segnerà la vita del cantautore.

Nel 1977, dopo aver rischiato di morire annegato a Malibù, secondo un aneddoto da lui stesso citato più volte, Stevens si converte all’Islam adottando il nome Yusuf Islam. Incide ancora Isitzo e Back to Earth dopodiché si ritira completamente dalle scene e diventa un membro eminente della comunità musulmana di Londra, aprendo anche la Islamia Primary School, una scuola nel nord della capitale britannica. Balza agli onori delle cronache nel 1989, quando apparentemente appoggia la fatwa lanciata contro lo scrittore Salman Rushdie per i suoi I versi satanici. In realtà Islam, il quale si trovava al Kingston Polytechnic di Londra per un incontro con gli studenti, si era limitato a spiegare il perché di quella condanna da parte del mondo musulmano, senza mai invocare direttamente alcuna sanzione, precisando successivamente che non avrebbe appoggiato la richiesta dell’ayatollah Khomeini in quanto lesiva della legislazione britannica. Questa controversia comunque gli avrebbe causato l’ostracismo di gran parte del mondo musicale per lungo tempo.

Nel 2004 Islam è di nuovo nell’occhio del ciclone quando gli viene negato l’ingresso negli USA perché il suo nome è nella lista degli indesiderati dopo gli eventi dell’11 settembre 2001. Il cantautore si trovava su un volo Londra-Washington, quando all’improvviso l’aeroplano viene dirottato in un altro aeroporto e Islam viene trattenuto e fatto tornare in patria. Il caso fa mobilitare anche l’allora Ministro degli Esteri britannico Jack Straw in difesa del cantante. Yusuf Islam vive tuttora a Londra con sua moglie e i suoi cinque figli. Ha fondato associazioni benefiche come Muslim Aid e Small Kindness per assistere le vittime della carestia in Africa. Inoltre, il cantante ha donato parte delle royalties del suo Box Set americano del 2001 al fondo per le vittime degli attentati dell’11 settembre 2001.

Tornato a calcare le scene, collaborando di nuovo con Peter Gabriel in occasione di un concerto in onore di Nelson Mandela a Johannesburg nel 2013, duettando con Ronan Keating il brano Father and Son, nel 2006 ha pubblicato l’album An Other Cup. Nel 2007 pubblica un DVD live, Yusuf’s Cafè Session, registrato durante un concerto tenuto al Porchester Hall di Londra, mentre nel 2009 esce il suo album Roadsinger, per il quale nel 2011 si è esibito in un tour europeo. Nel 2012 ha scritto, sceneggiato e prodotto un suo musical, denominato Moonshadow, in world premiere a Melbourne, con 58 appuntamenti in Australia: il tour europeo è ancora da definire. Nel 2014 partecipa come ospite alla serata iniziale del Festival di Sanremo dove propone Peace Train, Maybe There´s a World (con citazione di All You Need Is Love dei Beatles) e Father and Son e annuncia il suo prossimo album, in fase di ultimazione. Nel 2014 esce il suo ultimo album Tell ‘Em I’m Gone, metà cover e metà scritte da lui, accompagnato dal nuovo tour Peace train… late again tour con un’unica data italiana al Forum di Assago.

https://it.wikipedia.org/wiki/Cat_Stevens

Cat Stevens

Yusuf Islam (born Steven Demetre Georgiou, 21 July 1948), commonly known by his former stage name Cat Stevens, is a British singer-songwriter, multi-instrumentalist, humanitarian, and education philanthropist. His 1967 debut album reached the top 10 in the UK, and the album’s title song “Matthew and Son” charted at number 2 on the UK Singles Chart. His albums Tea for the Tillerman (1970) and Teaser and the Firecat (1971) were both certified triple platinum in the US by the RIAA.

His 1972 album Catch Bull at Four spent three weeks at number one on the Billboard 200, and fifteen weeks at number one in the Australian ARIA Charts. He earned two ASCAP songwriting awards in 2005 and 2006 for “The First Cut Is the Deepest”, and the song has been a hit for four different artists. His other hit songs include “Father and Son”, “Wild World”, “Peace Train”, “Moonshadow”, and “Morning Has Broken”. In 2007 he received the British Academy’s Ivor Novello Award for Outstanding Song Collection.

In December 1977, Stevens converted to Islam[10] and adopted the name Yusuf Islam the following year. In 1979, he auctioned all his guitars for charity[11] and left his music career to devote himself to educational and philanthropic causes in the Muslim community. He was embroiled in a long-running controversy regarding comments he made in 1989 about the death fatwa on author Salman Rushdie. He has received two honorary doctorates and awards for promoting peace from two organisations founded by Mikhail Gorbachev.

In 2006, he returned to pop music – releasing his first album of new pop songs in 28 years, titled An Other Cup. With that release and for subsequent ones, he dropped the surname “Islam” from the album cover art – using the stage name “Yusuf” as a mononym. In 2009, he released the album Roadsinger, and in 2014, he released the album Tell ‘Em I’m Gone, and began his first US tour since 1978. He was inducted into the Rock and Roll Hall of Fame in 2014.

https://en.wikipedia.org/wiki/Cat_Stevens

Specchio di vita


2

Specchio di vita

Raccogli una lacrima
e svela a te stesso
quel che nascondevi
Dipingi un sorriso
e allarga le braccia
per accogliere l’arcobaleno

La vita ha a volte passi incerti
e vorresti l’incanto della luna
per sognare , ancora una volta
oltre il confine del nulla

Consapevolezza
è un cammino che raccoglie
tracce di cielo
per rincorrere nei silenzi
quel che eri e che sarai domani

Traccia di vita
in concentriche danze
oltre ogni tempo
per essere dell’infinito
l’incanto senza mistero

Respira ed apri la tua mano
per sentirla sfiorare
senza distanze
da chi ha nel cuore
la tua stessa musica

14.11.2004 Poetyca

Mirror of life

Collect a tear
and reveals to yourself
that you were hiding
Paint a smile
and spreads yours arms
to accommodate the rainbow

Life has sometimes uncertain steps
and would like the charm of the moon
to dream once again
beyond the boundary of nowhere

Awareness
is a path that collects
traces of sky
to chase in the silences
what you were and who you will be tomorrow

Trace of life
in concentric dances
beyond time
to be infinite
without the magic mystery

Breathe and open your hand
to hear her touch
distances without
by those who have the heart
your own music

14.11.2004 Poetyca

 

Magia


6

Magia

Magia della notte
ascolto di un infinito
attimo senza frontiere:
Tutto respira vita
nel rincorrersi del silenzio
appeso al battito del cuore

Magia di chi vede
con occhi sognanti
oltre la siepe:
Tutto conosci
senza parole
nell’incanto senza nome

11.11.2013 Poetyca

Magic

Magic of the night
listening to an endless
moment without borders:
Everything breathes life
in chase of silence
hanging from the heartbeat

Magic of those who see
with dreamy eyes
over the hedge:
everything you know
without words
enchantment with no name

11/11/2013 Poetyca

Oltre ogni stagione


6

Oltre ogni stagione

L’amore non conosce tempo
ma si concede istanti eterni di condivisione,
di fanciullesca bellezza e gioia

Cercami quando
la goccia tocca la superficie del lago
Cercami quando
la coccinella spicca il volo
verso l’infinito
Cercami nel respiro e nell’attimo
per cogliere dove sono

– Con te, in te e per te Vita –
e forza che non conosce abbandono
espansione di cerchi che toccano la sponda
dell’essere presenza nel silenzio
e sono infinito dono nel respiro ansante del Cuore
– estasi e congiuzione con l’Universo –
per questa meraviglia che non smette
neppure se chiudessi gli occhi
o finisse il respiro ad ancorare al tempo

Con te sono danza e nascondimento
tra colori ed incanto che armonizzano Amore
gioco della Vita che si manifesta oltre ogni stagione

06.08.2006 Poetyca

Over all seasons

Love knows no time
but it grants eternal moments of sharing,
of childish beauty and joy

Look for me when
the drop touches the surface of the lake
Look for me when
ladybird takes off
to infinity
Look for me in the breath and in the moment
to understand where they are

– With you, in you and for you life –
and strength that knows no surrender
expansion of circles that touch the shore
Being there in the silence
and are infinite in the gift of breath panting Heart
– Congiuzione ecstasy and the Universe –
for this wonder that never ceases
even if you were to close the eyes
or end the breath to anchor at the time

With dance and you are hiding
between color and charm that harmonize Love
Game of Life that manifests itself over every season

06.08.2006 Poetyca

 
 
 

Come acqua pura


ak3_1024

Come la pioggia caduta sulla cima del monte
scorre lungo i pendii su ogni lato,
così coloro che vedono soltanto
l’apparente molteplicità della vita
rincorrono le cose per ogni dove.
Come acqua pura versata in acqua pura
diviene la stessa cosa,
così il sé della persona sveglia,
Naciketa, in verità si fonde con il divino.

Katha Upanishad

As the rain fell on the top of Mt.
flows along the slopes on each side,
so those who see only
the seeming multiplicity of life
chase things everywhere.
As pure water poured into pure water
becomes the same thing,
so the self of the person wakes up,
Naciketa, actually merges with the divine.

Katha Upanishad

Grazie


bruno2_1024

Grazie

Grazie

per i colori che io non vedo

e che tu indichi alla mia anima

Grazie

per i sospiri

della speranza che racconta

il futuro con i contorni del sogno

Grazie

per le nuvole mai stanche

di viaggiare oltre ogni confine

e regalano pioggia

a questa terra assetata

Grazie

per i sussulti del vento

che si tramutano in brezza

nell’accarezzare con un sussurro

il mio cuore

Grazie

per la tenerezza che avvolge

e riempie di voci questo silenzio

Grazie

perchè tu ci sei

e mi nutri come fa la rugiada

con un fiore

Grazie

perchè animi il mio mondo

e lo rendi migliore

con la bellezza che specchia

il valore della vita

20.08.2004 Poetyca

Thanks

 Thanks

 for the colors that I do not

 and that you indicate to my soul

 Thanks

 for the sighs

 of hope that tells

 the future with the contours of the dream

 Thanks

 for the clouds never tired

 to travel beyond the border

 and give rain

 in this thirsty land

 Thanks

 for the jerks of the wind

 that turn into breeze

 nell’accarezzare with a whisper

 my heart

 Thanks

 for the tenderness that wraps

 and fills the silence of voices

 Thanks

 because you’re there

 and feed me as does the dew

 with a flower

 Thanks

 minds because my world

 And you make it better

 with the beauty that reflects

 the value of life

 20.08.2004 Poetyca

Senza scegliere


 

rosaflor

Senza scegliere

Essere magneti,attirare la vita,
l’amore e custodirlo,
farne dono, capaci di apertura,
di accoglienza sincrona.
Vivere il momento,
riempirci di gioia e meraviglia,
perchè nulla ci appartiene,
tutto ci avvolge nell’abbondanza
del riconoscimento autentico.
Tutto è offerta da porgere al vento
che sa distribuire senza scegliere.

23.09.2014 Poetyca

Without choosing

Being magnets attract the life,
love it and keep it,
make a gift, capable of opening,
Synchronous reception.
Living in the moment,
fill us with joy and wonder,
because nothing belongs to us,
all wraps us in abundance
recognition of the authentic.
Everything is offered to extend the wind
who knows how to distribute without choosing.

09/23/2014 Poetyca

L’anima non dimentica


fede_1024

L’anima non dimentica

Nessuna anima
è sola
tappa dopo tappa
è incontro
parola sincera
nel silenzio
traboccante
di presenza
Nessuna rotta
è lontana
momento dopo momento
è scoperta
al centro del cuore
dove tutto ha inizio
in punta di dita
eterno ritorno della memoria

13.06.2013 Poetyca

The soul does not forget

No soul
it is alone
step by step
it is meeting
sincere word
in the silence
overflowing
presence
No route
is far
moment by moment
it is discovered
at the center of the heart
where it all begins
above the tip of the fingers
eternal return of the memory

13.06.2013 Poetyca

Lou Reed Greatest Hits – Best songs of Lou Reed


Lewis Allan Reed (New York, 2 marzo 1942Long Island, 27 ottobre 2013) è stato un cantautore, chitarrista e poeta statunitense.

Cantore al contempo crudo e ironico dei bassifondi metropolitani, dell’ambiguità umana, dei torbidi abissi della droga e della deviazione sessuale, ma anche della complessità delle relazioni di coppia e dello spleen esistenziale, Lou ha finito con l’incarnare lo stereotipo dell’Angelo del male, immagine con cui ha riempito i media per oltre tre decenni divenendo una delle figure più influenti della musica e del costume contemporanei.[1][4]

Con i Velvet Underground, fondati nella sua New York a metà anni sessanta insieme al musicista d’avanguardia John Cale, pur non riscuotendo alcun successo commerciale ha rivoluzionato per sempre i dettami della musica rock, gettando le basi per quell’estetica nichilista che anni dopo sarebbe stata ribattezzata Punk.[5][6]Dopo lo scioglimento del gruppo ha avviato una lunga e proficua carriera solista, che può vantare album storici come Transformer (prodotto da David Bowie), il concept album Berlin, il live Rock N Roll Animal e l’album-provocazione Metal Machine Music.[7]

Celebri e imitatissimi il suo look divenuto un marchio di fabbrica (giacca di pelle nera, jeans e Ray-Ban scuri), la sua voce apatica e apparentemente monocorde, il suo stile chitarristico abrasivo e dissonante.[8]

http://it.wikipedia.org/wiki/Lou_Reed

Lewis AllanLouReed (March 2, 1942 – October 27, 2013) was an American musician, singer, and songwriter.[1] After serving as guitarist, vocalist, and principal songwriter of the Velvet Underground, his solo career spanned several decades.

The Velvet Underground was a commercial failure in the late 1960s, but the group gained a considerable cult following in the years since its demise and has gone on to become one of the most widely cited and influential bands of the era.[2] Brian Eno famously stated that, while the Velvet Underground’s debut album only sold 30,000 copies, “everyone who bought one of those 30,000 copies started a band.”[3]

After his departure from the group, Reed began a solo career in 1972. He had a hit the following year with “Walk on the Wild Side“, but this level of mainstream commercial success was not to be repeated.[4] Reed was known for his distinctive deadpan voice, poetic lyrics and for pioneering and coining the term ostrich guitartuning.[5]

In 2003, Rolling Stone magazine’s list of The 500 Greatest Albums of All Time included two albums by Reed as a solo artist, Transformer and Berlin.[6]

http://en.wikipedia.org/wiki/Lou_Reed

Dhammapada 17


Dhammapada17

Chi fa del male
crea la propria sofferenza
nel presente e nel futuro.
Il pensiero assillante
del proprio torto
tiene schiava la mente
e precipita nel caos.

Verse 17. Evil Action Leads to Torment

Here one burns, one burns hereafter,
in both ways does the evil-doer burn;
evil I’ve done, remorsefully one burns,
and more one burns passed to realms of woe.

La chiave


wpid-libera1.jpg

L’Oriente possiede un’infinita’ di chiavi segrete, ma persino una sola e’ sufficiente perche’ quell’unica chiave può aprire migliaiae migliaia di porte.  
Osho 
The East has an infinite ‘secret keys, but even one and’ enough ‘cause that one key can open thousandsand thousands of doors.

Osho

Carpe diem


coloriemomenti_1024

Da quando abbiamo smesso di credere nell’aldilà, dove ogni rinuncia sarà ricompensata dal soddisfacimento, il Carpe diem è diventato un ammonimento serio.

Sigmund Freud, Il motto di spirito, 1905

Since we stopped believing in the afterlife, where each waiver will be rewarded by the satisfaction, Carpe diem has become a serious warning.

Sigmund Freud, Wit, 1905

Nastri d’infinito


Nastri d’infinito

Respirare
Attendere
per abbracciare
stelle e sogni
srotolando
in questa notte
nastri argentei
nel nostro infinito

01.12.2015 Poetyca

Tapes infinite

Breathe
wait for
to embrace
stars and dreams
unrolling
on this night
silver tapes
in our infinite

01/12/2015 Poetyca

Sino all’ultimo respiro


6
Sino all’ultimo respiro

Riflesso negli occhi
di eoni di vita
germogliata
in forza e tenerezza
tra scaglie dorate
di raggi di sole
su foglie d’Autunno
poi scivolate
in danza lieve

Palpito e senso
nel battito del cuore
di braccia protese
verso il cielo
nello scavare
o scardinare porte
nella ricerca
oltre la vetta
sino all’ultimo respiro

08.10.2013 Poetyca

Until last breath

Reflected in the eyes
eons of life
germinated
in strength and tenderness
between golden scales
ray of sunshine
of leaves in the Autumn
then slide
in light dance

Heartbeat and sense
in heartbeat
with arms outstretched
to the sky
digging
or unhinge doors
in research
over the top
to the last breath

10/08/2013 Poetyca

Lasciare andare


candido_giglio_1024

 

Lasciare andare

Quante volte, di fronte ad eventi inaspettati,
dove ci sentiamo colpiti, cerchiamo di reagire,
di difenderci, attraverso la rabbia:
accomuliamo antiche esperienze, pensiamo
di doverci difendere da grandi ingiustizie.
Dentro di noi divampa un fuoco, una forza distruttrice,
della quale diventiamo succubi, incapaci
di tenere stretto il timone della nostra scelta
di guardare in profondità per correggere
l’istinto alla vendetta.
Quanto più forti e saggi siamo se,
comprendendo per tempo
il nostro bisogno di reagire,
scegliamo di lasciare andare
ogni gesto di separazione, di aggressione
ed invece proviamo a dialogare con coloro
che pensiamo essere nostri nemici.
Il vero nemico per noi stessi… siamo solo noi.

08.10.2013 Poetyca

Letting go

How many times, in the face of unexpected events,
where we feel affected, we try to react,
to defend ourselves, through anger:
accomuliamo old experiences, we think
of having to defend against great injustices.
Within us a blazing fire, a destructive force,
of which we become slaves, unable to hold tight
the helm of our choice to look deep
to correct the instinct for revenge.
How much more if we are strong and wise,
  including our need for time to react,
  we choose to let go of any act of separation,
of aggression and instead try to dialogue with those
we think of as our enemies.
The real enemy for ourselves …  are just us.

10/08/2013 Poetyca

 

★ cღPoeti amici ღ★


sandroremiddi6

 

Così come cresce dentro
un fiore
così una luce cosciente,
silenziosamente presente
declina le nuove favole
come un solfeggio
di anime
negli accordi di sensazioni
pronte a trasformare
un muto tappeto di neve.

Sandro Remiddi

As well as increases in
a flower
as a conscious light,
this quietly
accept new stories
as a solfege
anime
agreements of sensations
ready to transform
a silent carpet of snow.

Sandro Remiddi

Deep Purple-Made In Japan (1972)


I Deep Purple sono un gruppo musicale hard rock inglese, formatosi a Hertford nel 1968. Insieme a gruppi come Led Zeppelin e Black Sabbath, sono considerati fra i principali pionieri del genere heavy metal.

Vengono considerati una delle band più influenti del panorama musicale degli anni settanta, con un substrato musicale molto vario, che spazia dal blues al rock and roll, dal funky al jazz e al folk, dalla musica orientale alla musica classica, fino all’R&B, a cui unirono un certo virtuosismo tecnico. Il suono della band comprende anche elementi di rock progressivo, genere in auge nel periodo.

Hanno venduto più di 100 milioni di copie nel mondo senza contare le enormi vendite di bootleg, ovvero il traffico di dischi illegali spesso registrati durante le esibizioni dal vivo del gruppo.

Il gruppo venne inserito nel Guinness dei primati come band più rumorosa del mondo a seguito di un concerto al Rainbow Theater di Londra durante il quale tre spettatori persero conoscenza a causa dei 117 dB raggiunti.

https://it.wikipedia.org/wiki/Deep_Purple

Deep Purple are an English rock band formed in Hertford in 1968. They are considered to be among the pioneers of heavy metal and modern hard rock, although their musical approach changed over the years. Originally formed as a progressive rock band, the band shifted to a heavier sound in 1970. Deep Purple, together with Led Zeppelin and Black Sabbath, have been referred to as the “unholy trinity of British hard rock and heavy metal in the early to mid-Seventies”. They were listed in the 1975 Guinness Book of World Records as “the globe’s loudest band” for a 1972 concert at London’s Rainbow Theatre, and have sold over 100 million albums worldwide.
Deep Purple have had several line-up changes and an eight-year hiatus (1976–1984). The 1968–1976 line-ups are commonly labelled Mark I, II, III and IV Their second and most commercially successful line-up featured Ian Gillan (vocals), Jon Lord (organ), Roger Glover (bass), Ian Paice (drums), and Ritchie Blackmore (guitar). This line-up was active from 1969 to 1973, and was revived from 1984 to 1989, and again from 1992 to 1993. The band achieved more modest success in the intervening periods between 1968 and 1969 with the line-up including Rod Evans (vocals) and Nick Simper (bass, backing vocals), between 1974 and 1976 (Tommy Bolin replacing Blackmore in 1975) with the line-up including David Coverdale (vocals) and Glenn Hughes (bass, vocals), and between 1989 and 1992 with the line-up including Joe Lynn Turner (vocals). The band’s line-up (currently featuring Ian Gillan, and guitarist Steve Morse from 1994) has been much more stable in recent years, although organist Jon Lord’s retirement from the band in 2002 (being succeeded by Don Airey) left Ian Paice as the only original Deep Purple member still in the band.

Deep Purple were ranked number 22 on VH1’s Greatest Artists of Hard Rock programme and a poll on British radio station Planet Rock ranked them 5th among the “most influential bands ever”. At the 2011 Classic Rock Awards in London, they received the Innovator Award.[16] In October 2012, Deep Purple were nominated for the first time for the Rock and Roll Hall of Fame, but were not voted in the following March. In October 2013, the band was announced as a Hall of Fame nominee for a second time, but again was not voted in.

https://en.wikipedia.org/wiki/Deep_Purple

Abbandonare i desideri


bruno2_1024

 

Dovete abbandonare il vostro pensiero, desiderio. Dovete solo essere, e improvvisamente tutto cade in un tutto organico, diventa armonia. E questi desideri sono la radice delle tenebre che vi circonda. Questi desideri sono il supporto, la fondazione delle tenebre che vi circondano. Questi desideri sono gli ostacoli che non permettono di diventare attenti. Attenzione a questi desideri. E ricordate – _la parola” stare attenti” significa essere consapevoli. Questo è l’unico modo. Se davvero ci si vuole sbarazzare di questi desideri, non iniziate a combatterli . In caso contrario, vi perderete ancora. Perché se iniziate a combattere con i vostri desideri, significa che è stato creato un nuovo desiderio – di essere senza desideri. Ora questo desiderio si scontreranno contro altri desideri. Questo sta cambiando la linguaggio, che rimane lo stesso.

Osho

You have to drop your thinking, desiring. You have just to be, and suddenly everything falls into an organic whole, becomes a harmony. And these desires are the root of the darkness that is surrounding you. These desires are the support, the foundation of the darkness that surrounds you. These desires are the hindrances that don’t allow you to become alert. Beware of these desires. And remember — the word ‘beware’ means be aware. That is the only way. If you really want to get rid of these desires, don’t start fighting them. Otherwise you will miss again. Because if you start fighting with your desires, that means you have created a new desire — to be desireless. Now this desire will clash against other desires. This is changing the language; you remain the same.

Osho

Phil Collins – En Concert Complet a (Paris 2004)


Philip David Charles Collins (Londra, 30 gennaio 1951) è un cantautore, polistrumentista e musicista britannico, noto sia come solista sia come componente dello storico gruppo dei Genesis.

Collins è uno dei tre artisti (insieme a Paul McCartney e Michael Jackson), ad aver venduto oltre 150 milioni di album in tutto il mondo sia come solisti che come membri principali di una band[1].

https://it.wikipedia.org/wiki/Phil_Collins

Philip David Charles “Phil” Collins, LVO (born 30 January 1951),[6] is an English singer, songwriter, multi-instrumentalist, music producer and actor. He gained fame as both the drummer and lead singer for the rock group Genesis, and he also gained worldwide fame as a solo artist.

Collins is one of the most successful songwriters and performers of all time, singing the lead vocals on dozens of hit albums and singles in the UK and the US between 1976 and 2010, either as a solo artist or with Genesis. His solo singles, sometimes dealing with lost love and often featuring his distinctive gated reverb drum sound, ranged from the atmospheric “In the Air Tonight“, dance-rock of “Sussudio“, piano-driven power balladAgainst All Odds“, to the political and religious connotations of “Another Day in Paradise“. Collins has been described by AllMusic as “one of the most successful pop and adult contemporary singers of the ’80s and beyond”.[1]

Collins joined Genesis in 1970 as the group’s drummer and became their lead vocalist in 1975 following the departure of the original lead singer Peter Gabriel. His solo career, which was launched in 1981 and was heavily influenced by his personal life and soul music, brought both himself and Genesis greater commercial success. Collins’s total worldwide sales as a solo artist are 150 million.[7] Collins has won numerous music awards throughout his career, including seven Grammy Awards, six Brit Awards—winning Best British Male three times, three American Music Awards, an Academy Award, two Golden Globe Awards and a Disney Legend Award in 2002 for his solo work.[8][9][10] He received a star on the Hollywood Walk of Fame in 1999, was inducted into the Songwriters Hall of Fame in 2003, and into the Rock and Roll Hall of Fame as a member of Genesis in 2010.[11][12] Collins was listed at number 22 in Rolling Stone magazine’s list of the “100 Greatest Drummers of All Time”.[13]

Collins is one of only three recording artists (along with Paul McCartney and Michael Jackson) who have sold over 100 million albums worldwide both as solo artists and (separately) as principal members of a band.[14] During his most successful period as a solo artist between 1981 and 1990, Collins had three UK number-one singles and seven number-one singles on the Billboard Hot 100 in the United States, as well as a U.S. number one with Genesis in 1986. When his work with Genesis, his work with other artists, as well as his solo career is totalled, Collins had more top 40 hits on the Billboard Hot 100 chart during the 1980s than any other artist.[15] In 2008, Collins was ranked the 22nd most successful artist on the “Billboard Hot 100 All-Time Top Artists”.[16] Although one of the world’s best-selling recording artists and a highly respected drummer, Collins has garnered significant criticism over the years from music journalists and fellow artists. He announced his retirement in 2011 to focus on his family life,[17][18] though he continued to write songs and in 2013 he said he was considering a return to the music industry.[19]

https://en.wikipedia.org/wiki/Phil_Collins