Risultati della ricerca per: 2013

Devo


I Devo sono un gruppo musicale statunitense formatosi ad Akron (Ohio) nel 1972.

Il loro stile musicale è stato classificato come punk, art rock o post-punk, ma sono per lo più ricordati come una delle band-simbolo della New wave. Sono oggi considerati dalla critica un gruppo fondamentale per l’evoluzione del rock contemporaneo.

Il gruppo viene fondato da Gerald Casale, Bob Lewis e Mark Mothersbaugh, nel 1972.

Il nome “Devo” viene dal termine “de-evolution” (de-evoluzione), teoria secondo cui l’umanità, invece che continuare ad evolversi, avrebbe cominciato a regredire, come dimostrerebbero le disfunzioni e la mentalità gretta della società americana. Tale teoria era frutto di uno scherzo di Casale e Lewis, nato nella fine degli anni sessanta, quando i due frequentavano la Kent State University.

La prima formazione prevedeva sei componenti: i fratelli Gerald e Bob Casale (basso e voce il primo, chitarra, tastiere e cori il secondo), Bob Lewis (chitarra), Mark Mothersbaugh (voce, sintetizzatori e chitarra), Rod Reisman (batteria) e Fred Weber (voce). La loro prima performance avviene nel 1973 al Performing Arts Festival della Kent State University.[6] Dopo questa prima esibizione, il gruppo abbandona Reisman e Weber, e ingaggia Jim Mothersbaugh alla batteria elettronica e Bob Mothersbaugh alla chitarra, entrambi fratelli di Mark. Negli anni a venire, il gruppo passerà attraverso cambi di formazione, che vedono, tra gli altri, l’abbandono di Jim Mothersbaugh, ed esibizioni dal vivo conflittuali.

Nel 1976 viene reclutato il batterista Alan Myers alla batteria, che sancisce una formazione solida che durerà dieci anni circa.

Lo stile del gruppo, ironico, pungente, irriverente e critico nei confronti della società moderna, inserito in un contesto estetico che rimanda a una sorta di fantascienza al limite del kitsch, gli fa guadagnare la simpatia di artisti noti come Neil Young e David Bowie, nonché apparizioni in film dei quali Mark Mothersbaugh curerà la colonna sonora. Il gruppo sarà anche pioniere nell’uso del videoclip, il più noto dei quali, Whip It, godrà di una massiccia presenza nei primi mesi di vita di MTV.

Nel 1977, grazie anche a Bowie e Iggy Pop, ottengono un contratto con la Warner Bros. Il loro primo album, Q: Are We Not Men? A: We Are Devo! viene prodotto nientemeno che da Brian Eno. L’anno successivo sono ospiti del Saturday Night Live, dove si esibiranno in una cover di (I Can’t Get No) Satisfaction dei Rolling Stones.

Nel 1984, lo scarso successo commerciale del sesto album Shout e l’abbandono del batterista Myers, costringono il gruppo a rinunciare al tour di promozione, con conseguente pausa delle attività. Nel frattempo, Mark Mothersbaugh si diletta nella produzione di musica per la televisione, nonché di un progetto solista, Musik for Insomniaks.

Nel 1987 il gruppo si riforma con un nuovo batterista, David Kendrick, precedentemente con gli Sparks. L’anno successivo esce Total Devo, che contiene brani che compariranno in alcuni B movie come Slaughterhouse Rock e The Tapeheads, con John Cusack e Tim Robbins.

Nel 1990 esce Smooth Noodle Maps, che non raccoglie grandi consensi di pubblico e critica, e l’anno successivo il gruppo si scioglie nuovamente. Successivamente, Mark Mothersbaugh fonda uno studio di registrazione per produzioni musicali commerciali, il Mutato Muzika, insieme col fratello Bob e Bob Casale. Lo studio lavora principalmente per produzioni televisive come sigle, programmi, cartoni animati, videogame e film, tra cui alcuni di Wes Anderson. Nel frattempo, Gerald Casale intraprende una carriera come regista di spot pubblicitari e video musicali, per gruppi come Rush, Silverchair e Foo Fighters.

Nel 1995 il gruppo appare nella colonna sonora del film Tank Girl, e l’anno successivo si esibisce al Sundance Film Festival e al Lollapalooza proponendo alcuni classici del periodo tra il 1978 e il 1982.

Pur non pubblicando album fino al 2010, il gruppo produce una serie di singoli per compilation, produzioni televisive, spot pubblicitari per aziende come Dell e la multinazionale Target.

Nel 2006 collaborano con la Disney per un progetto chiamato Devo 2.0, un gruppo composto da bambini che suonano classici dei Devo.

Nel 2008 l’azienda McDonald’s propone un personaggio in omaggio che indossa l’Energy dome, il tipico copricapo dei Devo in plastica rossa a forma di ziqqurat circolare. Il gruppo intenterà una causa alla multinazionale, che successivamente alcuni blog riporteranno come “amichevolmente risolta”.

Nel 2010 esce il loro ultimo album Something for Everybody, a vent’anni dal precedente.

Nel 2013 il loro ex batterista Alan Myers muore a causa di un tumore cerebrale.

Il 17 febbraio 2014 muore improvvisamente Bob Casale, membro fondatore del gruppo, per arresto cardiaco.

https://it.wikipedia.org/wiki/Devo
Devo (/ˈdiːvoʊ/, originally /diːˈvoʊ/) is an American rock band formed in 1972, consisting of members from Kent and Akron, Ohio. The classic line-up of the band included two sets of brothers, the Mothersbaughs (Mark and Bob) and the Casales (Gerald and Bob), along with Alan Myers. The band had a No. 14 Billboard chart hit in 1980 with the single “Whip It”, and has maintained a cult following throughout its existence.

Devo’s style, over time, has shifted between punk, art rock, post-punk and new wave. Their music and stage show mingle kitsch science fiction themes, deadpan surrealist humor, and mordantly satirical social commentary. Their often discordant pop songs feature unusual synthetic instrumentation and time signatures that have proven influential on subsequent popular music, particularly new wave, industrial and alternative rock artists. Devo was also a pioneer of the music video, creating many memorable clips for the LaserDisc format, with “Whip It” getting heavy airplay in the early days of MTV.

https://en.wikipedia.org/wiki/Devo

Gocce – Drops


🌸Gocce🌸

Una goccia
di purezza
scivola
in acque torbide
rendendo limpida
ogni molecola
Una stilla
di luce
penetra le tenebre
donando bellezza
e armonia
di colori
È attesa
trasformazione
profonda
e tu non temere
ogni passo nuovo
di questa Primavera

24.03.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Drops

A drop
of purity
slips
in cloudy waters
making it clear
every molecule
A drop
of light
penetrates the darkness
giving beauty
and harmony
of colors
It is expected
transformation
deep
and you don’t fear
every new step
of this Spring

24.03.2020 Poetyca

Fiori di loto


budda2
Fiori di loto

Se nulla attendi
e la tua via non ha attaccamento
sai già che non servono domande:
– tutto raccogli con attenzione e sarai pronto –
qui ed ora per essere viva presenza

Lampo di cielo è l’attimo
che si salda al respiro
ed apre la porta allo sgretolarsi
di particelle di dolore che solo la mente
nel cerchio del timore alimenta

Sii cuore che palpita
e con fiducia si fa largo
tra proiettate tenebre e tremore
mentre la pioggia batte
tra le immagini della tua illusione

Sii te stesso nel sorriso
di una luna che accarezza il tuo capo
nel tempo saldo del tuo ultimo respiro
e nel silenzio sarai risvegliato
dallo sfiorare di mille petali di fiori di loto

09.01.2007 Daniela Poetyca

Lotus flowers

If anything wait
and your street has no attachment
you already know that you do not need questions:
– Collect everything carefully and you will be ready –
here and now to be living presence

Lightning sky is the moment
that is welded to the breath
and opens the door to crumble
particle of pain that only the mind
in the circle of fear feeds

Be heart flutters
and confidently makes its way
projected between darkness and trembling
while the rain beats
between the images of your illusion

Be yourself in the smile
of a moon that caresses your boss
over time the balance of your last breath
and in the silence you will be awakened
by the touch of a thousand petals of lotus flowers

09.01.2007 Poetyca

Al ritmo del cuore


imagesa

Al ritmo del cuore

 Non dire nulla
non parlare più
lascia vuote le tasche
da idee o paure
scivola nel respiro
tra un attimo
come una foglia che cade
leggera e senza peso
perché tutto si compia
al ritmo del cuore

16.02.2014 Poetyca

To the rhythm of the heart

  Do not say anything
not to mention more
leaves empty pockets
ideas or fears
slips in the breath
in a moment
like a falling leaf
light weight and without
because everything is fulfilled
to the rhythm of the heart

16/02/2014 Poetyca

Aspettando



Foto di Giuseppe Bustone

Aspettando

Ricercando lieti momenti
tra mura domestiche
conservando gelosamente
la speranza
e fare in modo
che chi ci avvicina
sia di noi soddisfatto
Se pur a debita distanza
osservare le albe ed i tramonti
dalla finestra
Potendo fotografarli, farlo.
Ascoltare musica, guardare film, leggere libri e quotidiani,
navigare in internet,
dialogare in famiglia e al telefono
con parenti e amici,
ripulire la casa…

Giuseppe Bustone

Raccontami


raccontami

Raccontami

Raccontami
l’attimo atteso
respirato
con il tuo cuore
Raccontami
la speranza
incollata ai sogni
mai abbandonati
Raccontami
capriole di cielo
racchiuse
in una mano
Raccontami
il colore di un sorriso
pronto a spiccare il volo
all’alba della tua Primavera

02.05.2013 Poetyca

Tell me

Tell me
the awaited moment
breathed
with your heart
Tell me
hope
glued to the dreams
never abandoned
Tell me
somersaults on sky
enclosed
in one hand
Tell me
the color of a smile
ready to take flight
at the dawn of your Spring

02.05.2013 Poetyca

Meditare e Meditazione Jiddu Krishnamurti


finalligth05_1024

Meditare e Meditazione
Jiddu Krishnamurti

“… se hai intenzione di meditare, non sarà meditazione,
se assumi deliberatamente un atteggiamento, una posizione, per meditare, allora la
meditazione diventa un giocattolo, un trastullo della mente. Se decidi di
districarti dalla confusione e dall’infelicità della vita, allora diventa
un’esperienza dell’immaginazione – e questa non è meditazione.

La mente conscia, o la mente inconscia, non debbono aver parte in essa; non
devono neppure essere consapevoli dell’estensione e della bellezza della
meditazione. Nella totale attenzione della meditazione non c’è alcuna
conoscenza, alcun riconoscimento, né il ricordo di qualcosa che sia già
avvenuta. Il tempo e il pensiero sono totalmente cessati, poiché sono il
centro che limita la propria visione … la meditazione non è la semplice
esperienza di qualcosa al di là del pensiero e del sentimento di ogni
giorno, né la ricerca di visioni e beatitudini …

La meditazione non è fuga dal mondo; non è un isolarsi e chiudersi in sé, ma
piuttosto la comprensione del mondo e delle sue vie … Meditare è deviare
da questo mondo … Dalla negazione nasce lo stato affermativo. Il semplice
ottenere l’esperienza, o vivere nell’esperienza, nega la purezza della
meditazione. La meditazione non è un mezzo per un fine … La meditazione è
la cessazione del pensiero …

Tutto ciò che il pensiero formula ha in sé il limite dei suoi confini, il
pensiero ha sempre un orizzonte, la mente meditativa non ne ha, l’uno deve
cessare perché l’altro possa essere. La meditazione apre la porta ad una
vastità che trascende ogni immaginazione o congettura. Il pensiero è il
centro intorno al quale c’è lo spazio dell’idea, e questo spazio può essere
allargato da ulteriori idee.

Ma tale allargamento mediante stimoli di ogni sorta non è la vastità in cui
non c’è alcun centro. La meditazione è la comprensione di questo centro e
quindi il suo superamento. Il silenzio e la vastità vanno insieme.
L’immensità del silenzio è l’immensità della mente in cui non esiste un
centro. La percezione di questo spazio-silenzio non procede dal pensiero. Il
pensiero percepisce soltanto la sua proiezione, e il riconoscimento di essa
è il suo confine … La meditazione non è un’attività dell”isolamento, ma
l’azione nella vita quotidiana che esige cooperazione, sensibilità ed
intelligenza.

Senza il fondamento di una vita retta la meditazione diventa una fuga e non
ha alcun valore. Una vita retta non è l’obbedienza alla morale sociale, ma
la libertà dall’invidia, dalla cupidigia e dalla ricerca del potere – che
generano inimicizia. La libertà da questi mali non passa attraverso la
consapevolezza che di essi si acquista mediante l’autoconoscenza. Senza
conoscere le attività del sé la meditazione diviene esaltazione dei sensi e
perde ogni significato …

La meditazione non è una continuazione o una espansione dell’esperienza. La
meditazione, al contrario, è quella completa inazione che è la cessazione di
tutta l’esperienza. L’azione dell’esperienza ha le sue radici nel passato
… la meditazione è lo svuotarsi dell’esperienza, è la totale inazione che
proviene dalla mente che vede ciò che è, senza l’ostacolo del passato né del
testimone che vive legato alla memoria del passato … Se non c’è
meditazione, sei come un cieco in un mondo di grande bellezza, luci e colori
… Meditare non è ripetere parole, sperimentare visioni o coltivare il
silenzio.

Questa è una forma di autoipnosi. Meditare non è chiudersi in un pensiero
ideale, nell’incanto del piacere. Se tu dici: “Oggi comincerò a controllare
i miei pensieri, a sedere quieto nella posizione del meditare, a respirare
regolarmente” – allora sei preso nei trucchi con cui inganniamo noi stessi.
La meditazione non è l’essere assorti in qualche idea o immagine grandiosa

La mente meditativa è vedere, osservare, ascoltare senza la parola, senza
commento, senza opinione – attentamente e costantemente – il movimento della
vita in ogni suo rapporto; allora sopraggiunge un silenzio che è negazione
del pensiero, un silenzio che l’osservatore non può richiamare. Se ne
facesse esperienza, riconoscendolo, non sarebbe quel silenzio. Il silenzio
della mente meditativa non è nei confini dell’individuabilità, e non ha
frontiere …

Una piccola mente squallida e immatura può avere, ed ha, visioni ed
esperienze che riconosce secondo il proprio condizionamento … La
meditazione non appartiene a gente come questa, né ai guru. Non è per il
cercatore, perché costui trova ciò che vuole, e il conforto che ne deriva è
la morale delle sue paure. Per quanto faccia, l’uomo di credenza o di dogma
non può entrare nel regno della meditazione.

La meditazione necessita della libertà – che è totale negazione della morale
e dei condizionamenti sociali – la libertà viene prima della meditazione, ne
rappresenta il primo movimento. Non è una pratica pubblica dove in molti si
uniscono e offrono preghiere. Sta a sé ed è sempre al di là dei confini
della condotta sociale. Infatti la verità non è nelle cose del pensiero o in
ciò che il pensiero ha costruito e chiama verità.

La negazione totale di questa struttura del pensiero è la realtà della
meditazione. La meditazione è un movimento incessante. Non si può mai dire
che si sta meditando, o dedicare un periodo di tempo alla meditazione. La
meditazione non è ai tuoi ordini. La sua benedizione non ti viene perché
conduci una vita per così dire sistematizzata o segui una particolare
routine o morale. Viene solo quando il tuo cuore è veramente aperto. Non
aperto dalla chiave del pensiero, non reso sicuro dall’intelletto, ma quando
è aperto come il cielo senza nuvole; allora viene senza che tu lo sappia,
senza che tu la chiami. Ma non puoi mai custodirla, possederla, adorarla.

Se cercherai di farlo, non verrà più, ti eviterà. Nella meditazione tu non
sei importante, non occupi un posto; la sua bellezza non sei tu, la sua
bellezza è in sé. E non puoi aggiungervi nulla. Non devi spiare dalla
finestra sperando di prenderla di sorpresa, né sederti in una stanza buia ed
attenderla; viene soltanto quando tu non sei là, e la sua benedizione non ha
continuità…”

http://www.consapevolezza.it/aetos/krishnamurti/k_meditation.asp

Meditation and Meditation
Jiddu Krishnamurti

“… If you’re going to meditate, it is not meditation,
if you take a deliberate attitude, a place to meditate, then the
meditation becomes a toy, a plaything of the mind. If you decide to
extricate themselves from the confusion and misery of life, then becomes
experience of the imagination – and this is not meditation.

The conscious mind or the unconscious mind, must not have a part in it, not
should not even be aware of the extent and beauty of
meditation. In the full attention of meditation there is no
knowledge, no recognition, nor the memory of something that is already
occurred. The time and thought are entirely ceased, since they are the
center, which limits his vision … meditation is not simply
experience of something beyond the thought and feeling of each
day, nor the vision quest and bliss …

Meditation is not an escape from the world, is not an island and turn in on itself, but
rather the understanding of the world and its ways … To meditate is to divert
from this world … From the denial was so born. The simple
get experience, or live in the experience, denies the purity of
meditation. Meditation is a means to an end … Meditation is
the cessation of thought …

Everything you thought formula has in it the limit of its borders,
thinking always has a horizon, the meditative mind has not, one must
because the other end may be. Meditation opens the door to
breadth that transcends any imagination or conjecture. The thought is the
center around which there is space idea, and this space can be
expanded to more ideas.

But this enlargement by stimuli of all sorts is not the vastness in which
there is no center. Meditation is the understanding of this center and
then beyond it. The silence and vastness go together.
The immensity of silence is the immensity of the mind in which there is no
center. The perception of this space and silence does not proceed from thought. The
mind perceives only its projection, and the recognition of it
is its border … Meditation is not an dell”isolamento, but
action in everyday life that requires cooperation, sensitivity and
intelligence.

Without the foundation of a righteous life becomes a meditation and do not escape
has no value. A good life is obedience to social morality, but
freedom from envy, greed and the quest for power – that
generate enmity. The freedom from these evils is not going through the
awareness that they buy through self-knowledge. Without
publicize the activities of the self becomes meditation and exaltation of the senses
loses all meaning …

Meditation is not a continuation or expansion of experience. The
meditation, by contrast, is that inaction is the complete cessation of
the whole experience. The action experience has its roots in the past
… Meditation is the emptying of the experience, which is the total inaction
comes from the mind sees what is, without the obstacle of the past nor the
witness who lives connected to the memory of the past … If there is
meditation, you’re like a blind man in a world of great beauty, light and color
… Meditation is not to repeat words, or try to cultivate the visions
silence.

This is a form of self-hypnosis. Meditation is not close in thought
Ideally, the enchantment of pleasure. If you say: “Today I begin to check
my thoughts, sitting quietly in the position of meditation, breathing
regularly – then you are taken in tricks with which we deceive ourselves.
Meditation is not being absorbed in some great idea or image

The meditative mind is to see, observe, listen without a word, without
comment, no opinion – carefully and consistently – the movement of
life in every relationship, then comes a silence that is the negation
of thought, a silence that the observer can not recall. It
did experience, recognizing him, would not be the silence. Silence
the meditative mind is not within the confines dell’individuabilità, and did not
Borders …

A little shabby and immature mind can have, and, visions and
experiences according to their conditioning, which recognizes … The
Meditation does not belong to people like this, or gurus. Not for
seeker, because he finds what he wants, and the comfort that comes out is
the morale of his fears. For the face, the man of belief or dogma
can not enter the realm of meditation.

Meditation requires freedom – that is total denial of the moral
and social conditions – freedom is the first meditation, it
represents the first movement. It is not a public practice where many are
together and offer prayers. It’s up to him and is always beyond the confines
of social conduct. In fact, the truth is not in the things of thought or
what thought has been building and call the truth.

The total denial of this structure of thought is the reality of
meditation. Meditation is a ceaseless movement. You can never say
you are meditating, or spend some time in meditation. The
Meditation is not to your orders. His blessing because you are not
lead a life so to speak systematized or follow a particular
routine or moral. It is only when your heart is truly open. Not
opened by the key thought, not secured by the intellect, but when
is open as the sky without clouds, then it is without your knowing it,
without you call. But you can never keep it, possess it, worship it.

If you try to do so no longer, you will avoid. In meditation you do not
are important, does not occupy a place, its beauty is not you, its
Beauty is in itself. And you can not add anything. You do not have the spy
window, hoping to take her by surprise, or sit in a dark room and
wait; is only when you’re not there, and his blessing did not
continuity … “

http://www.consapevolezza.it/aetos/krishnamurti/k_meditation.asp

Stanca serata


Immagine di Giuseppe Bustone

Stanca serata

Irrisolvibile
questione rilevante
fra cespugli di vivo sentire
in mezzo a spiegabili logicità
Più non riconosco elementi
di sana virtù
poiché non mi bastano più questi vocaboli sterili
Di cui sinceramente
significato
non conosco
esattamente.

Giuseppe Bustone

Dove tutto è vita


dovetuttoèvita

Dove tutto è vita

Dammi la mano
accompagnami
nell’isola del tuo cuore:
Su onde di pace
con te voglio navigare
tra colori da sogno
veleggeremo
dove tutto è vita

21.02.2013© Poetyca

Where everything is life

Give me your hand
accompany me
on the island of your heart:
On waves of peace
I want to surf with you
between colors from dream
we will sail
where everything is life

21.02.2013 ©  Poetyca

Storie da ricucire


  1. L’ultima Thule è il ventiquattresimo ed ultimo album del cantautore italiano Francesco Guccini, uscito il 27 novembre 2012[2]. Come annunciato da Guccini[3], le registrazioni sono avvenute all’interno del Mulino della famiglia Guccini a Pavana.

    Come copertina del disco Guccini ha scelto un veliero fra i ghiacci polari, una foto scattata da Luca Bracali durante i suoi viaggi. “Quando ho visto quella immagine – ha spiegato il cantautore modenese – mi sono detto che era lei”.[4]

    L’edizione digitale contiene anche un video registrato a Pavana in cui Francesco Guccini racconta i giorni della lavorazione de L’ultima Thule.[5]

    Il cantautore ha dichiarato che, dopo questo album, molto probabilmente non scriverà più canzoni, né terrà concerti e che, in passato, meditò spesso di intitolare così l’ultimo lavoro discografico: L’ultima Thule.[6]

    Il disco si è rivelato l’ennesimo successo per Guccini: nel giro di solamente un mese ha infatti venduto più di 100.000 copie, risultando tra i cinque album più venduti in Italia nel periodo natalizio. A fine 2013 la FIMI gli ha attribuito il secondo disco di platino, per le oltre 120.000 copie vendute. Nel corso dello stesso anno è stato realizzato il film Francesco Guccini La mia Thule che documenta la registrazione del disco, in una sala di incisione particolare e creata per l’occasione nel mulino di Chicòn, a Pàvana, in cui il cantautore abitò e a cui sono legati alcuni momenti della sua vita e alcune sue opere letterarie e canzoni.

    Essendosi Guccini ritirato dalle esibizioni live a fine 2011, questo disco non è stato presentato in tournée dall’autore; i suoi storici musicisti, però, con la sola eccezione diEllade Bandini e Roberto Manuzzi, che non hanno preso parte al progetto, hanno portato in tour l’album nel corso del 2013, con l’aggiunta, alla voce, di Danilo Sacco. Il gruppo così costituito, che nei concerti alternava i brani nuovi con quelli storici del cantautore, ha assunto il nome di Danilo Sacco e i Musici.

    http://it.wikipedia.org/wiki/L%27ultima_Thule

Storie da ricucire

Bandiere di luce, storie da ricucire,
un passato che s’intreccia con il presente:
Un giorno d’Aprile che non va dimenticato,
banalizzato o strumentalizzato….
E’ nel sacrificio e nella storia
la traccia indelebile di quest’Italia
da difendere e da amare.

25.04.2015 Poetyca

Stories to mend

Flags of light, stories to mend,
a past that is interwoven with the present:
One day in April that should not be forgotten,
trivialized or exploited ….
And ‘sacrifice and history
the indelible mark of this Italy
to defend and to love.

04/25/2015 Poetyca

★ cღPoeti amici ღ★


sandroremiddi6

 

Così come cresce dentro
un fiore
così una luce cosciente,
silenziosamente presente
declina le nuove favole
come un solfeggio
di anime
negli accordi di sensazioni
pronte a trasformare
un muto tappeto di neve.

Sandro Remiddi

As well as increases in
a flower
as a conscious light,
this quietly
accept new stories
as a solfege
anime
agreements of sensations
ready to transform
a silent carpet of snow.

Sandro Remiddi

Prezioso tesoro


prezioso tesoro

Prezioso tesoro

Resta in ascolto
le pieghe del silenzio
sono prezioso tesoro
ti regalano senso

Passo dopo passo
la luce scaccia il buio
pazienza e sforzo
sciolgono ogni nodo

L’acqua ed il tempo
levigano il sasso
le asperità si smussano
dolce appare al tatto

Trasforma il risentimento
in impegno nuovo
sii tu cura e intento
nell’abbraccio vero

Scuoti il ramo
per cercare frutto
dormiente e nascosto
troverai sorriso acceso

27.01.2013 Poetyca

Precious treasure

Listen on
the folds of silence
are precious treasure
they give you the sense

Step by step
light dispels the darkness
patience and effort
dissolve each node

The water and the time
polish the stone
round off the rough
looks soft to the touch

Transform resentment
in new efforts
may you be care and intent
in the true embrace

Shake the branch
to look for fruit
dormant and hidden
you will find smile on

27.01.2013 Poetyca

The Best of Echo & The Bunnymen



Gli Echo & the Bunnymen sono un gruppo musicale britannico post-punk formatosi a Liverpool nel 1978.
Inizialmente il gruppo era composto da Ian McCulloch, Will Sergeant e Les Pattinson. Sono diventati famosi
per album come Heaven Up Here, Porcupine e Ocean Rain in cui è contenuta la canzone The Killing Moon.

https://it.wikipedia.org/wiki/Echo_%26_the_Bunnymen

Echo & the Bunnymen are an English rock band formed in Liverpool in 1978.
The original line-up consisted of vocalist Ian McCulloch, guitarist Will Sergeant and bass player Les Pattinson,
supplemented by a drum machine. By 1980, Pete de Freitas joined as the band’s drummer.

Their 1980 debut album, Crocodiles, met with critical acclaim and made the UK Top 20.
Their second album, Heaven Up Here (1981), again found favour with the critics and reached number 10 in the UK Album chart.
The band’s cult status was followed by mainstream success in the mid-1980s, as they scored a UK Top 10 hit with “The Cutter”,
and the attendant album, Porcupine (1983), reached number 2 in the UK. Their next release, Ocean Rain (1984),
continued the band’s UK chart success, and has since been regarded as their landmark release, spawning the hit singles
“The Killing Moon”, “Silver” and “Seven Seas”. One more studio album, Echo & the Bunnymen (1987), was released
before McCulloch left the band to pursue a solo career in 1988.
The following year, in 1989, de Freitas was killed in a motorcycle accident,
and the band re-emerged with a new line-up. Original members
Will Sergeant and Les Pattinson were joined by Noel Burke as lead singer,
Damon Reece on drums and Jake Brockman on keyboards.
This new incarnation of the band released Reverberation in 1990,
but the disappointing critical and commercial reaction it received culminated
with a complete split in 1993.
After working together as Electrafixion, McCulloch and Sergeant
regrouped with Pattinson in 1997 and returned as Echo & the Bunnymen
with the UK Top 10 hit “Nothing Lasts Forever”. An album of new material,
Evergreen, was greeted enthusiastically by critics and the band made a successful
return to the live arena. Though Pattinson left the group for a second time,
McCulloch and Sergeant have continued to issue new material
as Echo & the Bunnymen, including the albums What Are You Going
to Do with Your Life? (1999), Flowers (2001), Siberia (2005), The Fountain (2009)
Meteorites (2014).
In 2012 Ian McCulloch released his fourth solo LP, Pro Patria Mori
and a live album Holy Ghosts in 2013.[4] In 2013 Will Sergeant
and Les Pattinson formed a group called “Poltergeist” and released
an album called Your Mind Is A Box (Let Us Fill It With Wonder)
in June 2013.

https://en.wikipedia.org/wiki/Echo_%26_the_Bunnymen

La forza del cuore


cuorefiorito1

La forza del Cuore

Per fare divampare un incendio,
per purificare e bruciare ogni traccia di presenza di impurità e per fare elevare al cielo tale forza del Cuore è necessaria quella prima scintilla, la buona volontà verso pensieri ( intenzioni) e azioni che sono fuoco vivo.
La pace è fuoco che si trasforma in acqua, per placare ogni istinto, ogni reazione nella Luce e nella accoglienza amorevole.
La compassione è compresione, vibrante palpito del Cuore verso l’abbraccio di se stessi e del Mondo.

04.06.2013 Poetyca

The strength of the Heart

To make a fire flare up,
to purify and burn all traces of impurities and make up to the sky the strength of the heart is necessary that first spark, good will toward thoughts (intentions) and actions that are flame.
Peace is the fire that turns into water to quench every instinct, every reaction in the Light and in loving acceptance.
Compassion is comprehension, vibrant beat of the heart toward the embrace of themselves and the world.

04.06.2013 Poetyca

Ciò che sei


ak2_1024

Accetta ciò che sei, amalo, celebralo, e proprio in quella celebrazione
inizierai a vederel’unicità degli altri, l’incomparabile bellezza di ogni essere umano.

Osho

You accept that you are, love it, celebrate it, and in that very celebration
begin to vederel’unicità of others, the incomparable beauty of every human being.

Osho

Festa


festa

Festa

Mano aperta
ad accogliere cuori
nei piccoli gesti
quotidiani

Sorriso negli occhi
luce viva
espande gioia
come abbraccio

Sono cadute
le barriere
oggi è festa
senza confine

22.03.2013 Poetyca

Celebration

open hand
hearts to receive
in small gestures
dailies

Smiling eyes
bright light
spreads joy
how to embrace

Were dropped
barriers
today is a celebration
without boundary

22.03.2013 Poetyca

Riflessi d’arcobaleno


riflessiarcobaleno

Riflessi d’arcobaleno

Gocciolano silenzi

nella non mente

piccoli laghi e specchi

riflessi di luce

Afferro l’attimo

mi lascio scivolare

senza giudizio

apro le porte del cuore

Allago lo spazio

di gioia ed immenso

nulla è separato

in questo abbraccio

Armonia danza

su fili di seta

gocce di brina

riflettono l’arcobaleno

30.01.2013 Poetyca

Reflexes of rainbow

Dripping silence

into no mind

small lakes and mirrors

light reflexes

I seize the moment

I let myself slip

without judgment

I open doors of the heart

I flood space

of joy and immense

nothing is separated

in this embrace

Harmony dance

on silk threads

drops of dew

reflect the rainbow

30.01.2013 Poetyca

Luce e silenzio


luceesilenzio

Luce e silenzio

Onda leggera
scorre sul foglio
densa emozione
goccia che scava
per descrivere in parole
Attimi e vita
dimensione senza tempo
Luce e silenzio
incanto e respiro
nel nostro cammino
Abbraccio d’immenso
nel sospiro della sera
quando è mistero
a dare senso
all’essere vita

16.03.2013 Poetyca

Light and silence

Wave light
runs on the sheet
dense emotion
drop digging
to describe in words
Moments and life
timeless dimension
Light and silence
charm and breath
on our way
Embrace of immense
sigh in the night
when is a mystery
to give meaning
to being life

16.03.2013 Poetyca

Meditazione per donare luce alla terra


996589_10151599375059646_167230524_n

https://www.facebook.com/events/379799445435103/?refid=18

Meditazione per donare Luce alla terra
dalle 21.30 alle 22.30 di ogni giorno

Piccoli gesti ed intenzioni per la nostra terra ed i suoi abitanti.

Prima di ogni cosa trovare un luogo tranquillo dove poter restare indisturbati per un’ora.

Accendere un incenso o una candela bianca.

Ascoltare musica rilassante o un mantra.

Restare seduti con la schiena dritta
ed i piedi ben poggiati per terra,
se si preferisce sdraiarsi sul letto.

Chiudere gli occhi e portare l’attenzione sul respiro, osservando se è calmo, se non è calmo, con dolcezza portare il respiro alla calma, rilasciando ogni tensione, vivendo il momento presente con gioia.

Respirare profondamente, senza pause tra inspirazione ed espirazione. ( respiro circolare).
Connettersi inspirando, con una sensazione piacevole di calma, di pace – viverla pienamente.
Ad ogni espirazione riempire tutta la stanza di tale pace, di tale sensazione di benessere.

Espandendo il respiro e l’energia possiamo percepire le cose da un diverso
punto di vista,un punto d’osservazione sempre più elevato, che abbraccia infine il mondo intero.

Dopo aver riempito la stanza, espandere tale pace per tutta la casa.
Dirigere l’intenzione di portare la pace presso la casa vicina, i nostri vicini.
Tutto il palazzo.
Portare tale energia all’intero quartiere, alle persone.
Respirare sempre portando attenzione e pace, gioia e benevolenza.
Dirigere le nostre intenzioni a tutta la città. Alla sua gente.
Allargando lo spazio, le nostre intenzioni possono essere diretta a tutta la regione, alla regione confinante, a tutta la nazione.
Possiamo ora espandere le intenzioni verso ogni nazione.
Verso il mondo intero.
Restiamo connessi a questo pensiero del mondo, racchiuso dentro ad una immensa energia di pace, di amore, di gioia, di salute e di armonia.
Offriamo il nostro cuore con la presenza di tanti altri cuori.
Insieme con le stesse intenzioni a formare un unico grande flusso di energia, di comunione fraterna.
Con gioia ringraziamo per questa presenza unica che offre armonia a pace per la terra intera.
Che porta benessere anche a noi.
Energia che colma le lacune, che risana malattie e che porta coraggio dove è presente la paura.

Doniamo pace e armonia a coloro
che stanno meditando con noi.

Poi lentamente riportiamo attenzione al   
nostro ritorno.
Ringraziamo il mondo che ci accoglie,
ringraziamo tutte le nazioni,
ringraziamo la nostra nazione,
ringraziamo la nostra regione,
ringraziamo la nostra città
ringraziamo il nostro quartiere,
ringraziamo i nostri vicini, il luogo dove viviamo.
Ringraziamo la nostra famiglia.

Ringraziamo e lasciamo andare ogni difficoltà di dialogo, di comprensione,
con compassione accogliamo le cose e rilasciamo amore incondizionato.

Tutto è come deve essere.

Ora la nostra attenzione va
alla nostra stanza,
alla postura delle nostre spalle, al nostro respiro.
Riapriamo gli occhi e ringraziamo per questa esperienza.

Pace e armonia

10.08.2013 Poetyca

 
Meditation to give light to the earth
from 21.30 to 22.30 – everyday

Small gestures and intentions for our earth and its inhabitants.

First of all find a quiet place where they can remain undisturbed for one hour.

Light a white candle or incense.

Listen to relaxing music or a mantra.

Sit with your back straight
and feet flat on the ground,
if you prefer to lie on the bed.

Close your eyes and bring attention to the breath, observing whether it is calm, if not calm, gently bring the breath to calm, releasing any tension, living in the present moment with joy.

Breathe deeply, without pauses between inhalation and exhalation. (Circular breathing).
Connect inspiring, with a pleasant feeling of calm, peace – live it fully.
For each exhalation fill any room of the peace, such a feeling of well-being.

By expanding the breath and the energy we perceive things from a different
point of view, a point of observation always higher, which finally embraces the entire world.

After filling the room, expand that peace for the whole house.
Directing the intention of bringing peace in the neighboring house, our neighbors.
Throughout the building.
Put that energy to the entire district, to the people.
Always bringing attention and breathe peace, joy and goodwill.
Direct our intentions to the entire city. To his people.
Turning our space, our intentions may be directed to the whole region, the neighboring region to the whole nation.
We can now expand the intentions toward any nation.
Towards the whole world.
We remain connected to this thought in the world, enclosed in an immense energy of peace, love, joy, health and harmony.
We offer our heart with the presence of so many other hearts.
Along with the same intentions to form a single large flow of energy, fraternal communion.
With joy, thank you for this unique presence that offers harmony in peace for the whole earth.
What brings comfort to us.
Energy that fills the gaps, which heals diseases and that brings courage where there is fear.

Let us give peace and harmony to those
who are meditating with us.

Then slowly attention to the report
our return.
We thank the world that welcomes us,
Thank you all nations,
Thank our nation,
Thank our region,
Thank our city
Thank you to our district,
we thank our neighbors, the place where we live.
We thank our family.

Thank you and let go of all the difficulties of dialogue, understanding,
with compassion welcome we release things and unconditional love.

Everything is as it should be.

Now our attention must be
to our room,
the posture of our shoulders, our breath.
Re-open your eyes and thank you for this experience.

Peace and harmony

10.08.2013 Poetyca

Rivelazione


rivelazione

Rivelazione

Armonia di gesti
in ascolto profondo
danza di attimi nuovi
pura manifestazione

Frutto dolce
di atavici silenzi
della mente
ora dispersa

Oltre il caos
la ricerca viva
petali privi di tempo
senza parole

Ricomporre senso
sfuggito agli occhi
respiri nel cuore
come rivelazione

17.01. 2013 Poetyca

Revelation

Harmony of gestures
in deep listening
dance of new moments
pure manifestation

Sweet fruit
atavistic silences
of the mind
dispersed now

Beyond the chaos
 alive research
petals without time
no words

Reassemble sense
escaped of the eyes
 into heart breaths
as a revelation

17.01. 2013 Poetyca

Ogni giorno è un’opportunità


wpid-ali2.jpg

Ogni giorno è un’opportunità

Ogni giorno è un’opportunità.
Immagina la fortuna che hai ogni volta
che al mattino ti alzi.
Ogni giorno, puoi investire il tempo per te, per il tuo lavoro,puoi scegliere, tra tutte le scelte disponibili, di lamentarti e non agire o trasformare ogni secondo in un’opportunità per te e per gli altri.
La scelta è solo tua, hai tra le mani la più grande opportunità del tempo da investire per gli altri e per te stesso,
tocca a te fare questo investimento.
Sii grande, sii folle! Sii te stesso!

Stephen Littleword, Nulla è per caso

Every day is an opportunity

Every day is an opportunity.
Imagine how lucky you’ve every time
that in the morning you get up.
Every day, you can invest the time for yourself, for your job, you can choose among all the choices available, bitching and not to act or transform every second into an opportunity for you and for others.
The choice is yours, you have between your hands the greatest opportunity to invest the time for others and for yourself,
it’s up to you to make this investment.
Be great, be crazy! Be yourself!

Stephen Littleword, Nothing is by chance

Anima – Soul – Victor Hugo


🌸Anima🌸

C’è uno spettacolo
più grandioso del mare,
ed è il cielo,
c’è uno spettacolo
più grandioso del cielo,
ed è l’interno di un’anima.

Victor Hugo
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Soul

There is a show
bigger than the sea,
and it’s heaven,
there is a show
bigger than the sky,
and it is the inside of a soul.

Victor Hugo

Nella danza dell’Essere


Nella danza dell’Essere

Ti avvolgo
come coperta
per proteggerti
da intemperie
da quelle ferite
capaci ancora
di scompigliare
i tuoi pensieri
Sono gocce
d’amore
a penetrare
come balsamo
nel tuo cuore
è armonia
ad accarezzare
i tuoi occhi
Tu ascolta
non temere
perché non esiste
alcuna separazione
tra il tuo respiro
ed il mio
nella danza dell’Essere

03.09.2015 Poetyca

In the dance of Being

I will wrap you
as blanket
to protect you
by bad weather
those wounds
capable yet
messing
your thoughts
are drops
love
to penetrate
as balm
in your heart
It is harmony
caressing
your eyes
You listen
fear not
because there is no
no separation
between your breath
and my
in the Being dance

09/03/2015 Poetyca

Cuore in festa


388590_10150470218229646_742844645_8943650_1038838376_n

Cuore in festa

Onde di luce
colorano e danno forma
al tuo viso
riflessi sull’acqua
animano la mia gioia
il sole è dentro
Specchio dell’anima
offre immagini d’armonia
piccole perle sulla superficie
di una vasta distesa di silenzio:
Cuore in festa nel riconoscere
aurora e vita che si ridesta

02.10.2013 Poetyca

Heart in feast

Waves of light
color and shape
to your face
reflections on the water
animate my joy
the sun is in
mirror of the soul
offer images of harmony
small beads are kept on the surface
a vast expanse of silence:
Heart festival in recognizing
aurora and life that awakens

02.10.2013 Poetyca

Una perla al giorno – Ajahn Sumedho


fiamma

 Meditazione: del mattino Inizia a riconoscere la consapevolezza come uno stato naturale. E ‘molto semplice e senza complicazioni.

Ajahn Sumedho

Morning meditation: Begin to recognise awareness as a natural state. It is very simple and uncomplicated.

Ajahn Sumedho

Roy Harper Full Concert – London 1990


[youtube https://youtu.be/MvvmDWqM7SM]

 

Roy Harper (Rusholme, 12 giugno 1941) è un cantautore inglese. Il suo stile è caratterizzato da lunghe digressione strumentali, da un particolare uso della voce e da testi spesso bizzarri.

https://it.wikipedia.org/wiki/Roy_Harper

Roy Harper (born 12 June 1941) is an English folk rock singer, songwriter and guitarist who has been a professional musician since 1964. Harper has released 22 studio albums and 10 live albums across his 50-year career.

Harper’s earliest musical influences were American blues musician Lead Belly and folk singer Woody Guthrie and, in his teens, jazz musician Miles Davis. Harper was also exposed to classical music in his childhood and has pointed to the influence of Jean Sibelius’s Karelia Suite. Lyrical influences include the 19th century Romantics, especially Shelley, and Keats’s poem “Endymion”. Harper has also cited the Beat poets as being highly influential, particularly Jack Kerouac. As a musician, Harper is known for his distinctive fingerstyle playing and lengthy, lyrical, complex compositions, a result of his love of jazz and Keats.

His influence upon other musicians has been acknowledged by Jimmy Page, Robert Plant, Pete Townshend, Kate Bush, Pink Floyd, and Ian Anderson of Jethro Tull, who said Harper was his “…primary influence as an acoustic guitarist and songwriter.” Neil McCormick of The Daily Telegraph described him as “one of Britain’s most complex and eloquent lyricists and genuinely original songwriters.”[7] His influence reached across the Atlantic where he was acknowledged by Seattle-based acoustic band Fleet Foxes, American musician and producer Jonathan Wilson and Californian harpist Joanna Newsom with whom he has also toured.

In 2005, Harper was awarded the MOJO Hero Award, and in 2013 a Lifetime Achievement Award at the BBC Radio 2 Folk Awards. In 2011, to celebrate his 70th birthday, he performed a celebratory concert at London’s Royal Festival Hall. His most recent album, Man and Myth, was released in 2013.

https://en.wikipedia.org/wiki/Roy_Harper

Lou Reed Greatest Hits – Best songs of Lou Reed


Lewis Allan Reed (New York, 2 marzo 1942Long Island, 27 ottobre 2013) è stato un cantautore, chitarrista e poeta statunitense.

Cantore al contempo crudo e ironico dei bassifondi metropolitani, dell’ambiguità umana, dei torbidi abissi della droga e della deviazione sessuale, ma anche della complessità delle relazioni di coppia e dello spleen esistenziale, Lou ha finito con l’incarnare lo stereotipo dell’Angelo del male, immagine con cui ha riempito i media per oltre tre decenni divenendo una delle figure più influenti della musica e del costume contemporanei.[1][4]

Con i Velvet Underground, fondati nella sua New York a metà anni sessanta insieme al musicista d’avanguardia John Cale, pur non riscuotendo alcun successo commerciale ha rivoluzionato per sempre i dettami della musica rock, gettando le basi per quell’estetica nichilista che anni dopo sarebbe stata ribattezzata Punk.[5][6]Dopo lo scioglimento del gruppo ha avviato una lunga e proficua carriera solista, che può vantare album storici come Transformer (prodotto da David Bowie), il concept album Berlin, il live Rock N Roll Animal e l’album-provocazione Metal Machine Music.[7]

Celebri e imitatissimi il suo look divenuto un marchio di fabbrica (giacca di pelle nera, jeans e Ray-Ban scuri), la sua voce apatica e apparentemente monocorde, il suo stile chitarristico abrasivo e dissonante.[8]

http://it.wikipedia.org/wiki/Lou_Reed

Lewis AllanLouReed (March 2, 1942 – October 27, 2013) was an American musician, singer, and songwriter.[1] After serving as guitarist, vocalist, and principal songwriter of the Velvet Underground, his solo career spanned several decades.

The Velvet Underground was a commercial failure in the late 1960s, but the group gained a considerable cult following in the years since its demise and has gone on to become one of the most widely cited and influential bands of the era.[2] Brian Eno famously stated that, while the Velvet Underground’s debut album only sold 30,000 copies, “everyone who bought one of those 30,000 copies started a band.”[3]

After his departure from the group, Reed began a solo career in 1972. He had a hit the following year with “Walk on the Wild Side“, but this level of mainstream commercial success was not to be repeated.[4] Reed was known for his distinctive deadpan voice, poetic lyrics and for pioneering and coining the term ostrich guitartuning.[5]

In 2003, Rolling Stone magazine’s list of The 500 Greatest Albums of All Time included two albums by Reed as a solo artist, Transformer and Berlin.[6]

http://en.wikipedia.org/wiki/Lou_Reed

In attesa di te


inattesadite

In attesa di te

Soffiami nel cuore
la magia delle tue parole
io sarò attesa
ed accoglienza nel silenzio
Strappa il velo
alla magia
al segreto nascosto
 di questo momento
Tutto è nuovo
tutto è aroma
di sogno ed incanto
tra carezze e follia
Respira con me
il sorriso della luna
nella valle dell’anima
in attesa di te

20.01.2013 Poetyca

Waiting for you

Blow me in the heart
the magic of your words
I’ll be waiting
welcome in silence
Tear the veil
to the magic
the hidden secret
of this moment
All is new
all is aroma
of dream and magic
between strokes and madness
Breathe with me
the smile of the moon
in the valley of the soul
waiting for you

20.01.2013 Poetyca