Risultati della ricerca per: 2013

Il potere creativo


388590_10150470218229646_742844645_8943650_1038838376_n

“Scorre il fiume e nel suo fluire crea le forme dell’universo apparente, causando nascita e morte, gioia e dolore. Ma per chi è sceso sulla riva del Sé, dell’Essere Infinito, ogni movimento finisce, non c’è più divenire ma soltanto essere beato. E’ allora che siede a guardare quel gioco di forme e di colori, e si diverte a manifestare il suo potere creativo”

                                           Jayan Walter – scrittore

“It flows the river and its flow creates the apparent forms of the universe, causing birth and death, joy and sorrow. But for those who fell on the shore of the Self, the Being infinite, each movement ends, there is no becoming but only to be blessed. E ‘then sits down to watch the game of shapes and colors, and likes to show his creative power “

                                            Jayan Walter – writer

Una perla al giorno – Hui Neng


2

Meditazione buddista: la fede in è fonte di delusione, ma trattando tutto come conseguimento del nulla,  si raggiunge merito incomparabile.

Hui Neng

Buddhist meditation: Belief in self is the source of delusion, But treating all attainment as void, attains merit incomparable.

 Hui Neng

Georama


6

Georama

Avanzano lente
le parole
come un faro
fendono la notte
nel silenzio è un brivido
a scuotere la coscienza
in un viaggio
senza tempo
Memorie impalpabili
iniziano la danza
concatenati istanti
srotolano energie
causa effetto
georama di immagini
colorano emozioni
al centro dell’essere:
Tutto è immoto
tutto fiorisce
tutto è amore

09.09.2013 Poetyca

Georama

Advance slower
the words
like a beacon
Cleave night
in the silence is a thrill
to shake the conscience
in a timeless journey
Impalpable memories
begin the dance
concatenated moments
unroll energy
cause and effect
georama of images
color emotions
at the center of being:
All is motionless
all blooms
all is love

09.09.2013 Poetyca

Una perla al giorno – Sri Nisargadatta Maharaj


musica_e_parole

 

Una volta che vi  rendete conto che la strada è l’obiettivo e che siete sempre sulla strada, non per raggiungere un obiettivo, ma per godere della sua bellezza e la sua saggezza, la vita cessa di essere un compito e diventa naturale e semplice, di per sé un’estasi.

Sri Nisargadatta Maharaj

Once you realize that the road is the goal and that you are always on the road, not to reach a goal, but to enjoy its beauty and its wisdom, life ceases to be a task and becomes natural and simple, in itself an ecstasy.

Sri Nisargadatta Maharaj

Parole sopite


parolesopite

 Parole sopite

Stelle nella notte
giocosa attesa
senza ricerca
accogliendo
quest’attimo

Sopite sono
tutte le parole
nel percorso vivo
dove perdute sono
tutte le parole

27.03.2013 Poetyca

Calmed words

Stars in the night
playful waiting
without research
accepting
this moment

Are calmed
all words
in living path
where lost are
all words

27.03.2013 Poetyca

Fammi


amore0015_1024

Dammi

Dammi la mano
noi illumineremo
di forza nuova
ogni passo futuro

Dammi fiducia
saremo capaci
di essere forti
contro il vento
della vita

Speranza è chiave
per ogni percorso
sarà colore
oltre i confini
di tempo e spazio

 23.03.2004 Poetyca

Give me

Give me your hand
we can illuminate
of new force
every step of the future

Give me confidence
we will be able
to be strong
against the wind
of life

Hope is key
for each path
it will be color
beyond the boundaries
of time and space

23.03.2004 Poetyca

Chi più impara più offre


6

Chi più impara più offre

E’ attraverso le esperienze, tra cui la sofferenza,
che si prende coscienza di come essa tocca tutti,
chi più e chi meno, dunque aprirsi alla compassione
(empatia verso gli altri) è in un certo senso un percorso
che permette la catarsi ( l’attraversare se stessi )
per rinascere ogni giorno.
L’apertura verso gli altri e la sensibilità
sono  il frutto di lezioni apprese,
spesso attraverso la sofferenza.
Condividere, proteggere, donare è imparare
a dimenticare se stessi, per offrire qualcosa
anche a chi trattiene quanto si è vissuto
ed ha lasciato traccia in noi.
Chi più impara più offre.

25.07.2014 Poetyca

Those who offers more learn more

And ‘through the experiences, including suffering,
that we become aware of how it affects everyone,
some more and some less, therefore, open to compassion
(empathy towards others) is in a sense a path
that allows the catharsis (the cross themselves)
to be reborn every day.
The openness towards others and sensitivity
are the result of lessons learned,
often through suffering.
Share, protect, is to learn how to donate
to forget themselves, to offer something
even those who withholds what was experienced
and has left its mark on us.
Who offers more learn more.

07/25/2014 Poetyca

Crosby, Stills, Nash e Young – Full Concert – 12/04/88 – Oakland Coliseum Arena (OFFICIAL)


[youtube https://www.youtube.com/watch?v=W80XEPxDDQM]

Crosby, Stills, Nash & Young (spesso abbreviato CSN&Y) è un supergruppo musicale statunitense di musica pop/rock che ha avuto un momento di particolare notorietà nei primi anni settanta. I musicisti che lo formavano erano appartenuti a tre gruppi attivi nella metà degli anni sessanta e specializzati nel repertorio folkrock (gli statunitensi Byrds e Buffalo Springfield e gli inglesi Hollies). Tali gruppi erano considerati una sorta di alter ego dei Beatles e, almeno in parte, un tentativo di risposta statunitense allo strapotere del gruppo di Liverpool

La formazione base era inizialmente costituita dal trio Crosby, Stills & Nash: nel 1969 fu pubblicato il loro primo album il cui titolo era costituito semplicemente dai loro cognomi e che scalò rapidamente le classifiche di vendita. Solo successivamente ad essi si aggiunse Neil Young (in occasione del Festival di Woodstock).

Furono tre gli album pubblicati a cavallo degli anni sessanta e settanta: Déjà vu; So Far (con l’immagine in copertina disegnata da Joni Mitchell); e il doppio live 4 Way Streetche costituisce la summa del loro percorso artistico unitario, che contiene tra le altre la celebre canzone-invettiva Ohio, scritta da Neil Young in memoria dell’eccidio compiuto nel 1970 a Kent (Ohio) dalla polizia che sparò su studenti pacifisti uccidendone quattro, divenuta il loro personale manifesto contro l’impegno statunitense nella guerra del Vietnam.

Altri brani da segnalare nella produzione di quegli anni sono Teach Your Children, The Lee Shore, Suite: Judy Blue Eyes, Carry On, Right Between the Eyes, Love the One You’re With, e la loro interpretazione di Woodstock di Joni Mitchell.

Anche singolarmente – nel divenire di lunghe anche se non sempre lineari carriere – i quattro componenti del CSN&Y hanno riscosso un notevole successo sia in termini di popolarità che di vendite di dischi. Nel 1998 CSN&Y sono stati inseriti nella Vocal Group Hall of Fame. Più volte scioltisi e più volte ricompostisi – sotto forma di duo o trio, in combinazioni differenti – sono tornati a esibirsi live nella primavera del 2005. CSN hanno poi fatto due tournée, con passaggi anche in Italia, nel 2011 (Padova, Milano, Firenze e Roma) e poi nel 2013 (Brescia e Piazzola Sul Brenta di Padova).

http://it.wikipedia.org/wiki/Crosby,_Stills,_Nash_%26_Young

Crosby, Stills & Nash (CSN) is a folk rock supergroup made up of David Crosby, Stephen Stills and Graham Nash. They are known as Crosby, Stills, Nash & Young (CSNY) when joined by occasional fourth member Neil Young. They are noted for their intricate vocal harmonies, often tumultuous interpersonal relationships, political activism, and lasting influence on American music and culture. All four members of CSNY have been inducted into the Rock and Roll Hall of Fame twice,[1] though Young’s inductions were for work not involving the group.

Prior to the formation of CSN, each member of the band had belonged to another prominent group. David Crosby played guitar, sang and wrote songs with the Byrds; Stephen Stills had been a guitarist, keyboardist, vocalist and songwriter in the band Buffalo Springfield (which also featured Neil Young); and Graham Nash had been a guitarist, singer and songwriter with the Hollies.

Due to internal friction, Crosby was dismissed from The Byrds in late 1967.[2] By early 1968, Buffalo Springfield had disintegrated, and after aiding in putting together the band’s final album, Stills was unemployed. He and Crosby began meeting informally and jamming. The result of one encounter in Florida on Crosby’s schooner was the song “Wooden Ships“, composed in collaboration with another guest, Jefferson Airplane‘sPaul Kantner.[3]

Graham Nash had been introduced to Crosby when the Byrds had toured the United Kingdom in 1966, and when the Hollies ventured to California in 1968, Nash resumed his acquaintance with him.[4] At a party in July 1968 at Joni Mitchell‘s house, Nash asked Stills and Crosby to repeat their performance of a new song by Stills, “You Don’t Have To Cry”, with Nash improvising a third part harmony.[5] The vocals jelled, and the three realized that they had a unique vocal chemistry.

Creatively frustrated with the Hollies, Nash decided to quit the band and work with Crosby and Stills. After failing an audition with the BeatlesApple Records, they were signed to Atlantic Records by Ahmet Ertegün, who had been a fan of Buffalo Springfield and was disappointed by that band’s demise.[6] From the outset, given their previous experiences, the trio decided not to be locked into a group structure. They used their surnames as identification to ensure independence and a guarantee that the band could not continue without one of them, unlike both the Byrds and the Hollies. They picked up a management team in Elliot Robertsand David Geffen, who got them signed to Atlantic and would help to consolidate clout for the group in the industry.[7] Roberts kept the band focused and dealt with egos, while Geffen handled the business deals, since, in Crosby’s words, they needed a shark and Geffen was it.[8]

Stills was already signed to Atlantic Records through his Buffalo Springfield contract. Crosby had been released from his Byrds’ deal with Columbia, as he was considered to be unimportant and too difficult to work with. Nash, however, was still signed to Epic Records through the Hollies. Ertegun worked out a deal with Clive Davis to essentially trade Nash to Atlantic in exchange for Richie Furay (who was also signed to Atlantic from having been in Buffalo Springfield) and his new band Poco

http://en.wikipedia.org/wiki/Crosby,_Stills,_Nash_%26_Young

Cambiare il mondo


ricerca

Cambiare il mondo

 Il mondo ha bisogno di quel briciolo di follia che possa renderlo migliore, uscendo da un binario, deragliando dal conosciuto e triste percorso del quotidiano, per incidere quella vitalità che solo persone speciali sanno conferire. Troppo rumore fa la nebbia di chi attraverso azioni egoiste calpesta gli altri, soffici come la neve e limpidi come cristallo, sono i passi di coloro che, con generosità a piene mani, sanno cambiare il mondo.

13.01.2013 Poetyca

Change the world

  The world needs that bit of madness that can make it better, coming out of a binary deragliando from the known and sad path of everyday life, to affect the vitality that only special people know how to give. Too much noise does the fog of those who through selfish actions tramples on the other, soft as snow and as clear as crystal, are the feet of those who generously with both hands, they can change the world.

13.01.2013 Poetyca

Una perla al giorno – Gangottara Sutra


82_1024

 

L’assenza del pensiero discriminante non può essere compresa o afferrata per mezzo del pensiero.

 Budda

  Gangottara Sutra

The absence of discriminative thought cannot be understood or grasped by means of thinking.

 Buddha

 Gangottara Sutra

Disegni d’anima


preghiera

Disegni d’anima

Sussurri e silenzi odono
 tra le pause di cuore
 il suono di te
Senza ombre
senza paure
il respiro si allunga
Lieve la vibrazione
stende armonia e gioia
oltre questo confine
Abbraccio infinito
di note e luce
in disegni d’anima

02.10.2013 Poetyca

❤ ❤ ❤

Drawings of soul

Hear whispers and silences
  during pauses in heart
  the sound of you
without shadows
without fear
the breath stretches
Slight vibration
spreads harmony and joy
beyond this boundary
Hug infinite
notes and light
in drawings of soul

02.10.2013 Poetyca

Magia


6

Magia

Magia della notte
ascolto di un infinito
attimo senza frontiere:
Tutto respira vita
nel rincorrersi del silenzio
appeso al battito del cuore

Magia di chi vede
con occhi sognanti
oltre la siepe:
Tutto conosci
senza parole
nell’incanto senza nome

11.11.2013 Poetyca

Magic

Magic of the night
listening to an endless
moment without borders:
Everything breathes life
in chase of silence
hanging from the heartbeat

Magic of those who see
with dreamy eyes
over the hedge:
everything you know
without words
enchantment with no name

11/11/2013 Poetyca

Vita senza meta


vitasenzameta

Vita senza meta

Spezza le catene
di rabbia ed illusione
ricorda che tu sai oltrepassare
le immagini distorte
di una mente cieca
incapace di guardare
quella realtà più vera
incisa in fondo al cuore
colori nell’infinito
per abbracciare il mondo

Respira a fondo
la vita del tuo Essere
dove nulla è immutabile
Sorridi a questo attimo
dove tutto è gioia infinita
Tu scaccia timore e rivalsa
sii libero di vivere
lo spazio oltre il confine
dove tutto partecipa
alla Vita senza meta

02.01.2013 Poetyca

Life without destination

Break the chains
of anger and illusion
remember that you know beyond
distorted images
of a blind mind
unable to look
that truest reality
engraved in the heart
colors the infinite
to embrace the world

Breathe deeply
the life of your Being
where nothing is immutable
Smile at this moment
where all is infinite joy
You cast out fear and revenge
be free to live
the space beyond the line
where all participates
to the Life without destination

02.01.2013 Poetyca

Gang Of Four


[youtube https://youtu.be/rmiwPZczUy8]

I Gang of Four sono un gruppo post punk britannico, formatosi a Leeds nel 1977.

I membri originari erano il cantante Jon King, il chitarrista Andy Gill, il bassista Dave Allen e il batterista Hugo Burnham. In attività dal 1977 al 1984, si sono riformati due volte negli anni novanta con King e Gill. Nel 2004 sono tornati anche Allen e Burnham.

Il gruppo suona punk rock fortemente influenzato da funk e dub reggae, e si dedica a temi incentrati sulle difficoltà della società moderna. Il loro primo disco, Entertainment!, arrivò al numero 490 della lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone. Gli ultimi lavori dei Gang of Four (Songs of the Free ed Hard) li hanno visti più alle prese con sonorità più contemporanee e quasi vicine alla disco music.

https://it.wikipedia.org/wiki/Gang_of_Four_(gruppo_musicale)

Gang of Four are an English post-punk group, formed in 1977 in Leeds.[1] The original members were singer Jon King, guitarist Andy Gill, bass guitarist Dave Allen and drummer Hugo Burnham. There have been many different line-ups including, among other notable musicians, Sara Lee and Gail Ann Dorsey. After a brief lull in the 1980s, different constellations of the band recorded two studio albums in the 1990s. Between 2004 and 2006 the original line-up was reunited; as of 2013, Gill is the sole original member.

The band plays a stripped-down mix of punk rock, funk and dub, with an emphasis on the social and political ills of society. Gang of Four are widely considered one of the leading bands of the late 1970s/early 1980s post-punk movement. Their later albums (Songs of the Free and Hard) found them softening some of their more jarring qualities, and drifting towards dance-punk and disco. Their debut album, Entertainment!, ranked at Number 483 in Rolling Stone’s 500 Greatest Albums of All Time, and is listed by Pitchfork Media as the 8th best album of the 1970s.[3] David Fricke of Rolling Stone described Gang of Four as “probably the best politically motivated band in rock & roll

https://en.wikipedia.org/wiki/Gang_of_Four_(band)

Spezzato incanto


wpid-libera1.jpg

Spezzato incanto

Rimembra il cuore
di un tempo soffice
dove tutto era canto
– cullato respiro –
in carezze come ricamo

Oggi è la ricerca
di un rifugio a protezione
da ogni acido corrosivo
– spezzato incanto –
di ogni attimo d’amore vivo

22.12.2013 Poetyca

Broken enchantment

So remember the heart
of a time soft
where everything was hand
– Rocked breath –
caresses as embroidery

Today is research
a shelter to protect
of each corrosive acid
– Broken spell –
of each instant of love alive

22/12/2013 Poetyca

Richiami di luce


lilly03_1024

Richiami di luce

Ali aperte
alla ricerca di traiettorie
vivace visione
oltre tutte le apparenze
Luce accoglie
dove non vedi nuvole
nel battito dolce
di questo attimo
in eterea visione

17.04.2014 Poetyca

Elements of Light

open wings
searching for trajectories
vibrant vision
beyond all appearances
light welcomes
where you do not see clouds
beat in sweet
this moment
in ethereal vision

17/04/2014 Poetyca

La vera natura


light

La vera natura

la nostra vera natura è racchiusa nel concetto

della goccia e dell’oceano:

La goccia è l’oceano stesso, non si è mai separata,

il viaggio di ricerca è nella congiunzione con l’abbraccio

per raccogliere ogni goccia, per esprimere l’oceano.

Il nostro corpo fisico, la percezione di separazione, di ostacolo,

di limite non permette di capire, tutto è ridotto.

La nostre essenze sono prigioniere, racchiuse in questa dimensione,

in corpi,nell’ ignoranza che non sa superare le apparenze.

Ma se possiamo saltare ogni recinto, se guardiamo oltre

 le mura delle gabbie mentali, noi scopriamo una ondata di gioia,

una felicità immotivata….che è amore.

31.03.2013 Poetyca

The true nature

our true nature is contained in the concept

of the drop and the ocean:

The drop is the ocean itself, it has never been separated,

the research trip is in conjunction with the embrace

to collect every drop, to express the ocean.

Our physical body, the perception of separation, obstacle,

limit does not allow to understand, everything is reduced.

The essences are our prisoners, contained in this dimension,

in bodies, in ‘ignorance is unable to overcome appearances.

But if we can jump every fence, if we look beyond the walls

 of mental cages, we discover a wave of joy,

 happiness unmotivated …. that is love.

31.03.2013 Poetyca

Preghiere di Pace


budda2

Preghiere di Pace

Preghiera indù per la pace

O Dio, guidaci dall’irreale al Reale.
O Dio, guidaci dalle tenebre alla luce.
O Dio, guidaci dalla morte all’immortalità.
Shanti, Shanti, Shanti a voi tutti.
O Signore Dio onnipotente, che la pace regni
nelle regioni celesti.
Che la pace regni sulla terra.
Che le acque siano di ristoro.
Che le erbe siano sane, e che alberi e
piante rechino a tutti la pace. Che tutti gli esseri
caritatevoli rechino a noi la pace.
Che la Legge vedica diffonda la pace
in tutto il mondo.
Che ogni cosa sia per noi fonte di pace.
Che la tua stessa pace, conceda a tutti la pace
e che venga anche a me.

Preghiera buddhista per la pace

Che tutti gli esseri ovunque afflitti dalle
sofferenze del corpo e della mente
siano subito liberati dalle loro malattie.
Che le creature spaventate smettano
d’avere paura, che quelle in catene tornino libere.
Che quelle prive di potere lo trovino
e che la gente pensi ad aiutarsi a vicenda.
Che le creature smarrite in deserti
impervi e spaventosi, bambini, anziani, indifesi,
siano protette dai caritatevoli spiriti celesti
e che presto raggiungano la Buddhità.

Preghiera zoroastriana per la pace

Preghiamo Dio affinché sradichi
ogni misería del mondo:
affinché la comprensione trionfi
sull’ignoranza, la generosità sull’indifferenza,
la fiducia sul disprezzo, e la verità
trionfi sulla menzogna.

Preghiera giainista per la pace

La Pace e l’Amore Universale sono l’essenza
del Vangelo predicato da tutti gli Illuminati.
Il Signore ha predicato che la serenità
d’animo è il Darma lo perdono le creature tutte,
che tutte le creature perdonino me.
Per tutte nutro amicizia, per nessun’inimicizia.
So che la violenza è la radice di ogni miseria al mondo.
La violenza, in realtà, è il laccio della schiavitù.
” Non fare male ad alcun essere vivente. ”
Questa è la via eterna,
perenne e inalterabile alla vita spirituale.
Un’arma, per quanto potente,
può essere sempre soppiantata da una migliore;
tuttavía nessun’arma sarà migliore
della non violenza e dell’amore.

Preghiera ebraica per la pace

Venite, saliamo al monte del Signore,
affinché possiamo camminare
sui sentieri dell’Altissimo.
E delle nostre spade faremo zappe,
e delle nostre lance falci.
Una nazione non leverà più la spada
contro l’altra. E nessuno avrà paura,
perché la bocca del Signore
degli Eserciti ha parlato.

Preghiera shintoista per la pace

Sebbene tutte le persone che vivono di là
dall’oceano che ci circonda, siano,
io credo, nostri fratelli e sorelle,
perché a questo mondo continuano
a esserci problemi?
Perché i venti e le onde si levano
nell’oceano che ci circonda?
Sinceramente spero solo che
il vento allontani presto tutte
le nubi che incombono
sulla cima delle montagne.

Preghiera per la pace degli indigeni africani

Dio onnipotente, il Grande Pollice
cui non si sfugge per stringere qualunque nodo;
il Tuono Fragoroso che fende gli alberi possenti:
l’onniveggente Signore che su dal cielo
vede persino le impronte di un’antilope
su una massa rocciosa qui in Terra.
Sei quello che non esita a rispondere
alla nostra chiamata.
Sei la pietra angolare della pace.

Preghiera per la pace dei nativi americani

0 Grande Spirito dei nostri Antenati,
a te levo il mio calumet.
Ai tuoi messaggeri i quattro venti,
e alla Madre Terra che provvede ai tuoi figli.
Donaci la saggezza per insegnare
ai nostri figli l’amore,
il rispetto e la gentilezza reciproci,
affinché crescano con tranquillità d’animo.
Impariamo a condividere tutto il bene
che ci doni su questa Terra.

Preghiera musulmana per la pace

Nel nome di Allah, clemente, il misericordioso.
Sia lode al Signore dell’Universo
che ci ha creatocostituito in tribù e nazioni,
affinché potessimo conoscerci,
non disprezzarci a vicenda.
Se il nemico propende per la pace,
anche voi fate altrettanto e abbiate fiducia in Dio,
perché il Signore è colui che ode e conosce ogni cosa.
E i servi di Dio, Santi sono quelli che camminano
sulla Terra con umiltà, e nel rivolgerci a loro,
diciamo: ” PACE “.

Preghiera bahaista per la pace

Sii generoso nella prosperità e grato nelle avversità.
Sii giusto nei giudizi e cauto nei discorsi.
Sii un faro per coloro che camminano
nelle tenebre e un asilo per lo straniero.
Sii gli occhi per il cieco, e una guida
per i passi di chi devia dalla retta via.
Sii l’alito della vita per il corpo dell’umanítà,
e rugiada per il terreno del cuore umano
e un frutto sull’albero dell’umiltà.

Preghiera sikh per la pace

Dio ci giudica secondo le nostre azioni,
non in base alla veste che indossiamo:
tale Verità è al di sopra di tutto,
ma lo è ancor più una vita vissuta nella verità.
Sappiate che amando si raggiunge Dio,
e che quella vittoria soltanto è duratura
e grazie ad essa nessuno è sconfitto.

Preghiera cristiana per la pace

Beati i Pacifici ché saranno chiamati Figli di Dio.
Io dico a voi che udite, amate i vostri nemici,
fate del bene a coloro che vi odiano,
benedite coloro che vi maledicono,
pregate per coloro che vi molestano.
Se qualcuno vi percuote su una guancia,
porgetegli anche l’altra,
e a coloro che vi rubano il mantello,
non vietate di prendere anche la tonaca.
Date a chiunque vi chieda,
e se qualcuno vi toglie il vostro,
non ridomandateglielo.
E ciò che volete gli altri vi facciano
fatelo anche a loro.

PREGHIERA ISLAMICA

Dio, non consentire che sia io
il carnefice che sgozza gli agnelli,
nè un agnello nelle mani dei carnefici.

Aiutami a dire sempre la verità
anche in presenza dei forti,
e a non dire giammai bugie
per guadagnare gli applausi dei deboli.

Mio Dio,
se tu decidessi di darmi la fortuna,
non togliermi mai la pace e la felicità;

se tu decidessi di darmi la forza,
non togliermi mai il discernimento;
se mi sarà dato di prosperare,
non permettere mai che io perda la modestia.
Che il mio orgoglio sia solo la dignità di essere tuo figlio.

Aiutami ad apprezzare il lato buono di ogni cosa,
per non vedere il tradimento dei miei avversari,
e per non giudicarli con severità e senza amore.

Fa’ che io non resti colpito
dall’illusione della gloria
quando vivrò nel successo,
nè che io mi disprezzi
quando proverò l’insuccesso.

Ricordami che l’esperienza di una sconfitta
nelle tue mani può trasformarsi in un successo maggiore.

O Dio !
Fammi sentire che il perdono
è il maggior indice di forza,
e che la vendetta è soltanto
una prova di debolezza.

Se mi toglierai la fortuna,
lasciami la speranza.
Se mi mancherà la salute,
confortami con la grazia della fede.

E quando l’ingratitudine dovesse ferirmi,
fa’ che l’incomprensione dei miei fratelli
crei nella mia anima
la forza della scusa e del perdono.

E finalmente, Signore,
se io dovessi dimenticarTi,
ti prego lo stesso, Signore,
non dimenticarti mai di me!

(Sufi, anonimo del XIX secolo,
ispiratosi a Qadiri àlJilàni, di Baghdàd)


È Natale!

È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tieni la mano.
È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro.
È Natale ogni volta che speri con quelli che disperano.
È Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e le tue debolezze.
È Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere in te e poi lo doni agli altri.

Madre Teresa di Calcutta

—–

Possano tutti gli esseri di tutti i mondi essere felici

Non siamo isole separate, siamo anelli della stessa catena.
Ogni parola dolce, ogni sorriso, ogni buona azione aiuta
il nostro prossimo, la nostra comunità, la nostra nazione, il nostro mondo.
Preghiamo e meditiamo insieme, e raggiungeremo la riva della pace, che spande la dolce sacra fragranza dell’amore e vibra di unità e armonia.
Sintonizzando le nostre menti alla suprema coscienza, apriamo i nostri cuori, recitando le parole:
“che ognuno, ovunque sia felice”

Amma

—–

Metta Sutta (Parole del Buddha sulla gentilezza amorevole)

Questo dovrebbe fare
chi pratica il bene
e conosce il sentiero della pace:
essere abile e retto,
chiaro nel parlare,
gentile e non vanitoso,
contento e facilmente appagato;
non oppresso da impegni e di modi frugali,
calmo e discreto,
non altero o esigente;
incapace di fare
ciò che il saggio poi disapprova.
Che tutti gli esseri
vivano felici e sicuri:
tutti, chiunque essi siano,
deboli e forti,
grandi o possenti,
alti, medi o bassi,
visibili e non visibili,
vicini e lontani,
nati e non nati.
Che tutti gli esseri vivano felici!

Che nessuno inganni l’altro
né lo disprezzi
né con odio o ira
desideri il suo male.
Come una madre
protegge con la sua vita
suo figlio, il suo unico figlio
così, con cuore aperto,
si abbia cura di ogni essere,
irradiando amore
sull’universo intero;
in alto verso il cielo
in basso verso gli abissi,
in ogni luogo, senza limitazioni,
liberi da odio e rancore.

Fermi o camminando,
seduti o distesi,
esenti da torpore,
sostenendo la pratica di Metta;
questa è la sublime dimora.

Il puro di cuore,
non legato ad opinioni,
dotato di chiara visione,
liberato da brame sensuali,
non tornerà a nascere in questo mondo.

Tanti auguri di attenzione reciproca e uno scambio costruttivo,capace di condurre sulla via dell’Amore.

Non smettere di portare avanti la Speranza, il valore dei sentimenti e la tua sensibilità e fai che traspaia sempre dalle tue parole.
Forse si è idealisti, ma sii come il giunco che si piega al vento ma non si spezza, sii capace di coerenza e non permettere che nulla ti scalfisca. Non avere paura e ricorda che chi lavora dentro di sè è seme del futuro e contagia alla gioia e all’amore altre persone. Soffia sempre le nubi e sii arcobaleno, davvero è necessario!

Poetyca


 

Manifestazione – To manifest


🌸Manifestazione🌸

Non si smette di cercare,
di manifestare e sperimentare
il frutto di quanto si conosca.
Il viaggio è senza fine
ma ogni passo
ha la sua importanza
nel confronto con la vita
e con noi stessi,
per la direzione da prendere
e per comprendere
il senso della rotta.

04.12.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸To manifest

Do not stop searching,
to manifest and experiment
the fruit of what is known.
The journey is endless
but every step
it has its importance
in comparison with life
and with ourselves,
for the direction to take
and to understand
the sense of the route.

04.12.2019 Poetyca

Abbandonare i desideri


bruno2_1024

 

Dovete abbandonare il vostro pensiero, desiderio. Dovete solo essere, e improvvisamente tutto cade in un tutto organico, diventa armonia. E questi desideri sono la radice delle tenebre che vi circonda. Questi desideri sono il supporto, la fondazione delle tenebre che vi circondano. Questi desideri sono gli ostacoli che non permettono di diventare attenti. Attenzione a questi desideri. E ricordate – _la parola” stare attenti” significa essere consapevoli. Questo è l’unico modo. Se davvero ci si vuole sbarazzare di questi desideri, non iniziate a combatterli . In caso contrario, vi perderete ancora. Perché se iniziate a combattere con i vostri desideri, significa che è stato creato un nuovo desiderio – di essere senza desideri. Ora questo desiderio si scontreranno contro altri desideri. Questo sta cambiando la linguaggio, che rimane lo stesso.

Osho

You have to drop your thinking, desiring. You have just to be, and suddenly everything falls into an organic whole, becomes a harmony. And these desires are the root of the darkness that is surrounding you. These desires are the support, the foundation of the darkness that surrounds you. These desires are the hindrances that don’t allow you to become alert. Beware of these desires. And remember — the word ‘beware’ means be aware. That is the only way. If you really want to get rid of these desires, don’t start fighting them. Otherwise you will miss again. Because if you start fighting with your desires, that means you have created a new desire — to be desireless. Now this desire will clash against other desires. This is changing the language; you remain the same.

Osho

Infinito oltre il baratro


infinitooltreilbaratro

Infinito oltre il baratro

Gocce
di cuore
scivolano
lentamente
nell’oceano
d’infinito
Palpitano
fonte e aroma
dell’Essere
oltre tutte
le apparenze

Stilla a stilla
tutto ritorna
all’origine
Vita alimenta
mentre cade
l’opposta forza
L’infinito
è allo sbaraglio
oltre il baratro
nel mistero nascosto
di ogni illusione

28.02.2013 Poetyca

Infinite over the edge

Drops
of heart
slipping
slowly
in the ocean
of infinite
Palpitate
source and aroma
of Being
over all
appearances

Drop by drop
all returns
to source
Life feeds
as it falls
the opposing force
The infinite
is in jeopardy
over the edge
the mystery hidden
of every illusion

28.02.2013 Poetyca

La vera libertà


rosaflor

La vera libertà

La vera libertà è scelta,
non è percorso obbligato ma opportunità.
In noi la capacità di leggere nel profondo,
di applicare la presenza mentale
per cercare le origini della nostra sofferenza.

Non è attraverso la reazione che si trova la libertà, essa fiorisce attraverso l’azione consapevole, dove il nostro disagio possa essere letto e con attenzione si possa trovare la soluzione ad esso.

Il Nobile Ottuplice Sentiero è strumento per essere capaci di risalire la corrente di un fiume, di relazionarsi con la nostra mente
e da essa sciogliere le cause della sofferenza.

Ogni effetto nuovo è fiore che conduce
ad amorevolezza e compassione verso noi stessi e tutti gli esseri senzienti.

La libertà dai condizionamenti esterni, intesi come non consapevolezza e ripetizione di credenze a volte erronee, senza riflettere se effettivamente esse sono capaci di rappresentarci, è un piccolo passo alla scoperta di Sè. L’ascolto di noi stessi, delle emozioni è il tracciato da percorrere.
In forma semplicistica Susanna Tamaro affermerebbe ” Vai dove ti porta il Cuore”, questo non signifca un seguire senza regole l’impulsività a volte distruttiva e cieca, ci sfugge spesso che l’aggressività trova origine dalla paura, dal timore di non essere oggetto d’amore.
La conoscenza dei meccanismi che procurano la sofferenza conduce a svelarne l’origine nella paura, nell’attaccamento, nelle aspettative e nelle illusioni. Quando riconosciamo in noi questi atteggiamenti, perchè siamo stati capaci di osservarci senza farci trascinare, con equidistanza, allora possiamo attraversare il nostro spazio interiore con una consapevolezza nuova che ci permetta di manifestare la nostra vera natura.Sopratutto ci permette di non reagire di fronte a chi tentasse di provocarci perchè ne comprendiamo i meccanismi mentali e proviamo comprensione.
Non è facile camminare nel Mondo del tutto disarmati, trasparenti, senza maschere, ma è una sfida che ci permetta di ascoltare e manifestare il nostro vero Sè.
Quando infatti avremo fatto spazio, con l’ascolto del silenzio, delle piccole manifestazioni, siamo pronti ad essere quel che siamo. Come una freccia scoccata che possa colpire il bersaglio senza esitazione.

Le regole che ci possiamo dare diventano delle naturali inclinazioni che conoscono e manifestano il rispetto di sè e degli altri, non come ” disciplina” ma come evoluzione di queli disagi oramai tramutati in empatia, attenzione amorevole verso tutti gli altri esseri.

Poetyca 25.08.2008

True freedom

True freedom is choice,
path but is not obligated opportunities.
In us the ability to read deeply,
to apply mindfulness
search for the origins of our suffering.

Not by the reaction that is freedom, it blooms through conscious action, where our discomfort can be read and carefully you can find the solution to it.

The Noble Eightfold Path is the instrument to be able to travel upstream in a river, to relate to our mind
and dissolve it causes suffering.

Each flower is a new effect that leads
with kindness and compassion towards ourselves and all sentient beings.

Freedom from external constraints, meaning no repetition of awareness and mistaken beliefs sometimes, without thinking whether they are actually able to represent us, is a small step to self-discovery. Listening to ourselves, emotion is the path ahead.
In simplistic form Susanna Tamaro would say “Go where your heart”, this is not a meaning to our follow no rules impulsiveness sometimes destructive and blind, often escapes us that aggression originates from fear, fear of not being the subject of ‘love.
Knowledge of the mechanisms that bring suffering leads to reveal the origin in fear, in attachment, expectations and illusions. When we recognize these attitudes in us, because we were able to observe without being carried away, equidistant, then we can cross our inner space with a new awareness that allows us to express our true natura.Sopratutto we can not react towho tried to provoke because we understand the mental mechanisms and try to understand.
It is not easy to walk in the World completely disarmed, transparent, without masks, but it is a challenge that allows us to listen and show our true self.
Indeed, when we made room, listening silence, small events, we are ready to be who we are. As an arrow that can hit a target without hesitation.

The rules that we can to become familiar with the natural inclinations and show respect for self and others, not as “discipline” but as an evolution of that unease now turned into empathy, loving attention to all other beings.

Poetyca 25.08.2008

Ultravox


[youtube https://youtu.be/hIuOz8vycWc]

Gli Ultravox sono un gruppo di musica new wave formato a Londra nel 1973. All’inizio della loro carriera, il nome del gruppo era Ultravox! (col punto esclamativo finale), per richiamare quello dei tedeschi Neu!, e tale rimase per i primi due album.

La carriera del gruppo viene marcatamente divisa in due periodi, ossia quello dal 1974 al 1979, guidato dal leader John Foxx, e quello dal 1979 al 1988, segnato dal suo sostituto Midge Ure.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ultravox

Ultravox (formerly known as Ultravox!) are a British new wave band, formed in London in 1974 as Tiger Lily. Between 1980–86, they scored seven Top Ten albums and seventeen Top 40 singles in the UK, the most successful of which was their 1981 hit “Vienna”.

The band has been led by two different frontmen who never played together in the band at the same time. From 1974 until 1979, singer John Foxx was frontman and the main driving force behind Ultravox. Foxx left the band to embark on a solo career and, following his departure, with the three remaining members in hiatus, Midge Ure took over as lead singer, guitarist and frontman in 1980 after he and keyboardist Billy Currie worked in the studio project Visage. Ure revitalised the band and steered it to commercial success lasting until the mid-1980s. Ure left the band in 1987 after establishing his own solo career and the group disbanded for a while. A new line-up, led by Currie, was formed in 1992, but achieved little success.

The band’s best-known line-up of Currie, Ure, bassist Chris Cross and drummer Warren Cann reformed in 2008 and performed a series of reunion shows in 2009 and 2010 before releasing a new studio album, Brill!ant, in May 2012. In November 2013, Ultravox performed as special guests on a four date UK arena tour with Simple Minds.

https://en.wikipedia.org/wiki/Ultravox

Sempre ed ovunque


lilly03_1024

Sempre ed ovunque

Oltre le ombre
oltre i timori
di una mente accesa
si nascondono
in fondo al cuore
nel respiro
in quest’istante
pieghe di luce
Atomi di vita
soffice palpito
esteso all’infinito
come nastro di colori
come cerchio
in ricerca della sua origine:
sempre ed ovunque – siamo

06.06.2013 Poetyca

Always and everywhere

Than shadows
over fears
of a turned mind
are hidden
deep in my heart
in the breath
at this moment
folds of light
Atoms of life
soft throb
extended to infinity
as ribbon colors
as a circle
in search of its origin:
always and everywhere – we are

06.06.2013 Poetyca