Risultati della ricerca per: 2013

Eterno ritorno – Eternal return


eterno ritorno

Eterno ritorno

Strisce di cielo
ricamano luce
per aprire un varco
tra le falde antiche
di un pensiero

Satelliti orbitanti
frammenti di vita
in cerca di senso
ora tacciono
respirando l’attimo

Sedimentano impressioni
mentre l’alba
accende il giorno
anche oggi la pace abbraccia
in un eterno ritorno

31.01.2013 Poetyca

Eternal return

Strips of sky
embroider light
to open a gate
between ancient groundwater
of a thought

Orbiting satellites
fragments of life
in search of meaning
are now silent
breathing the moment

Sediment impressions
while dawn
lights the day
even today peace embraces
in an eternal return

31.01.2013 Poetyca

The Best of Echo & The Bunnymen



Gli Echo & the Bunnymen sono un gruppo musicale britannico post-punk formatosi a Liverpool nel 1978.
Inizialmente il gruppo era composto da Ian McCulloch, Will Sergeant e Les Pattinson. Sono diventati famosi
per album come Heaven Up Here, Porcupine e Ocean Rain in cui è contenuta la canzone The Killing Moon.
https://it.wikipedia.org/wiki/Echo_%26_the_Bunnymen
Echo & the Bunnymen are an English rock band formed in Liverpool in 1978.
The original line-up consisted of vocalist Ian McCulloch, guitarist Will Sergeant and bass player Les Pattinson,
supplemented by a drum machine. By 1980, Pete de Freitas joined as the band’s drummer.
Their 1980 debut album, Crocodiles, met with critical acclaim and made the UK Top 20.
Their second album, Heaven Up Here (1981), again found favour with the critics and reached number 10 in the UK Album chart.
The band’s cult status was followed by mainstream success in the mid-1980s, as they scored a UK Top 10 hit with “The Cutter”,
and the attendant album, Porcupine (1983), reached number 2 in the UK. Their next release, Ocean Rain (1984),
continued the band’s UK chart success, and has since been regarded as their landmark release, spawning the hit singles
“The Killing Moon”, “Silver” and “Seven Seas”. One more studio album, Echo & the Bunnymen (1987), was released
before McCulloch left the band to pursue a solo career in 1988.
The following year, in 1989, de Freitas was killed in a motorcycle accident,
and the band re-emerged with a new line-up. Original members
Will Sergeant and Les Pattinson were joined by Noel Burke as lead singer,
Damon Reece on drums and Jake Brockman on keyboards.
This new incarnation of the band released Reverberation in 1990,
but the disappointing critical and commercial reaction it received culminated
with a complete split in 1993.
After working together as Electrafixion, McCulloch and Sergeant
regrouped with Pattinson in 1997 and returned as Echo & the Bunnymen
with the UK Top 10 hit “Nothing Lasts Forever”. An album of new material,
Evergreen, was greeted enthusiastically by critics and the band made a successful
return to the live arena. Though Pattinson left the group for a second time,
McCulloch and Sergeant have continued to issue new material
as Echo & the Bunnymen, including the albums What Are You Going
to Do with Your Life? (1999), Flowers (2001), Siberia (2005), The Fountain (2009)
Meteorites (2014).
In 2012 Ian McCulloch released his fourth solo LP, Pro Patria Mori
and a live album Holy Ghosts in 2013.[4] In 2013 Will Sergeant
and Les Pattinson formed a group called “Poltergeist” and released
an album called Your Mind Is A Box (Let Us Fill It With Wonder)
in June 2013.
https://en.wikipedia.org/wiki/Echo_%26_the_Bunnymen

Lou Reed Greatest Hits – Best songs of Lou Reed


Video https://youtu.be/QYEC4TZsy-Y
Lewis Allan Reed (New York, 2 marzo 1942Long Island, 27 ottobre 2013) è stato un cantautore, chitarrista e poeta statunitense.
Cantore al contempo crudo e ironico dei bassifondi metropolitani, dell’ambiguità umana, dei torbidi abissi della droga e della deviazione sessuale, ma anche della complessità delle relazioni di coppia e dello spleen esistenziale, Lou ha finito con l’incarnare lo stereotipo dell’Angelo del male, immagine con cui ha riempito i media per oltre tre decenni divenendo una delle figure più influenti della musica e del costume contemporanei.[1][4]
Con i Velvet Underground, fondati nella sua New York a metà anni sessanta insieme al musicista d’avanguardia John Cale, pur non riscuotendo alcun successo commerciale ha rivoluzionato per sempre i dettami della musica rock, gettando le basi per quell’estetica nichilista che anni dopo sarebbe stata ribattezzata Punk.[5][6]Dopo lo scioglimento del gruppo ha avviato una lunga e proficua carriera solista, che può vantare album storici come Transformer (prodotto da David Bowie), il concept album Berlin, il live Rock N Roll Animal e l’album-provocazione Metal Machine Music.[7]
Celebri e imitatissimi il suo look divenuto un marchio di fabbrica (giacca di pelle nera, jeans e Ray-Ban scuri), la sua voce apatica e apparentemente monocorde, il suo stile chitarristico abrasivo e dissonante.[8]
http://it.wikipedia.org/wiki/Lou_Reed
Lewis AllanLouReed (March 2, 1942 – October 27, 2013) was an American musician, singer, and songwriter.[1] After serving as guitarist, vocalist, and principal songwriter of the Velvet Underground, his solo career spanned several decades.
The Velvet Underground was a commercial failure in the late 1960s, but the group gained a considerable cult following in the years since its demise and has gone on to become one of the most widely cited and influential bands of the era.[2] Brian Eno famously stated that, while the Velvet Underground’s debut album only sold 30,000 copies, “everyone who bought one of those 30,000 copies started a band.”[3]
After his departure from the group, Reed began a solo career in 1972. He had a hit the following year with “Walk on the Wild Side“, but this level of mainstream commercial success was not to be repeated.[4] Reed was known for his distinctive deadpan voice, poetic lyrics and for pioneering and coining the term ostrich guitartuning.[5]
In 2003, Rolling Stone magazine’s list of The 500 Greatest Albums of All Time included two albums by Reed as a solo artist, Transformer and Berlin.[6]
http://en.wikipedia.org/wiki/Lou_Reed

Azione e reazione – Action and reaction


293966_10150322328914646_742844645_8288024_1479015195_n

 

Azione e reazione

E’ molto importante fermarsi ad osservare se stessi, le dinamiche che conducono alla reazione:

1) Da dove ha origine quel fuoco?

2) Cosa vediamo negli altri che ci rispecchia?

3) Come placare la mente dalla reazione?

Ogni volta che sentiamo il medesimo disagio, che vorremmo aggredire il nostro ” avversario”, possiamo essere richiamati alla ricerca, a lasciare andare, a meditare per estinguere il fuoco.

Ogni volta che si presenta questo problema, non siamo di fronte ad un ostacolo da combattere ma si presenta a noi una ottima opportunità per sciogliere un nodo. Per trasformare la nostra rabbia in compassione.

Per essere consapevoli delle discrepanze tra quello che si vorrebbe essere e il nostro mondo interiore è fondamentale spendere del tempo verso l’ascolto di sè, di cosa fluisce in noi, non solo della presenza martellante di pensieri, di sentimenti di rabbia o desiderio, impellente bisogno di reazione.
La calma, il riposo, il centrarsi è la via per cogliere la nostra vera essenza.

28.10.2013 Poetyca

Action and reaction

It ‘s very important to stop and observe themselves, the dynamics that lead to the reaction :

1 ) Where does that fire?

2 ) What do you see in others that it reflects ?

3 ) How stilling the mind by the reaction ?

Whenever we feel the same discomfort , we would like to attack our ” adversary” , we can be reminded of the research, to let go , to meditate in order to extinguish the fire .

Whenever you have this problem , we are not faced with an obstacle to fight but presents us a great opportunity to fulfill a node. To transform our anger into compassion .

To be aware of the discrepancies between what you would like to be and our inner world it is essential to spend some time listening to himself , what flows into us , not just pounding the presence of thoughts, feelings of anger or desire , impelling need reaction .
The calm, rest, centered is the way to capture our true essence .

28/10/2013 Poetyca

La nostra immagine – Our image


 

La nostra immagine

“Prima della nascita, l’anima di ciascuno di noi
sceglie un’immagine o disegno che poi vivremo sulla terra, e riceve
un compagno che ci guidi quassù, un daimon, che è
unico e tipico nostro. Tuttavia, nel venire al mondo, dimentichiamo
tutto questo e crediamo di essere venuti vuoti. È il daimon
che ricorda il contenuto della nostra immagine, gli elementi del
disegno prescelto, è lui dunque il portatore del nostro
destino”.

J. Hillman, Il codice
dell’anima

Devi confrontarti con quello in cui credi riguardo la morte:
se finisce tutto,non esiste un oltre,oppure c’ė continuità
ma in modo diverso rispetto la corporeità.
Dunque una diversa esperienza percepibile con una sensibilità
che trascende la limitatezza di idee mentali e sensi fisici.
Allora nulla ė confrontabile e spiegabile
con l’esperienza da persone incarnate.
Mai nessuno potrebbe dirti in cosa credere o non credere:
Va sperimentato restando in ascolto.
Senza aspettative precise.

12.03.2016 Poetyca

 

Our image


“Before birth, the soul of each of us
choose an image or design that we will live on the earth, and receives
a companion to guide us up here, a daemon, which is
Our unique and typical. However, in coming into the world, we forget
all this and we believe we have come empty. It’s the Daimon
reminiscent of the content of our image, the elements of the
design chosen, he is therefore the bearer of our
destiny”.

J. Hillman, The Code soul


You have to confront what you believe about death:
if it’s all over, there is no addition or no continuity
but in a different way than the corporeal.
Thus a different experience perceivable with a sensitivity
that transcends the limitations of mental ideas and physical senses.
Then nothing is comparable and understandable
with experience from incarnate people.
No one would ever tell you what to believe or not to believe:
It should be experienced by listening.
Without clear expectations.


12/03/2016 Poetyca

Sul cammino della luce – On the Path of light – Omraam Mikhaël Aïvanhov


fede_1024

Sul cammino della luce

« Una volta che vi siete avviati sul cammino della luce, sforzatevi di non tornare mai indietro. E per non tornare indietro, il metodo più sicuro consiste nel mostrarsi vigili in ogni minima azione della vita quotidiana. È inutile concepire nobili progetti se questi non sono sostenuti e nutriti ogni giorno da un corretto atteggiamento interiore, oltre che da un buon comportamento esteriore. È importante ogni pensiero, ogni sentimento, ogni azione. Dovete comprendere a fondo che la vostra esistenza non è solo una continuità, ma anche una totalità nella quale ciascun elemento ha legami segreti con tutti gli altri: nessuno di essi è isolato. La vita quotidiana costituisce la base sulla quale costruite tutti i vostri grandi progetti. Che siate orientati verso la filosofia, l’arte, la politica, la scienza o la spiritualità, non è sufficiente che riusciate ad acquisire competenze nelle varie materie, ma è tutta la vostra vita a dover nutrire la vostra vocazione. »

Omraam Mikhaël Aïvanhov

On the path of light

« Once you are committed to following the path of light, do all you can not to leave it. And the surest way of doing this is to watch carefully how you perform the tiniest actions of daily life. There is no point in coming up with noble projects if they are not supported and nourished each day by a sound inner attitude and by good outer behaviour as well. Every thought, every feeling and every action are important. You must understand that your life is not just a continuum; it is also a totality, each element of which is secretly linked with all the others; not one element is isolated. Daily life is the foundation on which you build all your great plans. Whether you intend to go in for philosophy, art, politics, science or spirituality, it is not enough to achieve competence in these different subjects; your whole life must nurture your vocation. »

Omraam Mikhael Aivanhov

PJ Harvey


Polly Jean “PJ” Harvey (Yeovil, 9 ottobre 1969) è una cantautrice e musicista britannica.

https://it.wikipedia.org/wiki/PJ_Harvey

Polly Jean Harvey, MBE (born 9 October 1969), known as PJ Harvey, is an English musician, singer-songwriter, writer, poet, composer and occasional artist.Primarily known as a vocalist and guitarist, she is also proficient with a wide range of instruments including piano, organ, bass, saxophone, harmonica and, most recently, the autoharp.

Harvey began her career in 1988 when she joined local band Automatic Dlamini as a vocalist, guitarist, and saxophone player. The band’s frontman, John Parish, would become her long-term collaborator. In 1991, she formed an eponymous trio and subsequently began her professional career. The trio released two studio albums, Dry (1992) and Rid of Me (1993) before disbanding, after which Harvey continued as a solo artist. Since 1995, she has released a further six studio albums with collaborations from various musicians including John Parish, former bandmate Rob Ellis, Mick Harvey, and Eric Drew Feldman and has also worked extensively with record producer Flood.

Among the accolades she has received are the 2001 and 2011 Mercury Prize for Stories from the City, Stories from the Sea (2000) and Let England Shake (2011)[ respectively—the only artist to have been awarded the prize twice—eight Brit Award nominations, six Grammy Award nominations and two further Mercury Prize nominations. Rolling Stone awarded her 1992’s Best New Artist and Best Singer Songwriter and 1995’s Artist of the Year, and listed Rid of Me, To Bring You My Love (1995) and Stories from the City, Stories from the Sea on its 500 Greatest Albums of All Time list. In 2011, she was awarded for Outstanding Contribution To Music at the NME Awards.[10] In June 2013, she was awarded an MBE for services to music.

https://en.wikipedia.org/wiki/PJ_Harvey

Una perla al giorno – Sumedho


budda2

Meditazione buddista: Io pensavo, ‘Che parte della mia personalità mi piacerebbe vivere per sempre?’
– E io non riuscivo a trovare nulla.

Sumedho

Buddhist meditation: I used to think, ‘What part of my personality would I like to live with forever?’
― and I couldn’t find anything.

Sumedho

Prendimi per mano – Take my hand – Thich Nhat Hanh


ak3_1024

 

Prendimi per mano

 

Prendimi per mano, Cammineremo.
Cammineremo soltanto.
Sarà piacevole camminare insieme.
Senza pensare di arrivare da qualche parte.
Cammina in pace.
Cammina nella gioia.
Il nostro è un cammino di pace.
Poi impariamo che non c’è un cammino di pace;
camminare è la pace;
non c’è un cammino di gioia;
camminare è la gioia.
Noi camminiamo per noi stessi.
Noi camminiamo per ognuno sempre mano nella mano.
Cammina e tocca la pace di ogni istante.
Cammina e tocca la gioia di ogni istante.
Ogni passo è una fresca brezza.
Ogni passo fa sbocciare un fiore sotto i nostri piedi.
Bacia la terra con i tuoi piedi.
Imprimi sulla terra il tuo amore e la tua gioia.
La terra sarà al sicuro se c’è sicurezza in noi.

 – Thich Nhat Hanh

 
Take my hand

Take my hand We’ll walk.
We will walk only.
It will be nice to walk together.
Without thinking get somewhere.
Walk in peace.
Walk in joy.
Ours is a peaceful path.
Then we learn that there is no way to peace;
walking is peace;
there is a path of joy;
walking is joy.
We walk for ourselves.
We walk for everyone always hand in hand.
Walk and touch peace every moment.
Walk and touch happiness every moment.
Each step is a cool breeze.
Each step makes a flower bloom under our feet.
Kiss the earth with your feet.
Impress on earth your love and your joy.
The earth will be safe if there is no security in us.

  – Thich Nhat Hanh

Petali -Petals


purelove

Petali

Oceano lambisce
anime in viaggio
nel respiro lieve
Mandala racchiuso
nel tempo senza tempo
impresso nel silenzio
Petali sovrapposti
colori di luce viva
soffice incanto
Specchio del Cuore
dove l’infinito cammino
abbraccia e regala Amore
09.08.2013 Poetyca
Petals
Ocean lapping
souls on the road
in the light breath
Mandala enclosed
in time without time
imprinted in the silence
Overlapping petals
colors of bright light
soft charm
Mirror of the Heart
where the infinite path
Embraces and gives Love
09/08/2013 Poetyca

Pink Floyd – Hits (Full Album)


I Pink Floyd sono stati un gruppo musicale rock britannico formatosi nella seconda metà degli anni sessanta che, nel corso di una lunga e travagliata carriera, è riuscito a riscrivere le tendenze musicali della propria epoca, diventando uno dei gruppi più importanti della storia.[1][4]
Sebbene agli inizi si siano dedicati prevalentemente alla psichedelia[5] e allo space rock, il genere che meglio definisce l’opera dei Pink Floyd, caratterizzata da una coerente ricerca filosofica, esperimenti sonori, grafiche innovative e spettacolari concerti, è il rock progressivo.[5][6][7]
Nel 2008 si è stimato che abbiano venduto circa 250 milioni di dischi in tutto il mondo,[8][9] di cui 74,5 milioni nei soli Stati Uniti d’America.[10]
I Pink Floyd hanno influenzato considerevolmente la musica successiva, dai gruppi progressive degli anni settanta, come Genesis e Yes,[11] fino a musicisti contemporanei, come Nine Inch Nails,[12] Dream Theater e Porcupine Tree.[13]
Il gruppo, nato a Londra nel 1965,[14][15] viene fondato dal cantante e chitarrista Roger Keith “Syd” Barrett, dal bassista George Roger Waters, dal batterista Nicholas Berkeley “Nick” Mason e dal tastierista Richard William “Rick” Wright. Nel dicembre del 1967 si aggiunge al gruppo il chitarrista David Jon “Dave” Gilmour,[14][15] che si affianca e quindi si sostituisce definitivamente a Barrett, progressivamente emarginatosi dal gruppo a causa del pesante uso di droghe e di una forma di alienazione.
Il gruppo, dopo essersi fatto notare grazie a lavori di stampo psichedelico, raggiunge la maturità con Atom Heart Mother e Meddle, e si afferma a livello mondiale con The Dark Side of the Moon e i successivi album, tra cui Wish You Were Here, Animals e The Wall, che consegnano i quattro alla storia del rock.[16] La formazione non subisce sostanziali cambiamenti fino al 1985,[15] escludendo una parentesi di alcuni anni in cui Wright figura solo come turnista.[14] Nel 1985 Waters abbandona il gruppo e i membri rimanenti, dopo aver vinto la breve battaglia legale per stabilire a chi spettasse continuare a usare il nome “Pink Floyd”, pubblicano successivamente altri due album in studio: A Momentary Lapse of Reason e The Division Bell. La formazione cessa la propria attività nel 1995,[14] sciogliendosi definitivamente nel 2006, quando Gilmour nega ufficialmente la possibilità di una riunione.[17] Nel 2008, con la morte di Wright, si spengono di fatto le speranze dei fan di rivedere il gruppo dal vivo con tutti e quattro i componenti al completo. Tuttavia, il 5 luglio 2014 viene annunciata da Polly Samson, moglie di David Gilmour, la pubblicazione a ottobre dello stesso anno di un quindicesimo album in studio, The Endless River.
https://it.wikipedia.org/wiki/Pink_Floyd
Pink Floyd were an English rock band formed in London. They achieved international acclaim with their progressive and psychedelic music. Distinguished by their use of philosophical lyrics, sonic experimentation, extended compositions and elaborate live shows, they are one of the most commercially successful and musically influential groups in the history of popular music.
Pink Floyd were founded in 1965 by students Syd Barrett, Nick Mason, Roger Waters, and Richard Wright. They gained popularity performing in London’s underground music scene during the late 1960s, and under Barrett’s leadership released two charting singles and a successful debut album, The Piper at the Gates of Dawn (1967). David Gilmour joined as a fifth member in December 1967; Barrett left the band in April 1968 due to deteriorating mental health exacerbated by drug use. Waters became the band’s primary lyricist and, by the mid-1970s, their dominant songwriter, devising the concepts behind their critically and commercially successful albums The Dark Side of the Moon (1973), Wish You Were Here (1975), Animals (1977), The Wall (1979) and The Final Cut (1983).
Wright left Pink Floyd in 1979, followed by Waters in 1985, declaring it a “spent force”. Gilmour and Mason continued as Pink Floyd; Wright rejoined them as a session musician and, later, a band member. The three produced two more albums, A Momentary Lapse of Reason (1987) and The Division Bell (1994), and toured until 1994. After nearly two decades of acrimony, Pink Floyd reunited with Waters in 2005 for a performance at the global awareness event Live 8, but Gilmour and Waters have since stated they have no plans to reunite as a band again. Barrett died in 2006 and Wright in 2008. The final Pink Floyd studio album, The Endless River, recorded without Waters and based on material recorded in 1993–1994, was released in November 2014.
Pink Floyd were inducted into the US Rock and Roll Hall of Fame in 1996, and the UK Music Hall of Fame in 2005. By 2013, the band had sold more than 250 million records worldwide, including 75 million certified units in the United States.
https://en.wikipedia.org/wiki/Pink_Floyd

Sete di ricerca – Thirst for research


pace_thumb

Sete di ricerca

Con le mani a coppa
raccolgo l’essenza
di questo oceano
Goccia a goccia
lo porto nell’alambicco
del cuore
dove la mia anima
distilla petali d’amore
In un respiro solo
abbraccio il mondo
Io placo le ferite
estinguo la sete di ricerca
senza più luogo
nè tempo
vortica la danza
ovunque
al suono suadente
dell’Adesso
Solo un abbraccio
completa
L’Opera inestinguibile
come onda avvolgente
in carezze d’anima
Tutto il resto respira Amore

28.05.2013 Poetyca

Thirst for research

With hands cupped
I gather the essence
of this ocean
Drop by drop
I carry it into the cruet
of the heart
where my soul
distilled petals of love
In one breath only
embrace the world
I calmed wounds
quench the thirst for research
no more place
neither time
whirling dance
everywhere
to the seductive sound
of Now
Only a hug
completes
The Opera unquenchable
as a wave enveloping
in caresses of soul
Everything else breathes Love

28.05.2013 Poetyca

Sull’Amare – On loving


7

Sull’Amare

Ci troviamo a cercare e a confrontarci con noi stessi per seminare le cose in cui crediamo. Il rapporto con gli altri,diversi da noi per consuetudini ed idee è spesso un rapporto di compromesso: Apertura e disponibilitá sono la via spianata per esperire atteggiamenti,attenzione e confronto con altri aspetti di noi stessi in altre persone,le quali a volte fungono da specchio.E’ attraverso questo confronto che possiamo mettere in atto flessibilità,accoglienza e compassione ma questo non deve farci perdere di vista il rispetto di sè,la continuità della ricerca interiore ed un mirato ascolto di quanto si manifesta,in modo spontaneo,senza farsi manipolare o piegare dall’altrui giudizio o da pressioni esterne atte a farci mutare comportamento o, soprattutto,dal nostro attaccamento alla nostra immagine o alle apparenze. Amare o partecipare alla vita degli altri deve essere un percorso spontaneo ed incondizionato. Tutti noi dovremmo lavorare per trovare la gioia di un confronto costruttivo. Senza rabbia o timore.

Esistono persone capaci di amare…malgrado tutto e senza pianificare nulla.
Non lo fanno in nome di un Dio o per guadagnarsi un lontano Paradiso, semplicemente provano una gioia profonda nell’esprimere la propria natura.Non tentano di trarre piacere ma vivono pienamente l’attimo presente. Perchė consapevoli che tutto è Amore.

Il ricevere quel che si semina è una legge naturale, qualcuno lo chiama Karma.
Anche nella Bibbia, nell’Antico Testamento, in Proverbi si afferma che ” Chi semina vento raccoglie tempesta” (Osea 8,7). Una piccola nota per comprendere che siamo responsabili delle nostre azioni. Amare non è qualcosa che si programma o si imita, accade.
La rabbia, l’odio, la vendetta, hanno una sorta di potere corrosivo che danneggia chi per primo coltiva tali semi.
Meglio dimenticare le cause di sofferenze e amare comunque ( anche se difficile) che farsi contaminare da energie corrosive e distruttive.

16.01.2014 Poetyca

On loving

We are to seek and confront ourselves to sow the things we believe . The relationship with others different from us for traditions and ideas is often a relationship of compromise : Opening and availability are clearing the way for seeking attitudes , attention and comparison with other aspects of ourselves in other people , which sometimes act as specchio.E ‘ through this comparison we can implement flexibility , warmth and compassion but this should not make us lose sight of the self-respect , the continuity of soul searching and a focused listening to what occurs in a spontaneous way , without being manipulate or bend dall’altrui judgment or by outside pressures designed to make us change behavior or , more importantly, from our attachment to our image or appearances. To love or to participate in the lives of others should be a path spontaneous and unconditional . All of us should work to find the joy of a constructive dialogue . Without anger or fear .

There are people who are able to love in spite of everything … and not planning anything.
Do not do it in the name of God or to earn a distant paradise , simply feel a deep joy in expressing their natura.Non try to get pleasure but fully live the present moment . Because they are aware that everything is Love.

The get what you sow is a natural law , some call it Karma .
Even in the Bible, in the Old Testament , Proverbs says that “He who sows the wind reaps the whirlwind .” (Osea 8,7) A small note to understand that we are responsible for our actions. Love is not something you or program imitates , it happens .
Anger , hatred , revenge, have some sort of corrosive power that harms those who first cultivated these seeds.
Better to forget the causes of suffering and still love (although difficult ) to be contaminated by corrosive and destructive energies .

16/01/2014 Poetyca

Il futuro è adesso – The future is now


ilfuturoeadesso

Il futuro è adesso

Nulla si disperde
nel suono di onde
impercettibile
infrangersi del tempo
respiro e vigore
nella costruzione
del nuovo futuro
Mattone dopo mattone
impalpabile passo
tuffo nel mare
dell’adesso
– continuità e colore –
scelta del cuore
nel cerchio
del nostro Essere

30.04.2013 Poetyca

The future is now

Nothing is lost
in the sound of waves
imperceptible
crashing of time
breath and force
in the construction
the new future
Brick by brick
impalpable step
dip in the sea
of now
– Continuity and color –
choice of the heart
in the circle 
of our Being

30.04.2013 Poetyca

Una perla al giorno – Lao Tzu


Smettete di partire e arriverete.
Smettete di cercare e vedrete.
Smettete di correre via e sarete trovati.

Lao Tzu

Stop leaving and you will arrive.
Stop searching and you will see.
Stop running away and you will be found.

 Lao Tzu

Dono del silenzio – Gift in silence


rose
Dono nel silenzio
Se parliamo di incontro, di dialogo, l’importanza dello stesso, credo che le persone, individualmente debbano prima incontrare se stesse. Forse un buon dialogo ( il portare fuori) è proporzionale a quanto si sia capaci di spostare l’attenzione dentro di sè, di cogliere che cosa si porta dentro. Spesso manca questa forma di attenzione e dovrebbe essere stimolata per riconoscersi e per comprendere chi siamo o cosa si vorrebbe manifestare di genuino e non solo come cassa di risonanza del ” già detto o sentito”.
Il silenzio implica una doppia presenza di ascolto:
L’ascolto di colui che si offre e quello di colui che riceve.
Nel silenzio emerge il rispetto, la gratuità di un dono.
Spesso, in un mondo chiassoso, pieno di aspettative, il silenzio è visto come negazione di sè, come atto punitivo, come distanza.
Ma solo attraverso il silenzio emerge la vera natura, la capacità di purificare la mente da ogni aggressione esterna.
Chi riconosce l’altro come parte di sè, soprattutto nel silenzio, è chi non prevalica e sa attendere con calma l’altrui manifestazione.
12.10.2013 Poetyca
Gift in silence
If we speak of encounter, dialogue , the importance of the same , I believe that people, individually must first meet themselves. Perhaps a good dialogue ( the take out ) is proportional to what one is able to shift the focus within himself , to grasp that what is within him . They often lack this form of attention and should be encouraged to recognize and to understand who we are or what you would like to express genuine and not just as a sounding board of the “already said or heard .”
Silence implies the presence of a double listening :
Listening to him who gives and the one who receives it.
In the silence emerges as respect, generosity of a gift .
Often , in a noisy world , full of expectations , silence is seen as a negation of itself, as an act of punishment , such as distance .
But only through silence emerges the true nature , the ability to purify the mind from any external aggression .
Who recognizes the other as a part of himself , especially in the silence , it is those who do not know how to wait calmly prevalica and the manifestation of others .
12.10.2013 Poetyca

Buddhismo e dualismo – Buddhism and dualism


2

Buddhismo e dualismo
Per il buddhismo non si contempla scissione netta relativa al dualismo, al punto che non si cerca di ricomporla , si è consapevoli che ogni cosa è e non è. Che tutto è impermanente e che la realtà è diversa da quella che la mente ci propone. Dunque se l’illusione ci mostra un albero, per esempio, esso si considera anche come non albero, poichè frutto della percezione dei sensi. Non ci si oppone a quanto la mente ci mostri, si cerca solo di non provare attaccamento verso quegli elementi che possano generare conflitto accogliendoli ma sapendo che sono impermanenti..
Si potrebbe allora essere ” buoni” e allo stesso tempo ” non -buoni” , “cattivi ” e allo stesso tempo” non -cattivi”, un modo questo per neutralizzare il giudizio dettato dalla mente stessa e per accogliere la realtà delle cose, diversa da quanto la mente indichi. Un modo per non attaccarsi alle proprie opinioni e alla necessità della critica, strumento dettato dalla mente quanto si avverte paura.
La paura, in particolare quella inconsapevole ma sempre viva della morte è una delle principali causa del dolore, come si sa il buddhismo mette in atto dei meccanismi efficaci, perchè sperimentabili proprio per liberarsi dal dolore.

Il koan è tipico della scuola zen ed ha il compito di spezzare, in forma veloce, quegli inganni della mente per aprire un varco al risveglio. Si tratta si particolari ” indovinelli” che mandano in corto circuito la logica mentale e fanno ritrovare una diversa dimesione. Solo nella scuola zen è presa in considerazione la possibiltà del risveglio in questa vita e viene perseguito attraverso questo meccanismoe non solo, le altre scuole non definiscono e non ricercano un risveglio attraverso questi mezzi ma si dedicano allo studio dei testi o all’uso di mantra, fondamentale è la meditazione che conduca ad un lavoro interiore di notevole efficacia.
Consideriamo che per ogni scelta, ogni aspetto del nostro comportamento o quella Persona ( come la definisce C.G.Jung) protratto nel tempo, quello che vogliamo mostrare di essere, determini anche che scartiamo aspetti di noi che manteniamo nell’ombra. Proprio per il principio del dualismo ed il timore di ricevere un giudizio frustrante e doloroso, ci porta ad alimentare una seconda nostra personalità che manteniamo sotterranea e che prende il nome di Ombra ( sempre per C.G..Jung) Ora sebbene sia netto il confronto è come se si dicesse che un uomo integerrimo abbia nascosto l’uomo scapestrato, la donna esemplare abbia in uno spazio sotterraneo nascosto la sua parte ombra e dunque la donna trasgressiva. Certo queste oltre ad essere teorie demarcano confini netti.
Ma il mio richiamo serve per far riflettere che, in fondo quelle parti di noi scisse, perchè non accolte ed allontanate per effetto del dualismo, diventano poi dei pesi ingombranti, delle energie che potrebbero emergere d’improvviso perchè non accolte ed approfondite a suo tempo.

In un certo senso alimentare il dualismo porta sempre dei rischi, oltre a negare la vita a parti di noi stessi, mai riconosciute, sopratutto perchè si segue il modello di condizionamenti, accade che si alimenti un pesante giudizio nei confronti degli altri e si desidera ” combattere” su di essi quello che nascondiamo a noi stessi della nostra parte Ombra. In fondo il buddhismo ha dissolto questo atteggiamento attraverso il riconoscimento della dicotomia degli opposti nel retto sforzo di abbracciare la realtà per quella che è, sopratutto limitando quelle proiezioni su altri e lavorando nella lettura profonda di sè stessi..
Ma aspetto importante, a mio avviso, il buddhismo contempla che tutti contengono un seme di buddhità che va ricercato ed alimentato. Dunque anche chi ci apparisse distante da un comportamento apprezzabile è un potenziale risvegliando. Motivo maggiore per non alimentare il giudizio, sotto i panni della persona contestabile è presente il suo opposto, lo stesso si potrebbe dire per chi sia apparentemente perfetto. La ricerca conduce ad alimentare la via di mezzo, quel giusto equilibrio che possa mantenere un atteggiamento equidistante su avvenimenti della vita e giudizio e nel contempo insegni ad abbracciare ogni nostro aspetto facendolo convivere senza conflittualità ma anche la presenza di rispetto verso gli altri che sono riconosciuti come interdipendenti.

06.10.2007 Poetyca

Buddhism and dualism

For Buddhism we do not contemplate a clear split relative to dualism, to the point that we do not try to recompose it, we are aware that everything is and is not. That everything is impermanent and that reality is different from what the mind proposes to us. So if the illusion shows us a tree, for example, it is also considered as a non-tree, as it is the fruit of the perception of the senses. We are not opposed to what the mind shows us, we just try not to feel attachment to those elements that can generate conflict by welcoming them but knowing that they are impermanent ..
One could then be “good” and at the same time “not-good”, “bad” and at the same time “not-bad”, a way to neutralize the judgment dictated by the mind itself and to welcome the reality of things, different as far as the mind indicates. A way not to cling to one’s own opinions and the need for criticism, a tool dictated by the mind when one feels fear.
Fear, in particular the unconscious but always alive fear of death, is one of the main causes of pain, as we know Buddhism puts in place effective mechanisms, because they can be experienced precisely to get rid of pain.
The koan is typical of the Zen school and has the task of breaking, quickly, those deceptions of the mind to open a passage upon awakening. These are particular “riddles” that short-circuit the mental logic and make it possible to find a different dimension. Only in the Zen school is the possibility of awakening in this life taken into consideration and it is pursued through this mechanism and not only that, the other schools do not define and do not seek an awakening through these means but are dedicated to the study of texts or the use of mantras. , fundamental is the meditation that leads to an interior work of notable efficacy.
We consider that for every choice, every aspect of our behavior or that Person (as C.G. Jung defines it) over time, what we want to show ourselves to be, also determines that we discard aspects of ourselves that we keep in the shadows. Precisely due to the principle of dualism and the fear of receiving a frustrating and painful judgment, it leads us to feed a second personality of ours that we keep underground and which takes the name of Shadow (always for CG.Jung) Now although the comparison is clear it is like if it were said that an upright man has hidden the reckless man, the exemplary woman has her shadow part hidden in an underground space and therefore the transgressive woman. Certainly, in addition to being theories, they demarcate clear boundaries.
But my call serves to make us reflect that, after all, those parts of us split up, because they are not accepted and removed due to dualism, then become cumbersome weights, energies that could suddenly emerge because they were not accepted and deepened in due time. .
In a certain sense, feeding dualism always brings risks, in addition to denying life to parts of ourselves, never recognized, above all because we follow the model of conditioning, it happens that we feed a heavy judgment towards others and we want ” fight “on them what we hide from ourselves of our Shadow side. Basically, Buddhism has dissolved this attitude through the recognition of the dichotomy of opposites in the right effort to embrace reality for what it is, above all by limiting those projections on others and working in the profound reading of oneself.
But importantly, in my opinion, Buddhism contemplates that all contain a seed of Buddhahood that must be sought and nurtured. Therefore, even those who appear to be distant from an appreciable behavior are a potential awakening. A major reason for not feeding the judgment, under the guise of the contestable person is his opposite, the same could be said for those who are apparently perfect. The research leads to nourish the middle way, that right balance that can maintain an equidistant attitude on the events of life and judgment and at the same time teaches to embrace every aspect of us making it live without conflict but also the presence of respect towards others who are recognized as interdependent.

06.10.2007 Poetyca

Devo


I Devo sono un gruppo musicale statunitense formatosi ad Akron (Ohio) nel 1972.

Il loro stile musicale è stato classificato come punk, art rock o post-punk, ma sono per lo più ricordati come una delle band-simbolo della New wave. Sono oggi considerati dalla critica un gruppo fondamentale per l’evoluzione del rock contemporaneo.

Il gruppo viene fondato da Gerald Casale, Bob Lewis e Mark Mothersbaugh, nel 1972.

Il nome “Devo” viene dal termine “de-evolution” (de-evoluzione), teoria secondo cui l’umanità, invece che continuare ad evolversi, avrebbe cominciato a regredire, come dimostrerebbero le disfunzioni e la mentalità gretta della società americana. Tale teoria era frutto di uno scherzo di Casale e Lewis, nato nella fine degli anni sessanta, quando i due frequentavano la Kent State University.

La prima formazione prevedeva sei componenti: i fratelli Gerald e Bob Casale (basso e voce il primo, chitarra, tastiere e cori il secondo), Bob Lewis (chitarra), Mark Mothersbaugh (voce, sintetizzatori e chitarra), Rod Reisman (batteria) e Fred Weber (voce). La loro prima performance avviene nel 1973 al Performing Arts Festival della Kent State University.[6] Dopo questa prima esibizione, il gruppo abbandona Reisman e Weber, e ingaggia Jim Mothersbaugh alla batteria elettronica e Bob Mothersbaugh alla chitarra, entrambi fratelli di Mark. Negli anni a venire, il gruppo passerà attraverso cambi di formazione, che vedono, tra gli altri, l’abbandono di Jim Mothersbaugh, ed esibizioni dal vivo conflittuali.

Nel 1976 viene reclutato il batterista Alan Myers alla batteria, che sancisce una formazione solida che durerà dieci anni circa.

Lo stile del gruppo, ironico, pungente, irriverente e critico nei confronti della società moderna, inserito in un contesto estetico che rimanda a una sorta di fantascienza al limite del kitsch, gli fa guadagnare la simpatia di artisti noti come Neil Young e David Bowie, nonché apparizioni in film dei quali Mark Mothersbaugh curerà la colonna sonora. Il gruppo sarà anche pioniere nell’uso del videoclip, il più noto dei quali, Whip It, godrà di una massiccia presenza nei primi mesi di vita di MTV.

Nel 1977, grazie anche a Bowie e Iggy Pop, ottengono un contratto con la Warner Bros. Il loro primo album, Q: Are We Not Men? A: We Are Devo! viene prodotto nientemeno che da Brian Eno. L’anno successivo sono ospiti del Saturday Night Live, dove si esibiranno in una cover di (I Can’t Get No) Satisfaction dei Rolling Stones.

Nel 1984, lo scarso successo commerciale del sesto album Shout e l’abbandono del batterista Myers, costringono il gruppo a rinunciare al tour di promozione, con conseguente pausa delle attività. Nel frattempo, Mark Mothersbaugh si diletta nella produzione di musica per la televisione, nonché di un progetto solista, Musik for Insomniaks.

Nel 1987 il gruppo si riforma con un nuovo batterista, David Kendrick, precedentemente con gli Sparks. L’anno successivo esce Total Devo, che contiene brani che compariranno in alcuni B movie come Slaughterhouse Rock e The Tapeheads, con John Cusack e Tim Robbins.

Nel 1990 esce Smooth Noodle Maps, che non raccoglie grandi consensi di pubblico e critica, e l’anno successivo il gruppo si scioglie nuovamente. Successivamente, Mark Mothersbaugh fonda uno studio di registrazione per produzioni musicali commerciali, il Mutato Muzika, insieme col fratello Bob e Bob Casale. Lo studio lavora principalmente per produzioni televisive come sigle, programmi, cartoni animati, videogame e film, tra cui alcuni di Wes Anderson. Nel frattempo, Gerald Casale intraprende una carriera come regista di spot pubblicitari e video musicali, per gruppi come Rush, Silverchair e Foo Fighters.

Nel 1995 il gruppo appare nella colonna sonora del film Tank Girl, e l’anno successivo si esibisce al Sundance Film Festival e al Lollapalooza proponendo alcuni classici del periodo tra il 1978 e il 1982.

Pur non pubblicando album fino al 2010, il gruppo produce una serie di singoli per compilation, produzioni televisive, spot pubblicitari per aziende come Dell e la multinazionale Target.

Nel 2006 collaborano con la Disney per un progetto chiamato Devo 2.0, un gruppo composto da bambini che suonano classici dei Devo.

Nel 2008 l’azienda McDonald’s propone un personaggio in omaggio che indossa l’Energy dome, il tipico copricapo dei Devo in plastica rossa a forma di ziqqurat circolare. Il gruppo intenterà una causa alla multinazionale, che successivamente alcuni blog riporteranno come “amichevolmente risolta”.

Nel 2010 esce il loro ultimo album Something for Everybody, a vent’anni dal precedente.

Nel 2013 il loro ex batterista Alan Myers muore a causa di un tumore cerebrale.

Il 17 febbraio 2014 muore improvvisamente Bob Casale, membro fondatore del gruppo, per arresto cardiaco.

https://it.wikipedia.org/wiki/Devo
Devo (/ˈdiːvoʊ/, originally /diːˈvoʊ/) is an American rock band formed in 1972, consisting of members from Kent and Akron, Ohio. The classic line-up of the band included two sets of brothers, the Mothersbaughs (Mark and Bob) and the Casales (Gerald and Bob), along with Alan Myers. The band had a No. 14 Billboard chart hit in 1980 with the single “Whip It”, and has maintained a cult following throughout its existence.

Devo’s style, over time, has shifted between punk, art rock, post-punk and new wave. Their music and stage show mingle kitsch science fiction themes, deadpan surrealist humor, and mordantly satirical social commentary. Their often discordant pop songs feature unusual synthetic instrumentation and time signatures that have proven influential on subsequent popular music, particularly new wave, industrial and alternative rock artists. Devo was also a pioneer of the music video, creating many memorable clips for the LaserDisc format, with “Whip It” getting heavy airplay in the early days of MTV.

https://en.wikipedia.org/wiki/Devo

Stagioni – Seasons


7

Stagioni

Stille di luce
sempre presenti
si nascondono
non le puoi vedere
tornano e vanno
in ogni stagione
Sogni ed inganni
celano il senso
di passi stanchi
in eterno ritorno
del vero percorso
in essenza d`amore

05.06.2014 Poetyca

Seasons

Drops of light
always present
are hidden
can not see them
come back and go
in every season
Dreams and deceptions
conceal the sense
tired of walking
in the eternal return
the true path
in the essence of love

05/06/2014 Poetyca

La vera mente – True mind


budda2

I buddha del passato e del futuro parlano soltanto di questa mente.  
La mente è il buddha. E il buddha è la mente.  
Oltre la mente il buddha non esiste. E oltre il buddha non esiste alcuna mente.  
Se tu pensi ci sia un buddha oltre la mente, dov’è?  
Non c’è alcun buddha oltre la mente, quindi perché immaginarne uno?  
Tu non puoi conoscere la tua vera mente finché inganni te stesso.  
Finché sei affascinato da una forma senza vita, non sei libero.  
Se non mi credi, ingannare te stesso non ti è di alcun aiuto.  
Non è colpa del buddha. La gente, tuttavia, è ingannata.  
Essi sono inconsapevoli che la loro stessa mente è il buddha.
Altrimenti, non cercherebbero un buddha al di fuori della mente.   

                                                    Bodhidharma

The Buddhas of the past and future only talk about this mind.
The mind is the buddha. It is the Buddha is the mind.
The buddha beyond the mind does not exist. It is over the Buddha there is no mind.
If you think there is a buddha beyond the mind, where is it?
There is no buddha beyond the mind, so why imagine one?
You may not know your real mind until deceive yourself.
As long as you’re being fascinated by a lifeless form, you are not free.
If you do not believe me, you do not fool yourself is of no help.
It is not the fault of the buddha. The people, however, is deceived.
They are unaware that their own mind is the Buddha.
Otherwise, it would not seek a Buddha outside the mind.

                                                     Bodhidharma

Energia della consapevolezza – Energy of mindfulness – Thich Nhat Hanh


6

Energia della consapevolezza

Respirare e camminare coscientemente genera l’energia della consapevolezza. Questa energia riporta la mente al corpo facendoci vivere davvero nel momento presente, a contatto con le meraviglie che ci sono in noi e attorno a noi. Se riusciamo a riconoscere tali meraviglie, arriviamo immediatamente alla felicità. Aprendoci del tutto al momento presente, scopriamo che abbiamo già abbastanza motivi per essere felici: anzi, più che abbastanza.
Non abbiamo bisogno di andare a cercare qualcos’altro nel futuro né in nessun altro posto. Ecco cosa significa soffermarsi o risiedere felicemente nel presente.

Thich Nhat Hanh, La pace è ogni respiro

Breathe and walk consciously generate the energy of mindfulness. This energy brings the mind to the body making us really live in the present moment, in contact with the wonders there are in us and around us. If we can recognize these wonders, we come immediately to happiness. By opening ourselves completely to the present moment, we discover that we have enough reasons to be happy: indeed, more than enough.
We do not need to go look for something else in the future or in any other place. That’s what it means to dwell or reside happily in the present.

Thich Nhat Hanh, Peace is every breath

Confine – Boundary


wpid-ali2.jpg

Confine

Non esistono barriere

dove vasto è il ricordo

come cielo

come respiro

in una carezza di silenzio

nel sussurro di onde

illuminate di stelle

Basta accendere speranze

ascoltare l’incanto della notte

come brezza sul viso

come luce di vita

nella mano stretta

a conferma dell’essere

insieme sulla nostra isola

25.06.2013 Poetyca

Boundary

There are no barriers

where large is the memory

like heaven

like breath

in a caress of silence

the whisper of waves

illuminated of stars

Just turn hopes

listen to the magic of the night

as a breeze on your face

as the light of life

in the hand tight

a confirmation of being

together on our island

25.06.2013 Poetyca

Immagine catturata – Captured image


 

preghiera

Immagine catturata

Una macchia
un punto al centro
richiamo che raccoglie
voce ed attesa
Catturato spazio
a tutto l’Universo
– io ci sono –
afferrami, dammi attenzione
Non puoi vagare nello spazio
se prima non guardi
questa rossa collera
se non tendi la tua mano
L’indifferenza mi uccide
– basta un solo attimo –
tra le battute di questa vita
ed il tuo coraggio

18.04.2014 Poetyca

Captured image

A spot
a point at the center
Recall that collects
voice and waiting
caught space
in all the Universe
I’ve been there
hold me, give me attention
You can not wander into space
if not first look
this red rage
if you do not bring your hand
Indifference is killing me
– Just a moment
between the lines of this life
and your courage

18/04/2014 Poetyca

★ cღPoeti amici ღ★


robert strange

~ A l m a n a c c a r e ~

Ho temuto il peggio
valutandone il rischio.
Conciliabolo
tra coscienza
e opportunità.
Un battito di ciglia
ha cancellato il dubbio.
Ora ho imparato a sognare.
E vivo.

Robert Strange

03 Febbraio 2013

~ D a y d r e a m  ~

I feared the worst
assessing the risk.
huddle
between consciousness
and opportunities.
Blink of an eye
has deleted doubt.
Now I have learned to dream.
And I live.

Robert Strange

February 3, 2013

Una perla al giorno – Dalai Lama


La mente umana, è sia fonte
che – opportunamente diretta –  la soluzione
a tutti i nostri problemi.

Dalai Lama

The human mind, is both the source
and – properly directed – the solution
to all our problems.

Dalai Lama