Risultati della ricerca per: 2019

Penombra – Twilight



🌸Penombra🌸

Sono passi
in ricerca
di luce
tra inciampi
di vita
Incanti
ed illusione
per aggrapparsi
senza mai mollare
la presa
Tremanti
sospiri
nel nulla
per scorgere infine
una scintilla
di nuova speranza

14.09.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Twilight

They are steps
in research
of light
between stumbling
of life
Enchantments
and illusion
to hold on
without ever giving up
the socket
trembling
sighing
in nothing
to finally see
a spark
of new hope

14.09.2019 Poetyca

Distanze – Distances


🌸Distanze🌸

Tramo illusioni
nei silenzi invadenti
come tele antiche
incanti spezzati
nel timore
inarrestabile
di nuove solitudini
Poi raccolgo respiri
tra voci ed aurore
ed accarezzo ricordi
sul tracciato indelebile
dei nostri passi incisi
oltre le distanze

26.08.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Distances

I will cast illusions
in intrusive silences
like old canvases
broken charms
in fear
unrestrainable
of new solitudes
Then I collect breaths
between voices and auroras
and caress memories
on the indelible track
of our engraved steps
beyond distances

26.08.2019 Poetyca

Opinioni – Opinions – Jon Kabat – Zinn


Opinioni

Per arrivare nel punto da cui siamo partiti e conoscere il luogo come
se i nostri occhi lo vedessero per la prima volta.
Tanto per cominciare,corriamo il rischio che non succeda mai:Si possono mettere di mezzo molte cose che ci teniamo strette prendendole per buone.
Raggiungere un luogo o un punto di vista – qualunque luogo, qualunque opinione sincera – richiede apertura: in sostanza richiede una condizione di semplicità totale che ci permetta di vedere quel che c’è da vedere,
di conoscere quel che c’è da conoscere; entrambe le cose sono impossibili se persistiamo a vedere ciò che accade solo attraverso gli occhiali delle nostre idee ed opinioni,sia pure magnifiche e ricche di erudizione,e tanto più se non c’è ne accorgiamo.
L’apertura radicale a ciò che non abbiamo ancora sperimentato
– costa “niente meno che tutto”.
A volte non vogliamo pagarne il prezzo,attaccati come siamo all’idea che le cose dovrebbero andare proprio a modo nostro,condizionati come siamo a pensare di sapere come dovrebbe essere quel “modo nostro»,quando naturalmente siamo sempre gli ultimi arrivati – tutti noi – sempre vicini all’orizzonte di ciò che sta appena
al di là del familiare: l’ignoto.
E sottolineo sempre, che lo si sappia al momento oppure no,In quel territorio l’essenziale è fidarsi della propria intuizione più profonda anche se va controcorrente rispetto al pensiero convenzionale,che si voglia creare oppure scoprire qualcosa.

Jon Kabat – Zinn – Riprendere i sensi

Opinions

To get to where we started
and know the place as if our eyes
they saw it for the first time.
To begin with, we run the risk
that never happens: they can be put
half a lot of things that we hold tight by taking them for good.
Reach a place or a point of view
– any place, any sincere opinion – requires openness: in essence it requires a condition of total simplicity that allows us to see what is there
to see, to know what there is to know; both things are impossible if we persist in seeing what happens only through the glasses of our ideas and opinions, even if magnificent
and rich in learning, and even more if we do not notice it.
The radical opening to what we have not yet experienced – it costs “nothing less than everything”.
Sometimes we don’t want to pay the price,attack as we are at the idea that things should go our own way,
conditioned as we are to think
to know how it should be that “our way”, when of course we are always the last to arrive – all of us – always close to the horizon of this
which is just beyond the familiar: the unknown. And I always stress, let it be known at the moment or not, in that territory the essential thing is to trust one’s most profound intuition even if it goes against the current of conventional thinking,whether you want to create or discover something.

Jon Kabat – Zinn – Regaining the Senses

Non avere fretta – Do not rush – Luciano De Crescenzo


🌸Non avere fretta🌸

C’era una volta un contadino cinese al quale era scappato un cavallo. Tutti i vicini cercarono di consolarlo, ma il vecchio cinese , calmissimo, rispose: “E chi vi dice che sia una disgrazia?”. Accadde infatti che, il giorno dopo, proprio il cavallo che era fuggito ritornasse spontaneamente alla fattoria, portandosi dietro altri cinque cavalli selvaggi. I vicini, allora, si precipitarono dal vecchio cinese per congratularsi con lui, ma questi li fermò dicendo: “E chi vi dice che sia una fortuna?”. Alcuni giorni dopo, il figlio del contadino, cavalcando uno di questi cavalli selvaggi, cadde e si ruppe una gamba. Nuove frasi di cordoglio dei vicini e solito commento del vecchio cinese:”E chi vi dice che sia una disgrazia?”. Manco a farlo apposta, infatti, scoppiò una guerra e l’unico a salvarsi fu proprio il figlio del contadino che, essendosi rotto una gamba, non era potuto partire per il fronte.

Questa parabola non ha fine, e potremmo applicarla a molti avvenimenti della nostra vita, pubblica e privata. Spesso quello che in un primo momento ci sembra irrimediabilmente nefasto può nascondere delle conseguenze positive inaspettate, basta attenere un po’ e lasciare che le cose abbiano il loro corso.

Anche per i fatti insomma, come per le persone, non bisogna mai aver fretta di giudicare dalle prime apparenze.

Luciano De Crescenzo
🌸🌿🌸
🌸Do not rush

Once upon a time there was a Chinese peasant who had escaped a horse. All the neighbors tried to console him, but the old Chinese, very calmly, replied: “And who tells you it is a disgrace?” In fact, it happened that, the next day, the very horse who had fled returned spontaneously to the farm, taking with him another five wild horses. The neighbors rushed to the old Chinese to congratulate him, but he stopped them saying: “And who tells you it’s a fortune?” A few days later, the farmer’s son, riding one of these wild horses, fell and broke his leg. New phrases of condolences of the neighbors and usual comment of the old Chinese: “And who tells you that it is a disgrace?”. In fact, a war broke out on purpose and the only one to be saved was the son of the farmer who, having broken his leg, could not leave for the front.

This parable has no end, and we could apply it to many events in our lives, public and private. Often what at first seems irretrievably nefarious can hide unexpected positive consequences, it is enough to wait a bit and let things take their course.

Even for the facts in short, as for the people, we must never be in a hurry to judge from the first appearances.

Luciano De Crescenzo

Battito – Beat


🌸Battito🌸

Atteso
è il tempo
di un battito
e di un respiro
Porto sicuro
in sospeso
dove tutto
è vero

23.09.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Beat

Awaited
is the time
of a beat
and a breath
Safe harbor
outstanding
where everything
it’s true

23.09.2019 Poetyca

Giardini dell’Essere – Gardens of Being


Giardini dell’Essere

Senza nome
è il passo
che calchi sicuro
perché un voce da dentro
suggerisce dove andare
Senza nome
è il disegno
che colora albe e tramonti
di un tempo senza tempo
nella danza di sogni
e di speranze nuove
Senza nome
giardini dell’Essere
nell’eco di stagioni
cariche di speranze
che non hanno bisogni di nomi
ma di finestre spalancate
nell’etere dove anime
abbattono confini
e vivono sintonie e fragranze
come petali di rosa
profumando respiri

04.07.2011 Poetyca

Gardens of Being

Nameless
is the step
that safely you tracings
because a voice from yourself
suggests where to go
Nameless
is the design
that colors sunrises and sunsets
a timeless time
in the dance of dreams
and new hopes
Nameless
gardens of Being
in the echo of seasons
full of hopes
who have no needs of names
but t windows wide open
where souls in the ether
break down boundaries
and live harmonies and fragrances
like rose petals
smelling breath

04.07.2011 Poetyca

Fasi dell’illuminazione -Stages of enlightenment – Swami Dhyan Giten


Fasi dell’illuminazione

“Queste sono le tre fasi dell’illuminazione, i tre scorci del satori.

1. La prima fase dell’illuminazione:
Uno scorcio del tutto

Il primo stadio dell’illuminazione è un breve sguardo da lontano del tutto. È un breve scorcio dell’essere.
Il primo stadio dell’illuminazione è quando, per la prima volta, per un solo momento la mente non funziona. L’ego ordinario è ancora presente al primo stadio dell’illuminazione, ma sperimenta per un breve periodo che c’è qualcosa oltre l’ego.
C’è un vuoto, un silenzio e un vuoto, dove non c’è pensiero tra te e l’esistenza.
Tu e l’esistenza vi incontrate e vi unite per un momento.
E per la prima volta il seme, la sete e il desiderio, l’illuminazione, l’incontro tra te ed esistenza, cresceranno nel tuo cuore.

2. Il secondo stadio dell’illuminazione:
Silenzio, Relax, Insieme, Essere interiore

Il secondo stadio dell’illuminazione è un nuovo ordine, un’armonia, dall’interno, che proviene dall’essere interiore. È la qualità della libertà.
Il caos interiore è scomparso ed è sorto un nuovo silenzio, relax e solidarietà.
La tua saggezza interiore è sorta.
Un ego sottile è ancora presente nel secondo stadio dell’illuminazione.
Gli indù hanno tre nomi per l’ego:
1. Ahamkar, che è l’ego ordinario.
2. Asmita, che è la qualità dell’Amicizia, senza ego. È un ego molto silenzioso, non aggressivo, ma è pur sempre un ego sottile.
3. Atma, la terza parola è Atma, quando anche l’Amnità viene persa. Questo è ciò che il Buddha chiama non-sé, puro essere.
Nel secondo stadio dell’illuminazione diventi capace di essere nell’essere interiore, nello spazio, nella qualità meditativa interiore, nel silenzio e nel vuoto.
Per ore, per giorni, puoi rimanere nel vuoto, nella totale solitudine, in Dio.
C’è ancora bisogno di sforzi per rimanere nel buco, e se si abbandona lo sforzo, lo spazio scomparirà.
Amore, meditazione e preghiera diventano il modo per aumentare lo sforzo nella ricerca di Dio.
Quindi il secondo stadio diventa uno sforzo più consapevole. Ora conosci la strada, ora la direzione.

3. La terza fase dell’illuminazione:
Oceano, totalità, non-sé, essere puro

Al terzo stadio dell’illuminazione, al terzo gradino del Satori, il nostro fiume individuale che scorre silenziosamente, raggiunge improvvisamente l’oceano e diventa tutt’uno con l’oceano.
Al terzo Satori, l’ego è perso, e c’è Atma, essere puro. Tu sei, ma senza confini. Il fiume è diventato l’oceano, il tutto.
È diventato un immenso vuoto, proprio come il cielo puro.
Il terzo stadio dell’illuminazione avviene quando sei diventato capace di trovare l’essere interiore, la qualità meditativa all’interno, lo spazio vuoto, il silenzio interiore e il vuoto, in modo che diventi una qualità naturale.
Puoi trovare il divario quando vuoi.
Questo è il tantra chiamato Mahamudra, il grande orgasmo, ciò che il Buddha chiama Nirvana, ciò che Lao Tzu chiama Tao e ciò che Gesù chiama il regno di Dio.
Hai trovato la porta di Dio.
Sei tornato a casa. ”

Swami Dhyan Giten

Stages of enlightenment

“These are the three stages of enlightenment, the three glimpses of satori.

1. The first stage enlightenment:
A Glimpse of the Whole

The first stage of enlightenment is short glimpse from faraway of the whole. It is a short glimpse of being.
The first stage of enlightenment is when, for the first time, for a single moment the mind is not functioning. The ordinary ego is still present at the first stage of enlightenment, but you experience for a short while that there is something beyond the ego.
There is a gap, a silence and emptiness, where there is not thought between you and existence.
You and existence meet and merge for a moment.
And for the first time the seed, the thirst and longing, for enlightenment, the meeting between you and existence, will grow in your heart.

2. The second stage of enlightenment:
Silence, Relaxation, Togetherness, Inner Being

The second stage of enlightenment is a new order, a harmony, from within, which comes from the inner being. It is the quality of freedom.
The inner chaos has disappeared and a new silence, relaxation and togetherness has arisen.
Your own wisdom from within has arisen.
A subtle ego is still present in the second stage of enlightenment.
The Hindus has three names for the ego:
1. Ahamkar, which is the ordinary ego.
2. Asmita, which is the quality of Am-ness, of no ego. It is a very silent ego, not aggreessive, but it is still a subtle ego.
3. Atma, the third word is Atma, when the Am-ness is also lost. This is what Buddha callas no-self, pure being.
In the second stage of enlightenment you become capable of being in the inner being, in the gap, in the meditative quality within, in the silence and emptiness.
For hours, for days, you can remain in the gap, in utter aloneness, in God.
Still you need effort to remain in the gap, and if you drop the effort, the gap will disappear.
Love, meditation and prayer becomes the way to increase the effort in the search for God.
Then the second stage becomes a more conscious effort. Now you know the way, you now the direction.

3. The third stage of enlightenment:
Ocean, Wholeness, No-self, Pure being

At the third stage of enlightenment, at the third step of Satori, our individual river flowing silently, suddenly reaches to the Ocean and becomes one with the Ocean.
At the third Satori, the ego is lost, and there is Atma, pure being. You are, but without any boundaries. The river has become the Ocean, the Whole.
It has become a vast emptiness, just like the pure sky.
The third stage of enlightenment happens when you have become capable of finding the inner being, the meditative quality within, the gap, the inner silence and emptiness, so that it becomes a natural quality.
You can find the gap whenever you want.
This is what tantra callas Mahamudra, the great orgasm, what Buddha calls Nirvana, what Lao Tzu calls Tao and what Jesus calls the kingdom of God.
You have found the door to God.
You have come home.”

Swami Dhyan Giten

Sentire – To feel


🌸Sentire🌸

Non possiamo mettere
l’oceano in un bicchiere
o creare immagini mentali
di qualcosa di sconosciuto,
ma è proprio allentando
gli aspetti limitati della mente
che si può fare breccia
attraverso il ” sentire”.
Il sentire,il cogliere,il percepire,
esulano dal ragionamento.
Si può solo avvertire “qualcosa”
come il fremito di una foglia nella brezza,
senza vedere o usare strumenti,
“sappiamo già”.

16.05.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸To feel

We can’t put
the ocean in a glass
or create mental images
of something unknown,
but it’s just loosening
the limited aspects of the mind
that can be breached
through “feeling”.
Feeling, grasping, perceiving,
beyond reasoning.
One can only feel “something”
like the thrill of a leaf in the breeze,
without seeing or using tools,
“we already know”.

16.05.2019 Poetyca

✸¸.•°*”˜˜”*°•.☼ Se stesso ✸¸.•°*”˜˜”*°•.☼


Se stesso

Il compito principale
nella vita di ognuno
è dare alla luce se stesso

Erich Fromm

Onemself

The main task
in everyone’s life
it is giving birth to oneself

Erich Fromm

★ cღPoeti amici ღ★


shutterstock_114802408

Aurora

Ricordo i tempi di Grease,
della Febbre del sabato sera
il nostro tempo
quello per noi
i nostri incontri
il tuo sorriso adesso.
Mi appari nei sogni
e sorge l’Aurora

Giulietta de Guio

Aurora

I remember the times of Grease,
Saturday Night Fever
our time
the one for us
our meetings
your smile now.
You appear in dreams
and the Aurora rises

Giulietta de Guio

 

Il ciclo della vita – Cycle of life


Il ciclo della vita
I vecchi amici passeranno, i nuovi amici appaiono. E ‘proprio come i giorni. Un giorno di vita passa, un nuovo giorno arriva. La cosa importante è di renderla significativa: un significativo amico – o un giorno significativo.
Dalai Lama

—–
Uno dei fondamenti del Buddhismo, nato dall’osservazione profonda della realtà ( anche al fine di non favorire le illusioni) e quello dalla impermanenza delle cose.
E’ chiaro il nostro desiderio di continuità, di eternità ( che non è comunque innegabile), ma è altrettanto presente e tutti lo possono sperimentare – il fattore di non durata – della vita, delle cose, dei rapporti umani. Come a dire che tutto è destinato a cambiare, a finire ma anche e ritornare ( la visione orientale è legata alla ciclicità del tempo e non alla sua linearità).
Allora non è ” pessimista” vedere come i rapporti di amicizia possano subire la stessa impermanenza, anzi questo ci permette di accogliere in modo flessibile ogni cambiamento ( o mutevolezza degli eventi) persino come evoluzione degli stessi, ci permette di sperimentare una forma di libertà dagli attaccamenti e dalle illusioni e dunque di accogliere che ogni evento arrivi e poi vada. Che un amico si allontani, grati per la sua presenza e per quanto ci abbia donato. Anche il distacco della morte è visto come un passaggio inevitabile. Tutto questo però non ci esime dal provare sofferenza, dal vivere con tristezza il distacco. Ma questo è un motivo per aprirci alla compassione, per non innescare rabbia o pregiudizi, per essere capaci di ” lasciare andare” come fa un albero con le foglie in autunno. Non ci sarebbe Primavera se le foglie precedenti non avessero abbandonato l’albero.

15.09.2012 Poetyca

Cycle of life

Old friends pass away, new friends appear. It is just like the days. An old day passes, a new day arrives. The important thing is to make it meaningful: a meaningful friend – or a meaningful day.
Dalai Lama
One of those principles of Buddhism, born deep observation of reality (also in order not to encourage illusions) and the impermanence of things.
It is clear our desire for continuity, eternity (which is undeniable), but it is also present, and everyone can experience – a factor not life – of life, of things, of human relationships. As if to say that everything is about to change, but also to finish and return (the Eastern view is linked to the cyclical nature of time and its linearity).
Then there is not “pessimistic” to see how friendships can suffer the same impermanence, this fact allows us to flexibly accommodate any change (or mutability of events) even as an evolution of the same, allows us to experience a kind of freedom from attachments and illusions and therefore to accept that every event come and then go. What a friend moves away, grateful for his presence and for all that has given us. Even the detachment of death is seen as inevitable passage. All this does not excuse us from trying suffering from living with sadness detachment. But this is a reason to be open to compassion, not trigger anger or prejudice, to be able to “let go” like a tree with leaves in the fall. There would be Spring if the leaves before they had left the tree.

15.09.2012 Poetyca

Tu sei – You are


🌸Tu sei🌸

Tu sei Luce
– qui ed ora –
consapevole
continuità
indelebile
energia
senza spazio
senza tempo
abbattuto
confine
in scaglie
d’infinito

26.12.2018 Poetyca
🌸#Poetycamente
🌿🌸You are

You are Light
– here and now –
aware
continuity
indelible
power
without space
timeless
pulled down
border
in flakes
of infinity

26.12.2018 Poetyca

Amicizia e riflessione – Friendship and reflection


Amicizia e riflessione

Credo sia importante un’analisi relativa alle proprie responsabilità , alle aspettative e se e in che modo abbiamo trasmesso amicizia o altro .
Sicuramente , se è amicizia che offriamo ( e non pretendiamo ) , dobbiamo essere in grado di scacciare da noi stessi sentimenti di possesso , cogliere in noi se , dietro la parola amicizia si cela altro .
Prima di puntare il dito su quanto altri non avrebbero fatto verso di noi sarebbe opportuno chiedersi se , in fondo ci attendevamo qualcosa .

Se riusciamo a non fuggire le nostre responsabilità , se siamo capaci di vedere cosa abbiamo sbagliato , se siamo capaci di manifestare dove si sia colto un malinteso ( facile interpretare diversamente ed il dialogo leale serve a questo ) allora si è capaci di portare avanti un rapporto maturo . Troppo facile dare ad altri responsabilità e non vedere la trave che ci renderebbe ciechi. Dialogo , condivisione , senza nulla pretendere è la migliore base per mettere le radici a rapporti destinati a durare nel tempo . Quando muore in fretta era solo illusione .
© Poetyca

Friendship and reflection

I think it is important to analyze one’s responsibilities, expectations and whether and how we have transmitted friendship or other.
Surely, if it is friendship that we offer (and we do not expect), we must be able to drive away from ourselves feelings of possession, to grasp in us if, behind the word friendship there is something else.
Before pointing the finger at what others would not have done towards us, it would be appropriate to ask ourselves if, after all, we expected something.

If we manage not to flee our responsibilities, if we are able to see what we did wrong, if we are able to express where a misunderstanding has been caught (easy to interpret differently and loyal dialogue is for this) then we are able to carry on a relationship mature. Too easy to give others responsibility and not see the beam that would make us blind. Dialogue, sharing, without expecting anything is the best basis for putting down roots to relationships destined to last over time. When he dies quickly it was just an illusion.

© Poetyca

Immagini – Images


🌸Immagini🌸

Cappe grigie
nascondono
i colori
e la spontaneità
mentre la fiamma
spegne luce
e calore
di fronte al gelo
Disinganni
squarciano
le ultime apparenze
di immagini
sapientemente
costruite
e non corrispondenti
al vero

11.04.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Images

Gray hoods
hide
colors
and spontaneity
while the flame
turn off light
and heat
in the face of frost
disappointments
cleft
the latest appearances
of images
wisely
constructed
and mismatched
to the truth

11.04.2019 Poetyca

Nuovo giorno – New day




Nuovo giorno


Un nuovo giorno, forse identico a tanti, stessi gesti, stesse attese. Ma nessun giorno indossa le stesse sfumature interiori, siamo noi costruttori del giorno, dei respiri che imprimono senso alla nascita del sole,
al calore dell’anima che s’eleva verso l’orizzonte per essere seguita da membra stanche di vagare oltre il confine della notte.
Siamo noi che raccogliamo sprazzi di silenzio per farne preghiera e speranza – luce viva – che guidi nella tormenta di dolore ed illusioni,noi ad aprire il pugno, che troppo stretto tiene sogni strappati al tempo.
Soli di fronte a noi stessi, pellegrini di questo percorso saremo capaci semplicemente di essere, gettando lontano tutte le apparenze, ombre inutili che proiettano solo inganni, saremo figli della Luce che sanno raccoglie Speranza e farne dono con il vibrare del coraggio.

© Poetyca

New day

A new day, perhaps identical to many, same gestures, same expectations. But no day wears the same inner shades, we are the builders of the day, of the breaths that give meaning to the birth of the sun,
to the warmth of the soul that rises towards the horizon to be followed by limbs tired of wandering beyond the border of the night.
It is we who collect flashes of silence to make them prayer and hope – living light – which guides us in the torment of pain and illusions, we who open our fist, which too tightly holds dreams torn from time.
Alone in front of ourselves, pilgrims of this path we will be able to simply be, throwing away all appearances, useless shadows that project only deceptions, we will be children of the Light who know how to gather Hope and make it a gift with the vibrating courage.

© Poetyca

Buon Natale – Merry Christmas


🌸Buon Natale🌸

È attesa
di luce viva
calore
da diffondere
da donare
in un bagliore
negli occhi
in un abbraccio
perché sia
sempre
indissolubile amore:
Buon Natale!

23.12.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Merry Christmas

It is waiting
of bright light
warm
to spread
to donate
in a glow
in the eyes
in an embrace
why it is
always
indissoluble love:
Merry Christmas!

23.12.2019 Poetyca

Buon Natale – Merry Christmas


Buon Natale

Natale è in noi,
ogni giorno,
ogni volta che apriamo il cuore.
Amore profondo
soffocato in gola
cerca voce in un mondo
che non sa ascoltare.
Percorso muto di persone
che non hanno più lacrime
ma solo freddo, fame,
paura ed abbandono.
Persone invisibili
che vanno ricordate sempre…
non solo a Natale!
Natale è qui ed ora:
Accendi il Natale,
ascolta il tuo cuore
ed offrilo
con amore incondizionato
Buon Natale

Poetyca

Merry Christmas

Christmas is in us,
everyday,
every time we open our hearts.
Deep love
choked in the throat
seeks voice in a world
who cannot listen.
Silent path of people
who no longer have tears
but only cold, hungry,
fear and abandonment.
Invisible people
that must always be remembered …
not only at Christmas!
Christmas is here and now:
Light up Christmas,
listen to your heart
and offer it
with unconditional love
Merry Christmas

Poetyca

Auguri per te – Best wishes for You!


🌸Auguri per te!🌸

Le speranze non sono mai vane,
spesso infondono coraggio
quando non si intravede
la luce in fondo al tunnel.
Possiamo essere noi stessi
luce per qualcuno,con i gesti,
le parole dettate dal cuore.
Quella fiaccola di speranza
che accompagna lungo la via.
Sia Natale attraverso
la nostra cura ed attenzione
verso gli altri, accompagnando
chi vive momenti d’incertezza.
Ma Natale sia soprattutto
per tutto l’anno e non perché
il calendario evidenzia
una data precisa.

Tantissimi auguri!
Daniela Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Best wishes for you!

Hopes are never in vain,
often instill courage
when you can’t see it
the light at the end of the tunnel.
We can be ourselves
light for someone, with gestures,
the words dictated by the heart.
That torch of hope
that accompanies along the way.
Let Christmas be through
our care and attention
towards others, accompanying
who lives moments of uncertainty.
But Christmas is above all
all year round and not why
the calendar highlights
an exact date.

Best wishes!
Daniela Poetyca