Archivi

Il cane, il gallo e la volpe – Esopo


favolediesopo

Il cane, il gallo e la volpe Esopo
Un cane e un gallo erano amici e viaggiavano insieme.
Giunta la sera, per dormire il gallo salì su un albero
e il cane si sistemò tra le sue radici.
Al mattino, come sua abitudine, il gallo cantò.
Una volpe l’udì e accorse sotto l’albero:
<< Come canti bene! Che bella voce !
Scendi che ti voglio abbracciare .>>
<< Certo, ma prima devi svegliare il portiere
che sta ai piedi dell’albero. >>
Ma mentre la volpe stava per svegliare il ‘portiere’
il cane balzò fuori e la fece a pezzi.
Le persone di buon senso, con qualche stratagemma
sviano gli assalti dei loro nemici verso qualcuno più forte di loro.
The dog, the rooster and the fox Aesop
A dog and a rooster were friends and traveled together.
In the evening, to sleep rooster climbed a tree
and the dog settled between its roots.
In the morning, as usual, the cock crowed.
A fox and heard and saw under the tree:
<< As you sing! What a beautiful voice!
Downs that you want to embrace. >>
<< Yes, but first you have to awaken the concierge
standing at the foot of the tree. >>
But while the fox was going to wake the ‘keeper’
the dog jumped out and shattered.
People of common sense, with some ruse
mislead the assaults of their enemies against someone stronger than them.

Annunci

Il cane da caccia e gli altri cani – Esopo


favolediesopo

Il cane da caccia e gli altri cani Esopo

Un cane allevato in casa e addestrato a combattere
contro le belve, un giorno strappò il collare e scappò.
<< Ma perché scappi ? >> gli domandavano gli altri cani,
vedendolo ben nutrito e in piena forma.
<< Lo so che vivo nell’abbondanza e posso godere di tutte
le soddisfazioni materiali, ma sono sempre a un niente
dalla morte quando devo combattere contro le belve. >>
E gli altri cani commentavano:
<< Anche se viviamo da poveretti, facciamo una bella vita,
perché non dobbiamo combattere contro animali feroci. >>
I pericoli dobbiamo evitarli, e non attirarli per amore
del lusso e della vanagloria.
The hunting dog and other dogs Aesop

A dog bred and trained to fight at home
against the beasts, one day tore the collar and ran.
<< But why run away? >> Asked the other dogs,
seeing him well fed and in good shape.
<< I know that I live in abundance and I can enjoy all
      the material satisfaction, but they are always in a nothing
      from death when I have to fight against the beasts. >>
And other dogs commented:
<< Although we live as poor people, we do a good life,
      because we have to fight against fierce animals. >>
The dangers we have to avoid them, and draw them to love
luxury and vainglory.

Il leone ed il pittore – La Fontaine


favolefelafontaine

Il leone ed il pittore

In un quadro era dipinto un leone enorme e forte, catturato da un uomo e messo a morte.
La gente si gloriava nel vedere tanto coraggio, ma un leone che era presente disse:
– Fantasia! Scommetto che tutta questa gloria sarebbe stata mia se il pittore fosse stato un leone –

La Fontaine

The lion and the painter

In a picture he was painted a huge lion and strong, captured by a man and put to death.
People gloried in seeing a lot of courage, but a lion who was present said:
– Fantasy! I bet all this glory would be mine if the painter had been a lion –

La Fontaine

La gallina dalle uova d’oro – Esopo


favolediesopo
La gallina dalle uova d’oro 

Un contadino possedeva una meravigliosa gallina che, ogni mattina, invece del solito uovo, deponeva nel pollaio nientemeno che un uovo d’oro. Non accontentandosi di quest’uovo quotidiano, il contadino immaginò che la gallina avesse un mucchio d’oro nelle viscere ma, quando la uccise, trovò che dentro era fatta come tutte le altre galline. Così, per la speranza di trovar la ricchezza tutta in una volta, restò privo anche del suo modesto provento.

Accontentatevi di quello che avete e guardatevi dall’essere insaziabili.

Esopo

The goose that lays the golden eggs

A farmer had a wonderful hen, every morning, instead of the usual egg, deposed in the henhouse nothing less than a golden egg. Not content with this egg daily, the farmer imagined that the hen had a pile of gold in the bowels but when killed, he found inside was made as all the other hens. So, for the hope of finding wealth all at once, he was deprived even of his modest income.

Be content with what you have, and beware of being insatiable.

Aesop

La cornacchia e la brocca – Esopo


favolediesopo

La cornacchia e la brocca 

Una cornacchia mezza morta di sete trovò una brocca che una volta era stata piena d’acqua. Quando

infilò il becco nella brocca per abbeverarsi, si rese conto che vi era rimasto soltanto un goccio

d’acqua sul fondo. Provò e riprovò inutilmente.
D’un tratto le venne un’idea e, preso un sasso, lo gettò nella brocca.
Poi prese un altro sasso e lo gettò nella brocca.
Ne prese un altro e gettò anche questo nella brocca.
Ne prese un altro e gettò anche questo nella brocca.
Ne prese un altro e gettò anche questo nella brocca.
Ne prese un altro e gettò anche questo nella brocca.
Ne prese un altro e gettò anche questo nella brocca.
Pian piano vide l’acqua salire verso di sé e, dopo aver gettato ancora altri sassi riuscì a bere

salvandosi la vita.

A poco a poco si arriva a tutto.

Esopo

The crow and the pitcher 

A crow half dead of thirst found a jug that had once been filled with water. when

poked their beaks into the pitcher to drink, he realized that there was still only a drop

of water on the bottom. He tried and tried again to no avail.
Suddenly she had an idea, and took a stone, threw it into the pitcher.
Then he took another pebble and threw it into the pitcher.
He took another and also threw this into the pitcher.
He took another and also threw this into the pitcher.
He took another and also threw this into the pitcher.
He took another and also threw this into the pitcher.
He took another and also threw this into the pitcher.
Gradually he saw the water rise up to him and, after throwing stones others still managed to drink

life saving themselves.

Gradually you get to everything.

Aesop

La volpe e il leone – Esopo


favolediesopo

La volpe e il leone

Una volpe che non aveva mai visto un leone, la prima volta che se lo trovò davanti, provò un tale spavento alla sua vista che quasi ne morì. La seconda volta che lo incontrò, si spaventò sì, ma non proprio come la prima. Quando poi lo vide per la terza volta, trovò tanto coraggio da avvicinarsi a lui ed attaccare persino bottone.

L’abitudine rende tollerabili anche le cose più spaventose.

Esopo

The fox and the lion 

A fox who had never seen a lion, the first time that if it was confronted, he felt such a fright at the sight that she nearly died. The second time I met him, was frightened, yes, but not exactly like the first. And when she saw him for the third time, he found a lot of courage to approach him and even attack button.

The habit makes it tolerable even the most frightening.

Aesop

Tra il dire ed il fare – Esopo


favolediesopo

Tra il dire ed il fare

Un giorno i topi si riunirono a congresso per escogitare il modo di sfuggire all’orribile gatto
che abitava nel loro stesso appartamento.
Ad un tratto un giovane topolino esclamò: – Vi dirò io che cosa dobbiamo fare…una cosa
semplice: attaccare un campanello alla coda del gatto. Quando si muoverà, il campanello suonerà e
noi sapremo dov’è la bestiaccia. –
I topi si misero a strillare saltellando di gioia finchè un vecchio topone domandò: – E chi andrà
ad attaccare il campanello? –
Tutti tacquero. Nessuno dei topi era disposto a tentare l’impresa.

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.

Esopo

Between saying and doing

One day the mice gathered in Congress to figure out how to escape the horrible cat who lived in their own apartment.
Suddenly a young rat exclaimed: – I’ll tell you what to do … something simple: attach a bell to the cat’s tail. When you move, the bell will ring and we will know where the beast. –
The mice began to shriek with joy hopping until an old rat asked – and who will go to attack the bell? –
All were silent. None of the mice was willing to groped the company.

Between saying and doing is middle of the sea.

Aesop