Archivi

Deserto


7
Deserto

Essere capaci di cambiamento,
di mettere in atto una rivoluzione interiore
significa attraversare prima di tutto
il deserto, metterci alla prova di fronte
ad ogni tentazione: se non si riconoscono le nostre debolezze e paure non possiamo essere capaci di
sfidare noi stessi e vincere tutte le prove.
La nostra vita è costellata da prove, da tentazioni ed illusioni che la nostra mente crea.
Che si chiami Maya, Mara o Demonio ( colui che separa),
è necessario riconoscere in noi la forza e la coerenza, la coesione tra i propositi e la forza interiore per superare ogni ostacolo, da vincitori.
Anche Gesù o il Buddha hanno avuto la certezza della loro forza interiore attraversando il ” deserto” della rinuncia, hanno visto la condizione di privazione per elevare lo spirito, per risorgere a loro stessi.
Quando un carovana di pellegrini o dei viaggiatori devono giungere alla meta, di fronte al deserto, privi dell’acqua, subiscono le illusioni dei miraggi, visioni deformanti della realtà, queste prove, prima dell’approdo sono necessarie alla mente per conquistare la certezza e la conferma della propria trascendenza e forza interiore.
Per tradizione, presso l’Islaam, è in uso fare un periodo di digiuno, il Ramadam, che confermi la purificazione da ogni tentazione. Simbolicamente tutto questo rappresenta il deserto, il ritirarsi dal mondo.
Ma potremmo mettere in atto il nostro deserto?
Si, ma non è necessario prendere le distanze dalla vita quotidiana, anzi essa rappresenta la continua sollecitazione a scegliere, a confermare quanto sia vero in noi, quella fonte di purezza che spesso è contaminata, confusa, intorbidita dalle continue tentazioni. Se non fossimo intrecciati con le immagini del mondo, per noi tutti, il deserto non assumerebbe il valore della possibile scelta rivoluzionaria nella nostra vita. Non dobbiamo temere di confermare la necessità del cambiamento.

14.12.2013 Poetyca

Desert

Being able to change,
to put in place an internal revolution
cross means first of all
the desert , put us to the test before
every temptation : if you do not recognize our weaknesses and fears we can not be able to
challenge ourselves and win all the evidence.
Our life is punctuated by tests , temptations and illusions that our mind creates .
What is called Maya, Mara or the Devil (who separates )
you need to recognize in ourselves the strength and coherence , cohesion between the intentions and the inner strength to overcome every obstacle, to the winners.
Even Jesus or the Buddha had the certainty of their inner strength through the “desert” of renunciation, have seen the condition of deprivation to elevate the spirit , to revive themselves.
When a caravan of pilgrims or travelers must reach the goal in front of the desert , without water , are subject to the illusions of illusions , visions of distorting reality , these tests are necessary before the arrival to the mind to conquer the certainty and confirmation of its transcendence and inner strength.
By tradition, at the Islaam , is being used to do a period of fasting , Ramadan , which confirms the purification from every temptation . Symbolically, this is the desert, the retreat from the world .
But we could implement our desert ?
Yes, but you do not need to distance themselves from everyday life, rather it represents the continued solicitation to choose, to confirm what is true in us, that source of purity that is often contaminated , confused, clouded by the constant temptations. If we were not intertwined with images of the world , for all of us , the desert can not assume the value of the revolutionary choice in our lives. We must not be afraid to confirm the need for change .

12/14/2013 Poetyca

Quel che siamo


Quel che siamo

Quante volte la vita ci delude
strappa le nostre speranze
e ci manca la forza per credere
per reagire; non serve tamponare
le ferite del cuore, non serve urlare
contro un destino senza giustizia

Nulla di quel che cerchiamo
dev’essere rinnegato
nulla dev’essere messo da parte
e con nuovo vigore, senza perdere
la nostra integrità
dobbiamo scansare nuvole
per rinnovare la nostra forza

Il dolore nasce dalle aspettative
nulla dura per sempre
dal nostro attaccamento
nulla ci appartiene
e nel semplice attimo
che sappiamo vivere
è racchiuso
quel che oggi siamo

20.06.2006 Poetyca

What we are

How many times the life disappoints us
tears our hopes
and we lack the strength to believe
to react not need dab
the wounds of the heart, no need to scream
against a destiny without justice

None of what we seek
is denied
nothing must be put aside
and with new force, without losing
our integrity
we must avoid clouds
to renew our strength

The pain stems from the expectations
nothing lasts forever
because people and nothing
do not belong to us
and the simple moment
that we live
is enclosed
what we are today

20.06.2006 Poetyca

© Poetyca

Il nostro viaggio


319526_235187123197375_183270601722361_633309_883130869_n

 

Il nostro viaggio

In noi il viaggio, la ricerca, la necessità di comprendere un barlume, il senso del nostro vagare. Tra nubi che pesano sul cuore e raggi di sole, tutto è un tentativo nel cercare di oltrepassare le nebbie dell’illusione che noi stessi creiamo. Tra paura e coraggio ogni passo che avanza è guidato della luce della nostra indelebile speranza.

15.05.2015 Poetyca
Our trip

In our journey, the research, the need to understand a glimmer, the meaning of our wandering. Among clouds weighing on the heart and rays of sun, everything is an attempt in trying to cross the mists of illusion that we create ourselves. Between fear and courage every step forward is guided light of our indelible hope.

15/05/2015 Poetyca

Mente spaziosa


Mente spaziosa

I rishi toccano l’essenza perchè sanno
oltrepassare le illusioni,
il velo di Maya che fa credere reale
l frutto della mente, delle paure.
Ma toccare quell’essenza, la descrizione
è dare forma e voce a quanto sia senza forma
e non facile da descrivere.
Ci voglio anni di pratica,
i percorso verso la consapevolezza,
solo per sfiorare un barlume
di quell’Essenza che è oltre le apparenze.

Noi camminiamo sul terreno delle nostre esperienze,
delle paure, della aspettative:
un modo per dare nomi alla realtà,
per cercare di ingabbiare in un concetto le cose,
gli avvenimenti, le persone.
Questo è un percorso duale, dove tutto è visto
come ” buono o cattivo” e la nostra mente
reagisce a quello che sente essere gioia o dolore.
Si deve imparare ad abbandonare concetti e forme
per trovare la realtà ed accoglierla come essa è.
Senza reagire, senza dare spazio alle delusioni,
all’attaccamento, alla paura.
Solo quando siamo liberi, quanto abbiamo fatto spazio in noi,
allora possiamo guardare l’essenza delle cose
ed accoglierle per come esse sono,enza nomi,
senza paradigmi della mente, senza paure.

La meditazione è il mezzo per lasciare andare tutto
e incontrare l’essenza,dove tutto è.

20.03.2011 Poetyca

Spacious Mind

The rishi touch the essence because they know
beyond the illusions,
the veil of Maya that makes you think real
the fruit of the mind, the fears.
But touching that essence, the description
is to give form and voice to what is formless
and not easy to describe.
It takes years of practice,
the path to awareness,
only to tap a glimmer
that essence which is beyond appearances.

We walk on the soil of our experiences,
fears, the expectations:
a way to give names to reality
to try to enclose things in a concept,
events, people.
This is a dual path, where everything is seen
as “good or bad” and our minds
reacts to what you feel is joy or pain.
You must learn to abandon concepts and forms
to find reality and accept it as it is.
Without reacting, without giving room for disappointment,
attachment, fear.
Only when we are free, as we made ​​room in us,
then we can look at the essence of things
and to welcome them as they are, enza names,
without paradigms of the mind, without fear.

Meditation is the means to let it all go
and encounter the essence, where everything is.

20.03.2011 Poetyca

Ciclone


La forza della gratitudine

Tutti i momenti sono belli, ma devi essere ricettivo e in atteggiamento di resa.
Tutti i momenti sono benedizioni, ma devi essere capace di vederli.
Tutti i momenti sono regali.
Se li accetti con profonda gratitudine, niente andrà mai storto…
Osho

Ciclone

Ogni ciclone, ogni vortice ha un centro,
una causa che permette di rendere possibile
un moto e le conseguenze. Spesso ci identifichiamo
con gli oggetti esterni, li reputiamo come la causa
della nostra reazione. Ma non è all’esterno
che si scatenano le cause, esse sono dentro di noi.
Non è colpa di un evento se ci fa arrabbiare o ci rende felici
ma tutto ha origine dalle nostre aspettative gratificate o deluse.
Allora la passione è la fiamma del nostro Essere
che sa manifestare un fuoco interno, non lo smorza
e non ci si confonde nel percepirne la presenza.
In te, in me, in chi sa vedere in profondità con attenzione
è la capacità di percepire e di donarsi all’esterno.
In noi si manifestano ali,una porta, un dare voce
e forma a quello che è già: Energia,risposta del nostro Essere
all’Amore – Chiave di volta dell’esistenza.

29.11.2011 Poetyca
The power of gratitude

All times are nice, but you have to be receptive and in an attitude of surrender.
All times are blessings, but you should be able to see them.
All times are gifts.
If you accept with deep gratitude, nothing ever goes wrong ..
Osho

Cyclone

Each storm, each vortex has a center,
a cause that can make possible
motion and its implications. Often we identify
with external objects, we consider them as the cause
of our reaction. But it is not outside
that causes the trigger, they are within us.
It is not the fault of an event if it makes us angry or makes us happy
but it all stems from our expectations disappointed or gratified.
So the passion is the flame of our Being
who knows how to show an inner fire, not blunts
and no one gets confused perceive in its presence.
In you, in me, in those who can see deep into carefully
is the ability to perceive, and to give out.
Wings are manifested in us, a door, a voice to
and form to what is already: Energy response of our Being
Love – Keystone existence.

29.11.2011 Poetyca

Il dono



Il dono

Ogni giorno qualcuno ci offre un dono:
Il dono racchiuso nella scatola chiede che sia accolto,
mai che se ne valuti il prezzo. Le scatole sono umili,
all’apparenza tutte uguali, solo il loro contenuto
è quanto ci renda pieni di gioia.
Tutti hanno un dono da offrire,
non importa l’aspetto delle persone
ma conta soltanto con quanto sentimento
porgono il loro dono.

24.01.2012 Poetyca

The gift

Every day someone offers us a gift:
The gift enclosed in the box that asks to be welcomed,
ever that they estimate the price. The boxes are humble,
apparently all the same, only their contents
is what makes us joyful.
Everyone has a gift to offer,
no matter the appearance of persons
but it counts only as feeling
hold out their gift.

24.01.2012 Poetyca

Ricerca ed incontro con noi stessi


Ricerca ed incontro con noi stessi

La ricerca profonda, di cause che dirigono il pensiero,
delle illusioni che ci fanno vedere una realtà parziale e distorta
e la capacità di accordare la volontà verso una creatività costruttiva
e diretta verso quella voce interiore che guidi verso la direzione del Sè
è lunga e non sempre facile ma alla fine è possibile dare grandi opportunità
alla libertà da ogni condizionamento esterno per manifestare unicità.

Vedere per immagini, sentirne la potenza, come se da un punto imprecisato
venissero lanciate verso di noi: uno scrigno che si apre e ci offre
il suo contenuto numinoso che svela segreti arcani che sentiamo essere preziosi
per l’energia che ogni immagine sa sprigionare è Una danza che tocca profondamente
ogni nostra parte e la illumina trasformandoci come se si venisse attraversati da un fulmine.

Questi sono passaggi potenti, discese agli ” inferi” che ci permettono
di aprire la porta alla nostra sincera trasformazione.
La mente cerca sempre scappatoie, rifugge il sincero e leale confronto
distorcendo quanto possa ” metterci nell’angolo” per farci assumere
ogni nostra responsabilità: la fuga, la proiezione su altri delle nostre responsabilità
sono la difesa da quella discesa che tanto si teme. Ma quando avremo affrontato
ogni nostro disagio, le insicurezze che si fanno costruire personalità fittizie,
con la capacità di osservare, di guardare in faccia ogni timore,
usciremo dall’altra parte del tunnel rinati come persone nuove
e lo sentiremo profondamente, un nuovo abito sarà allora indossato
e ci sentiremo di avere aperto uno squarcio che ci farà vedere la Luce.

27.12.2010 Poetyca


Research and meeting with ourselves

The search for deep causes of the leaders of that thought,
illusions that make us see a partial and distorted reality
and the ability to grant wishes to build a creative
and directed to that inner voice that guides the direction of the Self
is long and not always easy but in the end you can give great opportunities
freedom from any external influences in order to show uniqueness.

See images, hear the power, as if from somewhere
were thrown at us: a treasure chest that opens and gives us
numinous that reveals its contents secret mysteries that we feel is precious
Energy release knows that every image is a dance that touches deeply
every part of our lights and turning us as if they were crossed by lightning.

These are powerful passages, he descended into “hell” that allow us
to open the door to our sincere transformation.
The mind always tries to escape, escapes the sincere and fair comparison
distorting it might “put in the corner for us to take
all our responsibilities: the escape, the projection of our responsibilities to other
are defended by the descent so that you are concerned. But when we have faced
each of our discomfort, the insecurities that are fictitious personality construct,
with the ability to observe, to face every fear,
come out the other side of the tunnel have been reborn as new persons
and deep feeling, a new dress will be worn so
and we feel we have opened a gash that we will see the Light.

27.12.2010 Poetyca