Risultati della ricerca per: 2008

Best songs of The Cure || The Cure’s Greatest Hits


The Cure è un gruppo musicale post-punk inglese, i cui esordi risalgono al 1976, in piena esplosione new wave (in compagnia di gruppi come Siouxsie and the Banshees, Joy Division, Echo and the Bunnymen). La band, la cui formazione è variata più o meno regolarmente nel corso degli anni, comprendendo da un minimo di due fino ad un massimo di sei membri, ha raggiunto l’apice del successo tra la metà e la fine degli anni ottanta (soprattutto con i singoli Close to Me e Lullaby, tratti, rispettivamente, dai due album The Head on the Door del 1985 e Disintegration del 1989). Robert Smith, il cantante, chitarrista, autore dei testi e compositore di quasi tutte le musiche, nonché fondatore del gruppo, è l’unico membro ad averne sempre fatto parte dagli esordi ad oggi.

Al luglio 2008, i Cure avevano venduto circa 28 milioni di dischi. L’album più venduto è la raccolta di successi Standing on a Beach – The Singles 1978-1985[3] del 1986, che solo in America ha venduto più di due milioni di copie.[4] Tra Regno Unito, Stati Uniti d’America e Italia, i Cure hanno avuto nella Top Ten 12 album (posizioni più alte: UK: Wish, numero 1; USA: Wish, numero 2; Italia: The Cure, numero 2) e 11 singoli (posizioni più alte: UK: Lullaby, numero 5; USA: Lovesong, numero 2, Italia: High, numero 2).[5]

https://it.wikipedia.org/wiki/The_Cure
The Cure are an English rock band formed in Crawley, West Sussex, in 1976. The band has experienced several line-up changes, with vocalist, guitarist and principal songwriter Robert Smith being the only constant member. The Cure first began releasing music in the late 1970s with their debut album Three Imaginary Boys. Their second single, “Boys Don’t Cry”, became a hit; this, along with several early singles, placed the band as part of the post-punk and new wave movements that had sprung up in the wake of the punk rock revolution in the United Kingdom. During the early 1980s, the band’s increasingly dark and tormented music was a staple of the emerging gothic rock genre.

After the release of 1982’s Pornography, the band’s future was uncertain and Smith was keen to move past the gloomy reputation his band had acquired. With the single “Let’s Go to Bed” released the same year, Smith began to place a pop sensibility into the band’s music and their popularity increased as the decade wore on, with songs like “Just Like Heaven”, “Lovesong” and “Friday I’m in Love”. The band is estimated to have sold 27 million albums as of 2004 and have released thirteen studio albums, ten EPs and over thirty singles during their career.

https://en.wikipedia.org/wiki/The_Cure

Allan Wallance – Meditazione sulla gioia empatica – Allan Wallance – Meditation on empathic joy


Allan Wallance – Meditazione sulla gioia empatica

Assumete una posizione comoda, mantenendo la colonna vertebrale diritta. Stabilizzate il corpo nel suo stato di riposo, e lasciate che sia pervaso delle tre qualità del rilassamento, della calma e della vigilanza. Pensate a una persona di vostra conoscenza che emani un senso d’allegria e benessere, e riflettete sul suo aspetto fisico, sulle sue parole e azioni. Mentre vi concentrate sulla gioia di questa persona, aprite il cuore al suo stato d’animo e deliziatevene. Ciò vi sarà facile se già le siete molto legati.

Ora richiamate alla mente un’altra persona, a cui di recente o in passato sia accaduto qualcosa di meraviglioso. Rivivete la sua felicità e condividetela. Adesso pensate a qualcuno che sia per voi fonte d’ispirazione per le sue doti di generosità, gentilezza o saggezza. Compiacetevi di queste qualità positive, per il bene per quella persona, per voi stessi e per tutti coloro che ne beneficiano.

Ora volgete la consapevolezza alla vostra vita. È infatti assai importante provare la gioia empatica anche per le proprie virtù, sebbene spesso non sia tenuta nella giusta considerazione. Pensate a periodi della vostra esistenza che sono stati fonte d’ispirazione per voi e forse anche per altri. Concentratevi sulle occasioni in cui avete incarnato i vostri stessi ideali e gioite delle vostre qualità. Non occorre vantarsi o provare orgoglio e arroganza. Richiamando alla mente le persone e le circostanze che vi hanno permesso di vivere serenamente e di godere il frutto dei vostri sforzi, potrete anzi sperimentare un profondo senso di gioia e gratitudine. Ciò v’impedirà di cadere in un futile senso di autocompiacimento e superiorità.

Alcune pratiche sono difficili, ma non quella della gioia empatica. Per tutto il giorno, quando rileverete le qualità o la fortuna di qualcuno oppure ne sentirete parlare, gioitene in modo empatico. Ciò vi risolleverà il morale, oltre ad aiutarvi a riemergere dai cedimenti emotivi causati da depressione e scarsa autostima.

Da: Alan Wallace,La rivoluzione dell’attenzione. Liberare il potere della mente concentrata “

Astrolabio Ubaldini, 2008.

Allan Wallance – Meditation on empathic joy

Take a comfortable position, keeping the spine straight. Stabilize the body in its state of rest, and let it be imbued with the three qualities of relaxation, calm and alertness. Think of a person of your knowledge who emanates a sense of happiness and well-being, and reflect on his physical appearance, his words and actions. As you focus on the joy of this person, open your heart to your state of mind and delight in it. This will be easy if you are already very attached to it.
Now call to mind another person, to whom something wonderful has happened recently or in the past. Relive his happiness and share it. Now think of someone who is your source of inspiration for his gifts of generosity, kindness or wisdom. Take pleasure in these positive qualities, for the good for that person, for yourself and for all those who benefit from it.
Now turn awareness to your life. It is indeed very important to try empathic joy also for one’s own virtues, although often it is not held in proper consideration. Think of periods of your existence that have been an inspiration to you and perhaps others. Focus on the occasions when you have embodied your own ideals and enjoy your qualities. There is no need to boast or feel pride and arrogance. By recalling the people and circumstances that have allowed you to live serenely and enjoy the fruits of your efforts, you can even experience a deep sense of joy and gratitude. This will prevent you from falling into a futile sense of complacency and superiority.
Some practices are difficult, but not that of empathic joy. All day long, when you detect someone’s qualities or good fortune, or you’ll hear about it, enjoy it empathically. This will raise your morale, as well as help you re-emerge from the emotional failures caused by depression and low self-esteem.
From: Alan Wallace, “The revolution of attention. Freeing the power of the concentrated mind “, Astrolabio Ubaldini, 2008.

The best of Van Morrison



George Ivan “Van” Morrison (Belfast, 31 agosto 1945) è un cantante, polistrumentista e paroliere proveniente dall’Irlanda del Nord; suona diversi strumenti tra i quali chitarra, armonica a bocca, tastiere, sassofono e occasionalmente anche la batteria.

Dopo gli esordi blues rock con i Them, Morrison intraprese una carriera solista in bilico tra la passione giovanile per la musica nera, una forte vena sperimentale (che lo ha portato a sconfinare spesso in territori jazz) e uno stretto legame con la musica tradizionale della sua terra d’origine[1][2]. A rendere unico il suo stile contribuiscono la sua caratteristica vocalità[3] e una intensa poetica che abbraccia musica e parole in modo altamente espressivo.

La rivista Rolling Stone lo classifica quarantaduesimo nella sua lista dei cento migliori artisti di sempre[4] nonché ventiquattresimo in quella dei cento migliori cantanti[5]. Le sue esibizioni dal vivo, al suo meglio, sono state definite come mistiche e trascendenti.

Inoltre due suoi album, Astral Weeks e Moondance, compaiono nella lista dei 500 migliori album di sempre, ancora secondo Rolling Stone.

http://it.wikipedia.org/wiki/Van_Morrison

George Ivan “Van” Morrison, OBE (born 31 August 1945) is a Northern Irish singer-songwriter and musician. Some of his recordings, such as the studio albums Astral Weeks and Moondance and the live album It’s Too Late to Stop Now, are critically acclaimed. He has received six Grammy Awards, the Brit Award for Outstanding Contribution to Music, been inducted into both the Rock and Roll Hall of Fame and the Songwriters Hall of Fame.

Known as “Van the Man” to his fans, Morrison started his professional career when, as a teenager in the late 1950s, he played a variety of instruments including guitar, harmonica, keyboards and saxophone for various Irish showbands covering the popular hits of the day. He rose to prominence in the mid-1960s as the lead singer of the Northern Irish R&B band Them, with whom he recorded the garage band classic “Gloria”. His solo career began under the pop-hit oriented guidance of Bert Berns with the release of the hit single “Brown Eyed Girl” in 1967. After Berns’ death, Warner Bros. Records bought out his contract and allowed him three sessions to record Astral Weeks in 1968.[1] Even though this album would gradually garner high praise, it was initially a poor seller; however, the next one, Moondance, established Morrison as a major artist,[2] and throughout the 1970s he built on his reputation with a series of critically acclaimed albums and live performances. Morrison continues to record and tour, producing albums and live performances that sell well and are generally warmly received, sometimes collaborating with other artists, such as Georgie Fame and The Chieftains. In 2008 he performed Astral Weeks live for the first time since 1968.

Much of Morrison’s music is structured around the conventions of soul music and R&B, such as the popular singles “Brown Eyed Girl”, “Jackie Wilson Said (I’m in Heaven When You Smile)”, “Domino” and “Wild Night”. An equal part of his catalogue consists of lengthy, loosely connected, spiritually inspired musical journeys that show the influence of Celtic tradition, jazz, and stream-of-consciousness narrative, such as Astral Weeks and lesser-known works such as Veedon Fleece and Common One.[3][4] The two strains together are sometimes referred to as “Celtic Soul”

http://en.wikipedia.org/wiki/Van_Morrison

John Mellencamp – full album- the best of – greatest hits


[youtube https://www.youtube.com/watch?v=CElCy4IqRvM]

John Mellencamp (Seymour, 7 ottobre 1951) è un musicista, cantante e compositore statunitense.

Conosciuto inizialmente con i nomi d’arte di Johnny Cougar, John Cougar e John Cougar Mellencamp, nella sua carriera ha venduto oltre 40 milioni di dischi, è stato nominato a 13 Grammy Awards vincendone uno.

Mellencamp è stato inoltre inserito nella Rock and Roll Hall of Fame il 10 marzo 2008.[2] Le sue più grandi influenze musicali sono state Bob Dylan, Woody Guthrie ed iRolling Stones

http://it.wikipedia.org/wiki/John_Mellencamp

John J Mellencamp,[1] also known as John Cougar Mellencamp (born October 7, 1951), is an American Rock singer-songwriter, musician, painter and occasional actor known for his catchy, populist brand of heartland rock which emphasizes traditional instrumentation. Mellencamp rose to superstardom in the 1980s while “honing an almost startlingly plainspoken writing style that, starting in 1982, yielded a string of Top 10 singles,”[2] including “Hurts So Good,” “Jack & Diane,” “Crumblin’ Down,” “Pink Houses,” “Lonely Ol’ Night,” “Small Town,” “R.O.C.K. in the U.S.A.,” “Paper in Fire,” and “Cherry Bomb.” He has sold over 40 million albums worldwide and has amassed 22 Top 40 hits in the United States. In addition, he holds the record for the most tracks by a solo artist to hit number-one on the Hot Mainstream Rock Trackschart, with seven, and has been nominated for 13 Grammy Awards, winning one. Mellencamp released his latest album, Plain Spoken, on September 23, 2014 to widespread critical acclaim.

Mellencamp is also one of the founding members of Farm Aid, an organization that began in 1985 with a concert in Champaign, Illinois to raise awareness about the loss of family farms and to raise funds to keep farm families on their land. The Farm Aid concerts have remained an annual event over the past 30 years, and as of 2015 the organization has raised over $45 million to promote a strong and resilient family farm system of agriculture.

Mellencamp was inducted into the Rock and Roll Hall of Fame on March 10, 2008.[3] His biggest musical influences are Bob Dylan, Woody Guthrie, James Brown and The Rolling Stones.[4] Said longtime Rolling Stone contributor Anthony DeCurtis: “Mellencamp has created an important body of work that has earned him both critical regard and an enormous audience. His songs document the joys and struggles of ordinary people seeking to make their way, and he has consistently brought the fresh air of common experience to the typically glamour-addled world of popular music.”[5]

The late Billboard magazine editor-in-chief Timothy White said in 2001: “John Mellencamp is arguably the most important roots rocker of his generation. John has made fiddles, hammer dulcimers, Autoharps and accordions lead rock instruments on a par with electric guitar, bass and drums, and he also brought what he calls ‘a raw Appalachian’ lyrical outlook to his songs. Mellencamp’s best music is rock ‘n roll stripped of all escapism, and it looks directly at the messiness of life as it’s actually lived. In his music, mortality, anxiety, acts of God, questions of romance and brotherhood, and crises of conscience all collide and demand hard decisions……This is rock music that tells the truth on both its composer and the culture he’s observing.

http://en.wikipedia.org/wiki/John_Mellencamp

The best of Van Morrison



Sir George Ivan “Van” Morrison (Belfast, 31 agosto 1945) è un cantante, polistrumentista e paroliere proveniente dall’Irlanda del Nord; suona diversi strumenti tra i quali chitarra, armonica a bocca, tastiere, sassofono e occasionalmente anche la batteria.

Dopo gli esordi blues rock con i Them, Morrison intraprese una carriera solista in bilico tra la passione giovanile per la musica nera, una forte vena sperimentale (che lo ha portato a sconfinare spesso in territori jazz) e uno stretto legame con la musica tradizionale della sua terra d’origine[1][2]. A rendere unico il suo stile contribuiscono la sua caratteristica vocalità[3] e una intensa poetica che abbraccia musica e parole in modo altamente espressivo.

La rivista Rolling Stone lo classifica quarantaduesimo nella sua lista dei cento migliori artisti di sempre[4] nonché ventiquattresimo in quella dei cento migliori cantanti[5]. Le sue esibizioni dal vivo, al suo meglio, sono state definite come mistiche e trascendenti.

Inoltre due suoi album, Astral Weeks e Moondance, compaiono nella lista dei 500 migliori album di sempre, ancora secondo Rolling Stone [6][7].

https://it.wikipedia.org/wiki/Van_Morrison

Sir George Ivan “Van” Morrison, OBE[1] (born 31 August 1945) is a Northern Irish singer-songwriter and musician. Some of his recordings, such as the studio albums Astral Weeks and Moondance and the live album It’s Too Late to Stop Now, are critically acclaimed. He has received six Grammy Awards, the Brit Award for Outstanding Contribution to Music, and has been inducted into both the Rock and Roll Hall of Fame and the Songwriters Hall of Fame. In 2015 he was knighted for his services to popular music.

Known as “Van the Man” to his fans, Morrison started his professional career when, as a teenager in the late 1950s, he played a variety of instruments including guitar, harmonica, keyboards and saxophone for various Irish showbands covering the popular hits of the day. He rose to prominence in the mid-1960s as the lead singer of the Northern Irish R&B band Them, with whom he recorded the garage band classic “Gloria”. His solo career began under the pop-hit oriented guidance of Bert Berns with the release of the hit single “Brown Eyed Girl” in 1967. After Berns’ death, Warner Bros. Records bought out his contract and allowed him three sessions to record Astral Weeks in 1968.[2] Even though this album would gradually garner high praise, it was initially a poor seller; however, the next one, Moondance, established Morrison as a major artist,[3] and throughout the 1970s he built on his reputation with a series of critically acclaimed albums and live performances. Morrison continues to record and tour, producing albums and live performances that sell well and are generally warmly received, sometimes collaborating with other artists, such as Georgie Fame and the Chieftains. In 2008 he performed Astral Weeks live for the first time since 1968.

Much of Morrison’s music is structured around the conventions of soul music and R&B, such as the popular singles “Brown Eyed Girl”, “Jackie Wilson Said (I’m in Heaven When You Smile)”, “Domino” and “Wild Night”. An equal part of his catalogue consists of lengthy, loosely connected, spiritually inspired musical journeys that show the influence of Celtic tradition, jazz, and stream-of-consciousness narrative, such as Astral Weeks and lesser-known works such as Veedon Fleece and Common One.[4][5] The two strains together are sometimes referred to as “Celtic Soul”

https://en.wikipedia.org/wiki/Van_Morrison

Facendosi varco tra i sogni – Making passage between dreams


Facendosi varco tra i sogni

Soffi di vento
su ali già forti
imprimono il segno
di quel che è stato capire
che si è liberi e capaci si esserlo
soltanto se si accetta il limite.

Scogli accarezzati dall’onda
che addolcisce e scalfisce
per rimodellare una forma
dove tutto è caos e non conosce ordine.

Ritmo e stagione, sole ed ombre
per dare senso all’essere in cerca
d’ impressioni ed intuizione
sulla via dell’ascolto profondo
oltre tutte le apparenti parole.

Ed abbraccio del silenzio
che conduce allo specchiarsi
in quel volo senza confine
perchè siano traiettorie impalpabili
di gioia che respira dentro.

Spirito libero che inarchi la soglia
tra il tempo trascorso e consumato
e l’ignoto da comprendere e vivere
ascolta l’attimo e sii essere senza ricerca.

Perchè tutto è adesso senza meta e confronto
tra pieghe di sogno e aliti di nuova speranza
abbandonando illusione ed offrendo vero amore

03.08.2008 Poetyca

Making passage between dreams

Puffs of wind
already high on wings
engrave the sign
to understand what was
that you will be free and able
only if you accept the limit.

Rocks caressed by the wave
that smooths and scratches
to reshape a shape
where everything is chaos and does not know order.

Rhythm and season, sun and shadow
to give meaning to being in search
‘s impressions and intuition
the way of listening deeply
beyond all the apparent words.

And embrace the silence
leading to the mirror
in that flight without border
because trajectories are impalpable
joy that breathes within.

Free spirit that buckle the threshold
between time spent and consumed
and the unknown to understand and live
listen and be the moment be without research.

Why everything is now without a goal and comparison
creases between dream and breath of new hope
away from illusion and offering true love

03.08.2008 Poetyca

Richiamo – Call


Richiamo

Non conosco la ragione
di tutte le cose
ma nel silenzio
percorro ad occhi chiusi
i passi del sogno

Sono momenti sconosciuti,
voci che richiamano e innalzano
come se potessi abbandonare tutto

Non temo, non ricerco nulla,
tutto accade oltre ordinati pensieri
come se sapessi già dove andare

Conosci anche tu la strada?
Non la vedi ma la senti dentro
come impalpabile nuvola

Tastando l’aria annuso la vita
e tu lentamente riappari
mentre la tua voce richiama

05.08.2008 Poetyca

Call

I do not know why
of all things
but in the silence
I walk with eyes closed
steps of the dream

Moments are unknown,
voices that call and raise
as if I could leave everything

I’m not afraid, not seeking anything,
everything happens over sorted thoughts
like you know already where to go

You also know the way?
I do not see but feel inside
as impalpable cloud

Feeling the air sniff life
and you slowly reappear
while your voice calls

05.08.2008 Poetyca

Riflettendo – Vuoto – Emply


La Riflessione

Il Maestro Nam Tuyen afferma:

“La Via
è la mente quotidiana”

Commento:

Se fa freddo, dì: “freddo”.
Se fa caldo, dì: “caldo”.

Maestro Tran Thay Tong

———————–

Osservare è accogliere,
riflettere è non fuggire;
ricamando immagini
che allontano dall’essenza
di tutte le cose,
quel che tu sai raccogliere
è quello che è:

Realtà da comprendere
e da abbracciare
esattamente per quello che è,
nella trasparenza
e chiarezza del tuo essere
presente – qui ed ora –
senza voglia di aggrapparti
ad un prima o a un dopo.

Poetyca

———————–

L’insegnamento

Vuoto

“Come posso dire che sia vuoto questo mondo,
visto che ho di fronte a me, continuamente, gli esseri?”

Non equivocare il termine,
è qui il nocciolo del tuo problema, amico.

Gli esseri esistono, con le loro menti e corpi,
tuttavia queste menti e questi corpi, cambiano continuamente,
in un flusso instabile, sempre mutando
in qualcosa di differente da ciò che erano prima.

Questo è il significato di “vuoto”,
nient’altro.
Vuoto significa, “vuoto di sostanza stabile”,
e non “inesistente”.

Spero di aver chiarito questo insegnamento.

Bhikkhu Samahita

————————

Che verità possiamo stringere nel pugno
se quel che crediamo definitivo
è soggetto al cambiamento?

Ogni cosa muta, non resta incisa
e tu sei dentro questo flusso,
dove tutto è sostanza volatile
e dove la realtà va accolta
senza inutile attaccamento,
per essere liberi dalla sofferenza
che noi stessi ci causiamo.

Poetyca

————————

14.12.2008 Poetyca

🌟🌟🌟

The reflection

Master Nam Tuyen says:

“Street
is the daily mind ”

Comment:

If it’s cold, say “cold”.
If it’s hot, say “hot”.

Master Tran Thay Tong

———————–

To observe is to welcome,
to reflect is not to flee;
by embroidering images
that move away from the essence
of all things,
what you know how to collect
it is what it is:

Reality to understand
and to embrace
exactly for what it is,
in transparency
and clarity of your being
present – here and now –
without wanting to hold on
to a before or after.

Poetyca

———————–

Teaching

Empty

“How can I say that this world is empty,
since I have beings constantly in front of me? ”

Do not misunderstand the term,
here is the crux of your problem, friend.

Beings exist, with their minds and bodies,
however these minds and bodies are constantly changing,
in an unstable flow, always changing
in something different from what they were before.

This is the meaning of “emptiness”,
nothing else.
Empty means, “vacuum of stable substance”,
and not “non-existent”.

I hope I have clarified this teaching.

Bhikkhu Samahita

————————

What truth we can hold in our fists
if what we believe to be definitive
is it subject to change?

Everything changes, does not remain engraved
and you are inside this flow,
where everything is volatile
and where reality is welcomed
without unnecessary attachment,
to be free from suffering
that we cause ourselves.

Poetyca

————————

14.12.2008 Poetyca

La serenità e l’arte -The serenity and art – Hermann Hesse


La serenità e l’arte

“La serenità, è il segreto del bello e la vera e propria sostanza di ogni arte. Il poeta, che col ritmo danzante dei versi esalta la magnificenza e l’orrore della vita, e il musicista che li fa risuonare come pura presenza, sono coloro che portano la luce, che aumentano la gioia, e la chiarità del mondo, anche se prima ci conducono attraverso lagrime e tensioni dolorose. Il poeta che ci delizia coi versi può anche essere triste e solitario, il musicista sognatore e malinconico, ma anche in questo caso la loro opera partecipa della serenità degli dei e delle stelle. Ciò che essi ci danno, non è più la loro tenebra, la loro sofferenza o angoscia, ma è una goccia di luce pura, di eterna serenità. “

Herman Hesse- Il gioco delle perle di vetro

Ovidio affermava ” Gutta cavat lapidem” – La goccia scava la roccia.

Immaginiamo se questa goccia fosse Luce. Spesso il nostro cuore si inaridisce di fronte al dolore, alle pene della vita e cosa sarebbe se non incontrassimo quella piccola goccia che, con costanza e con l’umiltà dell’acqua non fosse anche nutrimento? Il muro della diffidenza, nato dal dolore, si scaverebbe e la goccia di luce avrebbe spazio per far dono di sè. Così è per l’artista che attraverso il proprio passaggio dalle tenebre alla luce, dal timore alla speranza, impara a dissetare i cuori in ricerca di presenza attraverso la manifestazione e la condivisione della propria Opera nata spesso come travaglio interiore.

02.01.2008 Poetyca

The serenity and art

“Serenity, is the secret of beauty and true essence of all art. The poet, dancing with the rhythm of the verses that enhances the grandeur and horror of life, and the musician that makes them sound like pure presence, are those who carry the light, that increase the joy, and clarity of the world, but first take us through tears and painful tensions. The poet who delights us with verses can also be sad and lonely, melancholy dreamer and musician, but also In this case, their work shares the serenity of the gods and the stars. What they give us, is no longer their darkness, their suffering or distress, but it’s a drop of pure light, of eternal peace. “

-Herman Hesse The Glass Bead Game

Ovid said “Gutta cavat lapidem” – The drop excavates the rock.

Imagine if this drop was light. Often our hearts are withering in the face of pain, the sufferings of life and what it would be if we meet that little drop that, with perseverance and humility of the water was not even food? The wall of distrust, born of pain, you dig and the drop of light would make room for the gift of self. So is the artist who through their passage from darkness to light, from fear to hope, learn to quench the thirst of hearts in search of presence through the event and sharing their work often born as internal turmoil.

02.01.2008 Poetyca

Qualità del pensiero – Quality of thought – Des boo ngoh


La Riflessione
Quando apprezziamo profondamente ogni istante,
l’istante diventa eterno.
Nella via dello Zen,
il quotidiano, diventa la nostra preghiera.
Harvey Sodaiho Roshi
————–
Liberi da vincoli:
ansie legate al passato,
ad aspettative verso il futuro;
diamo respiro a quest’istante,
con la consapevolezza
del suo irripetibile valore.
Non ha senso alcuno il tempo
quanto espandiamo l’ascolto
oltre il confine di quanto
abbiamo permesso ci limiti.
Poetyca
————–
L’insegnamento
Qualità del pensiero
La qualità della vostra vita,
semplicemente segue,
la qualità del vostro pensiero.
Pensateci.
Des boo ngoh
————-
Saper dare senso vivo
al pensiero e alla parola
è disegnare il nostro essere
oltre le paure.
Ogni paura è solo apparenza,
in noi la capacità di vedere
con chiarezza e di dare linfa
al pensiero costruttivo.
Poetyca
————-
11.07.2008 Poetyca
Reflecting …
Reflection
When we deeply appreciate every moment,
the moment becomes eternal.
In the way of Zen,
the everyday becomes our prayer.
Harvey Sodaiho Roshi
————–
Free from constraints:
anxieties related to the past,
expectations towards the future;
we breath in this moment,
with the knowledge
of its unique value.
It makes no sense any time
As we expand the listening
over the border of what
have allowed us limits.
Poetyca
————–
The teaching
Quality of thought
The quality of your life,
simply follows,
the quality of your thinking.
Think about it.
Des boo ngoh
————-
Knowing how to make sense of living
thought and word
is to draw our being
over the fears.
Every fear is only an appearance,
in us the ability to see
with clarity and give sap
to constructive thought.
Poetyca
————-
11.07.2008 Poetyca

Un abbraccio al mondo – An embrace to world


Un abbraccio al mondo

In tutti noi una risorsa,
la fonte ricca di beni:

Cuore forte nell’amorevolezza
senza giudizio alcuno.

Fermo esempio di equidistanza,
dove non si sceglie ma si esperisce
la compassione per tutti gli esseri.

A volte è il silenzioso rumore
di una lacrima che solca il viso,
solo perchè le braccia sono corte
per un abbraccio al mondo.

25.03.2009 Poetyca

 

An embrace to world

In all of us a resource,
the rich source of goods:

Heart strong in love
without any trial.

firm example of equidistance,
do not choose where it carries
compassion for all beings.

Sometimes it’s the quiet noise
a tear that solca face,
just because your arms are short
for a hug in the world.

25.03.2009 Poetyca


Quando apriamo gli occhi alla realtà, al suo signiificato più profondo, siamo capaci di accogliere ma anche di dare.

Nel dialogo e nella presenza incondizionata è l’opportunità di offrirsi e di accogliere quanto si manifesti negli altri.


In richiamo

Sospeso in un solo respiro
è quel senso di evanescenza,
dove tutto è richiamo,
indicazione di un meraviglioso attimo
che vissuto – qui ed ora – ripete
l’armonia di gesti e di ricerca viva.

14.08.2008 Poetyca

In tutti noi una traccia sottile della quale cogliere che il dualismo non è Amore e non si sposa con la negazione di quella scintilla meravigliosa
che spinge verso gli altri con gentilezza e compassione perchè intersiamo e non potremmo pensare che le risorse che riusciamo a maturare attraverso il nostro percorso interiore, la capacità di superare nodi e tensioni restino come un ” bottino” del quale conservare solo per noi stessi il merito e la sostanza.

Ogni cosa che siamo capaci di essere, dopo aver aperto la strada alla consapevolezza è un dono ricevuto, sempre per causa di altri ( anche e sopratutto in situazioni problematiche) e come altri ci hannno permesso di vincere una battaglia con noi stessi, attaverso il canovaccio della vita, così anche noi nel nostro essere in ricerca possiamo essere causa per altri di chiarificazione e maturazione. Non è la rabbia o l’attaccamento, la confusione e le illusioni a farci da viatico ma l’apertura amorevole verso noi stessi e verso gli altri. Una delle immagini fondamentali che vovremmo avere presente è che coloro che ci appaiono come ” nemici ” o ostili, sono specchio di una parte di noi che va attraversata e risolta, solo con pazienza ed amore possiamo apprendere cosa queste persone ci stiano indicando con il loro tormento e la loro inquietudine e possiamo adoperarci per essere attenti a non dare ” risposta” con il medesimo atteggiamento. Solo l’amore scaccia le ombre.

Un abbraccio dal cuore

Poetyca

When we open our eyes to reality, it is a deeper way
we can accept but also to give.

In dialogue and unconditional presence is the opportunity to offer and
to accept as it occurs in others.

In reference

Suspended in one breath
is that sense of evanescence,
where everything is decoy,
indication of a wonderful second
who lived – here and now – repeat
the harmony of gestures and research alive.

14.08.2008 Poetyca

In all of us a thin track which does not grasp the duality
Love is not married and the negation of that wonderful spark
pushing towards others with kindness and compassion because cross
and we could not believe that the resources we can to mature through
our path interior nodes and the ability to overcome tensions
remain as a “booty” of which only keep for ourselves the
merit and substance.

Everything that we can be, having pioneered
awareness is a gift, again because of other (and also
especially in problem situations) and how others will permit hannno
to win a battle with ourselves, the canvas of attaverso
life, we too in our research can be cause
for more clarification and maturation. It is not anger or
attachment, confusion and delusions to be our food for the journey but
opening loving towards ourselves and towards others. One of
Images fundamental vovremmo have in mind is that those who
appear as enemies or hostile, are a mirror of us who
goes through and resolved, only with patience and love we can learn
What these people are giving us with their anguish and their
concern and we strive to be careful not to give ”
response “with the same attitude. Only love dispels the shadows.

A hug from the heart
Poetyca



Abbandonare il fardello – Let go of the burden – Riflettendo…


Riflettendo…

La Riflessione

Chi parla molto
non vuol dire che sia ispirato dalla saggezza.

Colui che è paziente,
perché è in pace con la vita
libero da ostilità e paura.

Solo questi
è giustamente chiamato saggio.

Dhammapada – 258

—————-

Se noi osserviamo
ed ascoltiamo
quel che accade in noi
e quel che accade nel mondo
noi non possiamo avere tempo
per dare risposte,
noi siamo i primi ad apprendere
ogni preziosa lezione
per dare linfa alla saggezza.

Poetyca

—————

L’insegnamento

Abbandonare il fardello

Non serve a niente preoccuparsi delle disavventure della vita quotidiana,
come un bambino che si diverte a costruire un castello di sabbia
e poi piange quando il castello collassa.

Osserva come gli esseri puerili si precipitano nelle difficoltà,
come la farfalla che si cala nella fiamma di una lampada
come se volesse appropriarsi di ciò che desidera e liberarsi di ciò che aborre.

E’ meglio abbandonare il fardello
che tutti questi attaccamenti immaginari ci fanno portare sulle spalle.

Dilgo Khyentse Rinpoche

——————-

Impulsività ed apparenze,
desiderio di non perdere nulla,
per dare alimento al nostro ego.

Non è questa la via
per liberarsi dalla sofferenza.

Dobbiamo cercare le azioni costruttive:

Se solo noi cercassimo la saggezza,
se solo noi trovassimo il modo
per essere equidistanti,
ogni cosa sarebbe vista
da una diversa angolazione
e saremmo liberi dalla reazione
a tutti gli eventi della vita
spesso viziata delle apparenze.

Poetyca

—————–

30.11.2008 Poetyca

Reflecting …

The Reflection

Who talks a lot
it does not mean that it is inspired by wisdom.

He who is patient,
because it is at peace with life
free from hostility and fear.

Just these
he is rightly called wise.

Dhammapada – 258

—————-

If we observe
and we listen
what happens in us
and what happens in the world
we can’t have time
to give answers,
we are the first to learn
every valuable lesson
to give life to wisdom.

Poetyca

—————

The teaching

Let go of the burden

It is useless to worry about the misadventures of everyday life,
like a child having fun building a sand castle
and then cries when the castle collapses.

Observe how childish beings rush into difficulties,
like the butterfly that falls into the flame of a lamp
as if he wanted to appropriate what he desires and get rid of what he abhors.

It is better to let go of the burden
that all these imaginary attachments make us carry on our shoulders.

Dilgo Khyentse Rinpoche

——————-

Impulsiveness and appearances,
desire not to lose anything,
to feed our ego.

This is not the way
to get rid of suffering.

We need to seek constructive actions:

If only we sought wisdom,
if only we could find a way
to be equidistant,
everything would be seen
from a different angle
and we would be free from reaction
to all life events
often spoiled by appearances.

Poetyca

—————–

30.11.2008 Poetyca

Grandi specchi – Large mirrors – Riflettendo…


Riflettendo…
La Riflessione
Il fatto di base è che l’umanità sopravvive grazie alla bontà,
all’amore e alla compassione.
Che gli esseri umani abbiano la capacità di sviluppare queste qualità
è la loro vera benedizione.
Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama
——————
In tutti noi una risorsa,
la fonte ricca di beni:
Cuore forte nell’amorevolezza
senza giudizio alcuno.
Fermo esempio di equidistanza,
dove non si sceglie ma si esperisce
la compassione per tutti gli esseri.
A volte è il silenzioso rumore
di una lacrima che solca il viso,
solo perchè le braccia sono corte
per un abbraccio al mondo.
Poetyca
—————-
L’insegnamento
Grandi specchi
L’insegnamento buddhista sulla compassione,
sull’empatia e sull’affettuosa partecipazione alla vita,
sono come grandi specchi posti davanti a sé.
Cerchiamo di provare empatia per tutti, ma può essere una grande sfida.
Il primo monaco che incontrai mi disse:
“Non considerare le parti dell’insegnamento buddhista con cui sei d’accordo.
Sono quelle parti che trovi difficili da seguire che sono toste”.
Queste sono come specchi che sfidano la mente.
Venerabile Ajahn Viradhammo
———————–
La pratica non si fonda su parole,
sull’erudizione e le apparenze.
Essere presenti, qui ed ora
è vivere adesso il retto sforzo,
la tenace conquista di noi stessi.
In ogni gesto, pensiero e proposito
sia sempre presente l’immagine di un sasso:
levigato e liscio solo dall’acqua e dal tempo,
come la nostra costante attenzione
verso la carezza amorevole che arrotonda
e con decisione toglie asperità.
Poetyca
———————-
Reflecting …
Reflection
The basic fact is that humanity survives thanks to the kindness ,
love and compassion .
That human beings have the capacity to develop these qualities
is their real blessing.
Tenzin Gyatso , the fourteenth Dalai Lama
——————
In all of us a resource,
the rich source of goods :
Strong heart nell’amorevolezza
without judgment .
Without an example of equidistance ,
where you do not choose but is experienced
compassion for all beings.
Sometimes it is the quiet noise
a tear that flows through the face,
just because your arms are short
for a hug in the world.
Poetyca
—————-
The teaching
large mirrors
The Buddhist teaching on compassion ,
empathy and affectionate participation in life ,
are as large mirrors placed in front of him .
We try to feel empathy for everyone, but it can be a big challenge.
The first monaco I met told me :
“I do not consider the parts of Buddhism with which you disagree.
Are those parts that are difficult to follow that are tough . “
These are like mirrors that challenges the mind.
Venerable Ajahn Viradhammo
———————–
The practice is not based on words ,
sull’erudizione and appearances.
Be present, here and now
is now live right effort ,
the tenacious conquest of ourselves.
In every act , thought and purpose
is always present the image of a rock :
smooth and polished only by water and time ,
as our constant attention
to the loving caress which rounds
and decision removes roughness .
Poetyca
02.08.2008 Poetyca
bodhidarma

Felicità – Le Quattro Menti Commensurabili – Happiness: the Four Immeasurable Minds – Riflettendo


Riflettendo…

La Riflessione

Qualcosa già esisteva
prima di Terra e Cielo.

Originariamente
senza forma e silente,
nondimeno maestro d’opera
di ogni immagine e forma.

Mai appassisce,
col passo del tempo.

Bankei (1622-1693)

———————–

Oltre la forma
oltre i sensi
è la forza di essere
dove tu non cogli
e non sai tracciare
con l’intelletto
e con le parole
perchè è nel silenzio
e nella mente attenta
che potrai svelare
la vera essenza
che straccia ogni confine

Mente/cuore
che si apre
come fiore di loto
nella consapevole fragranza
del tuo respiro
accarezzato istante
che tutto annulla
e in tutto si ritrova:
qui ed ora
nello sciogliere del tempo

Poetyca

————————–

L’insegnamento

Felicità: le Quattro Menti Incommensurabili

Amorevolezza: Possano tutti gli esseri essere felici
Compassione: Possano tutti gli esseri estinguere l’infelicità

Gioiosa empatia: Possano tutti gli esseri gioire della felicità altrui
Equanimità: Possano tutti gli esseri essere ugualmente felici

Shian

———————–

Tu ed io
non siamo lontani:

quando un sottile filo
unisce spazio e respiro

quando il mio bene
è anche il tuo

quando sciolto ogni timore
so donare in ogni allargato confine
la danza del cuore che raccoglie
e respira amorevolezza e gioia

Non esiste più
un tu ed un io
un mio o un tuo
ogni cosa è manifesta
nella consapevole forza
che traccia i passi
nell’amorevolezza per ogni essere

Nel saper offrire nel Dharmakaya
l’abbraccio equamine
di chi raccoglie lezioni
nella purezza del Dharma

Poetyca

————————–

15.03.2008 Poetyca

The Reflection

Something already existed
before Earth and Heaven.

Originally
shapeless and silent,
nevertheless opera master
of every image and shape.

Never fades,
over time.

Bankei

Beyond the form
beyond the senses
it is the strength to be
where you don’t catch
and you can’t trace
with the intellect
and with words
because it is in silence
and in the alert mind
that you can reveal
the true essence

Mind / heart
that opens
like a lotus flower
in the conscious fragrance
of your breath
caressed instant
that cancels everything
and in everything we find:
here and now
in the melting of time

Poetyca

—-

The teaching

Happiness: the Four Immeasurable Minds

Kindness: May all beings be happy
Compassion: May all beings extinguish unhappiness

Joyful empathy: May they
You and I
we are not far away:

when a thin thread
combines space and breath

when my good
it’s yours too

when all fear is dissolved
I know how to give in every enlarged border
the dance of the heart

It no longer exists
a you and a me
one of mine or yours
everything is manifest
in conscious strength
that traces the steps
in loving kindness for every being

In knowing how to offer in the Dharmakaya
the equamine hug

————————–

15.03.2008 Poetyca

Assunzione


Immagine di Giuseppe Bustone

Assunzione

Improvvisamente sai che conti più di quanto pensavi di contare, o perlomeno,che conti per qualcun altro se non per te, questo ti riempie di soddisfazione e di gioia. Sei fiero di te stesso. Non sai bene perché ma lo sei.

Hai raggiunto un certo tipo di affidabilità;credono in te e ti domanderai: “Cosa si aspettano da me?”. Ed un pó hai anche paura. Ti chiedi se resisterai,se riuscirai a proseguire nel nuovo cammino. Ma,ciò che conta è che comunque ci hai provato e sai che puoi e potrai farcela. Ancora.

© Giuseppe Bustone

Essere o non essere -To be or not to be – Riflettendo


Riflettendo…

La Riflessione

Finché durerà lo spazio,
e finché rimarranno degli esseri umani,

fino allora che possa rimanere anch’io
a scacciare le sofferenze del mondo.

Tendzin Gyatso, XIV Dalai Lama
Preghiera alla fine del Discorso per il Premio Nobel
Oslo, 10-12-1989

——————————-

In noi gli strumenti per aprire il pugno,
per non stringere forte il nostro individualismo:

Compassione ed amorevolezza,
capacità di accogliere ogni essere
senza conoscere pregiudizio
sono la via che conduce verso il senso
di un esistenza pregna di significato.

Nulla è separato
sino a quando noi stessi
non erigiamo invisibili mura
che fanno di noi persone sofferenti e sole.

Poetyca

——————————-

L’insegnamento

Essere o non essere

La realtà non ha niente a che fare con l’esistenza e la non-esistenza.

Quando Shakespeare dice:

“Essere o non essere,
questo è il problema”,

il Buddha risponde:

“Essere o non essere,
non è questo il problema”.

Essere e non essere sono soltanto due idee, l’una opposta all’altra:
non sono una realtà e non descrivono la realtà.

Maestro Thich Nhat Hanh

——————————-

La mente specchia la nostra illusione
e la realtà, si aggrappa alle immagini
che giorno per giorno sa costruire.

La visione profonda allarga e definisce
quello che non possono spiegare centinaia di parole.

Essere o non essere non è il fulcro
del nostro percorso, poichè quanto sai accogliere
quello che è oltre la tua conoscenza, nulla è e nulla non è.

In un soffio di vento tutto muta e tutto si trasforma,
cosa resta di quello che hai creduto di essere solo un momento fa?

Poetyca

——————————-

02.11.2008 Poetyca

Reflecting …

The Reflection

As long as the space lasts,
and as long as human beings remain,

until then I can stay too
to drive away the sufferings of the world.

Tendzin Gyatso, 14th Dalai Lama
Prayer at the end of the Speech for the Nobel Prize
Oslo, 10-12-1989

——————————-

In us the tools to open the fist,
not to tighten our individualism:

Compassion and kindness,
ability to welcome every being
without knowing prejudice
they are the way that leads to the sense
of an existence full of meaning.

Nothing is separate
until we ourselves
we do not build invisible walls
that make us suffering and lonely people.

Poetyca

——————————-

The teaching

To be or not to be

Reality has nothing to do with existence and non-existence.

When Shakespeare says:

“To be or not to be,
that is the question”,

the Buddha replies:

“To be or not to be,
this is not the problem”.

Being and not being are just two ideas, one opposite to the other:
they are not a reality and they do not describe reality.

Master Thich Nhat Hanh

——————————-

The mind mirrors our illusion
and reality, it clings to images
who knows how to build day by day.

Insight broadens and defines
what hundreds of words cannot explain.

To be or not to be is not the focus
of our path, as how much you know how to welcome
what is beyond your knowledge, nothing is and nothing is not.

In a breath of wind everything changes and everything changes,
What’s left of what you thought you were just a moment ago?

Poetyca

——————————-

02.11.2008 Poetyca

Una candela nella notte – A candle in the night


wp-1450202753184.jpeg

Una candela nella notte
Guarda tutta la gente: uomini. donne, bambini
e Leggi oggi dentro ai loro occhi un solo cuore,
che grida la ricerca di libertà per un mondo migliore.
Respira il colore della tua passione,
per la vita, per il dialogo e per un solo amore
dove tutti hanno voce e dignità.
Accendi la lampada in questa notte
e regala un tuo pensiero o una preghiera
per chi ha dimenticato di essere.
Soffia via la sofferenza nei ricordi incisi nel passato
e raccogli l’ultima briciola di speranza
perchè è adesso che possiamo vivere la pace.

22.08.2008 Poetyca

A candle in the night
Watch all people: men. women, children
Read today and into their eyes one heart,
crying seeking freedom for a better world.

Breathe the color of your passion,
for life, for dialogue and one love
where all have a voice and dignity.

Light a lamp tonight
and offers you a thought or a prayer
for those who have forgotten that.

Blows away the pain etched in the memories in the past
and collect the last shred of hope
because now we can live peace.

22.08.2008 Poetyca

Presunto vero vivere (finalmente)


Immagine di Giuseppe Bustone

Presunto vero vivere ( finalmente)

Stasera vorrei parlare di questo.

In questi ultimi anni, la mia vita ha subìto una serie di sconvolgimenti. Tutto è cominciato nel periodo in cui stavo smettendo di fumare. Credevo che non ce l’avrei mai fatta a smettere. Invece, un bel giorno (come si dice) presi e strinsi tra le mani l’ultimo pacchetto finito dicendo: “Basta! Non fumerò più!”. E così è stato. In quel periodo subii un intervento chirurgico, dove soffrii maledettamente. Poi, il seguito, fu una continua lotta con me stesso, nel tentativo di affrontare tutti i miei numerosi demoni. Avevo deciso di migliorare! Quindi, nel giro di pochi anni, riuscii a raggiungere quello che in India chiamano Risveglio ed altri Illuminazione. O almeno credo di averlo raggiunto. Anche perché, non è che raggiungi il Nirvana e tutto si ferma. No! Tutto prosegue e praticamente non si finisce mai! Anzi, se non ci si comporta bene, penso si possa tornare indietro. Non so se veramente mi sia illuminato, ma vorrei dirvi solo che, avevo il cuore completamente indurito ed ora riesco ad amare davvero, finalmente. Non è nè parapsicologia nè metafisica. E’ questione di impegnarsi ad essere meno egoisti e iniziare a compiere buone azioni. Tutto qui il segreto. Grazie a chi ha letto fino qui.

© Giuseppe Bustone

Preghiera – Prayer


Preghiera

Oh Dio, apri il cuore degli uomini
e accompagnali
verso una visione di pace.

Con il tuo aiuto
la consapevolezza è viva
e la fraternità è presente
per abbracciare
le sofferenze di tutti gli uomini.

La tua alleanza è sempre presente
per dare giustizia e redenzione
nel cuore di ogni uomo.

Amen

23.11.2008 Poetyca

Prayer

Oh God, open the hearts of men
and accompany them
towards a vision of peace.

With your help
awareness is alive
and brotherhood is present
that can embrace
the sufferings of all people.

Your alliance Is always present
to give justice and redemption
at the heart of every man.

Amen

23.11.2008 Poetyca

Vero sè – True self -Riflettendo



Riflettendo…

La Riflessione

Ascoltando la neve
Notte fredda, niente vento, il suono del bambù,
rumori lontani che ora si riuniscono,
filtrando attraverso la rete dei pini che si fiancheggiano.
Ascoltare con l’udito è meno sottile
che ascoltare con la mente.
Sto disteso accanto alla lampada,
a fianco di un mezzo rotolo di sutra.
Maestro Daito
———————-
Prima della meditazione
l’orecchio porge assuefatto ascolto.
Durante la meditazione
il silenzio ovatta il suono
ed interconnette al soffice udire
dove s’espande l’eco delle distanze
per essere ora uno nell’abbraccio
che avvolge ogni confine.
Poetyca
———————-
L’insegnamento

Vero sé

Il vero sé è non-sé,
è la consapevolezza che il sé è fatto solo di elementi di non-sé.
Non c’è separazione fra il sé e l’altro
ed ogni cosa è interconnessa.
Appena siete consapevoli di ciò,
non siete più intrappolati dall’idea di essere un’entità separata.
Questo è il fine della pratica:
realizzare il non-sé e l’interconnessione.

Maestro Thich Nhat Hanh
—————————-
Non vivo dentro mura,
non un nucleo che protegga,
non sono come goccia che è separata
dalle acque dell’oceano.
Estensione di ogni essere
è nella danza che non ci identifica
perchè si è in ogni riflesso
che specchia vacuità
in interconnessa presenza

Poetyca
—————————-
09.02.2008 Poetyca

Reflecting …

Reflection

Listening to the snow
Cold night , no wind , the sound of bamboo,
distant sounds that come together now ,
filtering through the network of pine trees that flank .
Listen with your ears are less subtle
you listen with your mind.
I’m lying next to the lamp,
to the left of a half roll of sutras .

Master Daito
———————-
Before the meditation
addicted listening ear hands .
During meditation
the sound of silence wadding
and interconnects to hear soft
where the echo carries over distances
to be now one embrace
that wraps around each border.

Poetyca
———————-
The teaching

True self

The true self is no-self ,
is the awareness that the self is made up only of elements of non -self.
There is no separation between the self and the other
and everything is interconnected .
As soon as you are aware of this,
you are no longer trapped by the idea of being a separate entity.
This is the end of the practice:
realize the not-self and interconnection .

Master Thich Nhat Hanh
—————————-
I do not live inside the walls ,
not a core that protects ,
I’m not like that drop is separated
by the waters of the ocean.
Extension of every
is the dance that we do not identify
because it is reflected in every
that reflects the emptiness
interconnected in the presence

Poetyca
—————————-
09.02.2008 Poetyca

Anche se…Although


Anche se…

Anche se ti dicono che sei idealista,
cercano di farti desistere, perchè il tuo sentire sarebbe diverso
dalla maggior parte delle persone, che non credono più;
che si sono disperse nell’illusione che tutto sia da gettare via…

Tu non ti arrendere!

Anche se dentro di te le lacrime sono l’unica fonte
che possa irrigare la speranza,
perchè è cocente constatare
che si attraversa ogni giorno il deserto e l’indifferenza…

Non smettere di credere!

Ascoltati, immergiti nel silenzio e lascia andare ogni cosa…
Riprendi la forza del sorriso, della consapevolezza che, in fondo,
ogni amarezza, ogni paura, ogni sofferenza si lega ad una precisa scelta,
anche quella di aspettarti qualcosa,
di credere che altri siano capaci di seguirti,
di abbracciare il tuo stesso desiderio
di un mondo perfetto e giusto.

Nella danza degli opposti sarebbe difficile che questo accada,
sii consapevole!

Semplicemente cerca la gioia,
l’equidistanza e la volontà di fare tutto il possibile,
affinché, nel tuo piccolo, tu sappia dare senso al tuo essere
qui ed ora,

sembra poco ma il vento accarezza ogni seme
e ne fa l’essenza perchè sia frutto da offrire
– nell’interessere –
a tutti coloro che sono nella sofferenza.

21.03.2008 Poetyca

Although …

Even if you say you are idealistic,
try to make you give up, because your feeling is different
by most people, who no longer believe;
that were released in the illusion that everything is to throw away …

You did not give up!

Even if inside you tears are the only source
that can irrigate hope
because it is hot note
that cross the desert each day and indifference …

Do not stop believing!

Play, enjoy the silence and let everything go …
Shoot the power of smile, knowing that, ultimately,
all bitterness, all fear, all suffering binds to a specific choice,
also to expect something
to believe that others are able to follow you,
to embrace your own desire
a perfect world and just.

In the dance of opposites would be difficult for this to happen,
Be aware!

Simply search for joy,
the equidistance and willingness to do everything possible
ensure that your child, you know make sense of your being
here and now,

seems little but the wind caresses each seed
and makes the essence because the fruit has to offer
– In the interest –
to all those who are suffering.

21.03.2008 Poetyca

Riflettendo…



Immagine di Giuseppe Bustone

Riflettendo…

Sai,finché cercavo
l’approvazione degli altri
ed ero così vanitoso, non ottenevo
ne approvazioni e nemmeno soddisfazioni. Allora un giorno
mi dissi: “D’ora in avanti mi rivolgerò solo a Dio, all’Universale, è da Lui
che vorrei approvazione;
vorrei che fosse soddisfatto di me… Certo, soddisfare Dio non è semplice, ma Egli si lascia conquistare
da chi Gli si affida…
Prova anche tu: lascia che gli altri
si pavoneggino tra loro.
Tu sii umile e risoluto.

© Giuseppe Bustone

Compagni di viaggio – Travel friends



Compagni di viaggio
Penso che quando si entra in contatto con un gruppo di ricercatori, sia fondamentale porsi la domanda: – Cosa mi aspetto da questi compagni di viaggio?
Sebbene ci si dimentichi spesso: – Cosa ho intenzione di offrire di me stesso agli altri?

Accade allora che siamo noi stessi ad idealizzare, a mettere in atto una forma di proiezione circa quel ” mondo perfetto” che, chiaramente, troverà un impatto contro la realtà.
Nessuno abbraccia la perfezione, in primis chi si attende che gli altri ci trascinino, addirittura ci possano portare in braccio per qualche tratto di strada.

E’ importante il mettere in atto l’offerta e l’interscambio, senza arroccarsi, magari con la pretesa di prendere senza mai avere una briciola di gratitudine.
Così come è importante ogni giorno chiedersi ( magari a fine giornata): – Cosa ho seminato oggi? Potrei fare di meglio?
Molto bello il seguente pensiero:
“Il dono prezioso
Ricorda sempre che tu sei un dono e tale devi essere per tutte le persone che ti circondano.
Non entrare nella vita di qualcuno se non riesci ad essere un dono. Quando qualcuno entra inaspettatamente nella tua vita, cerca di capire quale dono è venuto a ricevere da te.

Neale Donald Walsch”
In realtà lo sforzo va compiuto singolarmente, il confronto non deve rappresentare qualcosa di frustrante ma uno stimolo, un’apertura che ci faccia sentire parte di un gruppo. Per il buddhismo il Shanga ( il gruppo di praticanti) è tra i fondamenti del cammino stesso, infatti, insieme a Dharma e Buddha è considerato come uno dei tre gioielli. Fare parte di un Shanga non significa che si abbia accanto dei “tutori” che ci facciano da scudo durante le tempeste, piuttosto è naturale che si possa coltivare il seme dell’amorevolezza e della compassione nei confronti di chi in noi generi rabbia o incomprensione, questo perchè senza le opportunità di confronto non si avrebbe modo di leggere nel profondo quali atteggiamenti vadano osservati, accolti e poi fatti andare. Essere da soli, percorrere – la via stretta – è qualcosa che resta indelebile in noi, siamo infatti artefici delle nostre personali scelte, delle conseguenze che ne possano derivare, però è fondamentale mettere in comune ed applicare quelle piccole conquiste nell’ambito sociale. In fondo anche Gesù aveva bisogno del sostegno di una comunità, era importante che si mettesse a frutto ogni insegnamento e non ci sarebbe confronto senza il lavoro comune.
Poetyca 01.04.2008

Travel friends

I think that when you come into contact with a group of researchers, it is essential to ask yourself the question: – What do I expect from these travel companions?
Although we often forget: – What am I going to offer of myself to others?
It then happens that we ourselves idealize, implement a form of projection about that “perfect world” which, clearly, will find an impact against reality.
Nobody embraces perfection, first of all those who expect others to drag us, even they can carry us in their arms for some stretch of the road.
It is important to implement the offer and the exchange, without entrenching oneself, perhaps with the pretense of taking without ever having a crumb of gratitude.
Just as it is important every day to ask oneself (perhaps at the end of the day): – What have I sown today? Could I do better?
Very nice the following thought:
“The precious gift
Always remember that you are a gift and that you must be for all the people around you.
Don’t enter someone’s life if you can’t be a gift. When someone unexpectedly enters your life, try to understand what gift they have come to receive from you.

Neale Donald Walsch ”

In reality, the effort must be made individually, the comparison must not represent something frustrating but a stimulus, an opening that makes us feel part of a group. For Buddhism the Shanga (the group of practitioners) is among the foundations of the path itself, in fact, together with Dharma and Buddha it is considered as one of the three jewels. Being part of a Shanga does not mean that we have “guardians” next to us to shield us during storms, rather it is natural that we can cultivate the seed of kindness and compassion towards those in us who generate anger or misunderstanding, this is because without the opportunities for comparison there would be no way of reading in depth which attitudes should be observed, accepted and then let go. Being alone, walking – the narrow way – is something that remains indelible in us, we are in fact the architects of our personal choices, of the consequences that may derive from them, but it is essential to share and apply those small achievements in the social sphere. Basically, even Jesus needed the support of a community, it was important that every teaching be put to good use and there would be no comparison without common work.

Poetyca 01.04.2008

Figli della Luce – Children of Light


199192_213452008681493_180153952011299_915126_1582933_n

Figli della Luce

Dell’oceano
gocce
dono di vita
nell’errare
tra le pagine
del mondo
Evaporiamo
al tramonto
esposti al tempo
per ritornare
come pioggia
all’alba
Figli della Luce
in palpito
siamo amore e gioia
disseminati
dove nessuno
viene a cercare

27.06.2015 Poetyca

Children of Light

Of Ocean
drops
gift of life
in wandering
between pages
of the world
we evaporiamo
at sunset
exposed to time
to come back
like rain
at dawn
Children of Light
in heartbeat
we are love and joy
disseminated
where no one
is looking for

06/27/2015 Poetyca

Tentativo e attesa


Immagine di Giuseppe Bustone

Tentativo e attesa

Ora che aspetto il risultato
di un piccolo test introduttivo
e preliminare mi sento già meglio. Aumenta l’autostima e sono fiducioso. In ogni caso sono arrivato fino qui
e ne sono fiero… Ho già riportato
la vittoria e sono stato intraprendente e coraggioso. Bene.

©Giuseppe Bustone

Maturità


Immagine di Giuseppe Bustone

Maturità

Esperienze e tentativi
per ottimali condotte
spesso mal riusciti

accordando lo strumento della vita

innocquamente proseguo

e il tempo lo faccio mio: lo annullo

Tardive esperienze d’innamoramento

valanghe di rifiuti e schiaffi morali come cornice di tutto

Oramai non più mi fido
di donne belle e frivole

Ma saluto te amico mio
che come me non ti sei arreso.

Giuseppe Bustone

Recruiting


Immagine di Giuseppe Bustone

Recruiting

Una proposta allettante.
Un nuovo lavoro si prospetta all’orizzonte. Un altro tentativo.
È capitato all’improvviso.
Ho risposto all’annuncio pensando:”Tanto riceverò un altro rifiuto!”. Invece mi hanno invitato
a una preselezione telefonica,
che ho superato. Bene finora,
ma non mi illudo. Comunque vada
ho già vinto, ha vinto il mio coraggio, la mia intraprendenza.

Giuseppe Bustone

Con le parole – With words


199192_213452008681493_180153952011299_915126_1582933_n

Con le parole

Con le parole
dipingi l’aurora
Colori si spargono
sulla tela dei respiri
mentre con stupore
rincorro istanti
illuminati dalla Luce
di questa scintilla
chiamata vita

24.05.2015 Poetyca

With words

With words
paint the aurora
Color spread
on canvas breaths
while in amazement
run after moments
illuminated by the Light
this spark
called life

24/05/2015 Poetyca

Eh sì, ho sbagliato


Immagine di Giuseppe Bustone

Eh si,ho sbagliato

Mentre ascolto musica di sottofondo
e rilasso il mio corpo,
vuoto la mia mente,
provo un grande senso di pace
che, purtroppo io (e credo anche voi) non posso sperimentare in modo continuo,non sarebbe normale, ringrazio per questo.
Intanto l’esperienza si arricchisce giorno dopo giorno;
acquisisco affabilità, sempre più. Gioie e dolori si susseguono scandendo la vita dei migliori
come dei peggiori.
E’ fortunato chi impara dai propri errori, e ha l’umiltà
di ammetterli e correggerli.
Spesso è solo l’orgoglio
a farci mentire pur di non ammettere di avere sbagliato…
E, spesso, riusciamo
ancora una volta
ad ingannare il nostro prossimo… Perché? Come mai? Il mio proposito
è e sarà quello di fare il possibile
ogni nuovo giorno per migliorarmi…

Giuseppe Bustone

Realizzazioni


Immagine di Giuseppe Bustone

Realizzazioni

…Con una timidezza paralizzante. Completamente insicuro.
Solo e solitario. Triste,sempre.
Oggi la musica è migliorata, se non altro. Mi godo l’esistenza.
No, non ho più soldi, affatto.
Sono più vivo. Credo di più in me. Amo la vita e il mondo. Finalmente! Quando senti il calore nel fisico e la fresca brezza sul volto e nella mente… E, finalmente ringrazio
per quello che è!
Va bene così come và!

Giuseppe Bustone