Archivio tag | Favole e racconti

La parte del leone – Fedro


favolefedro

La parte del leone

La mucca, la capretta e la pecora, tolleranti delle offese, si allearono nei boschi col leone. Avendo essi preso un grosso cervo, dopo aver fatto le parti, il leone prese la parola e disse: – Io mi prendo la prima perché mi chiamo leone; la seconda me la concederete perché sono forte; la terza parte toccherà a me perché valgo di più; quanto alla quarta, guai a chi la tocca! –
Così l’arroganza di uno solo portò via l’intera preda.

Dell’alleanza col potente non ci si può mai fidare.

Fedro

The lion’s share

The cow, goat and sheep, tolerant of offenses, allied themselves with the lion in the woods. Since they took a big deer, after the parties, the lion spoke up and said: – I’ll take the first because my name is lion; the second will grant me because they are strong; the third part will touch me because I am worth more; As to the fourth, woe betide anyone who touches it! –
So the arrogance of one took away the whole prey.

Alliance with the powerful you can not ever trust.

Phaedrus

Annunci

Il lupo e l’agnello – Fedro


favolefedro

Il lupo e l’agnello

Un giorno un lupo e un agnello, spinti dalla sete, si trovarono a bere al medesimo ruscello. Mentre il lupo stava in alto, l’agnello era più in basso. Ed ecco che il brigante, spinto dalla sua insaziabile fame, suscitò un pretesto per litigare.
– Perché – disse il lupo – hai reso torbida l’acqua che sto bevendo? –
L’agnellino, spaventato, replicò: – Come potrei fare ciò di cui ti lamenti, lupo? L’acqua parte da te e poi scende alla mia bocca –
Sconfitto dalla forza della verità il lupo disse: – Hai sparlato di me sei mesi fa –
L’agnello rispose: – Veramente non ero ancora nato –
Ma il lupo urlò di nuovo: – Allora fu tuo padre a parlar male di me – E lanciandosi sul povero agnellino lo sbranò, dandogli ingiusta morte.

Questa favola è stata scritta per gli uomini che opprimono gli innocenti con falsi pretesti.

Fedro

The wolf and the lamb

One day a wolf and a lamb, driven by thirst, they found drinking at the same stream. While the wolf was high, the lamb was lower. And then the robber, driven by his insatiable hunger, caused a pretext for arguing.
– Why – he said the wolf – have made murky water I’m drinking? –
The lamb, trembled, and answered: – How could I do that of which you complain, wolf? The water part of you and then down to my mouth –
Defeated by the force of the truth the wolf said: – You have spoken ill of me six months ago –
The lamb replied: – Actually I was not yet born –
But the wolf shouted again: – So was your father to speak ill of me – and throwing it on the poor lamb Sbrano, giving unjust death.

This story was written by men who oppress the innocent with false pretenses.

Phaedrus

I figli discordi – Esopo


favolediesopo

I figli discordi – Esopo

I figli di un contadino non andavano d’accordo, ed egli,
per quanto continuasse ad ammonirli, non riusciva a correggerli.
Pensò allora di ricorrere ad un esempio pratico,
e disse loro di portargli un fascio di verghe.
Unì le verghe in un fascio ben stretto,
le consegnò ai figli e ordinò loro di spezzarle,
ma per quanti sforzi facessero non ci riuscirono.
Allora sciolse il fascio e diede loro le verghe una ad una,
e siccome le rompevano senza difficoltà, soggiunse:
<< Così anche voi, figli miei, se sarete uniti,
non sarete sopraffatti dai nemici,
ma se litigherete, offrirete loro una facile preda. >>
La favola mostra che più grande è la concordia,
maggiore è l’unione e la forza.

The children divided – Aesop

The children of a farmer did not get along, and he,
however he continued to warn, could not correct them.
Then thought to have recourse to a practical example,
and he told them to bring him a bundle of rods.
He joined the rods into a tight beam,
handed to the children and ordered them to break them,
but try as they did they could not.
Then untied the bundle and gave them the rods one by one,
and as the broke without difficulty, he added:
<< So you also, my children, if you will be united,
      you will not be overwhelmed by enemies,
      but if you quarrel, you shall offer them an easy prey. >>
The fable shows that the greater harmony,
greater unity and strength.

Tra il dire ed il fare – Esopo


favolediesopo

Tra il dire ed il fare

Un giorno i topi si riunirono a congresso per escogitare il modo di sfuggire all’orribile gatto
che abitava nel loro stesso appartamento.
Ad un tratto un giovane topolino esclamò: – Vi dirò io che cosa dobbiamo fare…una cosa
semplice: attaccare un campanello alla coda del gatto. Quando si muoverà, il campanello suonerà e
noi sapremo dov’è la bestiaccia. –
I topi si misero a strillare saltellando di gioia finchè un vecchio topone domandò: – E chi andrà
ad attaccare il campanello? –
Tutti tacquero. Nessuno dei topi era disposto a tentare l’impresa.

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.

Esopo

Between saying and doing

One day the mice gathered in Congress to figure out how to escape the horrible cat who lived in their own apartment.
Suddenly a young rat exclaimed: – I’ll tell you what to do … something simple: attach a bell to the cat’s tail. When you move, the bell will ring and we will know where the beast. –
The mice began to shriek with joy hopping until an old rat asked – and who will go to attack the bell? –
All were silent. None of the mice was willing to groped the company.

Between saying and doing is middle of the sea.

Aesop

 

La rana ed il bue – Fedro


favolefedro

La rana ed il bue

Un giorno, in un prato, una rana vide un bue. Le sembrò magnifico e provò una profonda invidia per la sua imponenza.
Incominciò così a gonfiarsi quanto più poteva. Interrogò poi i suoi piccoli chiedendo loro se fosse più grande del bue. Essi risposero di no.
Subito tese la pelle con sforzo maggiore e chiese di nuovo chi fosse più grande. I figli risposero: – Il bue! –
Sdegnata, la rana si gonfiò ancora di più e alla fine scoppiò.

Quando i piccoli vogliono imitare i grandi finiscono male.

Fedro

The Frog and the Ox

One day, in a meadow, a frog saw an ox. It seemed beautiful and felt a deep envy for its grandeur.
So he began to swell as much as he could. Then he asked his little asking them if it was larger than the ox. They said no.
Immediately taut skin with more effort and again asked who was the greatest. The children answered – The ox! –
Indignant, the frog swelled even more and eventually burst.

When the little ones want to imitate the great end badly.

Phaedrus

Il lupo e la cicogna – La Fontaine


favolefelafontaine

Il lupo e la cicogna
I lupi sono bestie che, si sa, mangian sempre con grande avidità.
Un giorno ad un lupo, che mangiava a più non posso, andò di traverso un intero osso.
Con quell’affare conficcato in mezzo alla gola sarebbe presto morto se la cicogna dal becco lungo non gliel’avesse tolto. Con l’abilità di un chirurgo il lupo liberò ed una ricompensa per sè domandò.
– Tu scherzi – rise il lupo – ringrazia il ciel che ti ho risparmiata. Ora vattene, sciagurata, impara ad esser grata, e prega i santi di non capitarmi più davanti. –

Non sperate mai nulla dai potenti e non aspettatevi da loro alcun compenso per i vostri favori.

La Fontaine

The wolf and the stork
Wolves are beasts, you know, they eat more and with great eagerness.
One day a wolf, he ate like crazy, I choked on an entire bone.
With that thing stuck in the middle of the gorge would soon die if the stork-billed long gliel’avesse not removed. With the skill of a surgeon wolf freed and a reward in itself he asked.
– You joke – the wolf laughed – thank heaven that I spared. Now go away, wretched, learn to be grateful, and prays the saints not to have happened more ahead. –

Do not expect anything from the powerful and do not expect them any compensation for your favors.

La Fontaine

La cicala e la formica – La Fontaine


favolefelafontaine

La cicala e la formica

La cicala imprevidente che aveva passato tutta l’estate a cantare sotto il sol, al giungere dell’inverno senza provviste si trovò. Affamata e piagnucolosa domandò alla formica laboriosa di prestarle qualche cosa.
– Ti pagherò – le disse – prima dell’agosto, interessi e capitale: te lo prometto, parola di cicala! –
La formica che ha il difetto di prestar malvolentieri, le rispose chiaro e netto:
– Che cos’hai fatto fino a ieri? –
– Notte e giorno, senza posa, cantavo e cantavo… –
– Ebbene…adesso balla!

La favoletta insegna che non bisogna mai essere imprevidenti perché la leggerezza si paga cara.

La Fontaine

The Ant and the Grasshopper

The grasshopper improvident who had spent all summer singing in the sun, to reach winter without provisions he found himself. Hungry and weepy asked the industrious ant to lend anything.
– I’ll pay – he said – before August, interest and principal: I promise, word cicada! –
The ant that has the defect to lend reluctantly, answered loud and clear:
– What have you done until now? –
– Night and day, incessantly, sang and sang … –
– Well … now dance!

The tale teaches that you should never be careless because lightness you pay dearly.

La Fontaine