Archivio tag | Immagine e parole

Gioia – Joy – Budda


Gioia

Prepara il tuo cuore a fare del bene. Fallo ancora e ancora e sarai pieno di gioia.

Budda

Joy

Set your heart on doing good. Do it over and over again, and you will be filled with joy.

Buddha

Annunci

Tre valori – Three values – Harbhajan Singh Yogi


🌸Tre valori🌸

Ci sono tre valori:
Sentirsi bene, essere buoni
e fare del bene.

Harbhajan Singh Yogi
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Three values

There are three values:
Feel good, be good
and do good.

Harbhajan Singh Yogi

Tre valori – Three values – Harbhajan Singh Yogi


🌸Tre valori🌸

Ci sono tre valori:
Sentirsi bene, essere buoni
e fare del bene.

Harbhajan Singh Yogi
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Three values

There are three values:
Feel good, be good
and do good.

Harbhajan Singh Yogi

Saggezza – Truly wise – Budda


Saggezza

Quelli che sono veramente saggi rimarranno indifferenti ai sentimenti di felicità e sofferenza, fama e disonore, lode e biasimo, guadagno e perdita. Rimarranno calmi come l’occhio di un uragano.

Budda

Truly wise

Those who are truly wise will remain unmoved by feelings of happiness and suffering, fame and disgrace, praise and blame, gain and loss.They will remain calm like the eye of a hurricane.

Pace – Peace – Deepak Chopra


🌸Pace🌸

“Nel mezzo
del movimento e del caos,
mantieni la calma dentro di te.”

Deepak Chopra
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Peace

“In the midst
of movement and chaos,
keep stillness inside of you.”

Deepak Chopra

Affidati – Trust – Budda


Affidati

Affidati al messaggio del maestro,
non alla sua personalità.
Affidati al senso,
non alle parole.
Affidati al senso reale,
non a quello temporaneo.
Affidati alla tua mente di saggezza, non a quella ordinaria che giudica.

Budda

Trust

Trust the master’s message,
not to his personality.
Trust the meaning,
not to words.
Trust the real sense,
not the temporary one.
Trust your mind of wisdom,
not the ordinary one that judges.

Buddha

Opinioni – Opinions – Jon Kabat – Zinn


Opinioni

Per arrivare nel punto da cui siamo partiti e conoscere il luogo come
se i nostri occhi lo vedessero per la prima volta.
Tanto per cominciare,corriamo il rischio che non succeda mai:Si possono mettere di mezzo molte cose che ci teniamo strette prendendole per buone.
Raggiungere un luogo o un punto di vista – qualunque luogo, qualunque opinione sincera – richiede apertura: in sostanza richiede una condizione di semplicità totale che ci permetta di vedere quel che c’è da vedere,
di conoscere quel che c’è da conoscere; entrambe le cose sono impossibili se persistiamo a vedere ciò che accade solo attraverso gli occhiali delle nostre idee ed opinioni,sia pure magnifiche e ricche di erudizione,e tanto più se non c’è ne accorgiamo.
L’apertura radicale a ciò che non abbiamo ancora sperimentato
– costa “niente meno che tutto”.
A volte non vogliamo pagarne il prezzo,attaccati come siamo all’idea che le cose dovrebbero andare proprio a modo nostro,condizionati come siamo a pensare di sapere come dovrebbe essere quel “modo nostro»,quando naturalmente siamo sempre gli ultimi arrivati – tutti noi – sempre vicini all’orizzonte di ciò che sta appena
al di là del familiare: l’ignoto.
E sottolineo sempre, che lo si sappia al momento oppure no,In quel territorio l’essenziale è fidarsi della propria intuizione più profonda anche se va controcorrente rispetto al pensiero convenzionale,che si voglia creare oppure scoprire qualcosa.

Jon Kabat – Zinn – Riprendere i sensi

Opinions

To get to where we started
and know the place as if our eyes
they saw it for the first time.
To begin with, we run the risk
that never happens: they can be put
half a lot of things that we hold tight by taking them for good.
Reach a place or a point of view
– any place, any sincere opinion – requires openness: in essence it requires a condition of total simplicity that allows us to see what is there
to see, to know what there is to know; both things are impossible if we persist in seeing what happens only through the glasses of our ideas and opinions, even if magnificent
and rich in learning, and even more if we do not notice it.
The radical opening to what we have not yet experienced – it costs “nothing less than everything”.
Sometimes we don’t want to pay the price,attack as we are at the idea that things should go our own way,
conditioned as we are to think
to know how it should be that “our way”, when of course we are always the last to arrive – all of us – always close to the horizon of this
which is just beyond the familiar: the unknown. And I always stress, let it be known at the moment or not, in that territory the essential thing is to trust one’s most profound intuition even if it goes against the current of conventional thinking,whether you want to create or discover something.

Jon Kabat – Zinn – Regaining the Senses