Archivio tag | Perle vive

La coscienza esteriore


La coscienza esteriore è rinchiusa nei limiti del corpo e in quel pezzetto di mente e senso personali che dipendono dal corpo;vede solo l’esterno, vede solo le cose.
La coscienza interiore può vedere invece dietro le cose, è cosciente del gioco delle forze, personali o universali,
perché è in contatto cosciente con l’azione universale.

Sri Aurobindo Dalle “Lettere sullo yoga” – Libro 4 – cap. 20 – parte 6 – pag.88

 

The outer consciousness is confined within the limits of the body and in that piece of mind and sense of personal depend on the body, sees only the outside, only sees things.
The inner consciousness can instead see behind things, is conscious of the forces, personal or universal,
because it is in conscious contact with the universal reach.

Sri Aurobindo from “Letters on Yoga” – Book 4 – Ch. 20 – Part 6 – pag.88

La nostra natura


 

La nostra intera natura e il suo contorno, tutto ciò che compone il nostro essere individuale e quello universale, sono pieni d’abitudini e d’influssi che si oppongono alla nuova nascita spirituale.
In un certo senso noi non siamo altro che una complicata massa d’abitudini mentali, nervose e fisiche, tenute insieme da qualche idea dominante, desiderio, associazione – amalgama di tante piccole forze che sempre ritornano secondo talune direttive.

Lo yoga si propone nientemeno che di spezzare l’intera formazione del passato e del presente costitutiva dell’uomo comune mentale e materiale, e di creare un nuovo centro di visione ed un nuovo universo di attività atti a far luogo ad una umanità divina, e ad una natura … superumana.

Sri Aurobindo- Sintesi dello Yoga, Vol. 1, pagg. 69

Our whole nature and its outline, everything that makes up our individual being and universal, are full of habits and of influences that are opposed to the new spiritual birth.
In a way, we are nothing but a mass of complicated mental habits, nervous and physical, held together by some dominant idea, desire, association – amalgam of many small forces that always come back under certain guidelines.

Yoga seeks nothing less than to break the whole formation of the past and present constituent of the common mental and material, and create a new center of vision and a new universe of activities designed to give place to a divine humanity, and to a nature … superhuman.

Sri Aurobindo’s Synthesis of Yoga, Vol 1, p. 69

Shakti divina


Vi sono molti piani nella sua creazione, molti passi della Shakti divina.
Alla sommità della manifestazione di cui facciamo parte, esistono mondi di esistenza, di coscienza, di forza e di felicità infinite, su cui risiede la Madre come Potere eterno senza veli. Là tutti gli esseri vivono e si muovono nella più ineffabile pienezza ed unità invariabile, sempre al sicuro tra le sue braccia.

Più vicini a noi sono i mondi di una perfetta creazione supermentale, nei quali la Madre è la Mahàshakti supermentale, potere d’onnisciente volontà e d’onnipotente conoscenza divina, sempre evidente nelle sue opere infallibili e spontaneamente perfette.

Là tuttI i movimenti sono passi della Verità, tutti gli esseri, anime, poteri e corpi di Luce divina, esperienze dei mari, £lutti e onde di un ànanda assoluto ed intenso. Ma i mondi nei quali noi dimoriamo sono quelli dell’ignoranza, i mondi della mente, della vita e del corpo, incoscienti della loro origine, e di cui la terra è un centro significativo e la sua evoluzione un movimento decisivo. Anche questo mondo, con la sua oscurità, le sue lotte e le sue imperfezioni, è sostenuto dalla Madre universale, mosso e condotto dalla Mahàshakti verso la meta.

Sri Aurobindo – Libretto ” la Madre”

 

There are steps all the movements of the Truth, all beings, souls, bodies and powers of Light Divine, experiences of the seas, and waves of grief £ Ananda absolute and intense. But the worlds in which we dwell are those of ignorance, the worlds of the mind, life and body, unaware of their origin, and of which the land is a significant center and its evolution a decisive movement. Even this world, with its darkness, its struggles and its imperfections, is supported by the Universal Mother, and conducted by Mahashakti moved toward the goal.

Sri Aurobindo – Booklet “Mother”

La mente


La Mente agisce mediante rappresentazioni e costruzioni, separando e tessendo assieme i dati che ha costruito; può creare una costruzione sintetica e vederla come il tutto, ma quando cerca la realtà delle cose si rifugia nelle astrazioni: non ha la visione concreta, l’esperienza, il contatto che il mistico e il ricercatore spirituale inseguono.
Per conoscere il Sé e la Realtà in modo diretto o vero, essa deve diventare silenziosa e riflettere un po’ della loro luce, oppure superare se stessa e trasformarsi, e questo è possibile solo se una Luce superiore discende in essa o se essa stessa ascende in una Luce d’esistenza superiore, se l’assorbe in sé o s’immerge in essa.

Dalle “Lettere sullo yoga” – Sri Aurobindo
Libro 4 – cap. 20 – parte 2 – pag. 23

The mind works through representations and constructions, splitting and weaving together the data that has built and can create a synthetic construction and see how it all, but when the reality of things you look for refuge in abstractions: it has no real vision, experience , contact the mystic and spiritual seeker chase.
To know the Self and Reality in a direct or true, it must be quiet and think a bit ‘of their light, or go beyond itself and become, and this is only possible if a higher Light descends into itself or if it ascends in light of a higher existence, whether or absorbs itself immersed in it.

From “Letters on Yoga” – Sri Aurobindo
Book 4 – Ch. 20 – Part 2 – p. 23

Il tempo


Il tempo non è affatto quello che sembra.
Non scorre in una sola direzione,
e il futuro esiste contemporaneamente al passato.

Albert Einstein

 

Il tempo non è affatto quello che sembra.
Non scorre in una sola direzione,
e il futuro esiste contemporaneamente al passato.

Albert Einstein

The weather is not what it seems.
Does not flow in one direction only,
and the future exist simultaneously in the past.

Albert Einstein

Una scatola di biscotti


Cerca di pensare che la vita è una scatola di biscotti. […] Hai presente quelle scatole di latta con i biscotti assortiti? Ci sono sempre quelli che ti piacciono e quelli che no. Quando cominci a prendere subito tutti quelli buoni, poi rimangono solo quelli che non ti piacciono. È quello che penso sempre io nei momenti di crisi. Meglio che mi tolgo questi cattivi di mezzo, poi tutto andrà bene. Perciò la vita è una scatola di biscotti.

Haruki Murakami

<3 <3 <3

Try to think that life is a box of biscuits. […] You know those tins with assorted cookies? There are always the ones you like and those who do not. When you begin to take immediately all the good ones, then there are only the ones you dislike. That’s what I always think in times of crisis. I better take off these bad half, then everything will be fine. So life is a box of biscuits.

Haruki Murakami

Lo zazen


Se si dispone di un bicchiere pieno di liquido si può discorrere per sempre sulle sue qualità, discutere se è freddo, caldo, se è veramente e propriamente composto da H2O, o acqua minerale, o sakè.
Lo Zazen è berlo.

Taisen Deshimaru

<3 <3 <3

If you have a glass full of liquid you can discourse forever on its qualities, discuss whether it is cold, warm, whether it is really and truly composed of H2O, or mineral water, or saki. Zazen is drinking it.

TAISEN DESHIMARU