Archivio tag | Perle vive

La giusta attenzione


La giusta attenzione

Così ho udito: “Riguardo ai fattori interni, non vedo nessun altro singolo fattore come la giusta attenzione che sia così importante nell’addestramento di un praticante che non abbia ancora raggiunto la meta del cuore, ma sia intento al suo conseguimento.
 Il praticante lascia perdere ciò che non è utile e sviluppa ciò che è utile.
 La giusta attenzione è la qualità del praticante in addestramento:
nient’altro è così importante per il raggiungimento dell’obiettivo supremo.
Il praticante, con il giusto sforzo, raggiunge la fine dello sforzo.

Itivuttaka, I, 16

The right attention

Thus have I heard: “With regard to internal factors, I do not see any other single factor as the proper attention that is so important in training
a practitioner who has not yet reached the goal of the heart,
but both aim to achieve it.
The practitioner forget what is useful and develop what is useful.
Proper attention is the quality of the practitioner-in-training:
nothing is so important to achieving the highest.
The practitioner, with the right effort, reaches the end of the effort.

Itivuttaka, I, 16

La coscienza di Dio


fioreloto

“Sulla foglia di loto della tua vita palpita la goccia di rugiada
della Coscienza di Dio. Comprendi questa verità! Trova il legame fra
la goccia di rugiada e la sorgente infinita, e troverai Dio!”

Paramahansa Yogananda

“On the lotus leaf in your life beats the dewdrop
Consciousness of God Understand this truth! Find the link between
the dewdrop and the infinite source, and you will find God! “

Paramahansa Yogananda

Sofferenza


“Il fatto è che quando si fa soffrire l’altro egli cercherà di trovare sollievo facendoti soffrire di più. Il risultato è una escalation di sofferenza su entrambi i lati. “

Thich Nhat Hanh
Rabbia: Sapienza per il raffreddamento delle Fiamme
“The fact is that when you make the other suffer, he will try to find relief by making you suffer more. The result is an escalation of suffering on both sides.”

Thich Nhat Hanh,
Anger: Wisdom for Cooling the Flames

La verità


Il segreto del buddismo è quello di rimuovere tutte le idee, tutti i concetti, in modo che la verità per avere la possibilità di penetrare, per rivelare se stessa.”

– Thich Nhat Hanh
Mente del Buddha, il Buddha
“The secret of Buddhism is to remove all ideas, all concepts, in order for the truth to have a chance to penetrate, to reveal itself.”

― Thich Nhat Hanh,
Buddha Mind, Buddha

Non siate impazienti di credere


Non siate impazienti di credere

“Vi sono nel mondo innumerevoli filosofie, dottrine e teorie. A motivo delle proprie teorie, le persone disputano e altercano senza fine. Esistono sessantadue teorie principali su cui si basano migliaia di filosofie e religioni di questo mondo. Considerate dal punto di vista della Via dell’Illuminazione e della Liberazione, tutte e sessantadue sono errate e risultano di impedimento”….”Non siate impazienti di credere a una cosa anche se tutti la ripetono, o se è scritta nei sacri testi o, ancora, affermata da un maestro riverito dal popolo. Accettate solo ciò che si accorda con il vostro giudizio, ciò che i saggi e i virtuosi condividono, ciò che reca realmente frutto e felicità. Abbandonate quanto non si accorda con il vostro giudizio, quanto i saggi e i virtuosi non condividono, quanto non reca realmente frutto e felicità”.

Siddharta il Buddha

 

Do not be impatient to believe

“We are in the world countless philosophies, doctrines and theories. Because of his theories, people argue and squabble endlessly. There are sixty-two main theories that underlie thousands of philosophies and religions of this world. Consider the point of view of the Way Enlightenment and Liberation, and all sixty-two are wrong and are unable to attend “….” do not be impatient to believe in something, even if all the repeat, or if it is written in the sacred texts, or even established a master revered by the people. accept only what agrees with your judgment, what the wise and virtuous share, what really brings fruit and happiness. Give up what does not agree with your opinion, what the wise and virtuous do not share, what really does not bear fruit, and happiness. “

Siddhartha the Buddha

Preghiera di Findhorm


fede_1024

Preghiera di FINDHORM

Questa è la preghiera che si recita ogni mattina presso la Comunità di Findhorm che si trova in Gran Bretagna 

Ecco che un altro giorno ha inizio: lo dedichiamo a Te.
Dedichiamo i nostri pensieri, i nostri sforzi, per il compimento del Tuo bene.

Tu sei la forza, la nostra vita, la luce che ci guida,
Tu sei l’energia in noi che rende perfetto tutto quanto ci riguarda,
Tu sei l’amore in noi che armonizza ogni situazione e perdona ogni offesa.

Per tutto il giorno ci ricorderemo che viviamo e ci evolviamo in Te e che in Te è il nostro essere.

Affidiamo a Te ogni nostro progetto, le nostre speranze, i nostri sogni sapendo che in Te ogni cosa trova il suo giusto compimento.

Siamo consapevoli per tutto il giorno della Tua presenza piena d’amore e sappiamo che in questo stato di consapevolezza veniamo colmati d’amore, di forza, di pace e di gioia.

Ti chiediamo di servirti di noi secondo la Tua volontà, per far sì che si compiano le Tue meraviglie e la Tua gloria.

La scelta è mia.

Scelgo di vivere per scelta, e non per caso.

Scelgo di fare dei cambiamenti, anzichè avere delle scuse.

Scelgo di essere motivato, non manipolato.

Scelgo di essere utile, non usato.

Scelgo l’autostima, non l’autocommiserazione.

Scelgo di eccellere, non di competere.

Scelgo di ascoltare la voce interiore, e non l’opinione casuale della gente.

La scelta è mia e scelgo di arrendermi al volere della mente Divina, poichè nell’arrendermi sono vittorioso.

Eileen Caddy.

Prayer of FINDHORM

This is the prayer that is recited every morning at the Community of Findhorm which is located in Great Britain
Here’s another day begins: We dedicate to you.
We dedicate our thoughts, our efforts for the fulfillment of your well.

You are the strength, our life, the light that guides us,
You are the energy in us that makes it perfect all that concerns us,
You are the love in us that harmonizes every situation and forgive every offense.

Throughout the day we remember that we live and evolve in you and in you, is our being.

To you we entrust all our projects, our hopes, our dreams in you knowing thateverything finds its proper fulfillment.

We are aware all day of your presence, full of love and we know that in this state of awareness we are filled with love, strength, peace and joy.

We ask you to serve us according to Your will, so that might be fulfilled Thy wondersand Thy glory.

The choice is mine.

I choose to live by choice not by chance.

I choose to make changes, rather than having an apology.

I choose to be motivated, not manipulated.

I choose to be useful, not used.

I choose self-esteem, no self-pity.

I choose to excel, not compete.

I choose to listen to the voice within, and not the opinion of random people.

The choice is mine and I choose to surrender to the will of the Divine mind, asnell’arrendermi are victorious.

Eileen Caddy.

Karma:La Possessione che ci segue ovunque


Karma:La Possessione che ci segue ovunqueSi tratta di volizione mentale, o monaci, che io chiamo karma.
Avendo voluto, si agisce attraverso il corpo, la parola o la mente.– Il Buddha (Anguttaranikaya, III, pag 41.)

Karma è un argomento molto importante, quello che dovremmo capire chiaramente. Karma non è un concetto o una teoria, il karma è una legge naturale dell’universo. Comprendere il karma è la giusta comprensione (o Vista a destra) del Nobile Sentiero del Buddha. Con la giusta comprensione, ci rendiamo conto dei sani, vitali azioni che portano beneficio e la felicità a tutti gli esseri, come pure i malsani, le azioni negative che portano infelicità e sofferenza. Con questa comprensione corretta siamo in grado di coltivare la vera sapienza. La nostra attuale comprensione del karma possono essere vaghe o poco chiare. Anche se possiamo sapere che i nostri pensieri, parole e azioni portare beneficio o sofferenza a noi stessi e gli altri in questa vita presente, abbiamo dato una profonda considerazione del fatto che il karma è un bene che abbiamo portato con noi dal passato, e uno che sicuramente ci seguirà ovunque … anche in futuro?

Che cos’è il Karma?E ‘essenziale per capire il karma come fondamento per il nostro comportamento, per la nostra pratica del Dharma, e per la qualità della nostra vita nel suo complesso. La parola sanscrita karma significa azione. Questo si riferisce alla intenzionali azioni fisiche, verbali o mentali. Il karma è direttamente correlata alla nostra intenzione o motivazione, mentre facendo un’azione. Molto semplicemente, noi riceviamo ciò che diamo, noi esattamente quello che abbiamo raccolto delle piante. Le nostre azioni, siano essi positivi o negativi, virtuosi o non virtuosi, lasciare impronte o semi nella nostra mente, e queste impronte maturare nelle nostre esperienze di vita, quando le condizioni opportune si fondono insieme. Karma è la legge universale di causa ed effetto. I semi delle nostre azioni continueranno con noi da una vita all’altra e non perdersi. Il nostro rapporto con karma è molto semplice – noi siamo il prodotto reale del nostro karma. Siamo il prodotto di ogni pensiero, sentimento, parola e azione dal nostro passato e ci sarà il prodotto del nostro karma nel futuro.La vita è un continuum senza soluzione di continuità, ininterrottamente intrecciato con i fili del nostro karma, le nostre volitive (intenzionale) azioni. Che sia buono o cattivo, il nostro karma ci segue ovunque, in questa vita e il successivo. Se siamo compassionevole, saggio, onesto e abile, creiamo situazioni positive e armonico nella vita questa e delle future. Commettere azioni impure crudeli, disonesti, e altri tipi di corpo, parola e mente, noi certamente non sfuggire alle conseguenze di questi atti, sia in questa vita o in futuro. Qualunque sia la felicità e la fortuna che sperimentiamo nella vita o proviene da nostre azioni positive. I nostri problemi e conflitti derivare anche da nostre azioni negative e distruttive. Karma è la nostra unica proprietà vero – bene o nel male, ci segue ovunque. Pertanto, la legge del karma insegna che la responsabilità per le azioni impure nasce dalla persona che li commette. Anche in questo caso, il karma è la nostra unica vera proprietà.

Può essere fonte  alla confusione quando vediamo persone crudeli in posizioni di grande potere, persone ricche che sono disonesto o egoista, o molto gentili persone che hanno cose brutte accadono a loro o che muoiono giovani. Vedendo questo, possiamo certamente interrogarsi sulla Legge del Karma. Il nostro più grande ostacolo alla comprensione o addirittura credere nel karma può essere il fattore tempo. Molto spesso, i risultati delle nostre azioni verranno visualizzati con un ritardo di tempo. Come comuni esseri umani, che non hanno sviluppato l’occhio onnisciente della saggezza, non possiamo vedere nelle vite passate. Pertanto, è difficile distinguere quale azione che ha causato risultato. Dobbiamo renderci conto che stiamo solo guardando un periodo di tempo molto breve in questa vita uno. Molte delle esperienze che abbiamo in questa vita sono i risultati inevitabili di azioni compiute nelle vite precedenti. Inoltre, i semi delle nostre azioni in questa vita matureranno nelle vite future.

Le contemplazioni seguenti sono stati offerti dal Buddha nel Sutta Upajjhatthana: “Io sono il proprietario delle mie azioni (karma), erede di mie azioni, nato dalle mie azioni, connesse attraverso le mie azioni, e le mie azioni come il mio giudice. Qualsiasi cosa io faccia, nel bene o nel male, che si ereditano “.

Le quattro leggi del Karma

1. I risultati sono simili alla causa. Karma ed i suoi risultati sono certi e indefettibile. Azioni positive di corpo, parola e la mente sarà sempre portare il risultato positivo di una qualche forma di felicità e di beneficio. Azioni negative di corpo, parola e della mente porterà sempre il risultato negativo di una qualche forma di sofferenza. Karma ed i suoi risultati sono esattamente come un seme e il suo frutto.

2. Nessun risultato sono senza una causa. Azioni non impegnato, non porta risultati. E ‘ovvio che le cose non solo appaiono dal nulla. Se la causa non è stato creato, l’effetto non sarà sperimentato.

3. Una volta un’azione è fatto, il risultato non si perde. Un’azione fatto, non è perso e sarà sicuramente maturare e portare un risultato.

4. Karma si espande. Una volta che abbiamo un’impronta di un’azione nella nostra mente, tende ad essere assuefazione.

Cambiare il nostro Karma

  Alcune persone fraintendono il concetto di karma. Prendono la dottrina del Buddha della
legge di causalità nel senso che tutto è predeterminato, che non c’è nulla che l’individuo può fare.
Questo è un equivoco totale. Il termine stesso di karma o azione è un termine di forza attiva, che indica
che gli eventi futuri sono nelle vostre mani. Poiché l’azione è un fenomeno che è commesso da
una persona, un essere vivente, è nelle vostre mani se non ci si impegna in azione.

– Sua Santità il Dalai Lama, dal suo libro: Path to Bliss

Comprendere la legge universale del Karma, piuttosto che essere scoraggiante o travolgente, può effettivamente essere molto stimolante ed esaltante. Con una chiara comprensione della Legge del Karma (causa ed effetto / causalità), possiamo scegliere di essere il capitano della nostra nave. Siamo in grado di navigare la nostra vita nella direzione esatta che scegliamo, invece di essere sballottati sui mari tempestosi della nostra ignoranza e l’illusione. Se ignoriamo il funzionamento del karma, che tendono a creare molti problemi per noi stessi e gli altri. Tuttavia, con questo eccellente comprensione, abbiamo la capacità di trasformare la nostra mente, il cuore e la vita in meglio, e saremo in grado di beneficiare altri.

Cambiare il nostro karma non è difficile. Tuttavia, questo cambiamento richiede una realizzazione molto sobrio e semplice, il riconoscimento che la nostra situazione nella vita è il risultato delle nostre azioni! Secondo gli insegnamenti buddisti, non c’è nessuno nell’universo che sta distribuendo premi e punizioni. Ci creare le cause delle nostre esperienze di vita dai nostri pensieri, parole e azioni, e noi sperimentiamo i risultati. In questo modo, possiamo imparare ad essere responsabile. Siamo in grado di assumere piena responsabilità per le nostre vite. Una volta che noi riconosciamo che la nostra situazione di vita è il risultato delle nostre azioni, possiamo cominciare a cambiare il nostro karma.

Per cambiare il nostro karma, abbiamo bisogno di comprendere le azioni negative, negativo, e non virtuosi che portano il dolore, l’infelicità e la sofferenza. Dobbiamo anche capire le azioni virtuose, positivo e virtuoso che portano beneficio e la felicità. Il resto è pratica diligente. Praticando il fondamento essenziale del sentiero buddhista, la moralità (integrità personale), trasformiamo il nostro karma e le nostre esperienze di vita. Attraverso la comprensione delle Quattro Nobili Verità e seguire il Nobile Ottuplice Sentiero noi trasformare il nostro karma. Praticando le Sei Paramita (Perfezioni), trasformiamo il nostro karma. Coltivando positivi, pensieri virtuosi, sentimenti, parole e azioni, esercitando la compassione, la gentilezza amorevole, e la saggezza nella nostra vita quotidiana, trasformiamo il nostro karma. A titolo di questa pratica, cambieremo l’intero corso della nostra esperienza di vita e di muoversi rapidamente verso la liberazione.

Gli insegnamenti buddhisti di tutte le linee offrono molte pratiche eccellenti per addestrare la mente, purificare il cuore di contaminazioni, e trasformare le nostre tendenze karmiche. E ‘saggio per noi veramente a contemplare il funzionamento del karma in modo che non siamo influenzati da opinioni illusi della realtà. Capire il karma e imparare ad assumersi la responsabilità per ogni nostro pensiero, parola e azione è vera sobrietà, saggezza, e il risveglio.

Le quattro potenze di purificazione

La purificazione pratica troviamo negli insegnamenti buddisti sono simili a quelle di molte altre religioni. Il fattore più importante che si richiede è la sincerità o l’onestà con se stessi. Quando vogliamo purificare il passato karma negativo, dobbiamo applicarci di impegnarsi in tutte le azioni con la motivazione corretta e utilizzando i seguenti quattro Forze di purificazione:

1. Potenza dell’oggetto: Si dovrebbe praticare ricordare e di pensare di tutti gli esseri senzienti si può hanno ferito. Tradizionalmente, si ricorda e genera compassione per tutti gli esseri senzienti e si rifugia nei Tre Gioielli di Buddha, Dharma e Sangha.

2. Power of Regret: Ci si accorge sobriamente, “quello che ho fatto è stato sbagliato e negativo.” One si rammarica di aver commesso l’azione e si sente il rimpianto nel cuore. Questo rimpianto non dovrebbe essere priva di senso senso di colpa, auto-recriminazione, o critiche, che si dice essere inutile tortura emotiva. Cosa si intende qui è quello di esaminare se stessi e le proprie azioni e di riconoscere veramente che le azioni negative compiute in passato erano molto imprudente. Con il rimpianto di potenza, ci si sente profondo rimorso per le loro azioni passate negative.

3. Power of Promise o Rimedio: Come logica conseguenza di quanto sopra, si deve promettere di non ripetere queste azioni negative se stessi e applicare diligentemente a fare azioni virtuose per contrastare quelli negativi. Può essere utile almeno a se stessi promettere per evitare un comportamento negativo per un determinato periodo di tempo. Non essendo onesti, in questa fase la pratica rende inutile o addirittura dannoso per se stessi. Qui si può anche contare su e pregare il Buddha e Bodhisttavas per la purificazione delle azioni negative ci si pente.

4. Power of Practice: Fondamentalmente qualsiasi azione positiva con una buona motivazione può essere utilizzato. Tradizionalmente nel Buddismo si può utilizzare pratiche quali prostrazioni (come un mezzo per distruggere l’orgoglio), fare offerte (per contrastare l’avidità), la lettura di testi buddisti (per contrastare l’ignoranza e pensieri negativi), e atti di cortesia a coltivare un cuore compassionevole, e così via.

Attraverso l’applicazione di queste quattro potenze di purificazione e di dedicarsi al percorso del Buddha della Liberazione, siamo in grado di purificare il karma delle azioni negative e trasformare completamente la nostra vita!

<3 <3 <3
Karma: The Possession That Follows Us Everywhere

It is mental volition, O monks, that I call karma.
Having willed, one acts through body, speech or mind.

– The Buddha (Anguttaranikaya, III, p. 41)

Karma is a very important subject, one which we should understand clearly. Karma is not a concept or a theory; karma is a natural law of the universe. Comprehending karma is the Right Understanding (or Right View) of Buddha’s Noble Eightfold Path. With right understanding, we realize the wholesome, life-affirming actions that bring benefit and happiness to all beings, as well the unwholesome, negative actions which bring unhappiness and suffering. With this correct understanding we are able to cultivate true wisdom. Our present understanding of karma may be vague or unclear. Although we may know that our thoughts, speech, and actions bring benefit or suffering to ourselves and others in this present life, have we given deep consideration to the fact that karma is a possession we have brought with us from the past, and one that will certainly follow us everywhere…even into the future?

What is Karma?

It is essential to understand karma as a foundation for our behavior, for our dharma practice, and for the quality of our lives as a whole. The Sanskrit word karma means action. This refers to intentional physical, verbal, or mental actions. Karma is directly related to our intention or motivation while doing an action. Very simply, we receive what we give; we harvest exactly what we plant. Our actions, whether they are positive or negative, virtuous or non virtuous, leave imprints or seeds in our minds, and these imprints ripen into our life experiences when the appropriate conditions come together. Karma is the universal law of cause and effect. The seeds of our actions continue with us from one lifetime to the next and do not get lost. Our relationship to karma is very simple — we are the actual product of our karma. We are the product of every thought, feeling, word, and action from our past and we will be the product of our karma in the future as well.

Life is a seamless continuum, uninterruptedly weaved together with the threads of our karma; our volitional (intentional) actions. Whether it is good or bad, our karma follows us everywhere, in this life and the next. If we are compassionate, wise, honest, and skillful, we create positive and harmonious circumstances in this and future lives. Committing cruel, dishonest, and other unskillful actions of body, speech, and mind, we will certainly not escape the consequences of these deeds, either in this life or in the future. Whatever happiness and good fortune we experience in or lives comes from our own positive actions. Our problems and conflicts also arise from our own negative and destructive actions. Karma is our only true property — for better or worse, it follows us everywhere. Therefore, the Law of Karma teaches that responsibility for unskillful actions is born by the person who commits them. Again, karma is our only true property.

It can be confusing when we see cruel people in positions of great power, wealthy people who are dishonest or selfish, or very kind people who have bad things happen to them or who die young. Seeing this, we may certainly wonder about the Law of Karma. Our largest obstacle to understanding or even believing in karma may be the factor of time. Most often, the results of our actions will show up after a delay of time. As ordinary human beings, who have not developed the omniscient eye of wisdom, we cannot see into past lives. Thus, it is difficult to discern which action caused which result. We must realize that we are only looking at a very small period of time in this one life. Many of the experiences we have in this life are the inevitable results of actions done in previous lives. In addition, the seeds of our actions in this life will ripen in future lives.

The following contemplations were offered by the Buddha in the Upajjhatthana Sutta: “I am the owner of my actions (karma), heir to my actions, born from my actions, related through my actions, and have my actions as my judge. Whatever I do, for good or for evil, that I will inherit.”

The Four Laws of Karma

1. Results are similar to the cause. Karma and its results are certain and unfailing. Positive actions of body, speech, and mind will always bring the positive result of some form of happiness and benefit. Negative actions of body, speech, and mind will always bring the negative result of some form of suffering. Karma and its results are exactly like a seed and its fruit.

2. No results come without a cause. Actions not engaged, will not brings results. It is obvious that things do not just appear out of nothing. If the cause has not been created, the effect will not be experienced.

3. Once an action is done, the result is never lost. An action done, is not lost and will definitely ripen and bring a result.

4. Karma expands. Once we have an imprint of an action in our mind, it tends to be habit-forming.

Changing Our Karma

  Some people misunderstand the concept of karma. They take the Buddha’s doctrine of the
law of causality to mean that all is predetermined, that there is nothing that the individual can do.
This is a total misunderstanding. The very term karma or action is a term of active force, which indicates
that future events are within your own hands. Since action is a phenomenon that is committed by
a person, a living being, it is within your own hands whether or not you engage in action.

– His Holiness the Dalai Lama, from his book: Path to Bliss

Understanding the universal Law of Karma, rather than being discouraging or overwhelming, can actually be very inspiring and uplifting. With a clear understanding of the Law of Karma (cause and effect/causality), we can choose to be the captain of our own ship. We can navigate our life in the exact direction we choose, rather than being tossed about upon the stormy seas of our own ignorance and delusion. If we ignore the workings of karma, we tend to create many problems for ourselves and others. However, with this excellent understanding, we have the ability to transform our mind, heart, and life for the better, and we will be able to benefit others as well.

Changing our karma is not difficult. However, this change does require a very sober realization and acknowledgment—simply that our situation in life is the result of our own actions! According to Buddhist teachings, there is nobody in the universe who is distributing rewards and punishments. We ourselves create the causes of our life experiences by our own thoughts, speech, and actions, and we experience the results. In this way, we can learn to be accountable. We can take full responsibility for our lives. Once we acknowledge that our situation in life is the result of our own actions, we can begin to change our karma.

To change our karma, we need to understand the unwholesome, negative, and non virtuous actions that bring pain, unhappiness, and suffering. We also need to understand the wholesome, positive, and virtuous actions that bring benefit and happiness. The rest is diligent practice. By practicing the essential foundation of the Buddhist Path, morality (personal integrity), we will transform our karma and our life experiences. By understanding the Four Noble Truths and following the Noble Eightfold Path we will transform our karma. By practicing The Six Paramitas (Perfections), we will transform our karma. By cultivating positive, virtuous thoughts, feelings, words, and actions, exercising compassion, loving-kindness, and wisdom in our daily lives, we will transform our karma. By way of this practice, we will change the entire course of our life experience and move swiftly toward liberation.

The Buddhist teachings of all lineages offer many excellent practices for training the mind, purifying the heart of defilements, and transforming our karmic tendencies. It is wise for us to truly contemplate the workings of karma so that we are not influenced by deluded views of reality. Understanding karma and learning to take responsibility for our every thought, word, and action is true sobriety, wisdom, and awakening.

The Four Powers of Purification

The purification practices we find in Buddhist teachings are similar to those in many other religions. The most essential factor that one requires is sincerity or honesty with oneself. When we want to purify past negative karma, we must apply ourselves to engaging in all actions with the correct motivation and by using the following Four Powers of Purification:

1. Power of the Object: One should practice remembering and thinking of all sentient beings one may have hurt. Traditionally, one remembers and generates compassion for all sentient beings and takes refuge in the Three Jewels of Buddha, Dharma, and Sangha.

2. Power of Regret: One realizes soberly, “what I did was wrong and negative.” One regrets having committed that action and feels this regret in their heart. This regret should not be senseless guilt, self-recrimination, or criticism, which are said to be useless emotional torture. What is intended here is to examine oneself and one’s actions and to truly recognize that negative actions done in the past were very unwise. With the power regret, one feels deep remorse for their past negative actions.

3. Power of Promise or Remedy: As a logical consequence of the above, one should promise not to repeat these negative actions and apply oneself diligently to doing virtuous actions in order to counteract the negative ones. It can be helpful to at least promise oneself to avoid a negative behavior for a specific period of time. Not being honest at this stage makes the practice useless or even harmful to oneself. Here one can also rely on and pray to the Buddhas and Bodhisttavas for the purification of the negative actions one regrets.

4. Power of Practice: Basically any positive action with a good motivation can be used. Traditionally in Buddhism one can use practices such as prostrations (as a means to destroy pride), making offerings (to counteract greed), reading Buddhist texts (to counteract ignorance and negative thoughts), and acts of kindness to cultivate a heart of compassion, and so forth.

Through applying these Four Powers of Purification and dedicating ourselves to the Buddha’s Path of Liberation, we can purify the karma of negative actions and completely transform our lives!

http://www.naljorprisondharmaservice.org/pdf/Karma.htm