Archivio tag | Poeti Amici

★ღPoeti amici ღ★ –


Paradoxa

Svuotandomi mi riempio
riempiendomi mi svuoto.

Posso vedere il mio scheletro
a tal punto sono arrivato.

Vuoto e pieno
pieno e vuoto.

Sarò presente stando fuori.

Da: ” Frammenti” – Orazio Gennuso

Paradoxa

Emptying me I fill me
filling me I emptying me.

I can see my skeleton
to such an extent that I arrived.

Empty and full
full and empty.

I will be there standing outside.

From:” Frammenti” – Orazio Gennuso

★ cღPoeti amici ღ★


robert strange

~ A l m a n a c c a r e ~

Ho temuto il peggio
valutandone il rischio.
Conciliabolo
tra coscienza
e opportunità.
Un battito di ciglia
ha cancellato il dubbio.
Ora ho imparato a sognare.
E vivo.

Robert Strange

03 Febbraio 2013

~ D a y d r e a m  ~

I feared the worst
assessing the risk.
huddle
between consciousness
and opportunities.
Blink of an eye
has deleted doubt.
Now I have learned to dream.
And I live.

Robert Strange

February 3, 2013

★ღPoeti amici ღ★ –


Ideale di Donna

Sento i tuoi passi
ti vedo arrivare.
Le tue dita
sono raggi di luna.
Anima feconda della terra
fresca come l’acqua
leggera come l’aria
penetrante come il fuoco
sempre ritorni per illudermi ancora.

Da.” Frammenti” – Orazio Gennuso

Ideal for Woman

I hear your steps
I see you coming.
Your fingers
are moonbeams.
Soul fertile of the earth
fresh as water
light as air
penetrating as fire
always return to delude myself again.

From:” Frammenti” – Orazio Gennuso

★ღPoeti amici ღ★


Amo…

Amo
l’aurora che sparge
petali di rosa
nella notte chiara
la tua presenza silenziosa
il fresco calore
delle tue braccia
nell’inverno.
Amo te
che ridi piangendo
te che sei rimasta
andando via.

Da: ” Frammenti” – Orazio Gennuso

I love …

I love
the dawn that spreads
rose petals
in the clear night
your silent presence
the cool warmth
of your arms
in winter.
I love you
you that laugh crying
you who have remained
going on.

From:  ” Frammenti” – Orazio Gennuso

★ cღPoeti amici ღ★


Pescatori di sogni

Far emergere
dalle profondità
dell’ignoto
quei desideri
quei pensieri
cosí da divenire
noi stessi
pescatori
di sogni.

Antonio De Simone

Fishermen of dreams

Bring out
from the depths
unknown
those wishes
those thoughts
so to become
ourselves
fishermen
of dreams.

Antonio De Simone

★ cღPoeti amici ღ★


sebastian9

Mi manchi

Cala la notte con essa
è il suo mantello nero
venato di tristezza
Cessa il rumore ….
Il movimento è placato
percependo solo
il sospiro della mia anima
che cerca di trovarti
tra le stelle
Dove sei?
Perché te ne vai via da me?
Solo la memoria
dolce e tenera della tua anima
mi tiene in vita .. avviso
in questa attesa senza tempo
ma pieno di amore e pazienza

©Sebastian Sanchez
I miss you

Night falls
And along with it
It’s black cloak
Tinged with sadness
Ceases the noise ….
Movement is stilled
perceiving only
The sigh of my soul
Which seeks to find you
Among the stars
Where are you?
Why do you walk away from me?
Only the memory
Sweet and tender of your soul
Keeps me alive.. alert
In this timeless waiting
But full of love and patience

©Sebastian Sanchez

★ cღPoeti amici ღ★


rosaria

Stretto tra il tetto della mia casa
e l’albero fiorito di mimose…
un pezzo di cielo,
buio per la dipartita del giorno
limpido per l’assenza di nubi
illuminato da mille stelle
così vicine da toccar la terra
e il mio viso trafitto dal gelo della sera
ed io avvolta dalla tramontana
che sventola il bucato
dimenticato ad asciugare
sui fili stesi nel cortile
sull’uscio mi perdo
in questo immenso.

Rosaria Formisano

★ cღPoeti amici ღ★


Ci cingiamo in tante sicurezze,
ma siamo una foglia tremula
tra i mille aliti del vento.

Gigante Francesco

We gird ourselves in so many securities,
but we are a tremulous leaf
among the thousand breaths of the wind.

Gigante Francesco

Gigante Francesco Taras

cღPoeti amici ღ★


Gratitudine

Ogni essere vivente
di questo bellissimo pianeta
potrebbe ascoltare
la propria voce interiore
che continua inesauribile
a comunicare con la nostra anima
e noi siamo solo i conduttori
di un messaggio divino
riconducibile alla divinità
che ogni essere vivente ha.
Il vento che scuote le foglie
della nostra coscienza
delineando il confine
tra noi e il tutto.
L’acqua che nel suo passare
rimuove la propria essenza
facendola tornare alla fonte
quella stessa che dal tutto
ebbe origine e in noi dimora.

Pasquale Latorre