Archivio tag | Prendere rifugio – Riflettendo

Meditare senza forzare


Riflettendo…

La Riflessione

Come può Egli sorridere così felice?

Non confrontarlo con gli altri;

Il suo essere nel mondo non è mondano,

la sua gioia sgorga dalla sua Vera Natura.

Maestro Fugai Ekun (1568-1654)

——————-

In noi la vera natura,
nascosta, negata, non riconosciuta.

Aggrappati alle apparenze,
a quel che c’inganna
con l’attaccamento ad una falsa realtà.

In noi lo sciogliere di ombre
per ritrovare la luce del sole,
per accogliere in profondità
la reale sostanza del nostro essere.

Poetyca

——————-

L’insegnamento

Meditate senza forzare

Fate attenzione a non imporre alcunché alla mente.

Quando meditate, non ci dovrebbe essere sforzo di controllare qualcosa.

Né tentativi forzati di essere tranquilli.

Non siate eccessivamente solenni e cercate di non sentirvi coinvolti in uno speciale rituale:

lasciate andare perfino l’idea che state meditando.

Lasciate che il corpo rimanga così com’è e il respiro così come lo trovate.

Pensate a voi stessi come al cielo, che abbraccia l’intero universo.

Sogyal Rinpoce

——————–

Guardare i pensieri,
l’origine delle emozioni,
come si guarda uno stormo in volo.

Non provare attaccamento,
è sapere che quanto nasce, appare e ci abbandona
perchè impermanente,è come sono le nuvole che passano.

Non identificarsi, per vivere quest’attimo,
per comprendere che tutto è interconnesso,
riconoscendo nell’ignoranza
il riflesso delle nostre aspettative;
ci rende liberi e capaci di sorriso in ogni istante.

Poetyca

——————–

05.07.2008 Poetyca

Reflecting …

Reflection

How can he smile so happy?

Do not compare with others;

His being in the world is not mundane,

his joy springs from his True Nature .

Master Fugai Ekun (1568-1654)

——————-

In us the true nature ,
hidden , denied, not recognized.

Hold on to appearances,
to that which deceives us
with attachment to a false reality.

We dissolve into shadows
to find the light of the sun,
to receive in-depth
the real essence of our being.

Poetyca

——————-

The teaching

Meditate without forcing

Be careful not to impose anything to mind .

When you meditate , there should be no effort to check something.

Neither attempts forced to be quiet .

Do not be too solemn and try not to feel involved in a special ritual :

let go of even the idea that you are meditating .

Let your body remains as it is and the breath as you find it.

Think of yourself as the sky, which encompasses the entire universe .

Sogyal Rinpoche

——————–

Watch your thoughts,
the origin of emotions,
you look like a flock in flight.

Do not try attachment,
is to know that what is born, and it appears we are left
because impermanent , it’s like the clouds are passing by.

Do not identify yourself in order to live this moment ,
to understand that everything is interconnected,
recognizing ignorance
the reflection of our expectations;
makes us free and able to smile at all times.

Poetyca

——————–

05.07.2008 Poetyca

bodhidarma

Teoria e realtà


Riflettendo…

La Riflessione

Non cercate solo ciò che volete vedere,
questo sarebbe cosa futile.

Non cercate nulla in particolare,
ma lasciate che l’intuizione abbia una possibilità di arrivare spontaneamente.

Quell’intuizione profonda vi aiuterà a liberarvi.

Thich Nhat Hanh

———————————————————

Ascoltare profondamente non comporta una scelta:
non si lega al prestare attenzione solo a qualcosa
negando spazio e valore ad altro.
Essere aperti è permettere che le cose si possano manifestare
come esse sono, che ogni segnale possa essere accolto.
Solo attraverso quest’apertura siamo capaci di sciogliere
tutte le mura della diffidenza, di una mente che si aggrappa
a quanto vorrebbe e separa il resto viziata da una precisa aspettativa.

Un orecchio educato ad ascoltare ogni suono
è capace di profonda sensibilità, nello stesso modo
possiamo entrare in sintonia con l’armonia che ovunque ci richiama
e ci spinge ad essere come siamo, senza provare disagio
perchè sulla medesima frequenza.

Poetyca

———————————————————

L’insegnamento

Teoria e realtà

Ci sono coloro che guardano alla morte con un’ingenuità spensierata,
pensando che, per qualche ragione sconosciuta,
la morte sarà per loro un qualcosa di semplice e che non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Quando penso a loro, mi torna alla memoria ciò che disse un maestro tibetano:

“Molti spesso fanno l’errore di essere frivoli nei confronti della morte e pensano:
‘Oh beh, tutti si muore. Non è nulla di speciale, è una cosa naturale. Andrà tutto bene’.”

Questa è una bella teoria. Finché non si sta morendo.

Sogyal Rinpoche

————————————————————–

Siamo responsabili del nostro percorso
e di quanto seminiamo qui ed ora:

Non possiamo nascondere a noi stessi la paura,
non è fuggendole che si affronta,
Un atteggiamento che tocca solo la superficie
non ci permette di comprendere
e cause della nostra ed altrui sofferenza.

La paura della separazione
e l’attaccamento sono l’anticamera
del timore della morte
e Solo guardando in profondità,
accogliendo la realtà dell’impermanenza,
siamo capaci di non nutire l’aspettativa
ma siamo in grado di trasformare
quanto temiamo in reale e profonda compassione.

Poetyca
—————————————————————

24.04.2010 Poetyca

Testi tratti dal sito

Reflecting …

Reflection

Do not look for only what you want to see,
this would be futile.

Do not look for anything in particular,
but let that intuition has a chance to come spontaneously.

Deep intuition will help you get rid of.

Thich Nhat Hanh

————————————————– ——-

Deep listening does not involve a choice:
does not bind to only pay attention to something
denying space and value to another.
Being open is to allow things to manifest
as they are, that any signal can be accepted.
Only through this understanding we are able to dissolve
all the walls of mistrust, of a mind that clings
would like and what separates the rest vitiated by a precise expectation.

A trained ear to hear every sound
is capable of deep sensitivity in the same way
We can empathize with the harmony that reminds us anywhere
and urges us to be like us, without feeling uncomfortable
because on the same frequency.

Poetyca

————————————————– ——-

Teaching

Theory and Reality

There are those who look at death with naive carefree,
thinking that, for some unknown reason,
death will be for them something simple and that there is nothing to worry about.

When I think of them, I recall what I said a Tibetan master:

“Many people often make the mistake of being frivolous about death and think:
‘Oh well, everyone dies. It’s nothing special, it’s a natural thing. You’ll be fine ‘. “

This is a nice theory. As long as you’re not dying.

Sogyal Rinpoche

————————————————– ————

We are responsible for our own path
and what we sow here and now:

We can not conceal from ourselves the fear,
is no escaping that addresses,
An attitude that only touches the surface
does not allow us to understand
and causes of our own and others’ suffering.

Fear of separation
and the attachment are the antechamber
the fear of death
Only by looking in depth and,
accepting the reality of impermanence,
we can not nutire expectancy
but we are able to transform
As in real fear and deep compassion.

Poetyca
————————————————– ————-

24.04.2010 Poetyca

Text taken from the website:

Il Fiore di Bodhidharma

Paura dell’ignoto


Riflettendo…

La Riflessione

Il Buddhismo è un progetto di vita,
concepito per coltivare tutto ciò
che è di maggior beneficio per tutti gli esseri.

E’ una religione di saggezza,
in cui predominano la comprensione e l’intelligenza.

Il Buddha non predicò per ottenere conversioni,
ma per illuminare coloro che lo ascoltavano.

Insegnante di Dharma

——————————————

Conoscere le cause,
prodigarsi per un atteggiamento
che corregga il nostro percorso deviato,
è fare della compassione e dell’armonia
un effetto a catena che scaccia le nubi,
una pennellata di colore al nostro spazio interiore.
Fare della sofferenza il fulcro
che ci aiuti a non gettare
il seme della rabbia e della separazione,
a non provare attaccamento nel tentativo
di conservare una falsa identità
è accogliere la causa maggiore
nel Nobile Ottuplice Sentiero,
per comprendere profondamente l’interconnesione
tra tutti gli esseri senzienti
dove tutto scorre nella medesima acqua d’amore

Poetyca

——————————————

L’insegnamento

Paura dell’ignoto

Le persone hanno grande difficoltà
a lasciar andare la loro sofferenza.

Travolti dalla paura dell’ignoto,
preferiscono la sofferenza,
che è qualcosa di più familiare.

Thich Nhat Hanh

————————————————

La sofferenza, conosciuta, attravarsata
capace di consumare il coraggio;
per guardare in profondità e per scrollarci di dosso
il nostro atteggiamento passivo a volte è preferita,
coccolata e vista come punto di riferimento certo,
capace di farci sentire vittime di qualcosa
e per questo come per uno stato di diritto
incapaci di portare azioni costruttive.
Ma solo il nostro atteggiamento, corretto e riformulato
è in grando di lastricare una nuova strada
che ci permetta di essere liberi persino
dal nostro stesso autocondizionarci.

Poetyca

————————————————

17.04.2010 Poetyca

Reflecting …

Reflection

Buddhism is a life project,
designed to cultivate everything
which is of greatest benefit to all beings.

It ‘a religion of wisdom,
with predominant understanding and intelligence.

The Buddha did not preach for conversions,
but to enlighten those who heard him.

Teacher of Dharma

——————————————

Knowing the causes,
efforts to an attitude
to correct our path deviated
has to do with compassion and harmony
a ripple effect that drives away the clouds,
a touch of color to our inner space.
Making the fulcrum of suffering
help us not to throw
the seed of anger and separation,
attachment in an attempt not to try
to maintain a false identity
is to accept the major cause
in the Noble Eightfold Path,
to deeply understand the interconnection
among all sentient beings
where everything flows in the same water of love

Poetyca

——————————————

Teaching

Fear of the unknown

People have great difficulty
to let go of their suffering.

Overwhelmed by fear of the unknown,
prefer suffering,
which is something more familiar.

Thich Nhat Hanh

————————————————

The suffering, known attravarsata
capable of consuming the courage;
to look deeply and shake off
Our passive is sometimes preferred,
petted and seen as a point of reference,
able to make us feel victims of something
and therefore as a rule of law
unable to take constructive action.
But only our attitude, correct and reformulated
is in great to pave a new road
that allows us to be free even
by our own self-conditioning.

Poetyca

————————————————

17.04.2010 Poetyca

Text taken from:

Il Fiore di Bodhidharma

Felicità – Le Quattro Menti Commensurabili


Riflettendo…

La Riflessione

Qualcosa già esisteva
prima di Terra e Cielo.

Originariamente
senza forma e silente,
nondimeno maestro d’opera
di ogni immagine e forma.

Mai appassisce,
col passo del tempo.

Bankei (1622-1693)

———————–

Oltre la forma
oltre i sensi
è la forza di essere
dove tu non cogli
e non sai tracciare
con l’intelletto
e con le parole
perchè è nel silenzio
e nella mente attenta
che potrai svelare
la vera essenza
che straccia ogni confine

Mente/cuore
che si apre
come fiore di loto
nella consapevole fragranza
del tuo respiro
accarezzato istante
che tutto annulla
e in tutto si ritrova:
qui ed ora
nello sciogliere del tempo

Poetyca

————————–

L’insegnamento

Felicità: le Quattro Menti Incommensurabili

Amorevolezza: Possano tutti gli esseri essere felici
Compassione: Possano tutti gli esseri estinguere l’infelicità

Gioiosa empatia: Possano tutti gli esseri gioire della felicità altrui
Equanimità: Possano tutti gli esseri essere ugualmente felici

Shian

———————–

Tu ed io
non siamo lontani:

quando un sottile filo
unisce spazio e respiro

quando il mio bene
è anche il tuo

quando sciolto ogni timore
so donare in ogni allargato confine
la danza del cuore che raccoglie
e respira amorevolezza e gioia

Non esiste più
un tu ed un io
un mio o un tuo
ogni cosa è manifesta
nella consapevole forza
che traccia i passi
nell’amorevolezza per ogni essere

Nel saper offrire nel Dharmakaya
l’abbraccio equamine
di chi raccoglie lezioni
nella purezza del Dharma

Poetyca

————————–

15.03.2008 Poetyca

testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Ascolto profondo


Riflettendo…

La Riflessione

Poiché non c’è un inferno eterno,
non esiste una definitiva sconfitta spirituale
a parte l’abbandono della pratica.

Stonepeace

—————-

Tutto nella mente
è impermante:
soggetto a nascere,
essere presente ed andare.

Ogni turbamento,
proiezione ed attaccamento
sono soggetti a liberare energie,
lasciandoci di fronte
alla nostra amorevolezza,
a quella compassione
che scioglie nodi per sempre.

Solo con la costante retta pratica
si sprigiona l’essenza ed il valore,
di quel lavorare bene
per essere pacificati con noi stessi
e con tutti gli esseri senzienti.

Poetyca

—————-

L’insegnamento

Ascolto profondo

Ascoltare è un processo molto più difficile di quello che la gente immagina.
Ascoltare realmente nel modo insegnato dai maestri,
significa lasciar andare completamente se stessi,
lasciare andare tutte le informazioni, tutti i concetti, tutte le idee
e tutti i pregiudizi con i quali sono imbottite le nostre menti.

Se realmente ascoltate gli insegnamenti,
quei concetti, che sono il vostro vero ostacolo,
ciò che si frappone fra voi e la vostra vera natura,
possono essere lentamente e progressivamente lavati via.

Sogyal Rinpoche

——————-

Ascoltando getto via il fardello
pieno di dubbi, di verità preconcette,
di condizionamenti che non sono la realtà.

Ascoltando libero la mente
da ogni atteggiamento separativo
ed ” io ” e ” mio” restano tacitati.

Ascoltando apro la mente/cuore
in completa accoglienza
per essere retta attenzione.

Ascoltando non reagisco ma raccolgo
come spettatore tutto quel che accade
e respiro equidistanza con dolcezza.

Ascoltando in empatia raccolgo, comprendo e mi svuoto,
per dare tutta la mia amorevole attenzione
e aperta la mano tutto è interconnesso.

Ascoltando non conosco sofferenza
mentre si libera energia che avvolge tutto
ed un fiore di loto sboccia in delicata fragranza.

Poetyca

——————-

17.05.2008 Poetyca

Reflecting …

Reflection

Because there is no eternal hell ,
there is a definite spiritual defeat
apart from the abandonment of the practice.

Stonepeace

—————-

All in the mind
is impermante :
subject to birth,
be present and go.

Any disturbance ,
projection and attachment
are subject to free energies ,
leaving us in the face
our loving kindness ,
that compassion
that melts nodes forever.

Only by constant practice straight
emanates the essence and value,
of that work well
to be at peace with ourselves
and with all sentient beings .

Poetyca

—————-

The teaching

deep listening

Listening is a process much more difficult than most people imagine .
Listen really in the way taught by the masters ,
means letting go completely themselves,
let go of all the information, all concepts, all ideas
and all the prejudices with which our minds are padded .

If you really listen to the teachings ,
those concepts , which are your real obstacle ,
what stands between you and your true nature ,
can be slowly and gradually washed away.

Sogyal Rinpoche

——————-

Listening to throw away the burden
full of doubts, truths preconceived
of influences that are not the reality .

Listening to free the mind
from each separative attitude
and “I” and “mine” are acknowledged.

Listening to open my mind / heart
Full hospitality in
to be wise attention .

Listening to collect but do not react
everything that happens as a spectator
equidistance and breathing softly.

Listening to gather empathy , and I understand I empty ,
to give all my loving attention
and open the hand everything is interconnected .

Listening not know suffering
while the free energy that surrounds all
and a lotus flower blossoms in a delicate fragrance.

Poetyca

——————-

17.05.2008 Poetyca

bodhidarma

Prendere la via


La Riflessione

Tutte le conquiste iniziano da faccende banali
e da un lavoro attento che col tempo raccoglie.

Maestro, venerabile monaca Cheng-Yen

La vera comquista non è il possesso di un oggetto esterno;
essa prende vita dalla nostra riconosciuta capacità di accogliere sfide
con noi stessi e nel superare i nostri limiti; possiamo allora allargare le nostre zone d’ombra scrutandole con la nuova luce che abbiamo l’opportunità di attivare in noi con impegno e pratica per svelare ed accogliere quel che siamo.

Poetyca

L’insegnamento

Vivi la Via

Segui la verità della Via.
Rifletti su di essa, falla tua.
Vivila.

Sempre ti darà sostegno.
Non buttar via ciò che ti è dato,
non stender mano su ciò ch’è dato ad altri.
Ché la tua quiete non sia turbata.

Dhammapada

A volte persino essere nel deserto è dono; per farlo fiorire attraverso il nostro impegno e la nostra capacità di mettere in pratica quanto stiamo per imparare.
Voler sottrarre ad altri quello che nasce dalle opportunità che la vita individualmente offre è rifiutare di lavorare e maturare per la propria consapevolezza e per la propria crescita interiore.

Poetyca

Testi tratti da

Reflection

All achievements begin to be trivial matters
and careful work that collects over time.

Master, the venerable nun Cheng Yen

The real comquista is not the possession of an external object;
It comes to life recognized by our ability to accept challenges
with ourselves and overcome our limitations, we can then extend our shadows peering with the new light that we have the opportunity to activate in us with commitment and practice to reveal and accept what we are.

Poetyca

The teaching

Live the Way

Follow the truth of the path.
Think about it, make it yours.
Live it.

Always will sustain you.
Do not throw away what is given thee,
do not lay a hand on what is given to others.
For thy peace is not disturbed.

Dhammapada

Sometimes even being in the desert is a gift, to make it flourish through our commitment and our ability to apply what we learn.
Others want to steal that which arises from the opportunities that life offers is an individual refuse to work and build on their awareness and their own inner growth.

Poetyca

Text taken from

Il Fiore di Bodhidharma

                                                                                                    Prendere rifugio – Riflettendo

L’essenza del Dhamma


Riflettendo…

La Riflessione

Quando filtriamo le informazioni attraverso il nostro senso del sé condizionato,
diventiamo un facile bersaglio per il dolore.

Des Boo-ngoh

————————————-

Apri la mano che tutto trattiene,
lascia andare l’aspettiva:
miriadi di preconcetti che sono prigione.

Tutto è adesso, non prevedibile attimo,
tutto è da osservare con retta attenzione.

Non hai già vissuto questo,
non ancora…anche se credi di sapere.

Lascia tutto e accogli,
perchè trattenere è ostacolo
e non resta spazio per comprendere
– qui ed ora – preziosa fonte del tuo essere.

Poetyca

————————————-

L’insegnamento

Essenza del Dharma

Realizzate la conoscenza dell’essenza della mente.
Questa essenza intrinseca è pura chiarezza
essenzialmente è identica alla Buddhità.

Realizzate la conoscenza delle funzioni della mente.
Queste funzioni creano il tesoro dell’Insegnamento.

Quando l’attività della mente è costante silenzio,
le miriadi di illusioni diventano essenza del Dharma.

Tao-hsin (580-651)

——————————————–

Quando la nebbia non si dipana
e si crea confusione: in te voci che denigrano
che pretendono di sapere,
tu non combattere e lascia cadere tutto.

Il silenzio alleato è spazio
che spezza tutte le catene:
maschere di latta che atterriscono,
cambi di rotta che non fanno chiarezza.

Semplicemente siedi in silenzio,
ascolta il tuo respiro e puoi ritrovare
con profonda dolcezza la tua vera essenza
capace di accompagnare in armonia profonda.

Poetyca

——————————————–

05.12.2007 Poetyca

Testi tratti da 

Reflecting …ReflectionWhen we filter information through our sense of self-conditioned
become an easy target for pain.Boo-des ngoh

————-

Open the hand that holds everything,
lets go of the aspect:
myriad of preconceptions that are imprisoned.

Everything is now unpredictable moment,
all is to observe with a straight attention.

You have not experienced this,
not yet … even if you think you know.

Leave everything and accept,
hold because it hinders
and there’s no space for understanding
– Here and now – valuable source of your being.

Poetyca

————-

teaching

Essence of Dharma

Build knowledge of the essence of the mind.
This intrinsic essence is pure clarity
is essentially identical to Buddhahood.

Make the knowledge of the functions of the mind.
These functions create the treasure Teaching.

When the activity of the mind is constant silence,
the myriad of illusions become the essence of Dharma.

Tao-hsin (580-651)

—————

When the fog does not unfold
and creates confusion in you items that are degrading
who claim to know,
you do not fight and he drops everything.

The space is silent ally
which breaks all chains:
masks can that terrify,
course changes that are not clear.

Simply sit in silence,
Listen to your breath and you can find
with the deep sweetness of your true essence
can accompany deep in harmony.

Poetyca

—————

05.12.2007 Poetyca

Il Fiore di Bodhidharma