Archivio tag | Prendere rifugio – Riflettendo

Con Armonia


Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia. (p. 50)

Jean-Baptiste Alphonse Karr, Aforismi sulle donne, sull’uomo e sull’amore, a cura di Massimo Baldini, Newton Compton, Roma 1993.

Armonia

“Mettete la parola “armonia” nel cuore della vostra esistenza,
custoditela in voi come una sorta di diapason, e non appena vi
sentite un po’ inquieti o turbati, prendete quel diapason e
ascoltatelo in modo da mettere tutto il vostro essere in
consonanza con la vita illimitata, la vita cosmica.
Dite che riuscite già ad armonizzarvi con la vostra famiglia,
con i vostri amici, con i vostri vicini, con i vostri colleghi di
lavoro?… Va bene, ma non è sufficiente. Potete essere in
accordo con la vostra famiglia o con la società, ma essere in
disaccordo con la vita universale, e allora, a poco a poco tale
dissonanza si infiltra in voi e rode il vostro organismo
psichico. Sforzatevi sin da ora di accordarvi con la vita
universale; sarà questa a portarvi la salute, la bellezza, la
luce, la gioia, e a fare di voi, ovunque andrete, un fattore di
armonia.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

‎.•*¨*•♫ ❤¸¸.•*¨*•♫❤¸¸.•*¨*•♫


Dai Discorsi di Thich Nhat Hanh

Sorridere a voi stessi è un atto molto gentile nei vostri confronti, perchè state soffrendo e quando soffrite avete bisogno di amore. Voi siete la prima persona che può offrirvelo, non aspettate che sia un’altra a farlo. La pratica della meditazione è la pratica del guardare in profondità nella natura delle cose. E quando sarete in grado di guardare nella natura delle cose otterrete la comprensione, che può liberarvi dalla vostra sofferenza. Nel buddhismo la liberazione avviene attraverso l’intuizione, non attraverso la grazia, e quell’intuizione non sarà possibile senza la pratica della meditazione e del guardare in profondità. Non perdete neanche un minuto delle vostre giornate, ogni minuto della vostra giornata può essere utilizzato per generare l’energia della presenza mentale:camminando, respirando, sedendo. Inspirate, godetevi il vostro respiro e dite:”Sono arrivato”. Lo scopo è smettere di correre. Quando espirate dite:”Sono a casa”, e la vostra casa comincerà a rivelarvisi. Dovrebbe esserci sempre al vostro interno una specie di dialogo permanente con voi stessi, così che possiate scoprire qual è il sentiero da percorrere. E, quando conoscerete il vostro sentiero, smetterete di soffrire. Quando fate qualcosa per far sentire un altro sollevato, improvvisamente vi sentite molto felice. Se non avete la possibilità di fare qualcosa per dar sollievo a qualcun altro ma desiderate essere in grado di farlo, già quella voglia vi renderà più felice. Chi non ha l’energia dell’amore, chi non ha nessuna voglia di amare, è perso, molto solo e molto infelice.

‎.•*¨*•♫ ❤¸¸.•*¨*•♫❤¸¸.•*¨*•♫

La retta parola

Nel Vinaya leggiamo queste istruzioni: «Chiunque
stia per ammonire un altro deve suscitare in sé
cinque qualità prima di aprir bocca, in modo da
poter dire così: “Parlerò a tempo debito, non nel
momento sbagliato. Dirò la verità, non bugie.
Parlerò soavemente, non con severità. Parlerò a
suo vantaggio, non a suo danno. Parlerò con
intento gentile, non con rabbia”».

Parlare rettamente è sopratutto mantenere una costante attenzione
al proprio modo di esprimersi in ogni circostanza,
perchè la parola è manifestazione del proprio essere.

Una delle cose importanti è il non parlare vanamente,
l’essere prudenti e misurati andando a verificare le fonti,
perchè non si trasmetta ad altri qualcosa di non vero,
che propagasse ignoranza (nel senso di falsa conoscenza).

Sopratutto nell’evitare di sovraccaricare gli altri
di troppe parole che non sempre sono utili.
Si deve sviluppare un processo di sintesi
per trasmettere l’essenza e dare spazio agli altri
nella ricerca ed ascolto interiore.

Non è la mente che deve parlare e soppesare
ma il nostro accostarci con amorevolezza
e compassione, in questo modo cade il giudizio
e la rabbia per mantenere sempre posizioni di supremazia.

Essere duali è percorrere la strada della competizione
e non ci sono giudici e gare.

Si apprende molto osservando ad ascoltando,
mentre non si ha nulla da insegnare a nessuno imponendo
delle proprie opinioni. Meglio tenerle per se stessi
o chiedersi se sono davvero valide o frutto
di condizionamenti della nostra mente.

La ricerca interiore è un giardino che ogni essere
coltiva in prima persona, possiamo solo dare sostegno
e non serve essere concitati ed agitarsi con gli altri
per far capire di essere vicini o di sentirsi distanti.

Meglio un fermo silenzio, addolcito da un sorriso
ed un amorevole accoglienza che il farsi trascinare
da un fiume in piena che non placa la mente.

Non giova sapere se si è approvati o disapprovati
da qualcuno, è importante riflettere e capire
se il passo che compiamo è costruttivo
o arreca danno ad altri esseri, in questo
possiamo essere capaci da soli.

Si è davvero vicino ad una persona restando in silenzio,
per permetterle di leggersi nel profondo,
ed aspettando che quello che noi avevavo compreso,
finalmente trovi chiarezza nell’altro attraverso
la retta visione ed il suo retto sforzo.
Possiamo suggerire con dolcezza, mai sovrapporci
o sostituirci agli altri.

Questo è nella mia esperienza e nel mio
modo di porgere la mia presenza in tanti anni.

Nel nostro rapporto con gli altri
non abbiamo merito alcuno, siamo solo testimoni
del loro sforzo per migliorare.
Ma sopratutto non dobbiamo distrarci
dal lavoro che serve per migliorare noi stessi.

Un sorriso
Poetyca

Vinaya è un termine sanscrito e pāli che significa disciplina e nel Buddhismo indica la raccolta scritturale delle norme di condotte seguite dai monaci (bhiksu, sanscr., bhikkhu, pāli) e dalle monache (bhiksuni, sanscr., bhikkhuni, pāli).
Il vinaya è una delle due categorie degli antichi insegnamenti del Buddha Shakyamuni (o Buddhadharma) insieme al ‘Dharma’ (ovvero dottrina). Un altro termine per indicare il Buddhismo è infatti Dharmavinaya.
Attualmente disponiamo di sette vinaya delle antiche scuole (Buddhismo dei Nikaya).
Il vinaya Theravada, di probabile origine Sthaviravada Vibhajyavada, è conservato nel Canone pāli ed è suddiviso in tre parti:

Suttavibhanga, le regole di condotta fondamentali dei monaci e delle monache (patimokkha) con le storie all’origine di ciascuna regola;
Khandhaka, a sua volta suddiviso in:
Mahavagga, altre regole di condotta e di etichetta per il sangha insieme ad altri discorsi e insegnamenti del Buddha;
Cullavagga, elaborazioni sull’etichetta e le norme dei monaci e delle monache e la trattazione di come vadano affrontati i casi di infrazione delle regole monastiche;
Parivara, una ricapitolazione delle sezioni precedenti riportante in sunto le regole classificate in vari modi a scopo didattico.

*¨`*•.♫❤♫❤♫❤

Harmony

Two lovers are like two harps silent with the same pitch and ready to confuse the entries in a divine harmony. (P. 50)Jean-Baptiste Alphonse Karr, aphorisms on women, man and love, by Massimo Baldini, Newton Compton, Roma 1993.Harmony

“Put the word” harmony “in the heart of your existence,
Guard them in you as a kind of tuning fork, and as soon as you
feel a bit ‘anxious or upset, take this fork and
listen to put your whole being in
consonance with unlimited life, cosmic life.
You say you have failed to harmonize with your family,
with your friends, your neighbors, your colleagues
work? … Okay, but not enough. You may be
agreement with your family or society, but be
disagreement with the universal life, and then, little by little this
dissonance seeps into you and eats your body
psychic. Make an effort from now to agree with the life
universal, this will take you to the health, beauty,
light, joy, and to you, wherever you go, a factor
harmony. “

Mikhael Omraam Aïvanhov

. • * ¨ * • ♫ ❤ ° °. • * ¨ * • ♫ ❤ ° °. • * ¨ * • ♫

Speeches by Thich Nhat Hanh

Smiling to yourself is an act very kind to you, because you are suffering and suffering when you need love. You are the first to offer it can not wait until it is another to do so.The practice of meditation is the practice of looking deeply into the nature of things.And when you’re able to look at the nature of things will get understanding, which can free you from your suffering. In Buddhism, liberation is through intuition, not through the grace and intuition will not be possible without the practice of meditation and deep looking. Do not miss a minute of your day, every minute of your day can be used to generate the energy of mindfulness: walking, breathing, sitting. Breathe, enjoy your breath and say, “I came.” The aim is to stop running. When you exhale say, “I’m home, and your home will begin to rivelarvisi. There should always be your kind of interior permanent dialogue with yourself, so you can find out what path to take. And, when you know your path, stop suffering. When you do something to make another raise, suddenly you feel very happy. If you do not have the opportunity to do something to give relief to someone else but would like to be able to do so, that should already make you happier. Who has the energy of love, who has no desire to love is lost, very lonely and very unhappy.

. • * ¨ * • ♫ ❤ ° °. • * ¨ * • ♫ ❤ ° °. • * ¨ * • ♫

Right speech

In the Vinaya read these instructions: “Whoever
is to warn another to be perceived as such
five qualities before opening his mouth, so
I can say this: “I will in due course, not in
wrong time. Tell the truth, not lies.
I will speak softly, not with severity. I’ll talk to
his advantage, not to their detriment. I’ll talk to
kind intent, not with anger. “

Speak directly above is to maintain a consistent focus
its mode of expression in all circumstances,
because the word is a manifestation of his being.

One of the important things is to not speak in vain,
being cautious and measured by checking the sources,
why do not you send to others something that is not true,
that propagates ignorance (in the sense of false consciousness).

Above all, avoid overloading the other
too many words that are not always useful.
We must develop a synthesis process
to convey the essence and give space to others
in research and inner listening.

It is the mind that has to speak and weigh
but our approach with kindness
and compassion, so that falls on court
and anger to maintain positions of supremacy.

Being dual is the path of competition
and there are judges and competitions.

You learn a lot by watching to listening,
while you have nothing to teach anyone requiring
of their views. Better to keep it for themselves
or whether they are really valid or fruit
of conditioning of our mind.

The research is an inner garden that every
grow personally, we can only give support
and no need to be excited and agitated with the other
to understand to be near or distant feel.

Better a still silence, softened by a smile
and a loving welcome that being dragged
by a swollen river that calms the mind.

Not useful to know whether you approve or disapprove
by someone, it is important to reflect and understand
if the step you take is constructive
or causes harm to other beings, in this
we may be able by themselves.

It was really close to a person remaining silent,
to enable it to read in depth,
and waiting for what we had understood,
finally find clarity in the other through
the right view and its right effort.
We suggest gently, never sovrapporci
or replace them with others.

This is in my experience and my
way to extend my presence in many years.

In our relationship with others
we have no merit, we are only witnesses
of their effort to improve.
But above all we must not distract us
the work they need to improve ourselves.

A smile
Poetyca

Vinaya is a Sanskrit word that means discipline and Pali and in Buddhism means the collection of scriptural standards of conduct of monks (bhiksu, Skt., Bhikkhus, poles) and nuns (bhiksuni, Skt., Bhikkhuni, poles).
The Vinaya is one of two categories of the ancient teachings of Buddha Shakyamuni (or Buddhadharma) together with the ‘Dharma’ (ie doctrine). Another term for Buddhism is in fact Dharmavinaya.
Currently we have seven schools of the ancient Vinaya (the Buddhist Nikaya).
The Theravada Vinaya, probably from Sthaviravada Vibhajyavada, is preserved in the Pali Canon and is divided into three parts:

Suttavibhanga, the fundamental rules of conduct of monks and nuns (Patimokkha) with the origin stories of each rule;
Khandhaka in turn divided into:
Mahavagga, other rules of conduct and label for the sangha with other discourses and teachings of the Buddha;
Cullavagga, processing and labeling standards of monks and nuns and the discussion of how to be dealt with breaches of monastic rules;
Parivara, a recapitulation of the previous sections showing in summary the rules classified in various ways for teaching purposes.

Annunci

Sono realmente onesto con me stesso?


Riflettendo

La Riflessione

Come le soffici piogge riempiono i torrenti,
affluiscono nei fiumi
e si incontrano negli oceani,

così abbondante possa la forza del tuo amore
fluire innanzi, ad ogni istante,
per risvegliare e curare tutti gli esseri.

Quelli presenti ora,
quelli già andati in passato,
quelli che ancora devono giungere.

Benedizione Tradizionale Buddhista

——————————————-

Amorevolezza e compassione sono la forza viva
che abbraccia il sentiero che percorriamo,
a noi il retto sforzo per non alimentare attaccamento
e per offrire ad ogni essere l’accoglienza benevola
che accompagni verso la cura della sofferenza.

Poetyca

——————————————-

L’insegnamento

Sono realmente onesto con me stesso?

Sono realmente onesto con me stesso?

E’ una buona domanda da farsi al momento giusto,
perché a noi in realtà non piace mai vederci nel nostro aspetto più negativo o ‘spiacevole’.

Ma in realtà vedere chiaramente non significa soltanto
accettare di avere una percezione più ‘onesta’ di se stessi,
si tratta piuttosto di vedere che tutte le percezioni del “sé”,
se ci si attacca e si crede ad esse,
distorcono la verità e creano solo maggiore illusione e dukkha.

Ajahn Jitindriya

———————————————

Quando saremo capaci di alimentare
a nostra attenzione alla consapevolezza
potremo anche scorgere un luogo particolare,
quello che avevamo sempre relegato ad un angolo
dimenticato di noi stessi.

E’ un luogo che ci appartiene,
senza forma, senza tempo
e che si coltiva nel silenzio,
dentro la capacità di accogliere gemme,
vederle nascere e gioire delle piccole cose.

Un lussureggiante spazio che non è fuori ma in noi,
nella nostra armonia, una stanza segreta, senza pareti,
dove non c’è aspettativa e delusione,
dove non ci si attacca a nulla
ma si scorge in tutto una possibile fiammella che scaldi il Cuore.

Liberarsi è non credere alle apparenze,
a quello che ci è indicato come vero
da chi non sa neppure cosa siamo, cosa proviamo e in che modo
la nostra sensibilità si manifesti.

La lotta tra la nostra vera natura ed i condizionamenti esterni
inizia presto e si perde ogni ricchezza lungo il cammino.
A noi fare questo viaggio a ritroso ed in profondità,
per respirare con gioia ed attenzione il – qui ed ora –
dove mai nulla è perduto.

Quella luce è specchio di noi stessi:
– Come uno specchio risplende quando viene tolta la polvere,
così fai risplendere il tuo volto ed il tuo cuore
Dentro hai la Luce la devi solo cercare –
Soffia via la polvere e sii Luce,
sii semplicemente quel che sei

Poetyca

——————————————–

21.06.2008 Poetyca

testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Autentica presenza


Riflettendo…

La Riflessione

Ogni giorno, da quando sorge il sole,
ci viene offerta la possibilità di divenire un Buddha.

Tuttavia, questi giorni sono contati.
Dipende da noi non sprecare il nostro tempo.

Rev. Harvey So Daiho

————

Spesso inciampiamo
nella voglia di produrre
o di tenere sotto controllo
quel che ci circonda;
una forma di potere
che non serve a molto
se non sappiamo aprire il cuore
verso la fermezza che ci risvegli
al nostro vero essere.

Poetyca

———–

L’insegnamento

Autentica presenza

Quando praticate la meditazione,
è importante non restare invischiati nei commenti mentali,
nelle analisi o nel dialogo interno.

Non scambiate per consapevolezza
lo scorrere delle osservazioni nella vostra mente, quali:
“Ora sto inspirando, ora sto espirando”.

La cosa veramente importante,
è l’autentica presenza.

Rigpa Glimpse

—————

Presenza non è analisi,
dialogo della mente e valutazione;
ma è il semplice accogliere quanto accada
nel sorgere e nell’andare
senza trattenere nulla
come flusso che faccia del respiro
il ritmo silenzioso del nostro cammino.

Poetyca

20.11.2006 Poetyca

Testi tratti dal sito: http://www.bodhidharma.it

Non forzare


bodhidarma

La Riflessione

Torna alla radice e realizza il principio.
Insegui la chiarezza e la perderai.

Un solo istante volgendo interiormente la luce e’ maggiore della mera vacuita’.
La precedente vacuita’ viene trasformata, non era che il prodotto delle illusioni.
Non e’ necessario cercare il vero, basta eliminare le opinioni.

Seng Ts’an
Terzo Patriarca del Ch’an (d. 606 CE)

Accettare il mondo così com’è, le nostre vite così come sono è sia l’inizio che la fine.
Se stiamo soffrendo in questo mondo così com’è, dovremmo continuare a soffrire?

No. Dovremmo guardare in profondità nella natura della nostra sofferenza,
comprendere le sue radici, quindi recidere queste radici e lasciarla andare.

Continueremo a sperimentare il dolore? Si. Continueremo a soffrire? No.

Sodaiho Roshi

——————————-

Nel silenzio e nel buio della notte
prendono forma le illusioni:
sono le paure che proiettano
come ombre sulla parete
la loro inconsistente forma.

Non temere, non ti aggrappare
ma osserva meglio l’origine
di tutte le tue paure,
ti accorgerai che solo tu
ti ci stai aggrappando,
che ogni ombra nasce dalla luce
di una candela accesa
e che con la tua attenzione svanirà,
appena lo avrai compreso.

Poetyca

——————————-

L’insegnamento

Non forzare

Forzare qualcuno a credere e ad accettare una cosa senza capirla è politica,
non ha nulla di intellettuale né di spirituale.

Ven. W. Rahula

——————————-

Le nostre idee devono nascere
dal percorso dell’esperienza,
nessuno sarà abbastanza forte
da attraversare la vita
se prima non ha sperimentato.

Esprimi solo quello
che davvero conosci
e metti in discussione
quelle idee che altri
tentano di farti assimilare.

Solo discriminando e cercando
dentro te stesso sarai capace
di percorrere la tua vita.

Poetyca

——————————-

30.08.2008 Poetyca

 

Reflection

Back to the roots and realizes the principle.
Chase clarity and lose.

An instant the light coming from within and greater than the mere emptiness‘.
The previous emptinessis transformed, it was not the product of illusions.
It ‘s not necessary to seek the truth, just delete the views.

Seng Ts’an
Third Patriarch of Ch’an (d. 606 CE)

Accept the world as it is, our lives as they are is both the beginning and the end.
If we are suffering in this world as it is, should we continue to suffer?

No. We should look deeply into the nature of our suffering,
understand its roots, then cut these roots and let it go.

We will continue to experience pain? Yes continue to suffer? No.

Sodaiho Roshi

——————————-

In the silence and darkness of the night
take shape illusions:
are fears that project
as shadows on the wall
their inconsistent form.

Do not be afraid, do not cling
but it looks better the origin
of all your fears,
you will notice that only you
you‘re holding it,
that every shadow is born from light
of a burning candle
and with that your attention will fade,
as soon as you have understood.

Poetyca

——————————-

The teaching

Do not force

Forcing someone to believe and to accept a thing without understanding is political,
There is nothing intellectual or spiritual.

Venerable W. Rahula

——————————-

Our ideas must be born
by the path of experience,
nobody will be strong enough
to go through life
if you have not experienced before.

Make only one
who really know
and put into question
those ideas that other
try to assimilate you.

Only discriminating and looking
inside yourself you will be able
to walk your life.

Poetyca

——————————-

30.08.2008 Poetyca

 

Meditazione


La Riflessione

Il primo passo della giornata!

Camminare sulla Terra,
è il vero miracolo!

Ogni passo in consapevolezza,
rivela il meraviglioso Dharmakaya.

Maestro Thich Nhat Hanh

———-

Ed è gratitudine
per essere – qui ed ora –
presenza che ritrova se stessa
in consapevole respiro
tra meraviglia e riconosciuta
capacità di vivere ogni gioioso attimo

Poetyca

———–

L’insegnamento

Meditazione

Qualunque cosa vedi, qualunque cosa odi,
lasciala così com’è, senza trattenerla.

L’ascia l’udire nell’udire,
lascia il vedere nel vedere;
non lasciare che l’attaccamento entri nelle tue percezioni.

Sogyal Rinpoche

—————

Non afferrare nulla
ma sii respiro che accarezza
aurora e tramonto
di tutte le cose che accogli
Non raccogliere e non gettare
ma osserva con amorevolezza
il gesto di chi sorride
del meccanismo che accompagna
la vita e le sue ombre

Poetyca

—————–

07.07.2007 Poetyca

testi tratti dal sito: http://www.bodhidharma.it

La qualità della pratica


Riflettendo…

La Riflessione

In verità, non ci sono individui.
Siamo uno, insieme con l’infinito.

Il filo d’erba, il nostro maestro,
il sassolino nella nostra scarpa, il nostro insegnante.

Impariamo.

Rev. Dr. So Daiho-roshi

——————————–

Nulla è separato,
solo la nostra mente
in una visione duale
pone giudizio e si aggrappa.

Nulla è esterno o distante,
solo il nostro ego alza la voce
in una incessante ricerca
di attenzione e di individualità.

Ma se tu sai fare scorrere ogni cosa,
tu impari ad abbracciare tutto
in unità ed amorevolezza,
per comprendere che tutto è
quello che è, senza conflitto.

Poetyca

——————————–

L’insegnamento

La qualità della pratica

Sapendo pochissimo di Dhamma
ma vivendo in sincero accordo con esso
trasformando le passioni
l’avidità, l’odio, la confusione.

Liberandosi da ogni attaccamento
al presente e al futuro
si gustano i benefici
del percorrere la Via.

(Dhammapada 20)

In questa strofa di nuovo il Buddha ci ricorda di mettere l’accento
sulla qualità anziché sulla quantità.

Stiamo vivendo con tutto il cuore “in accordo” con quel che abbiamo già imparato?
Questa è una linea di riflessione più utile che non chiedersi:

“Quando posso andare a un altro ritiro”, oppure:
“ Se solo mi mettessi di buona lena a studiare di più.” o:
“Dove posso trovare un insegnante che mi istruisca opportunamente?”

Teorizzare riguardo alla retta pratica o a come gestire una comunità spirituale,
o qualsiasi altra cosa nella nostra vita, non è lo stesso di viverla.

Bhikkhu Munindo

———————————–

Respirando, con consapevole attenzione,
camminando, attimo dopo attimo,
sulla via del percorso interiore,
con sereno accordo di intenti,
con retto sforzo per essere presenti
in questo nostro essere qui ed ora,
è il saggio praticare quel che troppe parole,
troppe spiegazioni, troppe separazioni
dettate dalla mente critica non sapranno donare.

Poetyca

———————————-

22.03.2009 Poetyca

testi tratti da: http://www.bodhiddharma.it

Sono arrivato, sono a casa


Riflettendo…

La Riflessione

Non fate l’errore di immaginare che la natura della mente sia qualcosa di limitato alle nostre menti.
Essa, infatti, è la natura di tutti i fenomeni.

Non si dice mai abbastanza che realizzare la natura della mente
significa realizzare la natura di tutte le cose.

Sogyal Rinpoche

………………….

Nulla è distante o separato,
tutti i fenomeni conoscono causa
ed interconnessione e non esiste
un ” luogo”isolato e limitato
dove possa risiedere la mente:
essa è come l’aria che – pur non vedendola
sa permeare tutti gli spazi e le cose.

Quel che guardiamo attraverso l’occhio
e crediamo diverso da noi – distante
e separato – come causa esterna –
è in realtà riflesso della nostra stessa
mente e attraverso esso noi reagiamo
alla nostra interpretazione delle cose.
Equidistanza è saper accogliere la realtà
come essa è, per non dare energia
a fenomeni atti a ingenerare veleni.

Poetyca

———————

L’insegnamento

Sono arrivato, sono a casa

Sono arrivato, sono a casa.
Nel qui. Nell’adesso.
Sono solido, sono libero.
Dimoro nella realtà ultima.

Inspirare, sorridere e toccare le condizioni di felicità che sono disponibili,
è qualcosa che tutti noi possiamo fare.
In questo modo possiamo porci a dimorare nel momento presente.
Questo è l’insegnamento del vivere felici nel momento presente.

Per favore, addestratevi a fare del momento presente,
del qui ed ora, la vostra vera casa.
Questa è la sola casa che possediamo.
Questo è il solo luogo dove possiamo toccare la vita.

Maestro Thich Nhat Hanh

——————————–

Ogni qualvolta sentiamo il peso della collera,
perchè le nostre aspettative sono deluse
o lo stress ci fa dimenticare lo stato di calma:
possiamo fermarci a respirare consapevolmente
e vivere il – qui ed ora.

Molto spesso restiamo ancorati
ad eventi passati – portandoceli dietro,
come un peso sulle spalle –
oppure facciamo correre la mente al futuro,
dimenticando che preoccuparci o costruire
le nostre illusioni è solo una trappola
da noi stessi architettata.

Meglio allora – lasciare andare ogni cosa –
e sorridendo centrare la nostra consapevolezza
alla serenità e bellezza di questo momento presente:
trovando la nostra vera casa – quella dimora
di armonia e bellezza che nulla può intaccare.

Poetyca

——————————–

07.06.2009 Poetyca

Testi tratti da

Reflection

Do not make the mistake of imagining that the nature of mind is something limited to our minds.
Indeed, it is the nature of all phenomena.

It is not said often enough that realize the nature of the mind
means to realize the nature of all things.

Sogyal Rinpoche

… … … … … … ….

Nothing is distant or separate
Because they know all the phenomena
and interconnection, and there
a “place” isolated and limited
where the mind can reside:
it is like the air that – while not seeing
known to permeate all space and things.

What we look through the eye
and believe differently from us – away
and separate – such as external cause –
is actually a reflection of our own
mind and through it we react
to our interpretation of things.
Equidistance is able to accommodate the reality
As it is, not to give energy
likely to give rise to phenomena poisons.

Poetyca

——-

The teaching

I arrived, I’m home

I arrived, I’m home.
In here. In the now.
They are solid, they are free.
I dwell in the ultimate reality.

Breathe, smile and touch the conditions of happiness that are available,
is something that we can all do.
In this way we can ask ourselves to dwell in the present moment.
This is the teaching of living happily in the present moment.

Please addestratevi to make the present moment,
the here and now, your true home.
This is the only home we have.
This is the only place where we can touch their lives.

Master Thich Nhat Hanh

———–

Whenever we feel the weight of anger,
because our expectations are disappointed
or stress makes us forget about the state of calm:
we can pause to breathe consciously
and live – here and now.

Very often we remain anchored
to past events – doors behind
as a burden on his shoulders –
or we take the mind to the future,
than worry about forgetting or build
our illusions is just a trap
engineered by ourselves.

Better then – let go of everything –
and smiling to focus our awareness
the serenity and beauty of this present moment:
finding our true home – the home
of harmony and beauty that nothing can affect.

Poetyca

———–

07.06.2009 Poetyca

Text taken from

 

Il Fiore di Bodhidharma

                                                                                                    Prendere rifugio – Riflettendo