Archivio tag | Prendere rifugio – Riflettendo

Essere o non essere


Riflettendo…

La Riflessione

Finché durerà lo spazio,
e finché rimarranno degli esseri umani,

fino allora che possa rimanere anch’io
a scacciare le sofferenze del mondo.

Tendzin Gyatso, XIV Dalai Lama
Preghiera alla fine del Discorso per il Premio Nobel
Oslo, 10-12-1989

——————————-

In noi gli strumenti per aprire il pugno,
per non stringere forte il nostro individualismo:

Compassione ed amorevolezza,
capacità di accogliere ogni essere
senza conoscere pregiudizio
sono la via che conduce verso il senso
di un esistenza pregna di significato.

Nulla è separato
sino a quando noi stessi
non erigiamo invisibili mura
che fanno di noi persone sofferenti e sole.

Poetyca

——————————-

L’insegnamento

Essere o non essere

La realtà non ha niente a che fare con l’esistenza e la non-esistenza.

Quando Shakespeare dice:

“Essere o non essere,
questo è il problema”,

il Buddha risponde:

“Essere o non essere,
non è questo il problema”.

Essere e non essere sono soltanto due idee, l’una opposta all’altra:
non sono una realtà e non descrivono la realtà.

Maestro Thich Nhat Hanh

——————————-

La mente specchia la nostra illusione
e la realtà, si aggrappa alle immagini
che giorno per giorno sa costruire.

La visione profonda allarga e definisce
quello che non possono spiegare centinaia di parole.

Essere o non essere non è il fulcro
del nostro percorso, poichè quanto sai accogliere
quello che è oltre la tua conoscenza, nulla è e nulla non è.

In un soffio di vento tutto muta e tutto si trasforma,
cosa resta di quello che hai creduto di essere solo un momento fa?

Poetyca

——————————-

02.11.2008 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Annunci

Come una montagna


bodhidarma

Riflettendo…

La Riflessione

Sapere ciò che sai
e sapere ciò che non sai,
questa è vera saggezza.

Confucio

——-

Spesso crediamo di comprendere o sapere ogni cosa;
ci figuriamo( con la mente egotica ed il suo inganno)
anche quel che non abbiamo mai sperimentato,
non ammettiamo i nostri limiti e, sopratutto non tentiamo
di colmare le lacune della nostra ignoranza attraverso
la sincera analisi di quanto realmente conosciamo.
Andare a raccogliere con cuore sincero il nostro limite
è quella fonte di saggezza che ci onori e ci conduca
alla limpidezza del nostro essere.

Poetyca

——

L’insegnamento

Come una montagna

La Mente nobile e generosa è come una montagna,
stabile ed equanime.

Simile all’oceano,
è vasta e aperta e guarda ogni cosa
dalla più ampia prospettiva.

Maestro Dogen (1200-1253)

——

Senza attaccamento ed aspettative,
senza dualità e giudizio si è riflesso
della Mente che trascende tutte le apparenze;
si dilata la nostra visione e tutto è oceano di pace,
stabilità e capacità di toccare le vette del nostro
interessere, dove decade l’attaccamento ed il cuore
è puro e gioioso nella vasta prospettiva dell’amore.

Poetyca

13.01.2007 Poetyca

Testi tratti dall’aggiornamento del sito: http://www.bodhidharma.it

Un nuovo giorno


Riflettendo….

La Riflessione

Se apri spezzando
il ramo di un ciliegio,
non trovi un solo fiore.

Ma il cielo della primavera,
ne invita la fioritura.

Ikkyu (1394-1481)

…………………

Non analizzare con la mente
in cerca di risposte,
ma sappi accogliere ed essere
nella presenza mentale,
dove tutto quel che è interconesso
sa offrire bellezza e meraviglia,
perchè tu sia ascolto e partecipazione.

Poetyca

—————————–

L’insegnamento

Un nuovo giorno

Svegliandomi al mattino,
sono consapevole di quanto sia veramente prezioso un nuovo giorno:
la sua freschezza non dovrebbe essere data per scontata.

Quindi, cosa farò di questo giorno?
Cosa farete di questo giorno?

Insegnante di Dharma

——————————–

Ogni attimo è opportunità:
scoperta e partecipazione,
dialogo e manifestazione
che prende origine dal nostro atteggiamento.

Ogni porta aperta è accoglienza
che non chiuda fuori lo stupore
e la gioia di essere – qui ed ora –
nell’incessante presenza di ogni respiro.

Poetyca

——————————–

03.05.2008 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Tra il dire e il fare


“Non giurare neppure per la tua testa,
perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello.
Sia invece il vostro parlare sì, se è sì; no, se è no;
il di più viene dal maligno.

Gesù di Nazareth, Vangelo secondo Matteo, I sec.”

Tra il dire ed il fare

Prova a fare sempre quello che dici,
se tu non riesci, prova a dire sempre quello che stai facendo o che farai presto.
Se ti accorgi che parola ed azione non coincidono, tu sei sempre in tempo
per fermarti e ricominciare, in modo da concentrarti più sulle azioni
che sulle parole, a volte dettate da un’aspirazione che non sei sempre capace
di realizzare. Quando avrai imparato a fare andare insieme parola e azione
avrai appreso il modo di essere coerente.

25.04.2011 Poetyca


Do not swear by your head,
because you do not have the power to make one hair white or black.
Let your speech be yes, if yes, no, it is not;
more than this comes from evil.

Jesus of Nazareth, Gospel according to Matthew, the first century.”

Between saying and doing

Try to always do what you say,
if you can not, try to always say what you are doing or will do soon.
If you realize that words and actions do not match, you’re always on time
to stop and start over, so as to focus more on action
than on words, sometimes dictated by a suction that you are not always able
to achieve. When you have learned to go together word and actions
you learned how to be coherent.

25.04.2011 Poetyca

Che cosa chiede il Dharma


La Riflessione

Tu stai morendo ad ogni secondo.
Perciò, faresti meglio ad iniziare a vivere ogni secondo.

Maestro di Dharma

Si vive istante per istante;
a che serve ancorarsi
a quel che sfugge e che non possiamo
mai più trattenere?
Vivere qui ed ora
è saper vivere con tutto il nostro essere
quel che siamo.

Poetyca

L’insegnamento

Cosa chiede il Dharma

L’insegnamento del Buddha non impone ad alcuno
di ritirarsi dal mondo e votarsi all’eremitaggio,
a meno che questi non lo si senta assolutamente necessario.

Il Dharma chiede ad ognuno di liberarsi dall’illusione di un sé,
di purificare la propria mente-cuore, di abbandonare la sete di piacere
e di condurre una vita equilibrata.

Buddhacarita

Equilibrio, ricerca, pulizia e Dharma
non si legano all’abbandono del vivere nel mondo,
tutto è possibile pur di liberarsi da ogni illusione.

Poetyca

03.10.2006 Poetyca

Testi tratti da:http://www.bodhidharma.it

Addestramento


Riflettendo…

La Riflessione

Possiamo usare la sofferenza per creare ancor più sofferenza.
Oppure possiamo usare la sofferenza come un trampolino verso il sentiero della liberazione.

Anche i ricordi di un’infanzia dolorosa possono essere usati
per ricordarci il nostro proposito lungo questo sentiero.

Insegnante di Dharma

—————————

Osservare è comprendere,
raccogliere dal passato
è fare fruttificare oggi
una scelta definitiva:
essere capaci di trasformare
ogni ferita in determinazione
ogni caduta e vittimsmo
in capacità di aprirsi
a quella compassione amorevole
che abbracci noi stessi
e gli altri per costruire
e non per spezzare in altri
l’armonia che con fatica costruiscono.

Poetyca

………………………

L’insegnamento

Addestramento

Addestratevi a fare il bene
un bene durevole e che porti gioia.

Coltivate la generosità, la non violenza
ed una mente di amore equanime e senza confini.

Itivuttaka, 16

………………………..

Solo il lavoro profondo
è durevole nel tempo,
nessuna tempesta sposta
quanto sia stato armonizzato
e ogni esperienza è un mattone
per affermare la propria coerenza.

Poetyca

………………………..

21.11.2009 Poetyca

Reflecting …

Reflection

We can use suffering to create even more suffering.
Or we can use suffering as a springboard to the path of liberation.

Even the painful memories of childhood can be used
to remind us of our purpose along this path.

Teacher of Dharma

———

Observe and understand,
collected from the past
today is to bear fruit
a final choice:
be able to transform
each wound in the determination
falling, and vittimsmo
in the ability to open up
to the loving compassion
embracing ourselves
and others to build
and not to break other
harmony with the fatigue construct.

Poetyca

… … … … … … … … …

teaching

training

Addestrate to do good
a durable good and bring joy.

Cultivate generosity, nonviolence
and a mind of love and boundless equanimity.

Itivuttaka, 16

… … … … … … … … … ..

Only the deep work
is durable over time,
no storm moves
As has been harmonized
and every experience is a brick
to assert its consistency.

Poetyca

… … … … … … … … … ..

21.11.2009 Poetyca

Text taken from:

Il Fiore di Bodhidharma

Mantenere la concentrazione


Riflettendo…

La Riflessione

Preghiera per la mente

Questa mente esausta e vulnerabile,
è pressata dal karma e da pensieri ansiosi,
come fossero un’inesauribile furia di onde burrascose,
nell’infinito oceano del samsara.

Che possa riposare nella sua innata grande pace.

Nyoshul Khen Rinpoche

………………………………..

l’oceano dell’esistenza, la ruota
che per noi gira, è una forza che preme.
Solo la nostra retta attenzione è ancora che ci trattiene,
è fonte di vita, perchè si possa trovare armonia e giusta visione
dove la confusione regna e ci inganna con l’illusione.

Nel moto della marea, nel timore di schiantare
la nostra fragile imbarcazione contro gli scogli della preoccupazione,
possiamo solo imparare a manovrare con attenzione,
prendendo il comando e la consapevolezza
che solo la mente spezza le catene e sa trovare armonia.
Solo noi possiamo placare la marea interiore,
per una corretta navigazione nella vita.

Poetyca

………………………………..

L’insegnamento

Mantenere la concentrazione

Per i discepoli esperti, il principio di mantenere la concentrazione
e la consapevolezza non è uno sforzo;
è qualcosa di spontaneo e naturale, nulla di schematico o programmato.

Quando guardano e ascoltano, semplicemente fanno ciò;
quando si vestono e mangiano, semplicemente fanno ciò;
quando parlano con la gente, semplicemente fanno ciò.

Qualunque atto compiano,
camminare, stare in piedi, sedersi, sdraiarsi, parlare, stare in silenzio, rallegrarsi,
in ogni momento ed in ogni cosa, semplicemente, hanno questo naturale atteggiamento.

Maestro Chinul

……………………………………

Ogni cosa viva cresce,
prende forma e si sviluppa con armonia,
anche la nostra attenzione,
la capacità di mantenere aperta
la presenza mentale:
passo dopo passo, per essere consapevoli
– qui ed ora – in naturalezza e con elasticità
che tutto quel che era rigido e sembrava solo difficile esercizio,
vive una trasformazione ed è ora quel che in profondità siamo:

aperti e presenti ci trasformiamo in contenitore vuoto
che accoglie solo amorevolezza e compassione.

Poetyca

……………………………………

Reflecting …

Reflection

Prayer for the mind

This exhausted mind and vulnerable,
by karma is pressed and anxious thoughts,
as if they were inexhaustible fury of stormy waves,
in the infinite ocean of samsara.

She sleeps in her natural great peace.

Khen Rinpoche Nyoshul

………………………………..

the ocean of existence, the wheel
which runs for us, is a force that presses.
Only our attention is still right that holds us back,
is the source of life, because you can find harmony and good vision
where confusion reigns and deceives us with the illusion.

In the motion of the tide, for fear of crashing
our frail boat against the rocks of concern,
We can only learn to maneuver carefully,
taking the lead and awareness
that only the mind breaks the chains and it can find harmony.
Only we can quell the tide inner
for a correct navigation in life.

Poetyca

………………………………..

The teaching

Keeping the concentration

For the disciples experts, the principle of keeping the concentration
and awareness is not an effort;
is something spontaneous and natural, nothing programmed or schematic.

When you watch and listen, just do this;
when they dress and eat, just do this;
when talking with people, simply doing what.

Any act undertaken,
walk, stand, sit, lie down, speak, be silent, be glad,
at all times and in all things, just have this natural attitude.

Master Chinul

……………………………………

Every living thing grows,
takes shape and develops harmoniously,
Also our attention,
the ability to maintain open
mindfulness:
step by step, to be aware
– Here and now – with ease and flexibility
that everything had seemed stiff and just hard working,
experiencing a transformation and is now deep into what we are:

present we become open and empty container
which only shows kindness and compassion.

Poetyca

03.05.2009 Poetyca

Testi tratti da: 

Il Fiore di Bodhidharma