Archivio tag | Prendere rifugio – Riflettendo

Il nemico della religione – The enemy of religion


Riflettendo…

La Riflessione

Tale è la mente, tale è il Buddha.
Così com’è il Buddha, così sono anche gli esseri viventi.

E’ necessario comprendere che la natura essenziale
del Buddha e della mente, è illimitata.

Avatamsaka Sutra

————————

Non ha inizio o fine
la vera natura della mente:
oltre le apparenze
tutto è limpido
ed abbraccia nell’interessere
amorevolezza e compassione.

Poetyca

————————

L’insegnamento

Il nemico della religione

Non c’è nulla che si possa chiamare “dogma” nell’insegnamento buddhista.

Con un’ampiezza di vedute rara per quel tempo,
e non comune nemmeno ai tempi nostri,
il Buddha rifiutò di soffocare la critica e l’analisi.

L’intolleranza gli apparve come il più grande nemico della religione.

Dr. S Radhakrishnan

———————–

Nel rispetto di ogni essere
è il percorso che non separa,
che accoglie e non pone diversità:
senza dogma da erigere come muro,
la mente pura è accoglienza e comprensione.

Poetyca

———————–

06.09.2008 Poetyca

Reflecting …

The Reflection

Such is the mind, such is the Buddha.
As the Buddha is, so too are living beings.

It is necessary to understand that nature is essential
of the Buddha and mind, it is unlimited.

Avatamsaka Sutra

————————

It has no beginning or end
the true nature of the mind:
beyond appearances
everything is clear
and embraces in being
kindness and compassion.

Poetyca

————————

The teaching

The enemy of religion

There is nothing that can be called “dogma” in Buddhist teaching.

With a breadth of views rare for that time,
and not common even in our times,
the Buddha refused to stifle criticism and analysis.

Intolerance appeared to him as the greatest enemy of religion.

Dr. S Radhakrishnan

———————–

In respect of every being
is the path that does not separate,
that welcomes and does not place diversity:
without dogma to build as a wall,
the pure mind is welcoming and understanding.

Poetyca

———————–

06.09.2008 Poetyca

Perseverare – Reflection


bodhidarma

Riflettendo…

La Riflessione

Pur non accadendo nulla,
invecchiamo nelle nostre vite indaffarate.
Piangiamo e ridiamo, il tutto nella vacuità.

Originariamente non c’è un sé,
perciò, vita e morte possono essere messe da parte.

Maestro Sheng-yen

———————–

Sul percorso inconsapevole
ogni cosa appare e passa
senza lasciare significato,
ogni cosa si equivale
ed infine nulla resta da raccogliere.

se non siamo capaci di comprendere
il senso profondo dell’attimo
che spalanca la porta alla profondità
senza passato e futuro,
nulla in noi ha traccia ed insegnamento
che ci permettano di seminare e raccogliere
oltre ogni apparenza sul percorso
da nascita a morte.

Poetyca

———————-

L’insegnamento

Perseverare

Ancora ed ancora dobbiamo cercare di comprendere
Il sottile lavoro che compiono in noi l’insegnamento e la pratica.

Ed anche quando non notiamo alcun cambiamento straordinario,
perseverare ugualmente con calma e pazienza.

Sogyal Rinpoche

————————

Senza attaccamento,
senza bruciare le tappe,
nella nostra attesa di risultato,
è la via della saggezza
che ci permette di apprendere
e comprendere, nel rispetto
del giusto tempo,
il personale percorso
che si delinea senza
mettere in mostra un risultato,
per essere umile via di comprensione.

Poetyca

————————

07.03.2009 Poetyca

Reflecting …

Reflection

Although it is not going nowhere,
age in our busy lives.
We cry and laugh, all in the emptiness.

Originally there is no self,
Therefore, life and death can be put aside.

Master Sheng-yen

———————–

On the way unconscious
everything appears and passes
without a meaning,
everything is equal
and finally nothing left to collect.

if we are not able to understand
the deep sense of the moment
which opens the door to the depth
without past and future,
nothing in us track and teaching
that allow us to sow and reap
over all appearance on the path
from birth to death.

Poetyca

———————-

The teaching

Persevere

Again and again we must try to understand
The fine work they do in our teaching and practice.

And even when we do not notice any dramatic change,
equally persevere with calm and patience.

Sogyal Rinpoche

————————

Without attachment,
without burning stages,
our expectation of a result,
is the path of wisdom
that allows us to learn
and understanding, respecting
the right time,
the personal journey
that is delineated without
showcasing a result,
to be humble way of understanding.

Poetyca

————————

07.03.2009 Poetyca

Riflettendo – Non è così difficile – It is not so difficult



Riflettendo…

La Riflessione
La natura della mente è sostanza e fondamento dell’insieme di vita e morte,
come il cielo che accoglie l’intero universo nel suo abbraccio.
Sogyal Rinpoche
—————————–
Essere capaci di guardare in profondità
come tutto sia impermanente, destinato
alla trasformazione e che a nulla ci possiamo aggrappare,
in particolare alla visione dualistica
che tutto cataloga e rende separato,
è comprendere anche l’interconnessione e la presenza
di qualcosa che trascente la mente per portare luce
alla realtà della presenza di una condizione di non separaritivà
e di non opposizione o contrasto dove tutto è realtà viva da accogliere,
oltre ogni apparenza ed illusione.
Poetyca
—————————–
L’insegnamento
Non è così difficile
Morire non è così difficile,
una volta che avete accettato la morte
come una parte della vita.
La morte non è separata dalla vita.
Des Boo-ngoh
———————————-
Moriamo ogni istante,
a noi stessi, alla realtà apparente,
per attraversare il confine tra illusione
e realtà che permea ogni passo
– qui ed ora – dove tutto è un intenso abbraccio
di comprensione e compassione verso ogni essere
e la non separazione che ci insegna a vivere quel che è.
Vita e morte sono sono due separate condizioni,
ma due punti di vista che si affacciano sulla medesima cosa.
Poetyca
———————————-
13.03.2010 Poetyca

🌟🌟🌟
Reflecting …
Reflection
The nature of mind is the substance and foundation of all life and death,
like the sky that welcomes the entire universe in his embrace.
Sogyal Rinpoche
—————————–
Being able to look deeply
that everything is impermanent, destined
transformation and that we can cling to nothing,
in particular the dualistic view
that all catalogs and makes separate
is to understand the interplay and the presence
trascente the mind of something to bring light
the reality of the presence of a condition not to separaritivà
and not opposition or contrast where everything is a living reality to be accepted,
beyond appearances and illusion.
Poetyca
—————————–
Teaching
It is not so difficult
Dying is not so difficult,
once you have accepted death
as a part of life.
Death is not separated from life.
Boo-des ngoh
———————————-
We die every moment,
to ourselves, to the apparent reality,
to cross the border between illusion
and reality that permeates every step
– Here and now – where everything is an intense embrace
of understanding and compassion for all beings
and non-separation that teaches us to live what it is.
Life and death are two separate conditions,
but two points of view facing the same thing.
Poetyca
———————————-
13.03.2010 Poetyca

Riflettendo – La via da percorrere – The way ahead is not



Riflettendo…

La Riflessione
Il Dharma (Realtà così com’è) è privo di esseri viventi,
poiché è libero dalla materia degli esseri viventi.
È vuoto di un sé, poiché è libero dalle tracce del desiderio.
È senza vita, perché è libero da nascita e morte.
È vuoto di qualunque personalità,
perché non è toccato da origini passate o destini futuri.
Il Buddha nel Vimalakirti Sutra
…………………….
Oltre tutte le apparenze,
i legami e le esperienze
che sono fonte di sofferenza
esiste una realtà che oltrepassa
il conosciuto ma che è verità
che libera da ogni illusione.
Abbracciare questa realtà
è comprendere per svegliarsi
alla comprensione e alla compassione.
Poetyca
…………………….
L’insegnamento
La via da non percorrere
Non c’è ragione, in sostanza,
di custodire nulla in questo mondo.
Qualunque possesso o guadagno
può essere facilmente distrutto,
andare perduto o essere sottratto.
Per questa ragione,
se avete come obiettivo di vita
l’acquisire e il custodire beni o una posizione sociale,
state percorrendo la via dell’ansietà e del dolore.
Muso Kokushi (1275-1351)
……………………….
Nulla ci appartiene
e nulla può essere sottratto.
Tutto siamo e tutto possiamo offrire
con cuore aperto e presente
in amorevole accoglienza
dove quel che si impara è incondizionato
e non attende alcuna ricompensa.
Chi soffre si attende qualcosa
chi si libera da attaccamento
nulla si aspetta ed è libero di essere.
Poetyca
………………………
31.10.2009 Poetyca

🌟🌟🌟
Reflecting …
Reflection
The Dharma (Reality as it is) is devoid of living beings,
because it is free from the material of living things.
It is empty of a self, because it is free from traces of desire.
It is lifeless, because it is free from birth and death.
It is void of any personality,
because it is not affected by past or future destinies origins.
The Buddha in the Vimalakirti Sutra
… … … … … … … ….
Beyond all appearances,
ties and experiences
which are a source of suffering
there is a reality that goes beyond
the truth is known but
that free from all illusions.
Embracing this reality
to wake up is to understand
understanding and compassion.
Poetyca
… … … … … … … ….
The teaching
The way ahead is not
There is no reason, in essence,
to keep anything in this world.
Any possession or gain
can be easily destroyed,
be lost or stolen.
For this reason,
if you have the objective of living
acquire and preserve the property or social position,
you are walking the path of the anxiety and pain.
Muzzle Kokushi (1275-1351)
… … … … … … … … ….
Nothing belongs to us
and nothing can be subtracted.
Everything we are and all we can offer
with an open heart and present
in loving welcome
where what you learn is unconditional
and not waiting for any reward.
Sufferers are waiting for something
Who is free from attachment
nothing is free and is expected to be.
Poetyca
… … … … … … … … …
31.10.2009 Poetyca

Riflettendo – Ricordi – Memories


Ricordi
Riflettendo…
La Riflessione
Affrontare la vita nella sua impermanenza,
è come salire su una nave che sta per salpare in mare aperto per affondare.
Shunryu Suzuki Roshi
………………………………………….
Non è possibile fermare quello che per sua natura
è soggetto a seguire un preciso progetto,
noi non possiamo mutare quel che vorremmo:
per aspettativa, per ignoranza o per illusione,
accettare la realtà per quella che essa è
significa comprendere e assecondare la verità.
L’attaccamento svanisce e con esso l’aspettativa,
semi di rabbia e di mancata presa di responsabilità
del proprio atteggiamento mentale.
Poetyca
………………………………………….
L’insegnamento
Ricordi
Quanta sostanza hanno
i ricordi che abbiamo nel presente?
Così, quando esaminiamo il nostro ricordo,
osserviamo soltanto il fatto che i ricordi vanno e vengono;
e quando se ne sono andati, ciò che rimane è la coscienza.
La coscienza è ora.
Questo è il sentiero, qui e ora, nel modo in cui è.
Usate quello che sta avvenendo ora come sentiero,
piuttosto che continuare con l’idea che voi siete qualcuno che viene dal passato e che ha bisogno di praticare per liberarsi da tutte le contaminazioni per raggiungere l’illuminazione in futuro.
Questo è solo un io creato da voi e nel quale voi credete.
Ajahn Sumedho
————————————————–
Se e quando vogliamo iniziare un percorso di consapevolezza
per migliore il nostro atteggiamento e per renderci attivi
nella riuscita del nostro percorrere il sentiero, sopratutto dovremmo evitare di restare attaccati al passato, a quanto sia stato fonte di blocco e di attaccamento.
Osservare la realtà presente è rendersi conto dell’apparire e dello svanire di ogni cosa che la mente proietta, con essa anche quello che ha fonte nel passato: tutto è adesso.
Saper accogliere l’attenzione del presente, con equidistanza è comprendere che quello che penso e che faccio adesso è quel seme che offre sostanza al mio percorso, attimo per attimo, senza restare impigliati in construzioni mentali antiche ed inutili.
Poetyca
————————————————–
16.08.2009 Poetyca

🌟🌟🌟
Memories
Reflecting …
Reflection
Dealing with life in its impermanence,
is like getting on a ship about to set sail on the open sea to sink.
Shunryu Suzuki Roshi
… … … … … … … … … … … … … … … ….
You can not stop what by its nature
is subject to follow a specific project,
we can not change what we want:
to expectations, ignorance or delusion,
accept reality for what it is
means to understand and accommodate the truth.
Attachment vanishes and with it the expectation,
seeds of anger and failure to take responsibility
the right mental attitude.
Poetyca
… … … … … … … … … … … … … … … ….
The teaching
Memories
How have the substance
the memories that we have in this?
So, when we examine our memory,
we observe only the fact that memories come and go;
and when they are gone, what remains is the conscience.
Consciousness is now.
This is the path here and now, in the way it is.
Use what is happening now as a path
rather than continue with the idea that you are someone who comes from the past and that he needs to practice to get rid of all the contamination to reach enlightenment in the future.
This is just an ego created by you and which you believe.
Ajahn Sumedho
—————–
If and when we want to begin a journey of awareness
to improve our attitude and make active
the success of our walk along the path, we should above all avoid becoming attached to the past, it has caused and attachment blocking.
Observe the present reality is to realize the appearance and the disappearance of everything that the mind projects, with it also the one that has a source in the past: all is now.
Able to welcome the attention of this, with equidistance is to understand that what I think and I do now is the seed that gives substance to my path, moment by moment, without getting entangled in old and useless mental constructions.
Poetyca
—————–
16.08.2009 Poetyca
texts from:

Il Fiore di Bodhidharma

Riflettendo – Vuoto – Emply


La Riflessione

Il Maestro Nam Tuyen afferma:

“La Via
è la mente quotidiana”

Commento:

Se fa freddo, dì: “freddo”.
Se fa caldo, dì: “caldo”.

Maestro Tran Thay Tong

———————–

Osservare è accogliere,
riflettere è non fuggire;
ricamando immagini
che allontano dall’essenza
di tutte le cose,
quel che tu sai raccogliere
è quello che è:

Realtà da comprendere
e da abbracciare
esattamente per quello che è,
nella trasparenza
e chiarezza del tuo essere
presente – qui ed ora –
senza voglia di aggrapparti
ad un prima o a un dopo.

Poetyca

———————–

L’insegnamento

Vuoto

“Come posso dire che sia vuoto questo mondo,
visto che ho di fronte a me, continuamente, gli esseri?”

Non equivocare il termine,
è qui il nocciolo del tuo problema, amico.

Gli esseri esistono, con le loro menti e corpi,
tuttavia queste menti e questi corpi, cambiano continuamente,
in un flusso instabile, sempre mutando
in qualcosa di differente da ciò che erano prima.

Questo è il significato di “vuoto”,
nient’altro.
Vuoto significa, “vuoto di sostanza stabile”,
e non “inesistente”.

Spero di aver chiarito questo insegnamento.

Bhikkhu Samahita

————————

Che verità possiamo stringere nel pugno
se quel che crediamo definitivo
è soggetto al cambiamento?

Ogni cosa muta, non resta incisa
e tu sei dentro questo flusso,
dove tutto è sostanza volatile
e dove la realtà va accolta
senza inutile attaccamento,
per essere liberi dalla sofferenza
che noi stessi ci causiamo.

Poetyca

————————

14.12.2008 Poetyca

🌟🌟🌟

The reflection

Master Nam Tuyen says:

“Street
is the daily mind ”

Comment:

If it’s cold, say “cold”.
If it’s hot, say “hot”.

Master Tran Thay Tong

———————–

To observe is to welcome,
to reflect is not to flee;
by embroidering images
that move away from the essence
of all things,
what you know how to collect
it is what it is:

Reality to understand
and to embrace
exactly for what it is,
in transparency
and clarity of your being
present – here and now –
without wanting to hold on
to a before or after.

Poetyca

———————–

Teaching

Empty

“How can I say that this world is empty,
since I have beings constantly in front of me? ”

Do not misunderstand the term,
here is the crux of your problem, friend.

Beings exist, with their minds and bodies,
however these minds and bodies are constantly changing,
in an unstable flow, always changing
in something different from what they were before.

This is the meaning of “emptiness”,
nothing else.
Empty means, “vacuum of stable substance”,
and not “non-existent”.

I hope I have clarified this teaching.

Bhikkhu Samahita

————————

What truth we can hold in our fists
if what we believe to be definitive
is it subject to change?

Everything changes, does not remain engraved
and you are inside this flow,
where everything is volatile
and where reality is welcomed
without unnecessary attachment,
to be free from suffering
that we cause ourselves.

Poetyca

————————

14.12.2008 Poetyca

Riflettendo – La verità: accettare di dissentire – The truth : agree to disagree


Riflettendo…La RiflessioneLa vita è un tesoro
Solo quando vissuta con consapevolezza,
la vita può produrre luce e calore,
per illuminare se stessi e gli altri.Maestro Cheng Yen
——————–
In attesa
osservo l’origine
di ogni mutare.
In ricerca
pongo la mia attenzione
a quanto sia azione consapevole.
Con gioia
accolgo il frutto
maturato dalle difficoltà
per condividerlo
con tutti coloro
che si specchiano
nel dharmakaya.Poetyca
——————–
L’insegnamentoLa verità: accettare di dissentire
Il Buddha ci ha insegnato:
“Le cose sulle quali non c’è accordo, poniamole da parte.
Riguardo alle cose sulle quali c’è concordia,
lasciamo che i saggi le rammentino, le discutano ed esaminino.”
Si dovrebbe amichevolmente accettare di condividere la verità, se possibile;
si dovrebbe amichevolmente accettare di dissentire solo come ultima risorsa.Shian
———————–
La via di mezzo è accoglienza,
ricerca di seme che generi concordia.
Il non attaccamento
è saggezza che ci insegni
a lasciare andare
per essere capaci di costruire
dialogo ed amorevolezza
dove altri cercano solo discordia.Poetyca
———————–
31.05.2008 PoetycaReflecting …ReflectionLife is a treasure
Only when lived with awareness,
life can produce light and heat,
to enlighten oneself and others.Master Cheng Yen
——————–
Expectant
I look at the source
of each change .
in search
I put my attention
how to conscious action .
with joy
I welcome the fruit
developed by the difficulties
to share
with all those
that are reflected
the dharmakaya .Poetyca
——————–
The teachingThe truth : agree to disagreeThe Buddha taught us:
“The things on which there is no agreement , poniamole aside.
Concerning the things about which there is harmony ,
let the wise shall rammentino , to discuss and examine . “
You should amicably agree to share the truth, if possible;
you should amicably agree to disagree only as a last resort .Shian
———————–
The middle way is welcome,
looking for seed to generate harmony .
Non-attachment
is the wisdom that teaches us
to let go
to be able to construct
dialogue and kindness
where others seek only discord.Poetyca
———————–
31.05.2008 Poetyca

Percorsi – Paths


Percorsi

Ci sono due strade per trovare noi stessi:
una è dentro di noi, mirando ad un ascolto profondo,
per trovare l’essenza di quello che è nella nostra anima.
Un’altra strada è esterna – essa è una rete di rapporti sociali,
di manifestazione di quello che abbiamo trovato dentro di noi.
Le religioni sono come scuole per apprendere,
per capire – ma noi siamo praticanti della vita,
con il nostro confronto con essa noi siamo capaci di fare crescere
semi di spiritualità in noi stessi.

26.06.2011 Poetyca

Paths

There are two ways to find ourselves:
One is inside of us, aiming for a deep listening,
to find the essence of what is in our soul.
Another way is external – it is a network of social relations,
a manifestation of what we found within ourselves.
Religions are like schools of learning,
to understand – but we are practitioners of life,
with our comparison with it we are able to grow
seeds of spirituality in ourselves.

26.06.2011 Poetyca

Riflettendo – Venti minuti – Twenty minutes


Riflettendo…

La Riflessione

Mangiare con empatia

Quando mangiate in abbondanza
e godete della buona compagnia,
pensate anche a coloro
che non hanno cibo sufficiente
e che sono soli.

Inviate loro amore
a condividete con loro la vostra gioia
nella vostra mente-cuore.

Des Boo-Ngoh

————————–

Condividere è offrire quel che possiamo,
è dividere con altri quanto ci porti gioia,
quanto ci possa nutrire e dare sostegno.

Non sempre possiamo materialmente offrire
quello che abbiamo, ma il sentimento di gioia,
il beneficio che traiamo è quanto si possa donare:
in un gesto consapevole che corrisponde anche
al riconoscimento della bellezza e alla gratitudine
per quello che noi abbiamo accolto.

Portare ad altri sentimenti di amorevolezza e compassione,
inviandoli dalla nostra essenza profonda
è portare beneficio a coloro
che non hanno il nostro stesso momento di benessere.

Poetyca

————————-

L’insegnamento

Venti minuti

Spesso la gente mi chiede:

“Quanto a lungo devo meditare? E quando?
Devo praticare venti minuti al mattino e venti minuti alla sera,
o è meglio fare ripetute sedute brevi durante il giorno?”

Si, è buono meditare venti minuti,
anche se non è che venti minuti siano un limite.
Non ho trovato alcun riferimento nelle scritture su “venti minuti”;
credo che sia un’idea sorta in Occidente,
personalmente la chiamo: Tempo Standard Occidentale.

Il punto non è quanto a lungo meditate;
il punto è se la pratica vi porta realmente ad un certo stato di consapevolezza e presenza mentale,
dove siate un po’ più aperti ed in grado di connettervi con il cuore della vostra essenza.

E cinque minuti di pratica seduta consapevole e risvegliata,
ha un valore ben più importante di venti minuti di sonnolenza!

Sogyal Rinpoche

————————————————-

Il valore di ogni cosa
non si attribuisce dalle apparenze:
intensa è la comprensione di noi stessi
se applicandoci non lasciamo aperta la porta
alla distrazione, per questo non ha valore la misura
del nostro essere presenti nel tempo
se esso va sprecato inutilmente.

Il vero attributo è nella retta attenzione
che fa aprire la corolla del fiore del nostro cuore.
Anche poco tempo, se rettamente speso è sufficiente
a portare consapevolezza ed attenzione al nostro interno,
per poi essere presenti a se stessi e manifestare
il retto frutto del nostro lavoro da persone sveglie e mature.

Poetyca

————————————————–
05.01.2009 Poetyca

🌟🌟🌟

Reflecting …

The reflection

Eat with empathy

When you eat in abundance
and enjoy good company,
think of them too
who don’t have enough food
and that they are alone.

Send them love
to share your joy with them
in your mind-heart.

Des Boo-Ngoh

————————–

Sharing is offering what we can,
is to share with others what brings us joy,
how much it can feed and support us.

We cannot always offer materially
what we have, but the feeling of joy,
the benefit we get is how much you can donate:
in a conscious gesture that also corresponds
recognition of beauty and gratitude
for what we have accepted.

Bringing to other feelings of kindness and compassion,
sending them from our deep essence
is to benefit those
who do not have our same moment of well-being.

Poetyca

————————-

Teaching

Twenty minutes

Often people ask me:

“How long should I meditate? And when?
I have to practice twenty minutes in the morning and twenty minutes in the evening,
or is it better to do repeated short sessions during the day? ”

Yes, it is good to meditate twenty minutes,
even if it’s not that twenty minutes is a limit.
I have not found any reference in the scriptures on “twenty minutes”;
I think it’s an idea that arose in the West,
I personally call it: Western Standard Time.

The point is not how long you meditate;
the question is whether the practice actually takes you to a certain state of mindfulness and presence,
where you are a little more open and able to connect with the heart of your essence.

And five minutes of conscious and awakened sitting practice,
has a far more important value than twenty minutes of sleepiness!

Sogyal Rinpoche

————————————————-

The value of everything
is not attributed by appearances:
intense is the understanding of ourselves
if by applying we do not leave the door open
to distraction, for this reason the measure has no value
of our being present in time
if it goes unnecessarily wasted.

The real attribute is in right attention
which opens the corolla of the flower of our heart.
Even little time, if properly spent, is enough
to bring awareness and attention to our interior,
to then be present to themselves and manifest
the right fruit of our work by awake and mature people.

Poetyca

————————————————–
05.01.2009 Poetyca

Riflettendo – Calmare il respiro – Calm your breath


Riflettendo…

La Riflessione

Ogni cosa è così com’è.
Non ha alcun nome,
oltre a quello che noi le diamo.

Siamo noi che definiamo un fenomeno;
gli diamo un valore.
Diciamo che è buono o cattivo,
ma in sé, il fenomeno è solo ciò che è.

Non è un assoluto;
è solo così com’è.

Ajahn Sumedho

—————————

Nell’osservare la realtà
spesso attribuiamo un valore;
appiglio al nostro desiderarare,
al nostro voler essere capaci
di manipolare le cose, poichè è questo
che ci rende sicuri.
Che senso ha temere quel che crediamo
” cattivo” e riempirci di gioia
verso quello che crediamo ” buono”?
Ogni evento non si manifesta
solo per noi, come pioggia e sole
sono offerti a tutti, così dobbiamo imparare
l’equidistanza o saremmo schiavi delle nostre
mille aspettative, seminando sofferenza
o eccesso di attenzione a quegli eventi che reputiamo ” buoni”,
temendo invece quello che non gradiamo e di cui,
senza saperlo siamo stati i seminatori, poichè tutto
procede nella nostra mente.
Il vero saggio non si turba e resta sereno
di fronte ad ogni accadimento, senza farsi muovere
da forze che possano trascinare verso la disperazione
o verso l’esaltazione poichè sa che tutto è impermanente,
nulla dura a lungo ed è per questo che non dobbiamo
provare attaccamento.
Sarebbe poco saggio proiettare all’esterno
le nostre aspettative senza avere cura di meditare
e raccogliere con attenzione le nostre incertezze.
Invece di guardare all’esterno il nostro lavoro
interiore deve essere condotto al riconoscimento
degli attaccamenti e delle aspettative che ci conducono
verso il dualismo e non fanno maturare l’accoglienza
della realtà esattamente come essa è, un accoglienza
che tramuta la sofferenza in amorevolezza e compassione.

Poetyca

—————————

L’insegnamento

Calmare il respiro

Inspirando, calmo il mio corpo.
Espirando, sorrido.

Dimorando nel momento presente,
so che questo è un momento meraviglioso.

Maestro Thich Nhat Hanh

——————————-

Sorridere non è mai gesto meccanico,
senza vera partecipazione infatti
resta solo un mascherare il volto.
Sorridere è un effetto, la manifestazione
del nostro saper raccogliere calma
e donare a noi stessi e agli altri
quella rassicurante presenza
che solo l’attenzione al momento presente,
che meraviglioso ci accoglie e si dona
ci potrebbe dare, perchè tutto è ricchezza.
A noi coglierne le mille sfumature.

Poetyca

——————————-

08.12.2007 Poetyca

🌟🌟🌟

Reflecting …

The reflection

Everything is as it is.
It has no name,
in addition to what we give them.

It is we who define a phenomenon;
we give it a value.
Let’s say it’s good or bad,
but in itself, the phenomenon is only what it is.

It is not an absolute;
it’s just the way it is.

Ajahn Sumedho

—————————

In observing reality
we often attribute a value;
hold on to our desire,
to our willingness to be capable
to manipulate things, because this is it
that makes us safe.
What sense does it have to fear what we believe
“bad” and fill us with joy
towards what we believe to be “good”?
Every event does not manifest itself
just for us, like rain and sun
they are offered to everyone, so we must learn
equidistance or we would be slaves to ours
thousand expectations, sowing suffering
or excessive attention to those events that we consider “good”,
instead fearing what we don’t like and of which,
without knowing it we were the sowers, as everything
proceeds in our mind.
The true sage is not disturbed and remains serene
in the face of every event, without moving
by forces that can drag you into despair
or towards exaltation because he knows that everything is impermanent,
nothing lasts long and that’s why we don’t have to
feel attachment.
It would be unwise to project outside
our expectations without taking care to meditate
and carefully collect our uncertainties.
Instead of looking outside our work
inner must be led to recognition
of the attachments and expectations that lead us
towards dualism and they do not mature reception
of reality exactly as it is, a welcome
which transforms suffering into loving-kindness and compassion.

Poetyca

—————————

Teaching

Calm your breath

Inhale, I calm my body.
Exhaling, I smile.

Dwelling in the present moment,
I know this is a wonderful moment.

Master Thich Nhat Hanh

——————————-

Smiling is never a mechanical gesture,
without real participation in fact
all that remains is to mask the face.
Smiling is an effect, the manifestation
of our knowing how to gather calm
and give to ourselves and to others
that reassuring presence
that only attention to the present moment,
how wonderful it welcomes us and gives itself
it could give us, because everything is wealth.
To us to grasp the thousand nuances.

Poetyca

——————————-

08.12.2007 Poetyca

Riflettendo – Cos’è la Visione? – What is Vision?


Riflettendo…

La Riflessione

Sì, io posso, io voglio abbandonare ogni cosa;
essere in quel vuoto dove vi è quella luce bianca che contiene tutti i colori.

Con gli occhi semiaperti,
ti ascolto senza orecchie,
quando tu vieni.
Tu che non puoi venire.
Tu che sei me.

La forma è vuoto,
il vuoto è forma.

Maestro F. Viallet

——————–

Nel silenzio,
oltre il silenzio
è la conoscenza
quella consapevolezza
che abbatte ogni forma
che raccoglie nel vuoto
la piena coscienza
di essere nell’essenza
di quanto si è:
realtà da abbracciare
ed accogliere nel qui ed ora.

Poetyca

…………………….

L’insegnamento

Cos’è la Visione?

Non è niente di meno che vedere il vero stato delle cose così come sono;
è sapere che la vera natura della mente è la vera natura di ogni cosa
ed è realizzare che la vera natura della mente è la verità assoluta.

Dudjom Rinpoche dice,

La Visione è la comprensione della nuda coscienza che comprende ogni cosa:
percezione sensoriale ed esistenza fenomenica, samsara e nirvana.

Questa coscienza ha due aspetti:
“vacuità” come assoluto e “apparenza” o “percezione” come relativo.

Sogyal Rinpoche

——————————–

Per abbracciare la realtà
si deve cercare la sua visione,
il retto modo di accogliere e comprende
che essa è diversa dalle aspettative,
dagli attaccamenti e dalle percezioni erronee.

Essere realtà è saper fare spazio ad una visione
della pura mente: che non separi
ma tenga nel giusto ordine e valore
sia l’impermanente che quanto sia legato
a quell’unità che non contiene alcuna forma,
che è la realizzazione di una verità assoluta
che tutto comprende e nella quale siamo compresi.

Poetyca

……………………………….

23.02.2008 Poetyca

Reflecting …

The reflection

Yes, I can, I want to abandon everything;
to be in that void where there is that white light that contains all the colors.

With half-open eyes,
I listen to you without ears,
when you come.
You who cannot come.
You who are me.

The form is empty,
emptiness is form.

Maestro F. Viallet

——————–

In the silence,
beyond silence
it is knowledge
that awareness
that breaks down all forms
that collects in a vacuum
full consciousness
to be in the essence
than you are:
reality to embrace
and welcome in the here and now.

Poetyca

…………………….

Teaching

What is Vision?

It is nothing less than seeing the true state of things as they are;
it is knowing that the true nature of the mind is the true nature of everything
and it is to realize that the true nature of the mind is absolute truth.

Dudjom Rinpoche says,

Vision is the understanding of bare consciousness which includes everything:
sensory perception and phenomenal existence, samsara and nirvana.

This consciousness has two aspects:
“Emptiness” as absolute and “appearance” or “perception” as relative.

Sogyal Rinpoche

——————————–

To embrace reality
one must seek his vision,
the right way to welcome and understand
that it is different from expectations,
from attachments and erroneous perceptions.

Being reality is knowing how to make room for a vision
of the pure mind: do not separate
but keep in the right order and value
both the impermanent and how tied it is
to that unity which contains no form,
which is the realization of an absolute truth
that includes everything and in which we are included.

Poetyca

……………………………….

Riflettendo – Vieni e vedi – Come and see


Riflettendo…

La Riflessione

Gli esseri viventi discriminano erroneamente,
Questo è il Buddha,questo è il mondo.Per coloro che hanno compreso la natura del Dharma,
non c’è né il Buddha, né il mondo.

Avatamsaka Sutra

—————-

Tutto è
senza separazione
ed il nostro passo
non conosca
la tendenza a cercare
solo appagamento
senza comprendere
che è illusorio
credere diverso e distante
chi ci appaia opposto.

Poetyca

————–

L’insegnamento

Vieni e vedi

Il Buddhismo è sempre una questione di conoscere e sperimentare
e non una questione di sola fede.L’insegnamento del Buddha è descritto come Ehi-Passiko;
invita, cioè, a venire e vedere personalmente, non a venire e credere.

Ven. Dr. W. Rahula

————-

Come puoi credere
con gli occhi bendati
a quello che tu
non conosci?Come puoi accogliere
senza alcuna domanda
quello che tu
non hai appreso?

La pratica è:provare per capire

capire per sapere

sapere per essere

Sii quel che sei

Poetyca

————

13.09.2009 Poetyca

Reflecting

…The reflection

Living beings wrongly discriminate,
This is the Buddha, this is the world.For those who understand the nature of Dharma,
there is neither the Buddha nor the world.

Avatamsaka Sutra

—————-

All is
without separation
and our step
don’t know
the tendency to seek
only contentment
without understanding
which is illusory
believe different and distant
who appears opposite to us.

Poetyca

—————

Teaching

Come and see Buddhism is always a matter of knowing and experiencing
and not a matter of faith alone.The teaching of the Buddha is described as Ehi-Passiko;
that is, he invites to come and see personally, not to come and believe.

Ven. Dr. W. Rahula

————-

How can you believe
blindfolded
to what you
you do not know?How can you welcome
without any question
what you
haven’t you learned?The practice is:try to understandunderstand to knowknow to be
Be what you are

Poetyca

————

13.09.2009 Poetyca

Tutto ciò che c’è da fare


Riflettendo…

La Riflessione

Rinascita: chi muore?

Chi muore?
Nessuno in realtà,
poiché vi è rinascita.

All’infuori della libertà da nascita e morte,
ciò che importa maggiormente,
è assicurarsi una migliore rinascita.

Una migliore “rinascita” può già aver luogo in questa vita,
quando diventate più amorevoli e saggi,
cosa che vi aiuta pure a realizzare una migliore vita futura.

Maestro Shian

——————————

Senza “io” e senza “mio”
nell’interessere sai chi sei:
contenitore di compassione ed amorevolezza,
apri le braccia – qui ed ora – alla consapevolezza
che vita e la morte non esistono in modo separato
se oggi porgi al futuro il tuo impegno.

Quel che è stato e quel che sarà,
lo puoi sciogliere e lo costruisci
con responsabilità se sai seminare adesso.

Poetyca

——————————

L’insegnamento

Tutto ciò che c’è da fare

Se iniziate a pensarlo,
immediatamente commettete un errore.

La mente una è il Buddha,
non vi è distinzione tra il Buddha e gli esseri ordinari,
eccetto il fatto che gli esseri ordinari sono attaccati alle forme,
perciò cercano il Buddha fuori da sé stessi.

Proprio a causa di questo cercare esternamente, lo perdono,
in quanto usano il Buddha per cercare il Buddha,
la mente per cercare la mente.

Non sanno che tutto ciò che c’è da fare,
è porre fine al pensiero concettuale
ed il Buddha si manifesterà con chiarezza.

Maestro Huang-po

——————————-

Nella gentilezza amorevole
sono le tracce del percorso:

Accogliere dentro di sè
l’essenza delle cose
seguendo la via che non usa parole,
non usa linguaggio e spiegazione.

Saper essere nella corrente
del Dharma dove l’armonia
è nell’entrare in quel che è:
realtà da vivere e da conoscere
oltre tutte le forme
e le apparenze del mondo esteriore
senza quella spinta a reagire
che annulla la giusta azione

Lasciare andare ogni attaccamento
ed espandersi oltre il dualismo
per trovare in sè il buddha risvegliato
che ci pone in interessere
ed essere presenti con rettitudine in ogni luogo,
per risplendere in amorevolezza e compassione

Poetyca

——————————

26.01.2008 Poetyca

Retto atteggiamento vero la saggezza


Riflettendo…

La Riflessione

Cos’è questa mente?
Chi ascolta questi suoni?

Non scambiate alcuno stato mentale
Per la realizzazione, ma continuate a chiedervi,
sempre più intensamente,

Cos’è che ascolta?

Maestro Bassui (1338-1500)

——————-

Per perseguire un retto atteggiamento
di ricerca e distacco non è com la mente
che si discerne ma con il saper vedere oltre
il limite che la mente stessa impone
per essere osservatori senza giudizio.

Poetyca

——————

L’insegnamento

Retto atteggiamento verso la saggezza

Non innamoratevi della saggezza,
“saggezza” è un nome vuoto.
Non c’è alcuna verità speciale,
ma solo questa apertura spirituale radiante,
libera e senza ostacoli.

Non si consegue con le forme
né con una intelligenza colta.

Dai Buddha ai Maestri Zen,
tutti hanno trasmesso questo vero insegnamento,
con il quale si realizza la liberazione.

Maestro Te-shan (d. 867)

——————————

Non ci si riempie per mostrare chi siamo,
ci si svuota e nel vuoto si raccoglie
la consapevolezza della libertà da attaccamenti,
nella purezza e nell’essenzialità è la vera essenza.

Poetyca

——————————–

Poetyca 15.04.2007

testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Pratica di consapevolezza – Mindfulness practice


Riflettendo…

La Riflessione

Anche se ci hanno sempre educato a credere
che se lasciassimo andare le cose, finiremmo col non aver più nulla,
la stessa vita ci rivela continuamente l’opposto.

Il lasciar andare è il sentiero verso la vera libertà.

Sogyal Rinpoche

——————

Se stringi forte il pugno
quel che trattieni non vive
soffocato dalla brama
Se sai aprire la mano
quel che fai espandere
perchè doni spazio nuovo
restituisce a te la certezza
di presenza viva oltre le apparenze.

Poetyca

——————
L’insegnamento

Pratica di consapevolezza

Quando lavorate o camminate,
è sempre una buona idea essere consapevoli.

Dovremmo sempre sapere dove sono i nostri piedi,
cosa sta facendo il nostro corpo.

La nostra mente gioca con le illusioni
e dobbiamo imparare a distinguere da queste
la realtà della nostra vera esperienza.

Rev. Dr. So Daiho Hilbert-roshi

—————————-

Saper ascoltare con la nostra pronta attenzione
è cercare adesso quella consapevolezza
che si manifesta anche attraverso il corpo:
esperienza tangibile che porta rigidezza
o rilassamento ed indica il nostro rapporto
con noi stessi e con gli altri.
Cercare apparenze, non appurate dall’esperienza
è deviare dal percorso che ci riporti all’attenzione
del momento presente, dove tutto quello che accade
è palese e verificabile.

Poetyca

—————————-

24.11.2007 Poetyca

Reflecting …

The reflection

Although they have always educated us to believe
that if we let things go, we would end up with nothing,
life itself continually reveals the opposite.

Letting go is the path to true freedom.

Sogyal Rinpoche

——————

If you clench your fist tightly
what you hold does not live
suffocated by craving
If you can open your hand
what you do expand
because you donate new space
restores certainty to you
of living presence beyond appearances.

Poetyca

——————
teaching

Mindfulness practice

When you work or walk,
it is always a good idea to be aware.

We should always know where our feet are,
what our body is doing.

Our mind plays with illusions
and we must learn to distinguish from these
the reality of our true experience.

Rev. Dr. So Daiho Hilbert-roshi

—————————-

Knowing how to listen with our prompt attention
is to seek that awareness now
which also manifests itself through the body:
tangible experience that brings rigidity
or relaxation and indicates our relationship
with ourselves and with others.
Look for appearances, not ascertained from experience
is to deviate from the path that brings us back to attention
of the present moment, where everything happens
it is clear and verifiable.

Poetyca

—————————-

24.11.2007 Poetyca

Vero Buddhismo


Riflettendo….

La Riflessione

Tutto in questo mondo è Coscienza,
e uno stato di coscienza è un mezzo per scoprire le possibilità che esistono in seno a questa.

Così, un Maestro è uno stato di coscienza,
ma anche voi siete uno stato di coscienza che deve essere scoperto.

Maestro di Dharma

———————————-

La retta attenzione
è volgere lo sguardo
dentro noi stessi:
quanto emerge diviene eco
che risuona intorno
e ci offre l’immagine
ed i colori del mondo
che solo noi abbiamo creato.

Se siamo equi ed irremovibili ad ogni richiamo,
che sia di lode o biasimo,
possiamo trascendere le apparenze
per restare centrati ed in equilibrio.

In pace con noi stessi
non continiuamo ad interpretare
per mezzo di aspettativa disattese
o illusione, ciò che non riconosce e non abbraccia
la realtà per come essa è.

Solo se liberati dall’inganno della mente
è possibile camminare senza inciampare
perchè costantemente in ascolto
– qui ed ora – della nostra consapevolezza.

Poetyca

———————————-

L’insegnamento

Vero Buddhismo

Non si tratta solo di parlarne,
né solo di impararlo;
e neppure solo di pensarci e di ragionarci attorno.

Per essere un vero Buddhista,
il Buddhismo, va praticato.

Desmond Chong

————————————-

Non ha senso costruire schemi
o fare delle ipotesi su quanto non si sperimenta:
l’unica via per conoscere e superare ostacoli
è mettersi in gioco ed osservare la mente e le sue reazioni,
non esiste un ricetta valida per tutti,
ogni passo è esperienza e ricchezza nella pratica.

Poetyca

————————————-

06.02.2010 Poetyca

Testi tratti da:

Reflecting ….

Reflection

Everything in this world is consciousness,
and a state of consciousness is a means to discover thepossibilities that exist within it.

Thus, a Master is a state of consciousness,
but you are also a state of consciousness that must be discovered.

Dharma Master

———————————-

The line focus
is to look
within ourselves:
As becomes apparent echo
that resonates around
and offers us the image
and the colors of the world
that only we have created.

If we are fair and adamant to every call,
that of praise or blame,
We can transcend appearances
to stay centered and balanced.

At peace with ourselves
continiuamo not to interpret
by unfulfilled expectations
or illusion, that he recognizes and embraces
reality as it is.

Only when freed from deception of the mind
you can walk without stumbling
why constantly listening
– Here and now – of our awareness.

Poetyca

———————————-

teaching

true Buddhism

It is not just talking about it,
not only to learn it;
and not only to think and to reason about.

To be a true Buddhist,
Buddhism, is practiced.

Desmond Chong

————————————-

It makes no sense to build patterns
or make assumptions about what you experienced:
the only way to know and overcome obstacles
you get in the game and watch the mind and its reactions,
there is no valid prescription for all,
each step is rich in experience and practice.

Poetyca

————————————-

06.02.2010 Poetyca

Text taken from:

Il Fiore di Bodhidharma

La visione buddhista


Riflettendo…

La Riflessione

La luna è sempre la stessa vecchia luna;
i fiori sono esattamente com’erano.

Infine sono diventato l’essenza
di tutte le cose che vedo!

Bunan (1602-1676)

—————————-

Nella profonda visione e ricerca
tutto muta e ci nutre,
come riflesso di luna sull’acqua
non si tratta di verità
ma di quel nostro profondo modo
di tracciare l’attenzione,
capace di rendere diverso ( con le nostre impressioni)
quanto non è mutato,
visione di realtà esterne alle quali
noi stessi diamo colore.

Poetyca

—————————-

L’insegnamento

La visione buddhista

La visione buddhista per questa vita,
non insegna ad essere separati dalla conoscenza concreta.

Cercare l’illuminazione isolandosi dal mondo,
equivale a cercare le corna di un coniglio!

Ven. Hui Neng

——————————-

Quando ci si confronta con gli altri
ci si accorge di avere diverse visioni
che interpretano la realtà:
il personale modo di osservare
e di porgersi agli altri è un filtro
potersi esercitare ed abbracciare le differenze
è fare della pratica la vera ricchezza
che insegni compassione ed amorevolezza

Penetrare in profondità vivendo con retta attenzione
ogni momento – abbracciando e accogliendo
la realtà come essa è con il supporto amorevole del Shanga
è vivere nel mondo per tratte la migliore esperienza.

Poetyca

——————————-

17.10.2009 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Reflecting …

Reflection

The moon is always the same old moon;
the flowers are exactly as they were.

Finally I became the essence
of all the things I see!

Bunan (1602-1676)

———-

In the deep insight and research
everything changes and nourishes us,
as a reflection of the moon on the water
it is not true
but so that our deep
to draw attention,
capable of making different (with our impressions)
what has not changed,
vision of external reality to which
we give ourselves color.

Poetyca

———-

The teaching

The Buddhist view

The Buddhist view for this life,
teaches not to be separated from the concrete knowledge.

Seek enlightenment isolation from the world,
same as searching for the horns of a rabbit!

Fri Hui Neng

———–

When confronted with the other
you realize you have different visions
interpreting the reality:
staff to observe
and offer it to others is a filter
can practice and embrace the differences
is to practice the real wealth
that teaches compassion and kindness

Penetrate deep into living with a right focus
any time – embracing and accepting
reality as it is with loving support of the Sangha
is drawn into the world to live the best experience.

Poetyca

———–

17.10.2009 Poetyca

Text taken from: http://www.bodhidharma.it

Il Fiore di Bodhidharma

Prendere la via


La Riflessione

Tutte le conquiste iniziano da faccende banali
e da un lavoro attento che col tempo raccoglie.

Maestro, venerabile monaca Cheng-Yen

La vera comquista non è il possesso di un oggetto esterno;
essa prende vita dalla nostra riconosciuta capacità di accogliere sfide
con noi stessi e nel superare i nostri limiti; possiamo allora allargare le nostre zone d’ombra scrutandole con la nuova luce che abbiamo l’opportunità di attivare in noi con impegno e pratica per svelare ed accogliere quel che siamo.

Poetyca

L’insegnamento

Vivi la Via

Segui la verità della Via.
Rifletti su di essa, falla tua.
Vivila.

Sempre ti darà sostegno.
Non buttar via ciò che ti è dato,
non stender mano su ciò ch’è dato ad altri.
Ché la tua quiete non sia turbata.

Dhammapada

A volte persino essere nel deserto è dono; per farlo fiorire attraverso il nostro impegno e la nostra capacità di mettere in pratica quanto stiamo per imparare.
Voler sottrarre ad altri quello che nasce dalle opportunità che la vita individualmente offre è rifiutare di lavorare e maturare per la propria consapevolezza e per la propria crescita interiore.

Poetyca

Testi tratti da

Reflection

All achievements begin to be trivial matters
and careful work that collects over time.

Master, the venerable nun Cheng Yen

The real comquista is not the possession of an external object;
It comes to life recognized by our ability to accept challenges
with ourselves and overcome our limitations, we can then extend our shadows peering with the new light that we have the opportunity to activate in us with commitment and practice to reveal and accept what we are.

Poetyca

The teaching

Live the Way

Follow the truth of the path.
Think about it, make it yours.
Live it.

Always will sustain you.
Do not throw away what is given thee,
do not lay a hand on what is given to others.
For thy peace is not disturbed.

Dhammapada

Sometimes even being in the desert is a gift, to make it flourish through our commitment and our ability to apply what we learn.
Others want to steal that which arises from the opportunities that life offers is an individual refuse to work and build on their awareness and their own inner growth.

Poetyca

Text taken from

Il Fiore di Bodhidharma

                                                                                                    Prendere rifugio – Riflettendo

L’essenza del Dhamma


Riflettendo…

La Riflessione

Quando filtriamo le informazioni attraverso il nostro senso del sé condizionato,
diventiamo un facile bersaglio per il dolore.

Des Boo-ngoh

————————————-

Apri la mano che tutto trattiene,
lascia andare l’aspettiva:
miriadi di preconcetti che sono prigione.

Tutto è adesso, non prevedibile attimo,
tutto è da osservare con retta attenzione.

Non hai già vissuto questo,
non ancora…anche se credi di sapere.

Lascia tutto e accogli,
perchè trattenere è ostacolo
e non resta spazio per comprendere
– qui ed ora – preziosa fonte del tuo essere.

Poetyca

————————————-

L’insegnamento

Essenza del Dharma

Realizzate la conoscenza dell’essenza della mente.
Questa essenza intrinseca è pura chiarezza
essenzialmente è identica alla Buddhità.

Realizzate la conoscenza delle funzioni della mente.
Queste funzioni creano il tesoro dell’Insegnamento.

Quando l’attività della mente è costante silenzio,
le miriadi di illusioni diventano essenza del Dharma.

Tao-hsin (580-651)

——————————————–

Quando la nebbia non si dipana
e si crea confusione: in te voci che denigrano
che pretendono di sapere,
tu non combattere e lascia cadere tutto.

Il silenzio alleato è spazio
che spezza tutte le catene:
maschere di latta che atterriscono,
cambi di rotta che non fanno chiarezza.

Semplicemente siedi in silenzio,
ascolta il tuo respiro e puoi ritrovare
con profonda dolcezza la tua vera essenza
capace di accompagnare in armonia profonda.

Poetyca

——————————————–

05.12.2007 Poetyca

Testi tratti da 

Reflecting …ReflectionWhen we filter information through our sense of self-conditioned
become an easy target for pain.Boo-des ngoh

————-

Open the hand that holds everything,
lets go of the aspect:
myriad of preconceptions that are imprisoned.

Everything is now unpredictable moment,
all is to observe with a straight attention.

You have not experienced this,
not yet … even if you think you know.

Leave everything and accept,
hold because it hinders
and there’s no space for understanding
– Here and now – valuable source of your being.

Poetyca

————-

teaching

Essence of Dharma

Build knowledge of the essence of the mind.
This intrinsic essence is pure clarity
is essentially identical to Buddhahood.

Make the knowledge of the functions of the mind.
These functions create the treasure Teaching.

When the activity of the mind is constant silence,
the myriad of illusions become the essence of Dharma.

Tao-hsin (580-651)

—————

When the fog does not unfold
and creates confusion in you items that are degrading
who claim to know,
you do not fight and he drops everything.

The space is silent ally
which breaks all chains:
masks can that terrify,
course changes that are not clear.

Simply sit in silence,
Listen to your breath and you can find
with the deep sweetness of your true essence
can accompany deep in harmony.

Poetyca

—————

05.12.2007 Poetyca

Il Fiore di Bodhidharma

Meditazione


Riflettendo…

La Riflessione

Nella vostra vita di discepoli Zen,
se giungete ad una difficoltà così grande
da sembrare una montagna del Nepal,
e che sembra non offrire alcun sentiero,
saprete che c’è sempre una via per attraversarla.

Shunryu Suzuki Roshi

———————————-

Anche dove non appare la via
essa è profondamente in te,
cerca e medita, raccogli ed attendi:
Nel Dharmakaya sai trovare
forza e splendore del tuo sentire.

Poetyca

———————————-

L’insegnamento

Meditazione

Il vero splendore della meditazione non risiede in alcun metodo,
ma nella continua esperienza vitale della presenza mentale.

Nonché nella sua armonia, chiarezza, pace e, più importante di ogni cosa,
nella completa assenza di attaccamento.

Sogyal Rinpoche

———————————–

Fermati ed ascolta,
respira ed attraversa
tempo senza tempo,
nel qui ed ora
dove tutto è chiarezza
per conoscere quel che sei.
In armonia le tue orme
imprimono nel Dharma traccia,
in silenzio accogli il suono
della tua attenzione:
oltre apparenze ed illusioni
tutto è adesso amorevolezza
ed interessere nell’impermanenza
di ogni attimo, dove tutto svanisce
e rinasce svuotandoti dall’attaccamento.

Poetyca

———————————–

04.11.2007 Poetyca

Testi tratti da:http://www.bodhidharma.it

Ritagliare spazi


Riflettendo…

La Riflessione

Il prerequisito per la pratica Ch’an è estinguere il pensiero erroneo.
Shakyamuni Buddha diede molti insegnamenti su questo argomento.

Il suo insegnamento più semplice e diretto è la parola “fermati!”.
Dall’espressione , “fermarsi è Illuminazione (Bodhi)”.

Maesro Xuyun

————————

Accavallare attività,
immagazinare nozioni che confuse
riempiono spazi, senza avere il tempo
per comprendere, per dare attenzione
è come pretendere di percorrere di corsa
milioni di kilometri nel tempo adatto
a percorrere cento metri.

E’ sbagliato pensare che la mente
possa assimilare quello che non ha compreso.

Fermarsi è guardare in profondità,
rispettare i tempi e il senso delle cose,
essere presenti e vivi per ogni passo,
senza fretta ma con piena consapevolezza
per essere quel che si è ogni momento
senza corse in avanti ma – qui ed ora.

Poetyca

————————

L’insegnamento

Ritagliare spazi

Certo, la vita in Occidente è molto affannata e piena di distrazioni.
Ma volendo, se ci si impegna, si riesce a ritagliare spazi per l’attività spirituale.

o dico sempre che, invece di fare lunghi weekend o le ore piccole per divertirsi,
ci si può svegliare presto la mattina e godersi le emozioni della natura che si risveglia.

Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama

—————————-

Non essere attivi, con la nostra attenzione
verso l’esterno, non significa
essere improduttivi.

Raccogliere preziosi momenti
con la vista interiore attiva, in ascolto
di quanto si manifesti, è essere presenti
per abbracciare la realtà come essa è.

Accogliere noi stessi e gli altri
con sincera presenza è vera ricchezza,
semi utili per crescere in armonia
e senza conflittualità
– ogni passo del nostro cammino –

Riconoscere di essere interconnessi
con ogni essere e con la natura
è bellezza che si manifesta e che possiamo
offrire con gioia ad amorevolezza giorno per giorno
e senza aspettativa alcuna.

Poetyca

—————————–

12.07.2009 Poetyca

Testi tratti da:
Reflecting …

Reflection

The prerequisite for Ch’an practice is to extinguish the erroneous thinking.
Shakyamuni Buddha gave many teachings on this subject.

His teaching is simple and straightforward is the word “stop.”
From the expression, “stopping is enlightenment (bodhi)”.

Maesro Xuyun

————————

Activities overlap,
storage to confused notions
filled spaces, without having the time
to understand, to give attention
is like trying to go racing
million kilometers in the appropriate time
to walk one hundred meters.

And ‘wrong to think that the mind
able to assimilate what they did not understand.

Stop looking at it in depth,
respect the time and the sense of things,
be present and alive to every step,
without haste but with full awareness
to be what it is every moment
ran forward, but no – here and now.

Poetyca

————————

The teaching

Cut out spaces

Of course, life in the West is very troubled and full of distractions.
But if you want, if you engage, you can cut out spaces for spiritual activity.

and I always say that, instead of long weekends or late hours of entertainment,
you can wake up early in the morning and enjoy the excitement of nature awakening.

Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama

—————————-

Do not be active, with our attention
out, does not mean
be unproductive.

Collect precious moments
with a view of the inner active listening
than it appears, is to be present
to embrace reality as it is.

Accepting ourselves and others
with sincere presence is real wealth,
useful seeds to grow in harmony
and without conflict
– Every step of our journey –

Recognize that they are interconnected
with all beings and with nature
Beauty is occurring and that we can
kindness to offer with joy every day
and without any expectations.

Poetyca

—————————–

12.07.2009 Poetyca

Text taken from:

 

Il Fiore di Bodhidharma

                                                                                                    Prendere rifugio – Riflettendo

Karma


Riflettendo….

La Riflessione

Impossibile immaginare la nascita di qualcosa.
C’è soltanto continuità.

Thich Nhat Hanh
————————

Nulla si spezza o si separa
per poi predere nuova forma,
ma tutto danza e silenziosamente
accoglie semi in attesa
per formare il disegno della vita

Poetyca
————————
L’insegnamento

Karma

Vivete in pace secondo il vostro karma,
non secondo l’ego.
Quando vivete secondo il karma
la vostra vita scorre in pace.

Des boo ngoh
——————————–

Karma è legge dell’armonia,
dove tutto segue la musica del Cuore,
per danzare senza timore ed essere
in equilibrio sull’asse del sentire.
Dove la compassione apre la via
all’essere in ascolto
in accordo ed accoglienza
di quel che è senza timore
e senza la voglia di cambiare
quanto è già quanto dev’essere.
Chi segue la disarmonia dell’ego
per tacitare una mente timorosa,
per dare energia all’attaccamento
e per chi crede che il possesso
sia ricchezza presto sente
le note della sofferenza
che erodono i passi verso la Bellezza.

Poetyca
——————————–
08.05.2010 Poetyca

Reflecting ….

Reflection

Can not imagine the birth of something.
There is only continuity.

Thich Nhat Hanh
————————

Nothing breaks or separates
then predict new form,
but all dance and silent
welcomes seeds waiting
to form the pattern of life

Poetyca
————————
teaching

karma

Live in peace, your karma,
not according to the ego.
When you live according to the karma
your life flows peacefully.

Des boo ngoh
——————————–

Karma is the law of harmony,
where everything follows the Music of the Heart,
to dance without fear and be
in equilibrium on the axis of feeling.
Where compassion opens the way
being listened
in agreement and acceptance
of that which is without fear
and without the desire to change
As you can imagine how it should be.
Those who follow the disharmony of the ego
afraid to silence the mind,
attachment to power
and those who believe that the possession
wealth will soon be heard
notes of suffering
that erode the steps to the Beauty.

Poetyca
——————————–
08.05.2010 Poetyca

Text taken from:

L’attenzione necessaria


Riflettendo…

La Riflessione

Il vasto oceano ha un solo sapore,
il sapore del sale.

Allo stesso modo, la vera via
ha una sola fragranza,
la fragranza della libertà.

Majjhima Nikaya

————————–

Ricordate che tutto è essenziale,
limpido come una goccia d’acqua,
quando si vive l’essenza delle cose,
troppe parole sono solo rumore
che confonde e devia dalla vera essenza,
un eccesso che disturba l’armonia
e l’ascolto della profondità del silenzio.

Io sono nella stanza del mio ascolto profondo,
e sono solo le cose essenziali che vengono a toccare la profondità,
tutto il resto diventa nebbia che nasconde la verità.
Diventa la prigione dei condizionamenti che inquina
e incatena la vera natura, contraffacendo il vero essere.

Tutti noi siamo in ricerca di questo spazio,
di questa verità che ci rende liberi.

Poetyca

————————–

L’insegnamento

L’attenzione necessaria

Diffondere la luce della consapevolezza su ogni cosa,
e’ questo il punto di partenza.

Come dicevano gli antichi Maestri Zen:

“Se viviamo nella dimenticanza e nella distrazione,
moriremo in un sogno”.

Maestro Thich Nhat Hanh

——————————

Ogni essere ha una sua storia, la propria dignità
e merita rispetto, senza inutili separazioni.

Nessuno ha il diritto di plasmare il mondo come più piace,
ma tutti noi possiamo vivere la compassione e la gentilezza
con profondo rispetto per tutti gli esseri, che viene dal cuore
accogliendo la realtà per come essa è.

Un cuore puro è un cuore aperto come quello di un bambino,
non si lega ai pregiudizi, non è costruito dalle idee di ciò che
è giusto fare (o si aspetta che gli altri facciano) o da ciò che
non è corretto fare.
Semplicemente agisce con compassione.

Possiamo lavorare su questo, senza distrazioni,
senza posporre la nostra attenzione e responsabilità.

Questa è la prigione di una mente che vuole possedere,
che reagisce e usa il vittimismo, piuttosto
che il sincero lavoro attento e responsabile.

Il ricercatore che ha aperto la porta del cuore spirituale
e si confronta con le illusioni del mondo, vive nel mondo,
ma non è un schiavo di esso.

Poetyca

——————————

06.03.2010 Poetyca

Testi tratti da

Reflecting …

Reflection

The vast ocean has one taste,
the taste of salt.

Similarly, the true way
has only one fragrance,
the fragrance of freedom.

Majjhima Nikaya

————————–

Remember that everything is essential,
clear as a drop of water,
when you live the essence of things,
Too many words are just noise
confusing and deviates from the true essence,
an excess which disturbs the harmony
and listening to the depths of silence.

I am in my listening room deep,
and they are just things that are essential to touch the depth,
everything else becomes a fog that hides the truth.
Becomes the prison of conditioning that pollutes
chains and the true nature, imitating the real being.

All of us are in search of this space,
of this truth that sets us free.

Poetyca

————————–

Teaching

Attention needed

Spreading the light of awareness of all things,
and ‘the point of departure.

As the old Zen masters say:

“If we live in forgetfulness and distraction,
die in a dream. “

Master Thich Nhat Hanh

——————————

Every being has its own history, their dignity
and deserves respect, without unnecessary separations.

Nobody has the right to shape the world as more like,
but we can all live the compassion and kindness
with deep respect for all beings, which comes from the heart
accepting reality as it is.

A pure heart is a heart open like a child,
does not bind to the prejudices, is not built on the ideas of what
is right to do (or expect others to do) or what
is not correct to do.
Simply acting with compassion.

We can work on this, without distractions,
without diminishment of our attention and responsibility.

This is the prison of a mind that wants to possess,
that reacts and uses the victim, rather
that the careful work sincerely and responsibly.

The researcher who has opened the door to the spiritual heart
and compares with the illusions of the world, lives in the world,
but not a slave to it.

Poetyca

——————————

06.03.2010 Poetyca

Texts from

Il Fiore di Bodhidharma

Esperienze e realizzazione


Riflettendo…

La Riflessione

I fenomeni materiali e mentali vengono e vanno,
come nuvole nel cielo azzurro.

Avidità, collera e ignoranza; queste tre forme,
appaiono e scompaiono come un miraggio nell’oceano.

Yoka-daishi (d. 713)

———–

Nulla resta immutabile,
ed è speranza il sapere
che cercando le cause
sappiano soffiare via anche il dolore.

Poetyca

———–

L’insegnamento

Esperienze e realizzazione

Continuando a praticare la meditazione,
può capitarvi di avere ogni tipo di esperienza,
sia piacevole che spiacevole.

Potete sperimentare stati di estasi, chiarezza o assenza di pensieri.
In un certo senso, queste sono esperienze molto positive
e segni di un progresso nella meditazione.

Questo perché, se sperimentate beatitudine,
è un segno che il desiderio si è temporaneamente dissolto.
Quando sperimentate vera chiarezza,
è un segno che l’aggressività è temporaneamente cessata.
Se sperimentate uno stato di assenza di pensiero,
significa che la vostra inconsapevolezza è temporaneamente estinta.

Si tratta, quindi, di esperienze molto positive,
ma se sviluppate un attaccamento verso di esse, allora diventano ostacoli.

Le esperienze non sono, in se stesse, la realizzazione;
ma se vi mantenete liberi dall’attaccamento,
esse divengono ciò che sono realmente e cioè
una risorsa, un nutrimento per la realizzazione.

Sogyal Rinpoche

————–

La meditazione e quanto, attraverso essa,
si sappia portare in luce,è solo un mezzo e non il fine
per la nostra chiarezza interiore,
per imparare il non giudizio e per essere equidistanti.
Non si deve perseguire, attraverso essa, uno strumento
che ci limiti e sia motivo di attaccamento al risultato,
cosi come non si deve considerare di avere un arma
che ci faccia sentire superiori agli altri.
Se quanto emerge è fonte di appagamento, non deve
essere posta come via di fuga dalle problematiche quotidiane,
è piuttosto motivo per comprendere i nostri meccanismi interiori.

Poetyca

————–

Percorsi

La pace e l’azione

Ricordiamo che “Percorsi” è una raccolta di condivisione e non una serie di insegnamenti dottrinali. Nessun percorso rappresenta una definitiva e inappellabile risposta alla riflessione di partenza. Non si stupiscano i lettori, se non troveranno qui espressi dei principi non relativi e non opinabili, come alcuni preferirebbero. Il Buddhismo è un sentiero che creiamo con i nostri stessi passi, facendo esperienza di quella realtà così com’è nel qui ed ora che chiamiamo Dharma, non un insieme di dogmi.

Riflessione

La pace è anche fare le piccole come le grandi cose con totale non attaccamento ai risultati.
Nostra è l’azione, ma non il risultato dell’azione.
Questo è il Karma Yoga, lo Yoga dell’abilità nell’azione.

——————

Fare dono di sè, portare armonia in noi stessi
e per gli altri, è spargere dei semi su ogni terreno,
senza pensare se esso potrà produrre frutto
o se la sua aridità non ci offrirà nulla.
Portare pace, dove era la disarmonia a scompigliare il dialogo,
è semplicemente manifestare le proprie capacità senza aspettative.

Poetyca

——————

16.06.2007 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

La comprensione, la Bontà, la Bellezza


La Riflessione

Non si può né dire che “un singolo momento della mente”
venga prima di “tutti i fenomeni”,
né che “tutti i fenomeni”
vengano prima di “un singolo momento della mente.

Se si afferma che tutti i fenomeni derivano da un momento della mente
si ha una relazione verticale.
Se si dice che tutti i fenomeni sono ad un tempo manifesti nella mente
si ha una relazione orizzontale.

Né verticale né orizzontale sono corretti.

Tutto quello che si può dire
è che la mente è tutti i fenomeni
e che tutti i fenomeni sono la mente.

Questo è oscuro, sottile e profondo.
La conoscenza non può afferrarlo,
né le parole esprimerlo.
Pertanto è detto “regione dell’inesprimibile”.

Maestro Chih-i (VI sec. d.C.)

Non si potrebbe descrivere qualcosa che si vive,
nella sua manifestazione, se solo ci si affidasse
alla razionalità, alle parole che ne svelino
attributi, qualità e misurazioni; avremmo lo svanire
del nostro momento.
Tutto è interconnesso, vivo e presente,
tutto è parte di una nostra immersione profonda
ed il solo cercare di capire ne farebbe svanire l’incanto.
Non esiste un dentro o un fuori dai fenomeni;
noi stessi siamo fenomeno e come l’osservatore non potrebbe
cogliere e comprendere osservandosi,
così come un dito non potrebbe cogliere se stesso;
resta inesprimibile quel che si vive.

06.08.2006 Poetyca

L’insegnamento

La Comprensione, la Bontà e la Bellezza

La certezza che avete già dentro di voi, in forma essenziale,
la Comprensione, la Bontà e la Bellezza,
è veramente importante per la pratica della meditazione buddhista.

Comunemente, pensiamo di non valere poi molto.
Per questo, cerchiamo in altre persone, ciò che pensiamo di non avere.

Maestro Thich Nhat Hanh

Spesso cerchiamo fuori, intorno a noi ” qualcosa”
che ci sembra essere un richiamo, che ci possa saziare
donandoci un senso di appagamento; siamo capaci di riconoscere
quel che sia in grado di placare, di farci sentire completi.

Eppure per essere capaci di riconoscere, di provare assonanza
dev’esserci in noi quanto somigli a quel che rappresenti
una fonte d’attrazione.
la Bontà e la Bellezza che vediamo con gli occhi del cuore
in ogni luogo della natura, nell’innocenza di un bimbo,
non sono che specchio di una parte di noi.

Piuttosto che correre ed agitarsi per raccogliere briciole intorno;
è più saggio fermarsi ed ascoltare, accogliere quella fonte
che in noi cerca – ed è – Bontà e Bellezza, potremmo anche farne dono,
interpretare gli altri con la stessa assonanza e ritrovarci
sulla stessa reciproca vibrazione.

06.08.2006 Poetyca

Testi tratti da: 

ReflectionOne can not say that “a single moment of mind”
comes before “all phenomena”,
or that “all phenomena”
be the first of “a single moment of mind.If it says that all phenomena arise from a moment of mind
it has a vertical relationship.
If we say that all phenomena are at once manifest in the mind
there is a horizontal relationship.

Neither vertical nor horizontal are correct.

All one can say
is that the mind is all the phenomena
and that all phenomena are the mind.

This is obscure, subtle and profound.
Knowledge can not grasp it,
no words to express it.
Therefore it is said “the region of the inexpressible.”

Master Chih-i (VI sec. A.D.)

You could not describe something that is lived,
in its manifestation, if only we were to trust
rationality, the words that unveil
attributes, quality and measurement, we would have the vanishing
of our time.
Everything is interconnected, alive and present,
everything is part of our deep dive
and it would only try to understand the magic fade.
There is an inside or an outside phenomena;
phenomenon and as we ourselves are the observer could not
perceive and understand by observing,
as a finger could not understand himself;
remains inexpressible what you live.

06.08.2006 Poetyca

The teaching

Understanding, Goodness and Beauty

The certainty that you have within you, in simple form,
Understanding, Goodness and Beauty,
is really important for the practice of Buddhist meditation.

Commonly, we think not worth much.
For this, we look for in others, what we think we do not have.

Master Thich Nhat Hanh

Often we look out around us “something”
there seems to be a call, we can satisfy
giving us a sense of accomplishment, we are able to recognize
that it is able to placate, to make us feel complete.

Yet to be able to recognize, to try assonance
there must be in us that resemble what constitutes
a source of attraction.
Goodness and Beauty which we see with the eyes of the heart
everywhere in nature, in the innocence of a child,
that are not mirror of a part of us.

Rather than rushing to collect crumbs and stir around;
is wise to pause and listen, accept that source
that we look for – and is – Goodness and Beauty, we could also donate them,
interpret others with the same assonance and stand
each other on the same vibration.

06.08.2006 Poetyca

 

Il Fiore di Bodhidharma

Pietà e compassione


Riflettendo….

La Riflessione

Lavandomi le mani

L’acqua scorre su queste mani.

Che io possa usarle abilmente
per preservare il nostro prezioso pianeta.

Gatha del Maestro Thich Nhat Hanh

—————————————–

Consapevole è il gesto
di chi cerca purezza,
per essere armonia e saggezza
in ogni sua azione:
pulizia profonda di mente e cuore,
per dare alimento alla retta azione.

Poetyca

—————————————–

L’insegnamento

Compassione e pietà

La compassione è molto più profonda e nobile della pietà.

La pietà ha le sue radici nella paura e porta in sé un senso di arroganza e condiscendenza,
alle volte anche una compiaciuta sensazione del tipo: “Meno male che non è capitato a me”.

Come disse Stephen Levine:

“Quando la tua paura tocca il dolore di qualcuno, diventa pietà;
quando è il tuo amore a toccare il dolore di qualcuno, diventa compassione”.

Praticare la compassione significa essere consapevoli che tutti gli esseri sono uguali e soffrono nello stesso modo,
onorare tutti coloro che soffrono e sapere che non siamo né separati da alcuno, né superiori ad alcuno.

Sogyal Rinpoche

—————————————–

Accompagnare con la nostra sofferenza chi soffre
è alleggerirne il peso, è comprendere e condividere
con la presenza del cuore il momento difficile.
Compassione è tendere una mano con la stessa passione ( sentimento).

La pietà è di chi spera di colmare un proprio disagio,
offre attenzione senza reale sentimento ma placa soltanto la mente.

Tenta di allontanare da sè una eventuale disgrazia futura
attraverso una atteggiamento di solidale presenza, ma dettato
solo da un atto formale.

Nessun essere è separato e la sofferenza che tocca la vita di qualcuno
è sottilmente collegata a noi stessi, le lacrime dunque sono uguali per tutti.

Poetyca

——————————————–

11.01.2009 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Teoria e realtà


Riflettendo…

La Riflessione

Non cercate solo ciò che volete vedere,
questo sarebbe cosa futile.

Non cercate nulla in particolare,
ma lasciate che l’intuizione abbia una possibilità di arrivare spontaneamente.

Quell’intuizione profonda vi aiuterà a liberarvi.

Thich Nhat Hanh

———————————————————

Ascoltare profondamente non comporta una scelta:
non si lega al prestare attenzione solo a qualcosa
negando spazio e valore ad altro.
Essere aperti è permettere che le cose si possano manifestare
come esse sono, che ogni segnale possa essere accolto.
Solo attraverso quest’apertura siamo capaci di sciogliere
tutte le mura della diffidenza, di una mente che si aggrappa
a quanto vorrebbe e separa il resto viziata da una precisa aspettativa.

Un orecchio educato ad ascoltare ogni suono
è capace di profonda sensibilità, nello stesso modo
possiamo entrare in sintonia con l’armonia che ovunque ci richiama
e ci spinge ad essere come siamo, senza provare disagio
perchè sulla medesima frequenza.

Poetyca

———————————————————

L’insegnamento

Teoria e realtà

Ci sono coloro che guardano alla morte con un’ingenuità spensierata,
pensando che, per qualche ragione sconosciuta,
la morte sarà per loro un qualcosa di semplice e che non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Quando penso a loro, mi torna alla memoria ciò che disse un maestro tibetano:

“Molti spesso fanno l’errore di essere frivoli nei confronti della morte e pensano:
‘Oh beh, tutti si muore. Non è nulla di speciale, è una cosa naturale. Andrà tutto bene’.”

Questa è una bella teoria. Finché non si sta morendo.

Sogyal Rinpoche

————————————————————–

Siamo responsabili del nostro percorso
e di quanto seminiamo qui ed ora:

Non possiamo nascondere a noi stessi la paura,
non è fuggendole che si affronta,
Un atteggiamento che tocca solo la superficie
non ci permette di comprendere
e cause della nostra ed altrui sofferenza.

La paura della separazione
e l’attaccamento sono l’anticamera
del timore della morte
e Solo guardando in profondità,
accogliendo la realtà dell’impermanenza,
siamo capaci di non nutire l’aspettativa
ma siamo in grado di trasformare
quanto temiamo in reale e profonda compassione.

Poetyca
—————————————————————

24.04.2010 Poetyca

Testi tratti dal sito

Reflecting …

Reflection

Do not look for only what you want to see,
this would be futile.

Do not look for anything in particular,
but let that intuition has a chance to come spontaneously.

Deep intuition will help you get rid of.

Thich Nhat Hanh

————————————————– ——-

Deep listening does not involve a choice:
does not bind to only pay attention to something
denying space and value to another.
Being open is to allow things to manifest
as they are, that any signal can be accepted.
Only through this understanding we are able to dissolve
all the walls of mistrust, of a mind that clings
would like and what separates the rest vitiated by a precise expectation.

A trained ear to hear every sound
is capable of deep sensitivity in the same way
We can empathize with the harmony that reminds us anywhere
and urges us to be like us, without feeling uncomfortable
because on the same frequency.

Poetyca

————————————————– ——-

Teaching

Theory and Reality

There are those who look at death with naive carefree,
thinking that, for some unknown reason,
death will be for them something simple and that there is nothing to worry about.

When I think of them, I recall what I said a Tibetan master:

“Many people often make the mistake of being frivolous about death and think:
‘Oh well, everyone dies. It’s nothing special, it’s a natural thing. You’ll be fine ‘. “

This is a nice theory. As long as you’re not dying.

Sogyal Rinpoche

————————————————– ————

We are responsible for our own path
and what we sow here and now:

We can not conceal from ourselves the fear,
is no escaping that addresses,
An attitude that only touches the surface
does not allow us to understand
and causes of our own and others’ suffering.

Fear of separation
and the attachment are the antechamber
the fear of death
Only by looking in depth and,
accepting the reality of impermanence,
we can not nutire expectancy
but we are able to transform
As in real fear and deep compassion.

Poetyca
————————————————– ————-

24.04.2010 Poetyca

Text taken from the website:

Il Fiore di Bodhidharma

Donare


Riflettendo…

La Riflessione

Pace della Mente

Ricordate tutti,

“Dimorate nel momento presente!”

Con la mente,
fissa nel passato,
pensando a ciò che accadde,
o persa nel futuro,
immaginando ciò che accadrà,
stiamo smarrendo la vita,
momento dopo momento.

Maestro di Dharma

————————

Esiste una sola attenzione,
dove tu possa trovare
quel che veramente sei:

adesso, senza tempo,
qui ed ora senza aggrapparsi
a quel che è stato,
senza proiettarsi
in un futuro che neppure conosci.

Esiste una sola via,
dove tu possa comprendere
la bellezza di questo istante
e sentirti pienamente consapevole.

Sei solo tu a scegliere
e a seminare attaccamento
o aspettativa, oppure
aprire la tua mano per lasciarla vuota.

Poetyca

————————

L’insegnamento

Donare

Quando siete vuoti,
non temete di donare,
poiché non state dando
una parte di voi stessi.

Avete realizzato la vacuità.

Quando vi preoccupate di voi stessi,
e vi sentite colmi di voi stessi,
donando, avrete paura di dare via
una parte di voi stessi.

Des Boo-ngoh

————————-

Cosa perde colui che non possiede?
Cosa è in grado di dare chi offre
quel che incontra attimo per attimo?

Sulla via dell’interessere, siamo
tutti fiori dello stesso giardino,
dove respiriamo la stessa bellezza
e siamo nutriti della stessa vita.

Consapevoli di essere interconnessi
chiniamo la corolla al sole,
nella carezza lieve della brezza
che di accompagna – adesso.

Compagni di cammino,
noi tutti possiamo offrire
braccia aperte in accoglienza
di quel che siamo e che altri sono con noi.

Poetyca

————————-

28.02.2009 Poetyca

Reflecting …

Reflection

Peace of Mind

Remember all ,

” Abide in the present moment ! ”

With the mind ,
fixed in the past ,
thinking about what happened ,
or lost in the future,
imagining what will happen ,
we are losing life ,
moment by moment.

Dharma Master

————————

There is only one focus ,
where you can find
what they really are :

now , timeless,
here and now without clinging
to what has been ,
without projecting
in a future that not even know.

There is only one way ,
where you can understand
the beauty of this moment
and feel fully conscious .

Only you choose
and to sow attachment
or expectation , or
open your hand to leave it blank .

Poetyca

————————

The teaching

donate

When you are empty ,
Do not be afraid to donate ,
because you’re not giving
a part of yourself .

Have you realized emptiness .

When you care for yourself,
and you are feeling full of yourself,
donating , you are afraid to give away
a part of yourself .

Des Boo- ngoh

————————-

What do you lose the one who does not possess ?
What is in a position to give those who offer
that he meets from moment to moment ?

On the way interbeing , we
all flowers of the same garden ,
where we breathe the same beauty
and we fed the same life.

Aware that they are interconnected
the corolla bow to the sun,
the gentle caress of the breeze
that accompanies – now .

Companions on the journey ,
we can all offer
arms outstretched in welcome
of what we are and who others are with us.

Poetyca

————————-

28.02.2009 Poetyca

 

bodhidarma

Qualità del pensiero


La Riflessione

Quando apprezziamo profondamente ogni istante,
l’istante diventa eterno.

Nella via dello Zen,
il quotidiano, diventa la nostra preghiera.

Harvey Sodaiho Roshi

————–

Liberi da vincoli:
ansie legate al passato,
ad aspettative verso il futuro;
diamo respiro a quest’istante,
con la consapevolezza
del suo irripetibile valore.

Non ha senso alcuno il tempo
quanto espandiamo l’ascolto
oltre il confine di quanto
abbiamo permesso ci limiti.

Poetyca

————–

L’insegnamento

Qualità del pensiero

La qualità della vostra vita,
semplicemente segue,
la qualità del vostro pensiero.

Pensateci.

Des boo ngoh

————-

Saper dare senso vivo
al pensiero e alla parola
è disegnare il nostro essere
oltre le paure.

Ogni paura è solo apparenza,
in noi la capacità di vedere
con chiarezza e di dare linfa
al pensiero costruttivo.

Poetyca

————-

11.07.2008 Poetyca

Reflecting …

Reflection

When we deeply appreciate every moment,
the moment becomes eternal.

In the way of Zen,
the everyday becomes our prayer.

Harvey Sodaiho Roshi

————–

Free from constraints:
anxieties related to the past,
expectations towards the future;
we breath in this moment,
with the knowledge
of its unique value.

It makes no sense any time
As we expand the listening
over the border of what
have allowed us limits.

Poetyca

————–

The teaching

Quality of thought

The quality of your life,
simply follows,
the quality of your thinking.

Think about it.

Des boo ngoh

————-

Knowing how to make sense of living
thought and word
is to draw our being
over the fears.

Every fear is only an appearance,
in us the ability to see
with clarity and give sap
to constructive thought.

Poetyca

————-

11.07.2008 Poetyca

 

bodhidarma

Come il cielo


Riflettendo…

La Riflessione

Fino a che siete soggetti
a vivere incatenati alla forza dell’abitudine,
non sarete liberi dal fardello del corpo.

Kuei-Shan (771-854)

———————

Seguire istinti, richieste
che ci conducano a soddisfare
ogni segnale corporeo,senza discernimento,
è non saperne superare il limite,
non saper fare della nostra volontà
il percorso che possa liberarci
dal potere che esso esercita su di noi.

Seguire un percorso
che conduca alla consapevolezza
di altre qualità, è il pilastro
del non attaccamento, dell’ascolto profondo
che sprigiona la via che liberi dalla sofferenza.

Lontani dalla paura, dalla malattia e dalla morte,
perchè si alimenta la capacità
di vedere oltre i limiti del corpo.

Poetyca

————————

L’insegnamento

Come il cielo

La natura della mente è lo sfondo dell’insieme di vita e morte, come il cielo
che comprende l’intero universo nel suo abbraccio.

Sogyal Rinpoche

————————

Abbracciare la realtà,
così come essa è,
delinea il passo che svela
ogni possibile illusione,
è consapevolezza che abbatte
tutte le costruzioni della mente:
tutto si lega e si rincorre
ed è contenuto in un alternarsi
di luce ed ombra che non separa
ma accoglie in unità ogni cosa.

Poetyca

————————-

21.03.2008 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it