Archivio tag | Riflessioni di Poetyca

Vita – Life


🌸Vita🌸

È necessario difendere
il valore intramontabile
del tessuto della vita,
con la necessità di unire
piuttosto che separare
perché le ingiustizie
che annientano
una sola persona
e la sua innocenza
colpiscono tutti.
Nessuno è separato,
come vogliono far credere.

28.01.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Life

It is necessary to defend
the timeless value
of the fabric of life,
with the need to merge
rather than separate
because the injustices
that annihilate
one person
and his innocence
they affect everyone.
No one is separate,
as they want you to believe.

28.01.2021 Poetyca

Dominare se stessi – Dominate yourself


🌸Dominare se stessi🌸

Dominare se stessi non è inteso
come atteggiamento rigido o egotico,
non rappresenta il vedersi distanti
dal mondo o orgogliosamente
chiusi ad esso. Restare equidistanti,
elastici,in osservazione per conoscere
e riconoscere ogni atteggiamento inappropriato e non seguirne l’eco,
capaci di realizzare quanto sia importante per una manifestazione armonica.

19.06.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Dominate yourself

Dominating oneself is not intended
as a rigid or egotic attitude,
it does not represent seeing oneself
distant from the world or proudly
closed to it. Remaining equidistant,
flexible, under observation
in order to know and recognize
every inappropriate attitude
and not follow its echo,
able to realize how important it is
for a harmonious manifestation.

19.06.2019 Poetyca

Impazienza – Impatience


Impazienza

A volte il turbamento dell’impazienza è capace di rendere ciechi,
di gettare all’aria tutto quel che si è fatto sino ad un attimo prima:
non si sa misurare il passo, il valore delle cose e non si comprende
come il nostro misurare, il volere a tutti i costi un risultato,
persino quando il tempo è acerbo, è solo uno scivolare in una forma di orgoglio
che non ci fa accogliere una diversa dimensione di tempo e spazio
dove il seme matura quando non è lecito sapere.

29.01.2012 Poetyca

 

Impatience

Sometimes the disturbance of impatience is capable of blinding,
to throw all that air was made up to a moment before:
measure the step is not known, the value of things and you do not understand
as our measure, the wishes everyone a result,
even when the weather is bitter, is just a slide into a form of pride
accept that there is a different dimension of time and space
where the seed matures when it is not permitted to know.

29.01.2012 Poetyca

 

Essere realistici – Be realistic


Essere realisti

Alla luce delle esperienze, ho compreso come in fondo in tutti si nasconde la paura,
il seme dell’orgoglio e pochi si arrendono all’ammettere di cosa abbiano bisogno.
Si diventa superficiali e si risolve tutto aggredendo o con la fuga.
Mancando di rispetto prima a se stessi e poi agli altri, senza rendersi conto
che si sta solo rimandando quel confronto con se stessi che prima o poi arriverà.
Forse quando si perdono per strada le persone che erano più sincere e vicine
e che non si è voluto ascoltare.
Saper essere umili è aprire il cuore, accogliere noi stessi per come siamo e farne dono agli altri.
Chi chiede una fredda perfezione che invece di avvicinare inevitabilmente allontana?
Chi costruisce mura invece di demolirle è chi non sa con chiarezza cosa vuole.
La chiarezza è la prima cosa da cercare.
Questo è vivere profondamente il travaglio della vita:
domande, dubbi, ricerca ed esperienza che rende profonda e vera una persona.
Non solo parole ed apparenze che contraddicono chi ama solo apparire
con un atteggiamento opposto a come usa le parole.
Quelli che un tempo erano visti come valori e ai quali si credeva,
donando ad occhi chiusi senza pensarci due volte e sentendo come si fosse rispettati,
attualmente ci fa tentennare prima di aprirci, di essere disposti a tutto,
dal momento che l’ipocrisia sa indossare bene le sue maschere allora è sempre meglio essere prudenti.
Le ferite fanno sempre male ma sapere che potrebbe esserci chi non ci comprende o ci rispetta
come noi proviamo a fare, anche in chi oggi sembra essere la persona più vicina,
aiuta comunque ad essere realisti.

Ma intanto possiamo prendere spazio e tempo per noi stessi,
per vivere la vita con gioia e con ogni sforzo per essere felici.
Felici di quello che siamo, prendendoci in giro per le cose che dimentichiamo,
per come siamo a volte distratti.
Per come la mattina possiamo progettare un intero giorno, poi la sera ritrovarci
soddisfatti se abbiamo tenuto fede almeno a tre cose, quelle più importanti.

13.08.2011 Poetyca

Be realistic

In the light of experience, I understand how the bottom is hidden in all the fear,
the seed of pride and admitting a few give up what they need.
It solves everything, becomes superficial to attack or flee. Disrespecting yourself first and then the others, without realizing that you are only postponing the confrontation with oneself that sooner or later it will come.

Maybe when you lose the street people who were sincere and close and did not want to listen. Knowing how to be humble is to open our hearts, to accept ourselves as we are and donate them to others.
Who ask that instead of a cold perfection inevitably gets away?
Those who build walls rather than demolish them are those who do not clearly know what they want. Clarity is the first thing to try.
This is to live deeply the travail of life questions concerning research and experience in a deep and true way that makes a person. Not only words and appearances that only appear to contradict for those who love with an attitude as opposed to using the words.

Those who were once seen as values ​​and which were believed by donating with your eyes closed without a second thought and feeling as if you were respected, now make us flinch first as open
to be willing to do anything, since it is hypocrisy knowing exactly that they are wearing masks, then it is always better to be cautious.
The wounds are always bad but knowing that there may be those who do not understand or respect us as we try to do,
even for those who now seem to be the closest persons, it is helpful to be realistic.

But in the meantime we can take space and time for ourselves,
to live life with joy and with every effort to be happy.
Happy to what we are, making funny things that we have forgotten,
as we are sometimes distracted.
For in the morning we can plan an entire day, then meet again in the evening satisfied if we have faith in at least three things, the most important ones.

13.08.2011 Poetyca

Cuore e Ratio – Heart and Ratio


Cuore e Ratio

Una fanciulla di nome Cuore viveva in un castello, nella torre, era sempre vegliata dal fratello Ratio che per proteggerla non le permetteva di andare in giro per il mondo.
La fanciulla desiderava cogliere la vita e non restare in quello spazio angusto,voleva danzare, respirare la gioia e poter correre sui prati.
Una notte che il fratello era addormentato, senza farsi scoprire la fanciulla sgattaiolò via e senza una meta si mise in cammino.

La ragazza era senza difesa alcuna e se vedeva chi soffriva in sè erano trafitture profonde, se vedeva la gioia in chi era allegro, ne prendeva una parte e la regalava ad altri. Molte persone si radunarono e le chiedevano di regalare quella gioia, di non trattenerne per sè.
La giovane donna era stranamente esausta e si sentiva svuotare, da lei fuoriusciva un’energia potente e non sapeva come fare per guidarla, la sovrastava e una goccia era per lei oceano, non sapeva trattenersi ed era strumento per quell’energia che la guidava.

Il fratello si svegliò e non trovando la sorella, preoccupato per la fragilità, per l’inesperienza comprese che non avrebbe dovuto trattenerla in quella prigione, era necessario trovarla per insegnarle ad essere in grado di difendersi da sola.

Dopo tanto vagare, finalmente la trovò, addormentata, sfinita, ai piedi di un albero. La svegliò e lei era felice di ritrovarlo,scoppiò in lacrime e disse che si sentiva senza protezione da quando era fuggita dal castello.
Il fratello le insegno a non dare tutto a chiunque ma a raccogliere sempre un serbatoio di energia per sè, uno spazio di silenzio per gioire, danzare, respirare vita, senza disperdere tutto.
Le disse che anche la pioggia, colta dall’oceano e che saliva al cielo era felice di precipitare ed irrigare i campi, goccia a goccia, ma che aveva sempre l’opportunità di chiedere aiuto al sole, al vento, per essere nuvole e poi preziose gocce d’amore.

La ragazza abbracciò il fratello e comprese che non avrebbe mai potuto fare nulla da sola, che tutto è legato da forze sottili e che non doveva disperdere nulla ma che da quelle gocce, se il terreno era fertile, potevano nascere germogli dai semi che avrebbero avuto la forza della vita.

Poetyca

Heart and Ratio

A girl named Cuore lived in a castle, in her tower, she was always watched over by her brother Ratio who did not allow her to go around the world to protect her from her.
The girl wanted to grasp life and not remain in that narrow space, she wanted to dance, breathe the joy and be able to run on the meadows.
One night that her brother was asleep, without being discovered, the girl slipped away and without a destination set off.

The girl was without any defense and if she saw those who suffered in herself they were deep piercings, if she saw the joy in those who were cheerful, she took a part of it and gave it to others. Many people do they gathered and asked her to give that joy, not to keep it for herself.
The young woman was strangely exhausted and felt empty of her, of her a powerful energy was coming out and she did not know how to guide it, it overlooked it and a drop was an ocean for her, she could not restrain herself and was a tool for that energy that guided her.

The brother woke up and not finding his sister, worried about her frailty, for the inexperience he realized that he should not have kept her in that prison, it was necessary to find her to teach her.

After so much wandering, he finally found her, asleep, exhausted, at the foot of a tree. He woke her up and she was happy to find him again, he burst into tears and said that she felt unprotected since she was
The brother teaches her not to give everything to anyone but to always collect a reservoir of energy for herself, a space of silence to rejoice, dance, breathe life, without losing everything.
He told her that even the rain, caught by the ocean and rising to the sky, was happy to precipitate and irrigate the fields, drop by drop, but that it always had the opportunity to ask for help from the sun, the wind, to be clouds and then precious drops of love.

The girl hugged her brother and understood that she could never do anything alone, that everything is linked by subtle forces and that she should not disperse anything but from those drops, if the power of life.

Poetyca

Il conflitto tra mente e cuore – The conflict between mind and heart


imagesa

Il conflitto tra mente e cuore

Noi stessi creiamo il conflitto, siamo vittime di una visione frammentaria, incapaci di affidarci, di vivere la meraviglia. Come guerrieri all’erta, non facciamo che difenderci vedendo l’ombra e non riconoscendo la Luce. Avere un cuore aperto, affidandosi senza timore è un primo passo per risolvere il conflitto tra mente e cuore.
Togliendo gli orpelli inutili, le convenzioni, quanto sia un peso, si viaggia con un bagaglio leggero. Si mamifesta l’essenziale, una piccola goccia che è vita.
Con impegno,costanza ed amore,prima si potano i rami secchi,gli attaccamenti inutili,le aspettative e poi si dirige la linfa verso la pazienza e la gratitudine,l’accoglienza e la compassione. Allora la Primavera ci dona incanto e colore.
Solo attraverso l’amore si superano le difficoltà .L’amore non ė un romantico quadro idilliaco,capace di annullare tutte le ombre ma una lampada sempre accesa per attraversare la notte.
Sono necessarie piccole grandi cose che richiedono impegno e costanza:
Evitare di aggrapparsi agli altri come fossero zattere ed imparare ad usare le proprie forze e i propri talenti e non proiettare sugli altri la causa del nostro malessere reagendo con rabbia.Riscoprire il valore della compassione,verso di se e verso gli altri diventa allora una forma di rispetto Abbracciare la rabbia,la paura e la sofferenza – trasformandole- Evita di usare gli altri come cestino dei nostri rifiuti.
Osservare non è restare passivi ma aprirsi alla comprensione.
Quando, attraverso l’osservazione, cogliamo quanto sfugge a chi corre e segue un percorso spesso inconcludente, ci rendiamo conto di focalizzare e di non disperdere energie. Tutto diventa essenziale, preciso.
Noi possiamo essere artefici del nostro cambiamento.

18.03.2014 Poetyca

The conflict between mind and heart

We ourselves create the conflict , we are victims of a fragmented vision , unable to rely on , to experience the wonder . As warriors on guard, do not do that difernderci seeing the shadow and not recognizing the Light. Having an open heart , trusting without fear is a first step to resolve the conflict between mind and heart.
By removing the unnecessary frills , conventions , as both a weight, you are traveling with light luggage . It mamifesta the essentials, a small drop that is life.
With commitment, perseverance and love, before you prune dead branches , unnecessary attachments , expectations, and then heads towards the lymph patience and gratitude , acceptance and compassion . Then the Spring gives us charm and color.
Only through love will outweigh the difficulties . Romantic love is not an idyllic picture , able to undo all the shadows but a lamp always on to through the night .
It takes little big things that require commitment and perseverance :
Do not cling to the other as if they were rafts and learn to use their strengths and talents and not project onto others the cause of our malaise reacting with rabbia.Riscoprire the value of compassion towards yourself and towards others then becomes a form of compared Embracing the anger , fear and suffering – turning – Avoid using the other as a basket of our waste .
Observe not remain passive but open to understanding.
When , through observation, we see how much escapes the runner and follows a path often inconclusive, we realize that we focus and not waste energy . Everything becomes essential , accurate .
We can be the architects of our change .

03/18/2014 Poetyca

Essere sensibili – Be sensitive


Essere sensibili

Essere sensibili, accogliendo tutto,
reagendo con i moti del cuore: come goccia che scivola
sulla nostra anima, non è essere fragili,
ma forti di fronte alla scelta di essere aperti
ad ogni cosa piuttosto che rinchiudersi dentro
le mura difensive della razionalità.

23.01.2012 Poetyca


Be sensitive

To be sensitive, welcoming all,
reacting with the motions of the heart: how to drop that slips
our soul, is not to be fragile,
strong, but given the choice to be open
every thing rather than shut himself inside
the defensive walls of rationality.

23.01.2012 Poetyca

Il nostro niente – Our nothing


Il nostro niente
Niente siamo noi e forse Tutto noi vorremmo,
perchè non è facile accogliere il nostro nulla,
distaccare gli occhi dal nostro senso di importanza.
Poi viene un soffio di vento, l’albero si scuote
e cade anche l’ultima foglia, una carezza lieve
prima di tornare alla terra da dove siamo nati.
31.01.2009 Poetyca
Our nothing
Nothing is us and maybe we all want,
because it is not easy to accept our nothingness,
detach his eyes from our sense of importance.
Then comes a puff of wind shakes the tree
and the last leaf falls, a slight caress
before returning to land from where we were born.
31.01.2009 Poetyca

Lo splendore è in te – The brilliance is in you


Lo splendore è in te

Piccola anima che a volte ti assopisci ed hai timore
per quelle ferite che la vita infligge,
una persona splendida sei tu!
Tu che cogli sfumature ed attraversi la notte,
che colori con magia mille istanti
Con te non servono neppure le parole,
con te che anche attraverso piccoli gesti
sai proteggere e vivere emozione,
vorrei che la vita fosse generosa.
Con te non mi è difficile esserci,
saper leggere nella tua trasparenza
e cogliere ogni cosa.
Non mi è difficile condividere
il cammino di questo mio esistere.
Esserci…
Per me esserci è nella scommessa del quotidiano,
nel passo leggero, quasi in punta di piedi ad osservare,
cogliere e sostenere, se sento che debbo essere più vicina .
E’ nell’ascolto intimo di quelle sensazioni che chiedono conferme
– lampi ed intuizioni – che accolgo e rifletto,
senza fretta – seppure io sia un’impulsiva,
è nell’entusiasmo vivo che a volte mi fa correre lontano
con la mente e con il cuore, con le mani piene di sogni
che vorrei distribuire intorno. Ma è sopratutto attesa, senza aspettative,
nella calma del silenzio, con la certezza che si compie per tutti
la bellezza della realizzazione.
Ogni giorno è meraviglia, è colore, incanto e respiro
che sa porgere senso ad ogni attimo di vita,
la cosa più bella è saperlo trovare insieme.
Sogni, utopie e desiderio di unità per molti,
per questo vagare senza saper trovare un senso preciso.
Un nuovo anno nella mia vita non è peso
ma ricerca consapevole di quel che è stato dono,di quello
che potrebbe essere sfuggito ed attesa di quello
che si coglierà ancora per essere consapevoli
di cosa si manifesta lungo questo mio cammino.
Non analisi fredda, razionale, non inventario e bilancio
ma un toccare con il cuore e scorgere lo sbocciare di semi inaspettati:
un filo sottile che ha saputo tracciare colori
ascolto per scoprire da che parte si deve andare.
Io sono in cammino da sempre e tanto ancora ho da scoprire.
Io sono senza età, perchè quello che sono lo vivo
e lo vivrò sempre con la consapevolezza che il vero senso delle cose
è scolpito in fondo all’anima e solo chi lo sa vedere,
lo coglie ed è capace di trovare valore nel proprio cammino.
Cara Anima
sappi che lo splendore è in te e non smettere mai di crederci, di stupirti
e di rialzarti se cadi, di essere la persona che sei
perchè è in questo la tua unicità.
5 giugno 2005 Poetyca
The brilliance is in you
Little soul that sometimes you fall asleep and you fear
for those wounds that life inflicts,
a wonderful person you!
You cross that captures the nuances and night,
color with magic moments that one thousand
With you do not even need the words,
with you that even through small gestures
You know protect and live emotion,
I wish that life was generous.
With you it’s hard to be there,
able to read in your transparency
and seize everything.
I can easily share
the journey of my existence.
Be there …
For me there is the challenge of everyday life,
in the light step, almost on tiptoe to observe,
understand and support, as I feel that I must be closer.
And ‘listening intimate feelings of those who ask for confirmation
– Flashes and insights – that I accept and reflect,
unhurried – although I am impulsive,
you live in the enthusiasm that sometimes makes me run away
with the mind and heart, with hands full of dreams
I would like to distribute around. But it is mostly waiting, no expectations,
in the stillness of silence, with the certainty that it does for all
the beauty of creation.
Every day you wonder, is color, charm and breath
who knows how to give meaning to every moment of life,
The best thing is to know to find together.
Dreams, utopias and desire for many units,
for this wandering without knowing how to find a precise meaning.
A new year in my life is not weight
but a conscious search for what was a gift, what
that might have escaped and waiting for what
that will take you again to be aware
what occurs along my path.
No analysis of cold, rational, non-inventory and budget
but touch the heart and see the blossoming of seeds unexpected:
a thin wire that has been able to trace color
listen to find out which way to go.
I am always on the move and so I still have to discover.
I am ageless, because what I am I live
and I will live forever with the knowledge that the true meaning of things
is carved at the bottom of the soul and just see who knows,
seizes him and is able to find value in their own way.
Dear Soul
know that the brilliance is in you and never stop believing, be amazed
and get up if you fall, you are the person you are
This is because your uniqueness.
June 5, 2005 Poetyca

Emozioni – Emotions


🌸Emozioni🌸

Se siamo consapevoli
delle nostre emozioni
riflettendo al riguardo
ci rendiamo conto che in noi
ombre ( paure e risentimento)
e luce ( compassione ed ottimismo),
si proiettano anche all’esterno
creando la nostra realtà.

24.01.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Emotions

If we are aware
of our emotions
reflecting on it
we realize that in us
shadows (fears and resentment)
and light (compassion and optimism),
they also project outside
creating our reality.

24.01.2021 Poetyca

Camminare nel vuoto – Walking into the void


171058_498708279645_742844645_6377896_5663347_o

 

Camminare nel vuoto

Poggiare i piedi nel vuoto,
accende l’idea che, in fondo,
dall’incertezza possa nascere
il coraggio dell’accoglienza.

24.03.2015 Poetyca

 

Walking into the void

Place your feet in the void
turns on the idea that, after all,
by uncertainty can be born
the courage of acceptance .

03/24/2015 Poetyca

Pastelli – Pastels


Pastelli

Dobbiamo sentirci liberi di colorare la nostra vita
con dei pastelli, usando la nostra attitudine,
senza temere di uscire dai margini del disegno o del foglio.
Ci sono momenti in cui si percepisce oltre le parole,
 come si possa essere ” sincroni” con qualcuno,
come se il tempo e lo spazio perdessero confine,
allora con quei pastelli possiamo colorare ogni respiro,
 con la certezza che non siamo interpretati ma compresi
 e questo ci arricchisce sempre.

29.07.2012 Poetyca

Pastels

We must feel free to color our lives
with crayons, using our attitude,
without fear of going out from the margins of the design of the paper.
There are times when you feel over the words,
  how to be “synchronized” with someone,
as if the time and space lose boundary,
So with those crayons can color each breath,
  with the certainty that we are not interpreted but including
  and this enriches us forever.

29.07.2012 Poetyca

Correggere gli errori – Correct errors


Correggere gli errori

Perdonare – offrire un dono, deve anche trovare la consapevolezza,
la possibilità di capire le ragioni del conflitto.
Se queste sembrano non esserci, se non vengono dichiarate da chi si sente offeso,
da chi senza apparente ragione si allontana – semplicemente si viene messi in disparte –
Magari perchè visti come ” nemici”, malgrado in principio si era considerati
come persone importanti si continua un atteggiamento che non si è in grado di correggere
o capire sino in fondo per le conseguenze che potrebbe scatenare.

Il vero nemico è chi non ha il coraggio di dire alle persone la causa delle proprie azioni,
ma è nemico di se stesso. Non si ha nulla da perdonare, non esiste conflitto
in chi non riceve neppure una parola per permettere di capire,
resta la libertà di continuare per il proprio percorso e se un errore era stato
commesso – chi tace è complice – non ha neppure provato ad aiutare a portare chiarezza.

11.06.2011 Poetyca

Correct errors

Forgiveness – a gift offer, it must also be aware,
the ability to to understand the reasons for the conflict .
If these do not seem to be there, if not declared by those who feel offended,
who goes away for no apparent reason – it is simply pushed aside –
Maybe because it is seen as enemies, although in principle it was considered
important as people continue an attitude that you are not able to correct
or all the way to understand the consequences that could unleash.

The real enemy is who has not the courage to tell people the reason for their actions,
but is an enemy to himself. You have nothing to forgive, there is no conflict
in those who do not receive even a word to let you know,
remains free to continue its path and if a mistake was
committed – those who keep silent are complicit – has not even tried to help bring clarity.

11.06.2011 Poetyca

Sul sentiero del cuore – On the path of the heart


Sul sentiero del cuore


A tentare di cambiare se stessi perchè il giudizio degli altri diventa un

disagio,si rischia di procurarsi un disagio peggiore, infatti,ad andare contro la

propria natura sensibile,coprirla di razionale ” buonsenso”,si invade quello

che vorrebbe emergere,bloccandolo.

Se un seme sta per scostare lo strato di terriccio che lo ricopre, per

trovare la luce che lo faccia sviluppare bene,aggiungere una barriera con altra terra

ne fa sprecare le energie e poi cresce male.

Quindi si deve essere contenti,semplicemente,del fatto che malgrado gli

altri non comprendano,si possa essere se stessi.

Quale migliore soddisfazione e sensazione di armonia nell’essere capaci di

portare fuori il meglio di sè?

Mostrare ad esempio aggressività , quasi a dover difendere un territorio,

non è detto che sia manifestazione di coraggio ma spesso nascondono le paure.

Chi dunque è sereno, allegro,capace di entusiasmo e soprattutto di dono di sé

agli altri, malgrado sia consapevole di non cercare nulla in cambio,

credo si possa ritenere maggiormente generoso e sereno rispetto a chi,

per paura ed egoismo, tiene stretto il poco che è, nel timore

di perdere approvazione ed attenzione esterna.

Dunque si matura attraverso un cammino che non blocchi il livello di

crescita interiore ma, malgrado i previsti ostacoli non fa reagire

chiudendosi in se stessi. Chi consiglia o giudica,

chi interferisce sulle scelte degli altri o sul loro modo di essere

che è espressione di sensibilità ed esperienze di vita,

relativamente alla necessità di chiudersi, ritenendo sciocco

il continuare a dare, direi che si ci arrende e si fugge

e non si ascolta il coraggio del cuore.

Si,è la mente che confonde e desidera lanciare messaggi ” terroristici” che

facciano vedere come,malgrado si sia dato qualcosa non si è ottenuto nulla in cambio,

ma chi si ferma ad attendere qualcosa non segue la via della generosità libera

e spontanea,questa ma aspettativa: Essere schiavi delle aspettative è chiudersi in una prigione,

dimenticando dove sono le chiavi,essere capaci di non avere alcuna aspettativa è essere liberi

nel seguire il coraggio,lasciando alle spalle le paure ed essere capaci

di scegliere di camminare – qui ed ora – sul sentiero del cuore.


23.11.2004 Poetyca


On the path of the heart

A groped to change themselves because the opinion of others becomes a
discomfort, it could get worse discomfort, in fact, to go against
its sensitive nature, cover rational “common sense”, it invades the
that would emerge, locking it.

If a seed is about to pull away the layer of soil which covers it, for
find the light that it does develop well, add a barrier with more land
it is wasting energy and then grows ill.

Then you must be content simply to the fact that despite the
others do not understand, you can be yourself.

What better feeling of harmony and satisfaction in being able to
bring out the best in you?

Show such aggression, almost having to defend a territory,
is said to be a manifestation of courage but often hide their fears.

Who then is calm, cheerful, capable of enthusiasm and above all self-giving
others, despite being aware not to seek anything in return,
I think we can feel more generous and peaceful than those who
fear and selfishness, keep the little that is close, for fear
of losing approval and attention outside.

So you walk through a couple that does not block the level of
inner growth, but despite the obstacles set does not react
cut themselves. Who recommends or judges,
who interfere with the choices of others or on their way to be
which is an expression of feelings and life experiences,
regarding the need to close, feeling foolish
The continue to give, I would say that we give up and flee
and do not listen to the courage of the heart.

Yes, it confuses the mind and want to send messages “terrorist” that
We show how, despite being given is not something you got nothing in return,
But who stops to wait for something does not follow the way of free generosity
and spontaneous, but this expectation: Be slaves of expectations is locked in a prison
forgetting where the keys be able to have no expectation to be free
the courage to follow, leaving behind the fears and be able
choose to walk – here and now – on the path of the heart.

23.11.2004 Poetyca

Sogni e rettitudine – Dreams and righteousness


Sogni e rettitudine
Tra tante realtà e tanti sogni, solo noi possiamo adoperarci
a scostare il velo dell’illusione. Non si tratta di un percorso
di solitudine, poichè nessuno è separato; ma di quella capacità
di lettura interiore – nostra e con gli altri – capace di farci
scorgere la nostra responsabilità e il nostro modo a volte erroneo
di percepire le cose; dettato da timori, attaccamenti ed aspettative;
e da ricomporre con rettitudine, per costruire qualcosa di migliore.

© Poetyca
Dreams and righteousness

Among so many realities and so many dreams, only we can work
to move aside the veil of illusion. It is not a path
of solitude, since nobody is separated; but of that ability
of inner reading – ours and with others – capable of making us
discern our responsibility and our sometimes erroneous way
to perceive things; dictated by fears, attachments and expectations;
and to recompose with righteousness, to build something better.

© Poetyca

Sul sentiero del cuore – On the path of the heart


 

6

Sul sentiero del cuore

A tentare di cambiare se stessi perchè il giudizio degli altri diventa un
disagio,si rischia di procurarsi un disagio peggiore, infatti, ad andare contro la
propria natura sensibile, coprirla di razionale ” buonsenso”, si invade quello che vorrebbe emergere bloccandolo.

Se un seme sta per scostare lo strato di terriccio che lo ricopre, per
trovare la luce che lo faccia sviluppare bene, aggiungere una barriera con altra terra
ne fa sprecare le energie e poi cresce male.

Quindi si deve essere contenti, semplicemente, del fatto che malgrado gli
altri non comprendano,si possa essere se stessi.

Quale migliore soddisfazione e sensazione di armonia nell’essere capaci di
portare fuori il meglio di sè?

Mostrare ad esempio aggressività, quasi a dover difendere un territorio,
non è detto che sia manifestazione
di coraggio ma spesso nasconde le paure.
Chi dunque è sereno, allegro,capace di entusiasmo e soprattutto
di dono di se agli altri, malgrado sia consapevole di non cercare nulla in
cambio, credo che possa ritenersi maggiormente generoso e sereno rispetto a chi, per paura ed egoismo, tiene stretto il poco che è.

Dunque si matura attraverso un cammino che non blocchi il livello di
crescita interiore ma, malgrado i previsti ostacoli non fa reagire chiudendosi in se stessi. Chi consiglia dunque, o giudica, relativamente alla necessità
di chiudersi, ritenendo sciocco che continua a dare, si è arreso da tempo e non ha il coraggio del cuore.

Si, è la mente che confonde e desidera lanciare messaggi ” terroristici” che
facciano vedere come, malgrado si sia dato qualcosa non si è ottenuto nulla in cambio, non è generosità questa ma aspettativa, essere schiavi
delle aspettative è chiudersi in una prigione, essere capaci di non avere
alcuna aspettativa è essere liberi sul sentiero del cuore.

23.11.2004 Poetyca

On the path of the heart

A groped to change themselves because the judgment of others becomes a
uncomfortable, you are likely to get a discomfort worse , in fact, to go against the
its sensitive nature , cover it with rational ” common sense ” , it invades what would emerge locking it.

If a seed is to offset the layer of soil that covers it , for
find the light that it does develop well, add a barrier with other land
makes wasting your energy and then grows bad.

So one has to be content, simply , the fact that despite the
others do not understand, you can be yourself .

What better feeling of harmony and satisfaction in being able to
bring out the best in you ?

Show such aggression, almost having to defend a territory,
it is said that the event is
of courage but often hides the fears.
Who, then, is serene, cheerful , capable of enthusiasm and above
the gift of the others, despite being aware not to try anything
change , I think it may be considered more generous and serene compared to those who , out of fear and selfishness , holds on to little that is .

So we mature through a process that does not block the level of
inner growth but, in spite of the expected obstacles does not react by withdrawing into themselves. Who recommends , therefore, O judges, regarding the need
to close, feeling foolish that keeps on giving, has given up a long time and has not the courage of the heart.

Yes, it is that it confuses the mind and want to send messages ” terrorist ” that
do see how , though it has given you something you is not got nothing in return, but this expectation is not generosity, be slaves
expectations is locked in a prison , to be able to have no
no expectation to be free on the path of the heart.

23.11.2004 Poetyca

Tempeste – Storms


Tempeste

Tutti abbiamo trovato tempeste con la paura di non farcela,di non trovare un appiglio o una luce che potesse guidarci…
Conosciamo momenti in cui siamo convinti che nessuno ci voglia ascoltare,sono sensazioni di profonda solitudine e ci fanno sentire il peso dell’attraversare le onde della vita…
Ma è illusione crederci soli,tra quelle onde è sempre presente un faro,un’isola che possa accogliere,la cerchiamo attraverso l’ascolto degli altri,attraverso un sorriso o quelle parole capaci di farci sentire veramente ascoltati ed accolti…
Non ci rendiamo conto che la luce da cercare,la forza e la volontà di affrontare le tempeste è dentro di noi,non vediamo che nel cuore una piccola fiaccola è sempre accesa e a furia di cercare fuori,di restare fermi in un angolo non sappiamo più alimentare quella capacità che è presente…
Non è illusione la ricerca della speranza,di quel faro che improvviso ci guida evitandoci di infrangerci contro gli scogli…
Forse abbiamo creduto molte volte restando delusi,ma se s’incontrano persone che ci somigliano,che hanno sempre creduto le stesse cose ci rendiamo conto che quel sofferto isolamento era forse un passaggio necessario ,ma mai desistere ,per trovare la luce basta ascoltare nel buio e nel silenzio le proprie emozioni capaci se non le temiamo di guidarci per condurci fuori dalle tempeste verso quel faro e quell’isola nel cuore che è ” casa” ed accoglienza vera.

© Poetyca

Storms

We have all found storms with the fear of not making it, of not finding a foothold or a light that could guide us …
We know moments in which we are convinced that no one wants to listen to us, they are feelings of profound loneliness and make us feel the weight of crossing the waves of life …
But it is an illusion to believe we are alone, among those waves there is always a lighthouse, an island that can welcome, we look for it by listening to others, through a smile or those words capable of making us
We do not realize that the light to look for, the strength and the will to face storms is within us, we do not see that in the heart a small torch is always lit and by dint of searching outside, to stay still in a corner we no longer know how to feed that capacity that is present …
The search for hope is not an illusion, for that lighthouse that suddenly guides us avoiding breaking
Perhaps we have believed many times while being disappointed, but if we meet people who resemble us, who have always believed the same things, we realize that that suffered isolation was perhaps a passing away. necessary, but never give up, to find the light it is enough to listen in the dark and in the silence to one’s emotions capable if we do not fear them to guide us to lead us out of the storms towards that lighthouse and that island in the heart that is “home” and true hospitality.

© Poetyca

Compassione e saggezza – Compassion and Wisdom


Compassione e saggezza

Tutto quel che vediamo e comprendiamo
passa attraverso gli occhi, l’intelletto e il cuore:
non sempre siamo capaci di mantenere un atteggiamento equidistante,
dove ci si astiene dal giudizio e dalla reazione agli eventi
che noi stessi interpretiamo, ancora prima di comprendere e
accoglierli per come essi davvero sono.
Spesso, malgrado si avverta una necessità a mantenere
equilibrio ed armonia si teme la perdita di importanza,
la paura ci accompagna con reazioni illogiche capaci
di compromettere il nostro percorso e quello di chi ci vive intorno.
E’ chiaro ed indubbio che ogni essere è distinto,
con proprie capacità o propri limiti, che possa trovare identità nell’ego
che lo contraddistingue da altri. A volte questo serve per prendere coscienza
e per difendersi ma è attraverso un percorso interiore profondo si comprende
come non si sia realmente separati ma si faccia parte della stessa Essenza
che guida ed accompagna verso la Luce e L’Amore. Quando si realizza la comprensione
di questo e si subisce una trasformazione radicale e profonda non è necessario seguire
delle “regole” o dei codici che accompagnino verso un comportamento etico
poiché ogni espressione di Sè diventa manifestazione di Amore.

Chi si rende consapevole del fatto che le ingiustizie sociali
toccano tutti e non solo una parte del mondo, che le discriminazioni
e la violenza, l’incapacità di condurre un percorso etico che supporti
tutti con equanimità e rispetto in favore di pochi, legati al potere e all’ego
è chi sa vedere oltre le apparenze e non c’è bisogno di violenza per far valere
dei diritti ma di una profonda attenzione che sappia dare forma ad energie
di Amore Incondizionato, che sappia abbracciare la sofferenza
per alimentare compassione e saggezza.

03.07.2011 Poetyca

Compassion and Wisdom

All that we see and understand
passes through the eye, the intellect and the heart:
we are not always able to maintain an equidistant attitude,
where one abstains from the trial and the reaction to the events
we interpret them, even before they understand and
accept them for how they really are.
Often, although it feels a need to maintain
balance and harmony, it is feared the loss of importance,
Fear accompanies us with illogical reactions capable
to compromise our path and that of those who live around.
It ‘clear and indisputable that each is distinct,
with their own abilities or limitations, which can be found in the ego identity
which distinguishes it from others. Sometimes this is to become aware
and to defend itself but through a deep inner journey will include
is really not as separate but part of the same Essence
that guides and accompanies to the Light and Love. When building an understanding
of this and it undergoes a radical transformation and deep is not necessary to follow
the “rules” or codes to ethical behavior that accompany
since every self-expression becomes a manifestation of Love.

Who makes you aware that social injustice
affect everyone and not just part of the world, that discrimination
and violence, the inability to conduct an ethical path that supports
everyone with fairness and respect in favor of a few linked to power and ego
it is those who can see beyond appearances and there is no need for violence to enforce
rights but a profound attention to who knows how to shape energy
Unconditional Love, who can embrace the suffering
Food for compassion and wisdom.

03.07.2011 Poetyca

Percorso – Path


🌸Percorso🌸

È necessario un percorso
che permetta di toccare
e superare i propri limiti
e tra i buoni propositi e la pratica,
l’amicizia è opportunità di crescita.

19.01.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Path

A path is required
that allows you to touch
and overcome your limits
and between good intentions and practice,
friendship is an opportunity for growth.

19.01.2021 Poetyca

La vita interiore – The inner life


La vita interiore
La vita è una scuola per imparare, per accettare e per toccare l’essenza della spiritualità.L’amore incondizionato non è uno strumento che è possibile utilizzare quando si vuole,è un modo interiore, uno stato d’animo da vivere momento per momento esso è presente perchè tu sei una persona diversa, davvero matura per diffondere amore.
E’ Possibile accettare alcune nuvole che tolgono la possibilità di vedere la luce del sole,perché si è in grado di vedere come in credere assente in sole sia solo illusione.
09.01.2011 Poetyca

The inner life
Life is a school to learn to accept and to touch the essence of spiritualità.L’unconditional love is not a tool that you can use when you want, is an inner way, a stateof mind to live moment by moment presenteperchè it is you’re a different person, verymature to spread love.
It is possible to accept some clouds that removes the ability to see the light of the sun,because you can see how believing in the sun is absent only in illusion.
09.01.2011 Poetyca

Incontro alla vita – To meet life


Incontro alla vita

Siamo qui per accoglierci, attenderci ed accompagnarci un pezzo di strada più in là rispetto a quella che era già nella nostra memoria. Ogni giorno è opportunità nuova e ogni esperienza è quello che ci permette di specchiare noi stessi dentro gli occhi della vita.

La vita è incontro che non dobbiamo rimandare, anche e soprattutto per non dipendere dalle altrui opinioni, per non cedere a quello che all’esterno ci tende uno sgambetto, ci contamina o ci imprigiona facendoci desistere dal continuare il nostro viaggio nel migliore dei modi.
Perchè siamo reattivi a quanto accade, senza essere invece centrati alla nostra pace del Cuore, al nostro saper scegliere quella pace duratura che non è legata agli accadimenti esterni ma alla nostra raggiunta equidistanza.

Sopratutto è importante tenersi svincolati dall’ego, dalle insicurezze che ci fanno credere ad una identità basata sul possesso di apparenze o sull’approvazione di altri,
che preme sul nostro farci sentire non all’altezza di aspettative esterne,
calcando per noi un percorso che non ci appartiene.

Essere esattamente quello che siamo è il verso senso dei nostri passi, nella ricerca
della Luce in noi, della scintilla che ci anima:
Dio è Unità, non ha senso sparpagliare idee o attributi in base ad un particolare indirizzo religioso e chiaramente l’ego o attaccamento verso quanto si senta come ” nucleo di appartenenza”: la società, la religione, la famiglia o la propria razza, questo modo di sentire la propria identità terrena ci allontana dall’unico vero senso del nostro esistere.

Non permettiamo ai nostri sentimenti e pensieri di affogare nello stesso pantano che ci circonda, allo scopo di farci perdere energia e forza interiore, ma facciamo leva sul nostro credere possibile la manifestazione di quanto è già in noi, sulla possibilità che dopo ogni caduta esiste una rinascita e nel coraggio di manifestare i nostri sentimenti accompagnandoli a qualcosa di concreto, concentrandosi su azioni reali.

Infatti con la teoria non si arriva lontano, necessitiamo di pratica e di attenzione per colpire il bersaglio dei nostri migliori propositi.

Non cediamo al gioco delle ombre che fanno manifestare il peggio anche di noi. Una lampada accesa rischiara sempre ogni tenebra, ma siamo noi a dover cercare dentro di noi la Luce, a vegliare perchè questa lampanda non si spenga mai.

Accogliano profondamente il nostro percorso, per imparare nuove cose da apprendere, da applicare, da vivere con gioia perchè si è sempre in tempo per ricominciare, solo la paura ci paralizza o la nostra stessa pigrizia o il credere di sapere già tutto o di non avere mai sbagliato.

Chi resta fermo spreca solo del tempo prezioso, chi crede di sapere tutto, perdendo umiltà ed abbracciando l’orgoglio, teme solo di guardare nel profondo di se stesso, ha perso la Compassione per strada, per se stesso e per gli altri e crede che ci sia una gara, un confronto nel quale si deve essere vincitori, si teme con vergogna di non essere adeguati e forse si dimentica che la Fonte di tutto è Amore e chi ama non giudica ma accoglie con tenerezza e gioia chi viene incontro.

21.09.2011 Poetyca

To meet life

We are here to welcome us, and expect to take us a little way further than what was already in our memory. Every day is new opportunity and every experience is what allows us to mirror ourselves in the eyes of life.

Life is meet that we should not put off, and above all not to depend on others’ opinions, not to give in to what we tend a tripped out, we defile or desist from making imprisons us continue our journey in the best way.
Why are we reactive to what happens, but without being focused on our peace of heart, to our being able to choose the lasting peace that is not tied to external events, but our reach equidistance.

Above all it is important to keep the ego freed from insecurities that make us believe in possession of an identity based on appearances or other approval,
make us feel that our press does not live up to external expectations,
treading a path for us that do not belong to us.

Be exactly what we are is the true sense of our steps in the search
Light in us, the spark that animates us:
God is Unity, does not make sense to intersperse ideas or attributes according to a particular address and clearly religious attachment to the ego, or what feels like “core membership”: society, religion, family, or his race, this way people listen to us away from the only earthly identity true meaning of our existence.

Do not allow our feelings and thoughts of drowning at the same quagmire that surrounds us in order to make us lose energy and inner strength, but we believe we can leverage on the manifestation of what is already in us, the possibility that after every fall there is a rebirth and the courage to express our feelings accompanying them to something concrete, focusing on real actions.

In fact the theory does not come out, we need to practice and focus on hitting the target of our best intentions.

We do not lend to the play of shadows that are manifest even the worst of us. A lamp always illuminate every darkness, but rather we should be seeking the light within us, to watch this because lampanda never be extinguished.

We welcome our deep route, to learn new things to learn, to apply, to live with joy because it is never too late to start again, only the fear paralyzes us, or our own laziness or the belief you already know everything or have not never wrong.

Who is still only wastes precious time, those who think they know everything, losing and embracing humility, pride, fear only to look deep within himself, lost his compassion for the road, for himself and for others and believe that There is a race, in which a comparison has to be winners, there are concerns with the shame of not being in line and perhaps we forget that the Source of all is love and who loves but does not judge notes with tenderness and joy to those who will encounter.

21.09.2011 Poetyca

La gentilezza del cuore – The kindness of the heart


La gentilezza del cuore

Forse è difficile per la nostra mente, propensa a misurare ogni cosa,
a decidere sempre cosa sia giusto o sbagliato il cancellare le opinioni ma è possibile rendersi conto che invece di vivere per riflesso condizionato si possa scegliere e quanto il peso della nostra scelta sia determinante per la qualità dei nostri pensieri. Ci si potrebbe educare all’evitare reazioni impulsive distruttive per protendere verso una gentilezza del cuore che è compassione verso noi stessi e verso gli altri per essere capaci di una controtendenza che genera un grande cambiamento. Riprendendo le parole di Gandhi – Sii il cambiamento che tu vuoi vedere avvenire nel mondo.

21.04.2011 Poetyca

The kindness of the heart

It may be hard for our minds, willing to measure everything,
always to decide what is right or wrong opinions, but you can delete realize that instead of living for the conditioned reflex can be chosen and how the weight of our choice is decisive for the quality of our thoughts. We could educate avoidance destructive impulsive reactions to reach out to a kindness of heart that has compassion for ourselves and for others to be able to counter that generates a great change. Echoing the words of Gandhi – Be the change you want to see in the world.

21.04.2011 Poetyca

Amare incondizionatamente – To love unconditionally


Amare incondizionatamente
Quando amiamo sentiamo la nostra vita trasformarci,
tutto quello che era consueto è visto e vissuto con occhi diversi,
tocchiamo il cielo con un dito e questo” stato di grazia” ci
sollecita a mettere al centro della nostra vita la persona
che riteniamo avere un influsso benefico su di noi.
Siamo convinti che sia l’altro ad avere qualcosa di ” magico”
da farci sentire bene,da sollecitare tale cambiamento,
come se avesse una particolare conoscenza che ci permetta tale trasformazione.
Dimentichiamo cosa veramente siamo e ci aggrappiamo a quella presenza,
a volte con atteggiamenti di paura, di frustrazione ed aggressività
qualora temessimo di perdere attenzione o di apparire senza valore
agli occhi della persona amata e non compiamo nessuno sforzo
per permettere a noi stessi la ricerca delle nostre qualità
e capacità interiori, come se tutto dipendesse dall’umore della persona amata.
In realtà proviamo ad ingraziarci la sua presenza, dimenticando
spesso delle cose importanti per la nostra attenzione e capacità
di comprensione circa le nostre prerogative.
Eppure non ci potrebbe essere la ” fioritura” della nostra Bellezza
se essa non fosse già in noi contenuta.
Dovremmo imparare a vivere lo stato di grazia dell’innamoramento
in ogni tempo e non solo – a causa – di una persona che corrisponda il nostro amore.
Soprattutto dovremmo manifestare quel che siamo e viviamo in modo incondizionato,
senza aspettative e timori, offrendo quella bellezza e ricchezza in noi,
piuttosto che avere la pretesa di essere assecondati o cercati,
per il solo fatto di essere amati. Amare è semplicemente dono e non pretesa sterile.
08.01.2011 Poetyca

To love unconditionally

When we love we feel our life transformed,
all that was usual was seen and lived through different eyes
touch the sky with a finger, and this “state of grace” us
Calls to put our lives at the center of the person
that we believe have a beneficial influence on us.
We believe it is another to have something “magical”
to make us feel good, that it attracts such a change,
as if he had a special knowledge that allows us such a transformation.
We forget what we really are and we cling to that presence,
sometimes with attitudes of fear, frustration and aggression
if temessimo to lose attention or appear worthless
in the eyes of the beloved and not made an effort
to allow ourselves the quality of our research
and inner abilities, as if everything depends on the mood of the beloved.
In reality we try to ingratiate himself with his presence, forgetting
often important things for our attention and ability
understanding about our prerogative.
Yet there could be the “blooming” in our Beauty
if it is not already contained within us.
We should learn to live in the state of grace of falling
at all times and not only – because – of a person that matched our love.
Above all, we express what we are and we live in an unconditional way,
with no expectations and fears, offering the beauty and wealth in us
rather than claiming to be indulged or searched,
the mere fact of being loved. Love is a gift and not simply claim sterile.
08.01.2011 Poetyca

Gentilezza e rabbia – Kindness and anger


preghiera

Gentilezza e rabbia
Gentilezza amorevole, compassione, capacità di comprendere gli altri e soprattutto un nostro disagio: se esso sorge da rabbia inespressa, da senso di rivalsa, da aspettative mancate.
Portare rancore verso gli altri, provare disagio e senso di incapacità a fare qualcosa o il non sentirsi all’altezza degli altri – comparandoci a loro – magari con senso di vittimismo che occulta la rabbia, come una oscura coltre non permetti di fare chiarezza, è uno dei motivi che ci fanno sentire ” separati”, diversi, non accetti.
Allora per paura, per una sensibilità ferita ci si accosta agli altri con sospetto e tutta la gentilezza e la compassione verso di loro decade.
E’ importante focalizzare il nostro disagio, essere consapevoli di questo per poi trasformarlo in capacità di accoglienza di noi stessi – abbracciando la nostra sofferenza.
Solo in seguito, sciolto questo ” groppo interiore” siamo in grado di effondere armonia e capacità di amare.Questo perché abbiamo sciolto i lacci dell’aspettativa e dell’attaccamento.

27.03.2010 Poetyca

Kindness and anger
Loving-kindness, compassion, ability to understand others and especially our own discomfort, if it arises from unexpressed anger, by way of revenge, by missing expectations.
Hold grudges toward others, sense of discomfort and inability to try to do something or not feeling up to the other – by comparing them – perhaps with a sense of victimhood that conceals the anger, like a dark blanket does not allow for clarity, one of the reasons that make us feel “separate” different, do not agree.
Then fear, a feeling wounded one approaches the other with suspicion and all the kindness and compassion towards them fell.
It ‘important to focus our discomfort, be aware of this and then turn it into a reception capacity of ourselves – embracing our suffering.
Only later dissolved this “inner knot” we can bestow harmony and capacity to love.
This is because we loose the bonds of leave and attachment.
27.03.2010 Poetyca

Con Armonia – With Harmony


Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia. (p. 50)

Jean-Baptiste Alphonse Karr, Aforismi sulle donne, sull’uomo e sull’amore, a cura di Massimo Baldini, Newton Compton, Roma 1993.

Armonia

“Mettete la parola “armonia” nel cuore della vostra esistenza,
custoditela in voi come una sorta di diapason, e non appena vi
sentite un po’ inquieti o turbati, prendete quel diapason e
ascoltatelo in modo da mettere tutto il vostro essere in
consonanza con la vita illimitata, la vita cosmica.
Dite che riuscite già ad armonizzarvi con la vostra famiglia,
con i vostri amici, con i vostri vicini, con i vostri colleghi di
lavoro?… Va bene, ma non è sufficiente. Potete essere in
accordo con la vostra famiglia o con la società, ma essere in
disaccordo con la vita universale, e allora, a poco a poco tale
dissonanza si infiltra in voi e rode il vostro organismo
psichico. Sforzatevi sin da ora di accordarvi con la vita
universale; sarà questa a portarvi la salute, la bellezza, la
luce, la gioia, e a fare di voi, ovunque andrete, un fattore di
armonia.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

‎.•*¨*•♫ ❤¸¸.•*¨*•♫❤¸¸.•*¨*•♫


Dai Discorsi di Thich Nhat Hanh

Sorridere a voi stessi è un atto molto gentile nei vostri confronti, perchè state soffrendo e quando soffrite avete bisogno di amore. Voi siete la prima persona che può offrirvelo, non aspettate che sia un’altra a farlo. La pratica della meditazione è la pratica del guardare in profondità nella natura delle cose. E quando sarete in grado di guardare nella natura delle cose otterrete la comprensione, che può liberarvi dalla vostra sofferenza. Nel buddhismo la liberazione avviene attraverso l’intuizione, non attraverso la grazia, e quell’intuizione non sarà possibile senza la pratica della meditazione e del guardare in profondità. Non perdete neanche un minuto delle vostre giornate, ogni minuto della vostra giornata può essere utilizzato per generare l’energia della presenza mentale:camminando, respirando, sedendo. Inspirate, godetevi il vostro respiro e dite:”Sono arrivato”. Lo scopo è smettere di correre. Quando espirate dite:”Sono a casa”, e la vostra casa comincerà a rivelarvisi. Dovrebbe esserci sempre al vostro interno una specie di dialogo permanente con voi stessi, così che possiate scoprire qual è il sentiero da percorrere. E, quando conoscerete il vostro sentiero, smetterete di soffrire. Quando fate qualcosa per far sentire un altro sollevato, improvvisamente vi sentite molto felice. Se non avete la possibilità di fare qualcosa per dar sollievo a qualcun altro ma desiderate essere in grado di farlo, già quella voglia vi renderà più felice. Chi non ha l’energia dell’amore, chi non ha nessuna voglia di amare, è perso, molto solo e molto infelice.

‎.•*¨*•♫ ❤¸¸.•*¨*•♫❤¸¸.•*¨*•♫

La retta parola

Nel Vinaya leggiamo queste istruzioni: «Chiunque
stia per ammonire un altro deve suscitare in sé
cinque qualità prima di aprir bocca, in modo da
poter dire così: “Parlerò a tempo debito, non nel
momento sbagliato. Dirò la verità, non bugie.
Parlerò soavemente, non con severità. Parlerò a
suo vantaggio, non a suo danno. Parlerò con
intento gentile, non con rabbia”».

Parlare rettamente è sopratutto mantenere una costante attenzione
al proprio modo di esprimersi in ogni circostanza,
perchè la parola è manifestazione del proprio essere.

Una delle cose importanti è il non parlare vanamente,
l’essere prudenti e misurati andando a verificare le fonti,
perchè non si trasmetta ad altri qualcosa di non vero,
che propagasse ignoranza (nel senso di falsa conoscenza).

Sopratutto nell’evitare di sovraccaricare gli altri
di troppe parole che non sempre sono utili.
Si deve sviluppare un processo di sintesi
per trasmettere l’essenza e dare spazio agli altri
nella ricerca ed ascolto interiore.

Non è la mente che deve parlare e soppesare
ma il nostro accostarci con amorevolezza
e compassione, in questo modo cade il giudizio
e la rabbia per mantenere sempre posizioni di supremazia.

Essere duali è percorrere la strada della competizione
e non ci sono giudici e gare.

Si apprende molto osservando ad ascoltando,
mentre non si ha nulla da insegnare a nessuno imponendo
delle proprie opinioni. Meglio tenerle per se stessi
o chiedersi se sono davvero valide o frutto
di condizionamenti della nostra mente.

La ricerca interiore è un giardino che ogni essere
coltiva in prima persona, possiamo solo dare sostegno
e non serve essere concitati ed agitarsi con gli altri
per far capire di essere vicini o di sentirsi distanti.

Meglio un fermo silenzio, addolcito da un sorriso
ed un amorevole accoglienza che il farsi trascinare
da un fiume in piena che non placa la mente.

Non giova sapere se si è approvati o disapprovati
da qualcuno, è importante riflettere e capire
se il passo che compiamo è costruttivo
o arreca danno ad altri esseri, in questo
possiamo essere capaci da soli.

Si è davvero vicino ad una persona restando in silenzio,
per permetterle di leggersi nel profondo,
ed aspettando che quello che noi avevavo compreso,
finalmente trovi chiarezza nell’altro attraverso
la retta visione ed il suo retto sforzo.
Possiamo suggerire con dolcezza, mai sovrapporci
o sostituirci agli altri.

Questo è nella mia esperienza e nel mio
modo di porgere la mia presenza in tanti anni.

Nel nostro rapporto con gli altri
non abbiamo merito alcuno, siamo solo testimoni
del loro sforzo per migliorare.
Ma sopratutto non dobbiamo distrarci
dal lavoro che serve per migliorare noi stessi.

Un sorriso
Poetyca

Vinaya è un termine sanscrito e pāli che significa disciplina e nel Buddhismo indica la raccolta scritturale delle norme di condotte seguite dai monaci (bhiksu, sanscr., bhikkhu, pāli) e dalle monache (bhiksuni, sanscr., bhikkhuni, pāli).
Il vinaya è una delle due categorie degli antichi insegnamenti del Buddha Shakyamuni (o Buddhadharma) insieme al ‘Dharma’ (ovvero dottrina). Un altro termine per indicare il Buddhismo è infatti Dharmavinaya.
Attualmente disponiamo di sette vinaya delle antiche scuole (Buddhismo dei Nikaya).
Il vinaya Theravada, di probabile origine Sthaviravada Vibhajyavada, è conservato nel Canone pāli ed è suddiviso in tre parti:

Suttavibhanga, le regole di condotta fondamentali dei monaci e delle monache (patimokkha) con le storie all’origine di ciascuna regola;
Khandhaka, a sua volta suddiviso in:
Mahavagga, altre regole di condotta e di etichetta per il sangha insieme ad altri discorsi e insegnamenti del Buddha;
Cullavagga, elaborazioni sull’etichetta e le norme dei monaci e delle monache e la trattazione di come vadano affrontati i casi di infrazione delle regole monastiche;
Parivara, una ricapitolazione delle sezioni precedenti riportante in sunto le regole classificate in vari modi a scopo didattico.

*¨`*•.♫❤♫❤♫❤

Harmony

Two lovers are like two harps silent with the same pitch and ready to confuse the entries in a divine harmony. (P. 50)Jean-Baptiste Alphonse Karr, aphorisms on women, man and love, by Massimo Baldini, Newton Compton, Roma 1993.Harmony

“Put the word” harmony “in the heart of your existence,
Guard them in you as a kind of tuning fork, and as soon as you
feel a bit ‘anxious or upset, take this fork and
listen to put your whole being in
consonance with unlimited life, cosmic life.
You say you have failed to harmonize with your family,
with your friends, your neighbors, your colleagues
work? … Okay, but not enough. You may be
agreement with your family or society, but be
disagreement with the universal life, and then, little by little this
dissonance seeps into you and eats your body
psychic. Make an effort from now to agree with the life
universal, this will take you to the health, beauty,
light, joy, and to you, wherever you go, a factor
harmony. “

Mikhael Omraam Aïvanhov

. • * ¨ * • ♫ ❤ ° °. • * ¨ * • ♫ ❤ ° °. • * ¨ * • ♫

Speeches by Thich Nhat Hanh

Smiling to yourself is an act very kind to you, because you are suffering and suffering when you need love. You are the first to offer it can not wait until it is another to do so.The practice of meditation is the practice of looking deeply into the nature of things.And when you’re able to look at the nature of things will get understanding, which can free you from your suffering. In Buddhism, liberation is through intuition, not through the grace and intuition will not be possible without the practice of meditation and deep looking. Do not miss a minute of your day, every minute of your day can be used to generate the energy of mindfulness: walking, breathing, sitting. Breathe, enjoy your breath and say, “I came.” The aim is to stop running. When you exhale say, “I’m home, and your home will begin to rivelarvisi. There should always be your kind of interior permanent dialogue with yourself, so you can find out what path to take. And, when you know your path, stop suffering. When you do something to make another raise, suddenly you feel very happy. If you do not have the opportunity to do something to give relief to someone else but would like to be able to do so, that should already make you happier. Who has the energy of love, who has no desire to love is lost, very lonely and very unhappy.

. • * ¨ * • ♫ ❤ ° °. • * ¨ * • ♫ ❤ ° °. • * ¨ * • ♫

Right speech

In the Vinaya read these instructions: “Whoever
is to warn another to be perceived as such
five qualities before opening his mouth, so
I can say this: “I will in due course, not in
wrong time. Tell the truth, not lies.
I will speak softly, not with severity. I’ll talk to
his advantage, not to their detriment. I’ll talk to
kind intent, not with anger. “

Speak directly above is to maintain a consistent focus
its mode of expression in all circumstances,
because the word is a manifestation of his being.

One of the important things is to not speak in vain,
being cautious and measured by checking the sources,
why do not you send to others something that is not true,
that propagates ignorance (in the sense of false consciousness).

Above all, avoid overloading the other
too many words that are not always useful.
We must develop a synthesis process
to convey the essence and give space to others
in research and inner listening.

It is the mind that has to speak and weigh
but our approach with kindness
and compassion, so that falls on court
and anger to maintain positions of supremacy.

Being dual is the path of competition
and there are judges and competitions.

You learn a lot by watching to listening,
while you have nothing to teach anyone requiring
of their views. Better to keep it for themselves
or whether they are really valid or fruit
of conditioning of our mind.

The research is an inner garden that every
grow personally, we can only give support
and no need to be excited and agitated with the other
to understand to be near or distant feel.

Better a still silence, softened by a smile
and a loving welcome that being dragged
by a swollen river that calms the mind.

Not useful to know whether you approve or disapprove
by someone, it is important to reflect and understand
if the step you take is constructive
or causes harm to other beings, in this
we may be able by themselves.

It was really close to a person remaining silent,
to enable it to read in depth,
and waiting for what we had understood,
finally find clarity in the other through
the right view and its right effort.
We suggest gently, never sovrapporci
or replace them with others.

This is in my experience and my
way to extend my presence in many years.

In our relationship with others
we have no merit, we are only witnesses
of their effort to improve.
But above all we must not distract us
the work they need to improve ourselves.

A smile
Poetyca

Vinaya is a Sanskrit word that means discipline and Pali and in Buddhism means the collection of scriptural standards of conduct of monks (bhiksu, Skt., Bhikkhus, poles) and nuns (bhiksuni, Skt., Bhikkhuni, poles).
The Vinaya is one of two categories of the ancient teachings of Buddha Shakyamuni (or Buddhadharma) together with the ‘Dharma’ (ie doctrine). Another term for Buddhism is in fact Dharmavinaya.
Currently we have seven schools of the ancient Vinaya (the Buddhist Nikaya).
The Theravada Vinaya, probably from Sthaviravada Vibhajyavada, is preserved in the Pali Canon and is divided into three parts:

Suttavibhanga, the fundamental rules of conduct of monks and nuns (Patimokkha) with the origin stories of each rule;
Khandhaka in turn divided into:
Mahavagga, other rules of conduct and label for the sangha with other discourses and teachings of the Buddha;
Cullavagga, processing and labeling standards of monks and nuns and the discussion of how to be dealt with breaches of monastic rules;
Parivara, a recapitulation of the previous sections showing in summary the rules classified in various ways for teaching purposes.

Dividere e condividere – Divide and share


Dividere e condividere

Saper accogliere il dolore degli altri è anche aver saputo accogliere il proprio ; esser stati capaci di immergersi in esso senza temere . Poi forse il tempo o l’esperienza insegnano a offrire parole e sostegno che sono espressione viva del vissuto è com – partecipazione .

Come dice Osho si potrebbe con- dividere quello che si vuole trasmettere ma il silenzio , l’intesa anche se non si usano parole è com – unione.

Chi apre il chakra del cuore ; senza averne cercato il fine , si accorge che si assimila quello che gli altri vivono in assonanza e sintonia che è una forma di ” empatia ” alla quale si resta sgomenti all’inizio ma che si impara a gestire .

A volte il destino non fa trovare persone che sappiano ; in atto reciproco , dare lo stesso ascolto .

Non sempre si è forti e capaci di affrontare le prove della vita ; ma nella capacità di essere autoconsapevoli e nell’autostima si impara che abbiamo già gli strumenti per affrontare ogni cosa.

Chi ci affianca è semplicemente capace da farci da specchio ; in noi il riconoscere chi siamo .

© Poetyca

Divide and share

Knowing how to welcome the pain of others is also knowing how to welcome one’s own; having been able to immerse yourself in it without fear. Then maybe time or experience teach us to offer words and support that are a living expression of experience and participation.

As Osho says, one could share what one wants to convey but silence, the understanding even if words are not used is union.

Who opens the heart chakra; without having sought the end, he realizes that one assimilates what others live in assonance and harmony which is a form of “empathy” to which one is dismayed at the beginning but that one learns to manage.

Sometimes fate doesn’t find people who know; in reciprocal act, listen the same.

You are not always strong and capable of facing the trials of life; but in the ability to be self-aware and in self-esteem we learn that we already have the tools to deal with everything.

Those who work alongside us are simply capable of acting as a mirror; in us to recognize who we are.

© Poetyca

Buona ricerca – Good search



Buona ricerca
Quando tu vuoi cercare la Verità, non restare nel chiasso, essa svanirebbe.
Tu immergiti nel silenzio, dove nulla distrae il tuo ascolto, tu non fare vagare la mente da una immagine ad una altra. Tu semplicemente ascolta dentro di te cosa dice il tuo cuore.

Tu non ti aggrappare ad una aspettativa, tu non ti gonfiare di orgoglio credendo di avere realizzato un traguardo solo per avere sperimentato una piccola Siddhi ( potere esteriore che nasce da una piccola realizzaziione interiore di noi stessi), non è questo il motivo della ricerca, tu vai avanti sicuro e non perdere mai la tua volontà e la fiducia in te stesso.
Un giorno, dopo avere attraversato il deserto, quando tu guarderai alle tue spalle ti accorgerai di come tu sia stato capace di camminare a lungo e di come la forza sia sempre stata in te, come la speranza sia stata la tua lampada nel buio della notte.
Tu ti accorgerai che in te hai già tutto e che non sei mai stato solo: l’amore è la più grande potenza che sa condurre oltre ogni difficoltà, tu ama e dimentica il sudore e la fatica, tu ama e saprai sempre trovare
la strada giusta che ti impedisce di perderti nelle tenebre.

01.01.2009 Poetyca

Good search
When you want to search for the truth, do not stay in the noise, itwould vanish.
You immerse yourself in the silence, where nothing distracts yourlistening, you do not mind wander from one image to another. Yousimply listen in to what you said in your heart.
You do not cling to an expectation, you do not swell with pridethinking of having achieved a goal only to have experienced a smallSiddhi (external power that comes from a small inner realizzaziione of ourselves), this is not the reason for the research, sure you go onand never lose your will and trust in yourself.
One day, after crossing the desert when you will look behind youyou’ll see how you were able to walk and how long the power hasalways been in you, that hope has been your lamp in the darkness of the night .
You realize that you already have everything that you’ve never beenjust that: love is the greatest power that knows how to carry overevery difficulty, you love and forget the sweat and toil, you’ll always know you love and find
the right way that prevents you from getting lost in the darkness.
01.01.2009 Poetyca

In ascolto del silenzio – Listening to the silence


309483_228093627240058_1110643312_n

In ascolto del silenzio

Possiamo fare un piccolo sforzo per non reagire agli eventi, per non sottolineare sempre i difetti degli altri, per lasciare andare l’impazienza, la nostra necessità di alimentare aspettative, per godere nel silenzio l’attimo presente, con la convinzione che ogni cosa che accade ha sempre un suo fine, un suo senso che ci aiuta a crescere.

07.08.2015 Poetyca

Listening to the silence

We can make a little effort to not react to events, not always point out the faults of others, to let go of impatience, the need to feed our expectations, to enjoy the present moment in silence, with the belief that everything happens always has its purpose, its sense that helps us grow.

07/08/2015 Poetyca

Dono del silenzio – Gift in silence


rose
Dono nel silenzio
Se parliamo di incontro, di dialogo, l’importanza dello stesso, credo che le persone, individualmente debbano prima incontrare se stesse. Forse un buon dialogo ( il portare fuori) è proporzionale a quanto si sia capaci di spostare l’attenzione dentro di sè, di cogliere che cosa si porta dentro. Spesso manca questa forma di attenzione e dovrebbe essere stimolata per riconoscersi e per comprendere chi siamo o cosa si vorrebbe manifestare di genuino e non solo come cassa di risonanza del ” già detto o sentito”.
Il silenzio implica una doppia presenza di ascolto:
L’ascolto di colui che si offre e quello di colui che riceve.
Nel silenzio emerge il rispetto, la gratuità di un dono.
Spesso, in un mondo chiassoso, pieno di aspettative, il silenzio è visto come negazione di sè, come atto punitivo, come distanza.
Ma solo attraverso il silenzio emerge la vera natura, la capacità di purificare la mente da ogni aggressione esterna.
Chi riconosce l’altro come parte di sè, soprattutto nel silenzio, è chi non prevalica e sa attendere con calma l’altrui manifestazione.
12.10.2013 Poetyca
Gift in silence
If we speak of encounter, dialogue , the importance of the same , I believe that people, individually must first meet themselves. Perhaps a good dialogue ( the take out ) is proportional to what one is able to shift the focus within himself , to grasp that what is within him . They often lack this form of attention and should be encouraged to recognize and to understand who we are or what you would like to express genuine and not just as a sounding board of the “already said or heard .”
Silence implies the presence of a double listening :
Listening to him who gives and the one who receives it.
In the silence emerges as respect, generosity of a gift .
Often , in a noisy world , full of expectations , silence is seen as a negation of itself, as an act of punishment , such as distance .
But only through silence emerges the true nature , the ability to purify the mind from any external aggression .
Who recognizes the other as a part of himself , especially in the silence , it is those who do not know how to wait calmly prevalica and the manifestation of others .
12.10.2013 Poetyca

Ascolto profondo – Deep listening


wp-1451178674071.png

Ascolto profondo

Quando ritrovi la via dell’ascolto profondo tutto resta ai margini, è come essersi tolti le scarpe prima di entrare, dolore, paure, bramosie e rancore restano attaccati a quelle scarpe e tu sei parte del bosco, di quella Natura che ci abbraccia l’anima.

Sai raccogliere colori, forme e quel vibrare infinito che conduce al leggerti dentro, al dare la stessa armonia tra quel che l’occhio cattura e l’anima che restituisce intensità inesprimibile in infinita danza…oltre tutte le parole.

© Poetyca  

Deep listening

When returning to the path of deep all remain on the sidelines, it’slike to have removed their shoes before entering, pain, fear, greedand resentment remain attached to those shoes and you’re part ofthe forest, of that nature that embraces’ soul.

You know pick colors, shapes, and that vibration that leads to infiniteread in, to give the same harmony between what captures the eyeand the soul returns in infinite inexpressible intensity dance … beyondall words.

© Poetyca