Archivio tag | Tao

Tao Te Ching di Lao Tzu V L’uso del vuoto


 

– V –
L’USO DEL VUOTO

Il Cielo e la Terra non usano carità,
tengono le diecimila creature per cani di paglia.
Il santo non usa carità
tiene i cento cognomi per cani di paglia.
Lo spazio tra Cielo e Terra
come somiglia a un mantice!
Si vuota ma non si esaurisce,
si muove ed ancora più ne esce.
Parlar molto e scrutare razionalmente
vale meno che mantenersi vuoto.

5. Nature

Nature is not kind;
It treats all things impartially.
The Sage is not kind,
And treats all people impartially.

Nature is like a bellows,
Empty, yet never ceasing its supply.
The more it moves, the more it yields;
So the sage draws upon experience
And cannot be exhausted.

XXXVIII : Espone la virtù


XXXVIII : Espone la virtù

La virtù somma non si fa virtù
per questo ha virtù,
la virtù inferiore non manca di farsi virtù per questo non ha virtù.
La virtù somma non agisce
ma non ha necessità di agire,
la virtù inferiore agisce
ma ha necessità di agire.
La somma carità agisce
ma non ha necessità di agire,
la somma giustizia agisce
ma ha necessità di agire,
il sommo rito agisce
e se non viene corrisposto
si denuda le braccia e trascina a forza.
Fu così che perduto il Tao venne poi la virtù,perduta la virtù venne poi la carità,perduta la carità venne poi la giustizia,
perduta la giustizia venne poi il rito: il rito è labilità della lealtà e della sincerità e foriero di disordine.
Chi per primo conosce è fior nel Tao e principio di ignoranza.
Per questo l’uomo grande
resta in ciò che è solido
e non si sofferma in ciò che è labile,resta nel frutto e non si sofferma nel fiore.
Perciò respinge l’uno e preferisce l’altro.

38

The highest virtue is not virtuous.
Therefore it has virtue.
The lowest virtue holds on to virtue.
Therefore it has no virtue.
The highest virtue does nothing.
Yet, nothing needs to be done.
The lowest virtue does everything.
Yet, much remains to be done.
The highest benevolence acts without purpose.
The highest righteousness acts with purpose.
The highest ritual acts, but since no one cares,
It raises its arms and uses force.
Therefore, when the Way is lost there is virtue.
When virtue is lost there is benevolence.
When benevolence is lost there is righteousness.
When righteousness is lost there are rituals.
Rituals are the end of fidelity and honesty,
And the beginning of confusion.
Knowing the future is the flower of the Way,
And the beginning of folly.
Therefore,
The truly great ones rely on substance,
And not on surface,
Hold on to the fruit,
And not to the flower.
They reject the latter and receive the former.

Tao te ching XXXVII


XXXVII – ESERCITARE IL GOVERNO

Il Tao in eterno non agisce
e nulla v’è che non sia fatto.
Se principi e sovrani fossero capaci d’attenervisi,
le creature da sé si trasformerebbero.
Quelli che per trasformarle bramassero operare
io li acquieterei
con la semplicità di quel che non ha nome
anch’esse non avrebbero brame,
quando non han brame stanno quiete
e il mondo da sé s’assesta.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 37

Tao abides in non-action,
Yet nothing is left undone.
If kings and lords observed this,
The ten thousand things would develop naturally.
If they still desired to act,
They would return to the simplicity of formless substance.
Without form there is no desire.
Without desire there is tranquility.
And in this way all things would be at peace

Tao te ching XXXVI


XXXVI – L’OCCULTO E IL PALESE

Quei che vuoi che si contragga
devi farlo espandere,
quei che vuoi che s’indebolisca
devi farlo rafforzare,
quei che vuoi che rovini
devi farlo prosperare,
a quei che vuoi che sia tolto
devi dare.
Questo è l’occulto e il palese.
Mollezza e debolezza vincono durezza e forza.
Al pesce non conviene abbandonar l’abisso,
gli strumenti profittevoli al regno
non conviene mostrarli al popolo.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 36

That which shrinks
Must first expand.
That which fails
Must first be strong.
That which is cast down
Must first be raised.
Before receiving
There must be giving.

This is called perception of the nature of things.
Soft and weak overcome hard and strong.

Fish cannot leave deep waters,
And a country’s weapons should not be displayed.

Tao te ching XXXV


XXXV – LA VIRTÙ DELLA CARITÀ’

Verso chi tiene in sé la grande immagine
il mondo accorre,
accorre e non riceve danno
ma calma e pace grandi.
Attratto da musiche e bevande prelibate
si ferma il viator che passa,
ma quel che al Tao esce di bocca
com’è scipito! non ha sapore.
A guardarlo non riesci a vederlo,
ad ascoltarlo non riesci ad udirlo,
ad usarlo non riesci ad esaurirlo.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 35

All men will come to him who keeps to the one,
For there lie rest and happiness and peace.

Passers by may stop for music and good food,
But a description of the Tao seems without substance or flavor.
It cannot be seen, it cannot be heard,
And yet it cannot be exhausted.

Tao te ching XXXIV


XXXIV – CONFIDARE NEL PERFETTO

Come è universale il gran Tao!
può stare a sinistra come a destra.
In esso fidando vengono alla vita le creature
ed esso non le rifiuta,
l’opera compiuta non chiama sua.
Veste e nutre le creature
ma non se ne fa signore,
esso che sempre non ha brame
può esser nominato Piccolo.
Le creature ad esso si volgono
ma esso non se ne fa signore,
può esser nominato Grande.
Poiché giammai si fa grande
può realizzare la sua grandezza.
Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 34

The great Tao flows everywhere, both to the right and to the left.
The ten thousand things depend upon it; it holds nothing back.
It fulfills its purpose silently and makes no claim.

It nourishes the ten thousand things,
And yet is not their lord.
It has no aim; it is very small.

The ten thousand things return to it,
Yet it is not their lord.
It is very great.

It does not show greatness,
And is therefore really great.

Tao Te Ching XXXIII


XXXIII – LA VIRTÙ DEL DISCERNIMENTO

Chi conosce gli altri è sapiente,
chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi vince gli altri è potente,
chi vince sé stesso è forte.
Chi sa contentarsi è ricco,
chi strenuamente opera attua i suoi intenti.
A lungo dura chi non si diparte dal suo stato,
ha vita perenne quello che muore ma non perisce.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 33

Knowing others is wisdom;
Knowing the self is enlightment.
Mastering others requires force;
Mastering the self needs strength.

He who knows he has enough is rich.
Perseverance is a sign of will power.
He who stays where he is endures.
To die but not to perish is to be eternally present.

Tao Te Chig XXXII


XXXII – LA VIRTÙ DEL SANTO

Il Tao in eterno è senza nome,
è grezzo per quanto minimo sia,
nessuno al mondo è capace di fargli da ministro.
Se principi e sovrani fossero capaci di attenervisi,
le diecimila crature da sé si sottometterebbero,
il Cielo in mutuo accordo con la Terra
farebbe discendere soave rugiada
e il popolo, senza alcuno che lo comandi,
da sé troverebbe il giusto assetto.
Quando si cominciò ad intagliare
si ebbero i nomi.
Tutto quello che ha nome viene trattato come proprio,
perciò sappi contenerti.
Chi sa contenersi
può non correre pericolo.
Paragona la presenza del Tao nel mondo
ai fiumi e ai mari cui accorrono rivi e valli.

Tao Te Ching: Chapter 32

The Tao is nameless,
Small, simple,
Yet commands all.

If powerful women and men
Would abide by the Tao
All would be at peace.
Heaven and Earth would join
In harmony.

Names appeared
Through the diversification
Of Energy.
The Wise who know
To stop and be still
Are exempt from danger.

Oceans are at one with the Tao
As rivers run into the sea.

Tao Te Chig XXXI


XXXI – Desistere dalle operazioni militari

Ecco che son le belle armi:strumenti del malvagio
che le creature han sempre detestati.
Per questo non rimane chi pratica il Tao.
Il saggio, che è pacifico, tiene in pregio la sinistra,
chi adopra l’armi tiene in pregio la destra.
Ecco che son l’armi:strumenti del malvagio
non strumenti del saggio,
il quale li adopra solo se non può farne a meno.
Avendo per supreme pace e quiete,
ei vince ma non se ne compiace,
chi se ne compiace gioisce nell’uccidere gli uomini.
Ora chi gioisce nell’uccidere gli uomini
non può attuare i suoi intenti nel mondo.
Nelle gesta fauste si tiene in onore la sinistra,
nelle gesta infauste si tiene in onore la destra.
Il luogotenente sta alla sinistra,
il duce supremo sta alla destra:
assume il posto del rito funebre.
Quei che gli uomini ha ucciso in massali
piange con cordoglio e con tristezza:
la vittoria in guerra gli assegna il posto del rito funebre.

31

Weapons are the tools of violence;
all decent men detest them.

Weapons are the tools of fear;
a decent man will avoid them
except in the direst necessity
and, if compelled, will use them
only with the utmost restraint.
Peace is his highest value.
If the peace has been shattered,
how can he be content?
His enemies are not demons,
but human beings like himself.
He doesn’t wish them personal harm.
Nor does he rejoice in victory.
How could he rejoice in victory
and delight in the slaughter of men?

He enters a battle gravely,
with sorrow and with great compassion,
as if he were attending a funeral.

Tao te ching XXX


XXX – LIMITARE LE OPERAZIONI MILITARI

Quei che col Tao assiste il sovrano
non fa violenza al mondo con le armi,
nelle sue imprese preferisce controbattere.
Là dove stanziano le milizie
nascono sterpi e rovi,
al seguito dei grandi eserciti
vengono certo annate di miseria.
Chi ben li adopra
soccorre e basta,
non osa con essi acquistar potenza.
Soccorre e non si esalta,
soccorre e non si gloria,
soccorre e non s’insuperbisce,
soccorre quando non può farne a meno,
soccorre ma non fa violenza.
Quel che s’invigorisce allor decade:
vuol dire che non è conforme al Tao.
Ciò che non è conforme al Tao presto finisce.

30
He who by Tao purposes to help a ruler of men, will oppose most conquest by force of arms:
Such things are wont to rebound.
Where armies are, thorns and brambles can grow.
The raising of a great host could be followed by a year of dearth.
Therefore a good general effects his purpose and next stops; for he dares not rely upon the strength of arms: he does not take further advantage of a victory. He fulfils his purpose and does hardly glory in things he has done; effects his purpose and doesnt boast of a thing he accomplished;
Fulfils an ignoble purpose, but takes no pride in something he did well; fulfils his purpose as some perhaps regrettable necessity – does it as a step that could hardly be averted and avoided. So he effects his purpose, but hardly loves violence. Why?
Things age after reaching their prime. What has a time of vigour [and conquest] also has its time of decay. After things reach their prime, they begin to grow old, which means being contrary to Tao. Furthermore, morbid violence and violence in excess could be against Tao. He who is against the Tao perishes young. Whatever is contrary to Tao will soon perish. What is against Tao will hardly survive.

Tao the Ching XXIX


Tao the Ching XXIX – NON AGIRE

Quei che volendo tenere il mondo
lo governa,
a mio parere non vi riuscirà giammai.
Il mondo è un vaso sovrannaturale
che non si può governare:
chi governa lo corrompe,
chi dirige lo svia,
poiché tra le creature
taluna precede ed altra segue,
taluna è calda ed altra è fredda,
taluna è forte ed altra è debole,
taluna è tranquilla ed altra è pericolosa.
Per questo il santo
rifugge dall’eccesso,
rifugge dallo sperpero,
rifugge dal fasto.

29
Those that would gain what is under heaven by tampering with it – I have seen that they do not succeed.
For that which is under heaven is like a holy vessel, dangerous to tamper with. Those that tamper with it, harm it. Human go-between is likely to fail. Those that grab at it lose it. Who makes can spoil well; who holds can lose.
Among creatures of this world some lead and some follow. Some things go forward among creatures: some go in front, some follow behind –
Some blow out, some blow in; some blow out while others would blow in.
Some are feeling vigorous just when others are worn out. Some are strong, some are weak.
Some are loading just when others would be tilting out. Some can break, some can fall.
So the wise man discards excess, extravagance, and ridiculous pride: He discards even the absolute, the all-inclusive, the extreme.

Tao Te Ching XXVIII


Tao Te Ching XXVIII
TORNARE ALLA SEMPLICIT
À

Chi sa d’esser maschio
e si mantiene femmina
è la forra del mondo,
essendo la forra del mondo
la virtù mai non si separa da lui
ed ei ritorna ad essere un pargolo.
Chi sa d’esser candido
e si mantiene oscuro
è il modello del mondo,
essendo il modello del mondo
la virtù mai non si scosta da lui
ed ei ritorna all’infinito.
Chi sa d’esser glorioso
e si mantiene nell’ignominia
è la valle del mondo,
essendo la valle del mondo
la virtù sempre si ferma in lui
ed ei ritorna ad esser grezzo.
Quando quel ch’è grezzo vien tagliato
allora se ne fanno strumenti,
quando l’uomo santo ne usa
allora ne fa i primi tra i ministri.
Per questo il gran governo non danneggia.

Tao Te Ching Verse 28: Living Virtuously

Know the strength of a man,
But keep a woman’s care!
Be the stream of the universe!
Ever true and unswerving,
Become as a little child once more.

Know the white,
But keep the black!
Be an example to the world!
Being an exampe to the world,
Ever true and unwavering,
Return to the infinite.

Know honor,
Yet keep humility.
Being the valley of the universe,
Ever true and resourceful,
Return to the state of the uncarved block.

When the block is carved, it becomes useful.
When the sage uses it, he becomes the ruler.
Thus, “A great tailor cuts little.”

Tao Te Ching XXVI


Tao Te Ching XXVI : La virtù del grave

Il grave è radice del leggero,
il quieto è signore dell’irrequieto.
Per questo il santo viaggia tutto il giorno
senza discostarsi dal bagaglio,
anche se possiede palazzi regali
placidamente se ne sta distaccato.
Che sarà se il signore di diecimila carri
leggero si fa nel mondo?
Se è leggero perde il fondamento,
se è irrequieto perde la sua signoria.

Tao Te Ching Chapter 26

The heavy is the root of the light.
The unmoved is the source of all movement.

Thus the Master travels all day
without leaving home.
However splendid the views,
she stays serenely in herself.

Why should the lord of the country
flit about like a fool?
If you let yourself be blown to and fro,
you lose touch with your root.
If you let restlessness move you,
you lose touch with who you are.

Tao Te Ching XXV


XXV : Raffigura l’origine

C’è un qualcosa che completa nel caos,
il quale vive prima del Cielo e della Terra.
Come è silente, come è vacuo!
Se ne sta solingo senza mutare,
ovunque s’aggira senza correr pericolo,
si può dire la madre di ciò che è sotto il cielo.
Io non ne conosco il nome
e come appellativo lo dico Tao,
sforzandomi a dargli un nome lo dico Grande.
Grande ovvero errante,
errante ovvero distante,
distante ovvero tornante.
Perciò
il Tao è grande,
il Cielo è grande,
la Terra è grande
ed anche il sovrano è grande.
Nell’universo vi sono quattro grandezze
ed il sovrano sta in una di esse.
L’uomo si conforma alla Terra,
la Terra si conforma al Cielo,
il Cielo si conforma al Tao,
il Tao si conforma alla spontaneità.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 25

Something mysteriously formed,
Born before heaven and earth.
In the silence and the void,
Standing alone and unchanging,
Ever present and in motion.
Perhaps it is the mother of ten thousand things.
I do not know its name.
Call it Tao.
For lack of a better word, I call it great.

Being great, it flows.
It flows far away.
Having gone far, it returns.

Therefore, “Tao is great;
Heaven is great;
Earth is great;
The king is also great.”
These are the four great powers of the universe,
And the king is one of them.

Man follows the earth.
Earth follows heaven.
Heaven follows the Tao.
Tao follows what is natural.

Tao Te Ching – XXIV – La penosa benignità


Tao Te Ching

– XXIV -LA PENOSA BENIGNITÀ

Chi sta sulla punta dei piedi non si tiene ritto,
chi sta a gambe larghe non cammina,
chi da sé vede non è illuminato,
chi da sé s’approva non splende,
chi da sé si gloria non ha merito,
chi da sé s’esalta non dura a lungo.
Nel Tao queste cose sono avanzi ed escrescenze,
che le creature hanno sempre detestati.
Per questo non rimane chi pratica il Tao.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 24

He who stands on tiptoe is not steady.
He who strides cannot maintain the pace.
He who makes a show is not enlightened.
He who is self-righteous is not respected.
He who boasts achieves nothing.
He who brags will not endure.
According to followers of the Tao,
“These are extra food and unnecessary luggage.”
They do not bring happiness.
Therefore followers of the Tao avoid them.

Tao te Ching XXIII : Il vuoto non-essere


Tao te Ching XXIII : Il vuoto non-essere

Il parlar dell’Insonoro è spontaneità.
Per questo
un turbine di vento non dura una mattina,
un rovescio di pioggia non dura una giornata.
Chi opera queste cose?
Il Cielo e la Terra.
Se perfino il Cielo e la Terra non possono persistere
tanto più lo potrà l’uomo?
Perciò compi le tue imprese come il Tao.
Chi si dà al Tao s’immedesima col Tao,
chi si dà alla virtù s’immedesima con la virtù,
chi si dà alla perdita s’immedesima con la perdita.
Chi s’immedesima col Tao
nel Tao si rallegra d’ottenere,
chi s’immedesima con la virtù
nella virtù si rallegra d’ottenere,
chi s’immedesima con la perdita
nella perdita si rallegra d’ottenere.
Quando la sincerità vien meno
si ha l’insincerità.

Tao Te Ching – chapter 23

To talk little is natural.
High winds do not last all morning.
Heavy rain does not last all day.
Why is this? Heaven and earth!
If heaven and earth cannot make things eternal,
How is it possible for man?

He who follows the Tao
is at one with the Tao.
He is virtuous
Experiences Virtue.
He who loses the way
Feels lost.
When you are at one with the Tao,
The Tao welcomes you.
When you are one with Virtue,
The Virtue is always there.
When you are at with loss,
The loss is experienced willingly.

He who does not trust enough
Will not be trusted.

Tao te Ching XXII : L’umiltà che eleva


Tao te Ching XXII L’umiltà che eleva

Se ti pieghi ti conservi, se ti curvi ti raddrizzi, se t’incavi ti riempi, se ti logori ti rinnovi, se miri al poco ottieni se miri al molto resti deluso. Per questo il santo preserva l’Uno e diviene modello al mondo. Non da sé vede perciò è illuminato, non da se s’approva perciò splende, non da sé si gloria perciò ha merito, non da sé s’esalta perciò a lungo dura. Proprio perché non contende nessuno al mondo può muovergli contesa. Quel che dicevano gli antichi: se ti pieghi ti conservi, erano forse parole vuote? In verità, integri tornavano.

Tao Te Ching – chapter 22

Yield and overcome; Bend and be straight; Empty and be full; Wear out and be new; Have little and gain; Have much and be confused.

Therefore wise men embrace the one And set an example to all. Not putting on a display, They shine forth. Not justifying themselves, They are distinguished. Not boasting, They receive recognition. Not bragging, They never falter. They do not quarrel, So no one quarrels with them. Therefore the ancients say, ‘Yield and overcome.’ Is that an empty saying? Be really whole, And all things will come to you.

Tao te Ching XXI : Svuotare il cuore


Tao te Ching XXI : Svuotare il cuore

Il contenere di chi ha la virtù del vuoto
solo al Tao s’adegua.
Per le creature il Tao
è indistinto e indeterminato.
Oh, come indeterminato e indistinto
nel suo seno racchiude le immagini!
Oh, come indistinto e indeterminato
nel suo seno racchiude gli archetipi!
Oh, come profondo e misterioso
nel suo seno racchiude l’essenza dell’essere!
Questa essenza è assai genuina
nel suo seno ne racchiude la conferma.
Dai tempi antichi sino ad oggi
il suo nome non passa
e così acconsente a tutti gli inizi.
Da che conosco il modo di tutti gli inizi?
Da questo.

Tao te Ching 21

The Master keeps her mind
always at one with the Tao;
that is what gives her her radiance.

The Tao is ungraspable.
How can her mind be at one with it?
Because she doesn’t cling to ideas.

The Tao is dark and unfathomable.
How can it make her radiant?
Because she lets it.

Since before time and space were,
the Tao is.
It is beyond is and is not.
How do I know this is true?
I look inside myself and see.

Tao te Ching XX


Tao te Ching XX : Differenziarsi dal volgo

Tralascia lo studio e non avrai afflizioni.
Tra un pronto e un tardo risponder sì
quanto intercorre?
Quel che gli altri temono
non posso non temer io.
Oh, quanto son distanti e ancor non s’arrestano!
Tutti gli uomini sono sfrenati
come a una festa o un banchetto sacrificale,
come se in primavera ascendessero ad una torre.
Sol io quanto son placido! tuttora senza presagio
come un pargolo che ancor non ha sorriso,
quanto son dimesso!
come chi non ha dove tornare.
Tutti gli uomini hanno d’avanzo
sol io sono come chi tutto ha abbandonato.
Oh, il mio cuore di stolto
quanto è confuso!
L’uomo comune è così brillante
sol io sono tutto ottenebrato,
l’uomo comune in tutto s’intromette,
solo io di tutto mi disinteresso,
agitato sono come il mare,
sballottato sono come chi non ha punto fermo.
Tutti gli uomini sono affaccendati
sol io sono ebete come villico.
Sol io mi differenzio dagli altri
e tengo in gran pregio la madre che nutre.

Tao te Chig 20

Stop thinking, and end your problems.
What difference between yes and no?
What difference between success and failure?
Must you value what others value,
avoid what others avoid?
How ridiculous!

Other people are excited,
as though they were at a parade.
I alone don’t care,
I alone am expressionless,
like an infant before it can smile.

Other people have what they need;
I alone possess nothing.
I alone drift about,
like someone without a home.
I am like an idiot, my mind is so empty.

Other people are bright;
I alone am dark.
Other people are sharper;
I alone am dull.
Other people have a purpose;
I alone don’t know.
I drift like a wave on the ocean,
I blow as aimless as the wind.

I am different from ordinary people.
I drink from the Great Mother’s breasts.

Tao Te Ching -XIX


Tao

Tao Te Ching 

XIX –TORNARE ALLA PUREZZA

Tralascia la santità e ripudia la sapienza
e il popolo s’avvantaggerà di cento doppie,
tralascia la carità e ripudia la giustizia
ed esso tornerà alla pietà filiale e alla clemenza
paterna,
tralascia l’abilità e ripudia il lucro
e più non vi saranno ladri e briganti.
Quelle tre reputa formali e insufficienti,
perciò insegna che v’è altro a cui attenersi:
mostrati semplice e mantienti grezzo,
abbi poco egoismo e scarse brame.

Tao Te Ching – chapter 19

Banish wisdom, discard knowledge,
Then the people will benefit a hundred times.
Banish human love, just dump righteous, moral justice,
And then the people will be dutiful and recover deep love of their kin.
Banish cunning and skill, dispel profit; dismiss utility,
Then thieves and robbers will disappear.
These three things are not enough; externals are somehow decorations,
And purposes are not enough; they tend to rob life and make it too little complicated.
Therefore let people hold well on to keeping accessories; keeping simplicity to look at.
Let them go on and shield their internal soul’s nature
As some ritual, raw block to hold,
And some private, secret means.
Let them foster less ardent desires.

Tao Te Ching XVI Volgersi alla radice


Tao Te Ching XVI volgersi alla radice

raggiunta la suprema vuotezza
si vive fermamente in tranquillità
mentre la moltitudine delle cose accade
io contemplo il loro ritorno
malgrado che le cose fioriscano
esse tornano tutte alla loro radice
ritornare alla propria radice è essere tranquillo
essere tranquillo è tornare al proprio destino
tornare al proprio destino è essere eterno
conoscere l’ eterno è essere illuminato
non conoscere l’ eterno è agire ciecamente danneggiandosi
conoscere l’ etrno è essere modelli
essere modelli è essere giusti
essere giusti è essere capaci di governare
essere capaci di governare è essere il cielo
essere il cielo è essere il Tao
essere il Tao è vivere lungamente
e non si incontrano danni per tutta la vita

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 16

Empty yourself of everything.
Let the mind rest at peace.
The ten thousand things rise and fall while the Self watches their return.
They grow and flourish and then return to the source.
Returning to the source is stillness, which is the way of nature.
The way of nature is unchanging.
Knowing constancy is insight.
Not knowing constancy leads to disaster.
Knowing constancy, the mind is open.
With an open mind, you will be openhearted.
Being openhearted, you will act royally.
Being royal, you will attain the divine.
Being divine, you will be at one with the Tao.
Being at one with the Tao is eternal.
And though the body dies, the Tao will never pass away.

Tao Te Ching XV Rendi palese la Virtù


Tao Te Ching  XV Rendi palese la Virtù

Gli antichi maestri eccellevano come adepti del Tao
penetravano l’arcano e comunicavano col mistero,
erano profondi da non poter essere compresi.
Proprio perché non possono essere compresi
io mi sforzerò di darne i tratti.
Irresoluti erano come chi d’inverno guada un fiume,
guardinghi erano come chi teme i vicini ai quattro lati,
rispettosi erano come chi è ospite,
frammentati erano come ghiaccio che si va fondendo,
schietti erano come legno non ancora sgrossato,
vuoti erano come valli,
torbidi erano come acqua motosa.
Chi è capace d’esser motoso
per fare illimpidire piano piano riposando?
Chi è capace d’esser placido
per far vivere pian piano rimuovendo a lungo?
Chi s’attiene a questa Via
non brama d’esser pieno,
e proprio perché non si riempie
può starsene nell’ombra senza innovar l’antico.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 15

The ancient masters were subtle, mysterious, profound, responsive.
The depth of their knowledge is unfathomable.
Because it is unfathomable,
All we can do is describe their appearance.
Watchful, like men crossing a winter stream.
Alert, like men aware of danger.
Courteous, like visiting guests.
Yielding, like ice about to melt.
Simple, like uncarved blocks of wood.
Hollow, like caves.
Opaque, like muddy pools.

Who can wait quietly while the mud settles?
Who can remain still until the moment of action?
Observers of the Tao do not seek fulfilment.
Not seeking fulfillment, they are not swayed by desire for change.

Tao Te Ching XIV Introduce al mistero


XIV : Introduce al mistero

A guardarlo non lo vedi,
di nome è detto l’Incolore.
Ad ascoltarlo non lo odi,
di nome è detto l’Insonoro.
Ad afferrarlo non lo prendi,
di nome è detto l’Informe.
Questi tre non consentono di scrutarlo a fondo,
ma uniti insieme formano l’Uno.
Non è splendente in alto
non è oscuro in basso,
nel suo volversi incessante non gli puoi dar nome
e di nuovo si riconduce all’immateriale.
È la figura che non ha figura,
l’immagine che non ha materia:
è l’indistinto e l’indeterminato.
Ad andargli incontro non ne vedi l’inizio,
ad andargli appresso non ne vedi la fine.
Attieniti fermamente all’antico Tao
per guidare gli esseri di oggi
e potrai conoscere il principio antico.
È questa l’orditura del Tao.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 14

Look, it cannot be seen – it is beyond form.
Listen, it cannot be heard – it is beyond sound.
Grasp, it cannot be held – it is intangible.
These three are indefinable;
Therefore they are joined in one.

From above it is not bright;
From below it is not dark:
An unbroken thread beyond description.
It returns to nothingness.
The form of the formless,
The image of the imageless,
It is called indefinable and beyond imagination.

Stand before it and there is no beginning.
Follow it and there is no end.
Stay with the ancient Tao,
Move with the present.

Knowing the ancient beginning is the essence of Tao.

Tao Te Ching XIII : Respingere la vergogna


Tao Te Ching XIII : Respingere la vergogna

Favore e sfavore fanno paura,
pregiar la propria persona è gran sventura.
Che significa
favore e sfavore fan paura?
Il favore è un abbassarsi:
nell’ottenerlo s’ha paura,
di perderlo s’ha paura.
Questo significa
favore e sfavore fan paura.
Che significa
pregiar la propria persona è gran sventura?
La ragione per cui ho gran sventura
è che tengo alla mia persona,
se non tenessi alla mia persona
quale sventura avrei?
Per questo
a chi di sé fa pregio a pro del mondo
si può affidare il mondo,
a chi di sé ha cura a pro del mondo

Tao Te Ching chapter 13

Accept disgrace willingly.
Accept misfortune as the human condition.

What do you mean by “Accept disgrace willingly”?
Accept being unimportant.
Do not be concerned with loss and gain.
This is called “accepting disgrace willingly.”

What do you mean by “Accept misfortune as the human condition”?
Misfortune comes from having a body.
Without a body, how could there be misfortune?

Surrender yourself humbly; then you can be trusted to care for all things.
Love the world as your own self; then you can truly care for all things.

Tao Te Ching XII : Reprimere le brame


Tao Te Ching

XII : Reprimere le brame

I cinque colori fan sì che s’acciechi l’occhio dell’uomo,
le cinque note fan sì che s’assordi l’orecchio dell’uomo,
i cinque sapori fan sì che falli la bocca dell’uomo,
la corsa e la caccia fan sì che s’imbesti il cuore dell’uomo,
i beni che con difficoltà si ottengono
fan sì che sia dannosa la condotta dell’uomo.
Per questo il santo
è per il ventre e non per l’occhio.
Perciò respinge l’uno e preferisce l’altro.

Tao Te Ching chapter 12


The five colours blind the eye.

The five tones deafen the ear.
The five flavours dull the taste.
Racing and hunting madden the mind.
Precious things lead one astray.

Therefore the sage is guided by what he feels and not by what he sees.
He lets go of that and chooses this.

Tao Te Ching XI L’utilità del non-essere


Tao Te Ching
XI : L’utilità del non-essere

Trenta raggi si uniscono in un solo mozzo
e nel suo non-essere si ha l’utilità del carro,
s’impasta l’argilla per fare un vaso
e nel suo non-essere si ha l’utilità del vaso,
s’aprono porte e finestre per fare una casa
e nel suo non-essere si ha l’utilità della casa.
Perciò l’essere costituisce l’oggetto
e il non-essere costituisce l’utilità.

XI

Thirty spokes converge
In the hub of a wheel;
But the use of the cart
Will depend on the part
Of the hub that is void.

With a wall all around
A clay bowl is molded;
But the use of the bowl
Will depend on the part
Of the bowl that is void.

Cut out windows and doors
In the house that you build;
But the use of the house
Will depend on the part
Of the house that is void.

Thus advantage is had
From whatever is there;
But usefulness arises
From whatever is not.

Tao Te Ching XXVII


Tao Te Ching XXVII : L’uso dell’abilità

Chi ben viaggia non lascia solchi né impronte,
chi ben parla non ha pecche né biasimi,

chi ben conta non adopra bastoncelli né listelle,
chi ben chiude non usa sbarre né paletti
eppure non si può aprire,
chi ben lega non usa corde né vincoli
eppure non si può sciogliere.
Per questo il santo
sempre ben soccorre gli uomini
e perciò non vi sono uomini respinti,
sempre bene soccorre le creature
e perciò non vi sono creature respinte:
ciò si chiama trasfondere l’illuminazione.
Così l’uomo che è buono
è maestro dell’uomo non buono,
l’uomo che non è buono
è profitto all’uomo buono.
Chi non apprezza un tal maestro,
chi non ha caro un tal profitto,
anche se è sapiente cade in grave inganno:
questo si chiama il mistero essenziale.

27

A good traveller leaves no track or trace behind, nor does fit activity. So a good runner leaves no track.

Perfect speech is like a jade-worker whose tool leaves no mark. Good speech leaves no flaws.

The perfect reckoner needs no counting-slips; the good reckoner uses no counters.

The perfect, shut door is without bolt nor bar and can’t be opened.

The perfect knot needs neither rope nor twine, yet can’t be untied. No one can untie it.

So the wise man is good at helping men, always good in saving men: the wise man is all the time helping men in the most perfect way – he certainly does not turn his back on men; is all the time in the most perfect way helping creatures. He certainly does not turn his back on creatures, and consequently no man is rejected. For that reason there is no useless person.

And he is always good in saving. So nothing is rejected.

This is called following the light [of nature] – is called resorting to the light, nay, stealing some divine light.

Truly, the good man is the teacher of the bad, as they say. But the bad man is the lesson of the good, in part some material from which the good can learn. And so the imperfect is the equipment of the perfect man”.

He who hardly respects or values his teacher, hardly cares for the material or loves his lesson, is gone far astray even if well versed.

That is the fine secret

Tao Te Ching X : Saper agire


X : Saper agire

Preserva l’Uno dimorando nelle due anime:
sei capace di non farle separare?
Pervieni all’estrema mollezza conservando il qi :
sei capace d’essere un pargolo?
Purificato e mondo abbi visione del mistero:
sei capace d’esser senza pecca?
Governa il regno amando il popolo:
sei capace di non aver sapienza?
All’aprirsi e al chiudersi della porta del Cielo
sei capace d’esser femmina?
Luminoso e comprensivo penetra ovunque:
sei capace di non agire?
Fa vivere le creature e nutrile,
falle vivere e non tenerle come tue,
opera e non aspettarti nulla,
falle crescere e non governarle.
Questa è la misteriosa virtù.

10

Can you keep the unquiet physical-soul from straying, hold fast to the unity and middle, and never quit it?

Can you, when concentrating your breath, make it soft like that of an infant?

Strive after less tainted perfection, let it be aided by penetrating insight. So wipe and cleanse your vision of the mystery till all is without blur.

Can you love the people and rule the land, yet remain unknown?

Can you in opening and shutting the heavenly gates, ever play the feminine part?

Can your mind penetrate every corner of the land, but you yourself never interfere? Can you renounce the grosser mind for comprehending all inside knowledge?

Produce things and rear well,

But never lay claims to such things –

Control them, never lean on them.

Rely on some innate ability to act well.

Be a sort of master among others, just refrain from mismanaging.

Here is found the essential Tao prowess. Feats like these suggest what Tao power is at bottom, and its deep, mystic virtue.

Tao te Ching IX – Tendere all’incolore


Tao te ching IX

Tendere all’incolore

Chi colma ciò che possiede
meglio farebbe a desistere,
chi batte a fino ciò che è appuntito
non lo mantiene a lungo intatto.
Un palazzo colmo d’oro e di gemme
non si può conservare,
chi si fa arrogante perché ricco e nobile
procura da sé la sua rovina.
Ad opera compiuta ritrarsi
è la Via del Cielo.

9

Filling all the way to the brim
Is not as good as halting in time.
Pounding an edge to sharpness
Will not make it last.
Keeping plenty of gold and jade in the palace
Makes no one able to defend it.
Displaying riches and titles with pride
Brings about one’s downfall.
To retreat after a work well done is Heaven’s Way.

Tao Te Ching VII Occultare la Luce


 

 

– VII –
OCCULTARE LA LUCE

Il Cielo è perpetuo e la Terra perenne.
La ragione per cui
il Cielo può essere perpetuo e la Terra perenne
è che non vivono per sé stessi:
perciò possono vivere a lungo.
Per questo il santo
pospone la sua persona
e la sua persona viene premessa,
apparta la sua persona
e la sua persona perdura.
Non è perché è spoglio di interessi?
Per questo può realizzare il suo interesse.


Tao Te Ching: Chapter 7
translated by J. H. McDonald (1996)

The Tao of Heaven is eternal,
and the earth is long enduring. [*]
Why are they long enduring?
They do not live for themselves;
thus they are present for all beings.

The Master puts herself last;
and finds herself in the place of authority.
She detaches herself from all things;
therefore she is united with all things.
She gives no thought to self.
She is perfectly fulfilled.