Risultati della ricerca per: 2011

David Sylvian Anthology 1987-2011


[youtube https://youtu.be/uF7ppq4l2ZI]

David Sylvian, al secolo David Alan Batt (Beckenham, 23 febbraio 1958), è un cantante, musicista compositore britannico, noto per essere stato frontman della bandJapan e per la sua carriera solista, improntata ad una musica sofisticata e sperimentale.

Dal 1978 al 1983 è stato la voce dei Japan, band londinese nata dal Glam rock/New wave che negli ultimi album, da Gentlemen Take Polaroids fino a Tin Drum, si cimenterà in sonorità ispirate alla musica giapponese, grazie anche alla collaborazione di Ryūichi Sakamoto.

Ha poi intrapreso una carriera da solista tra musica elettronica, rock progressivo e ambient music. Ha collaborato con Sakamoto, Robert Fripp (negli album The First Daye Damage: live), Bill Nelson, Holger Czukay (con il quale ha inciso Flux And Mutability e Plight And Premoniton), Christian Fennesz, Mark Isham, Jon Hassell, David Torn,Chris Vrenna, Blonde Redhead, Virginia Astley, Arve Henriksen, Joan Wasser e molti altri.

Tra i suoi lavori si annoverano gli album Brilliant Trees, Gone to Earth, Secrets of the Beehive (considerato da molti la sua pietra miliare), The First Day (in collaborazione con Robert Fripp), Dead Bees on a Cake, Blemish e Snow Borne Sorrow con il progetto Nine Horses. La sua musica viene definita “intimista”, “minimalista” o “rock postmoderno”.

Ha scritto una canzone dal titolo For the Love of Life per l’adattamento in anime del manga Monster di Naoki Urasawa, di cui diviene la sigla di chiusura per la prima metà della serie.

Per Manafon del 2009 David Sylvian ha collaborato con Evan Parker, John Tilbury, Keith Rowe, Christian Fennesz, Yoshihide Otomo e altri.

https://it.wikipedia.org/wiki/David_Sylvian

David Sylvian (born David Alan Batt, 23 February 1958) is an English singer-songwriter and musician who came to prominence in the late 1970s as the lead vocalist and main songwriter in the group Japan. His subsequent solo work is described by AllMusic critic Jason Ankeny as “a far-ranging and esoteric career that encompassed not only solo projects but also a series of fascinating collaborative efforts.”[1] Sylvian’s solo work has been influenced by a variety of musical styles and genres, includingjazz, avant-garde, ambient, electronic, and progressive rock.

https://en.wikipedia.org/wiki/David_Sylvian

Annunci

Sul sentiero


finalligth08

“Su qualunque sentiero gli uomini si avvicinano a Me, su quello Io andrò loro incontro. Perché tutti quei sentieri sono Miei!

                                         Bhagawad Gita – testo sacro indù

“On any path people come closer to me, about what I’m going to meet them. Because all those paths are Mine!

                                          Bhagawad Gita – Hindu sacred text

Smetti di soddisfare le aspettative degli altri


Smetti di soddisfare le aspettative degli altri

Smetti di soddisfare le aspettative degli altri, perché in questo modo puoi solo arrivare al suicidio. Non sei qui per soddisfare le aspettative di nessuno e nessuno è qui per soddisfare le tue. Non diventare mai vittima delle aspettative degli altri e non rendere nessuno vittima delle tue.

Questo è ciò che chiamo individualità. Rispetta la tua individualità e quella degli altri. Non interferire mai nella vita di qualcuno e non permettere a nessuno di interferire nella tua. Solo così potrai un giorno crescere e diventare spirituale.

Il novantanove per cento delle persone si suicida, la loro vita è un lento suicidio. Soddisfare queste aspettative, quelle aspettative… un giorno quelle del padre, un giorno della madre, un giorno della moglie, del marito, e poi dei bambini – anche loro si aspettano qualcosa. Poi c’è la società, i preti e i politici. Intorno a te, tutti si aspettano qualcosa. E tu, poverino, sei lì, un semplice essere umano – mentre il mondo intorno a te si aspetta questo o quello. E tu non puoi soddisfare queste aspettative, perché sono contraddittorie.

Sei diventato matto cercando di soddisfare le aspettative di tutti. E non ci sei riuscito. Nessuno è contento. Sei perso, esaurito, e nessuno è contento. Chi non è contento con se stesso non può essere contento di te. Qualunque cosa tu faccia, troveranno il modo di essere scontenti di te, perché non sono capaci di essere contenti.

La felicità è un’arte che va imparata. Non ha nulla a che vedere con ciò che fai o non fai. Invece di cercare di soddisfare gli altri, impara l’arte della felicità.

Osho

Stop fulfilling expectations of others

Stop fulfilling expectations of others, because that is the only way you can commit suicide. You are not here to fulfill anybody’s expectations and nobody else is here to fulfill your expectations. Never become a victim of others’ expectations and don’t make anybody a victim of your expectations. This is what I call individuality. Respect your own individuality and respect others’ individuality. Never interfere in anybody’s life and don’t allow anybody to interfere in your life. Only then one day you can grow into spirituality. Otherwise, ninety-nine percent of people simply commit suicide. Their whole life is nothing but a slow suicide. Fulfilling this expectation, that expectation…some day it was the father, some day it was the mother, some day it was the wife, husband, then come children – they also expect. You have to fulfill their expectations. Then the society, the priest and the politician, and all around everybody is expecting. And poor you there, just a poor human being – and the whole world expecting you to do this and that. And if you don’t fulfill their expectation and you can’t fulfill all of their expectations, because they are contradictory. That’s how many people have gone mad. And when I am saying many people have gone mad, don’t make an exception of yourself. You have gone mad fulfilling everybody’s expectations. And you have not fulfilled anybody’s; nobody is happy. This is the beauty. You are lost, completely destroyed, and nobody is happy. Because people who are not happy with themselves cannot be happy in any way. Whatsoever you do, they will find ways to be unhappy with you, because they cannot be happy. Happiness is an art that one has to learn. It has nothing to do with your doing or not doing.

Osho

Sforzi da fare


Sforzi da fare

“Voi avete bisogno di qualcuno che vi ricordi continuamente che ci
sono degli sforzi da fare. Se doveste attendere l’ispirazione per
mettervi al lavoro, non fareste grandi cose. L’ispirazione è una
grazia che non si sa quando si manifesterà. Per le grandi
imprese, potete senza dubbio attendere l’ispirazione per prendere
le migliori decisioni, ma per continuare a progredire nella vita
di tutti i giorni, la volontà deve essere costantemente
mobilitata. A tale scopo, avete bisogno di qualcuno, nel mondo
visibile o nel mondo invisibile, che vi ricordi quanti sforzi ed
esercizi dovete fare.
E che la mia insistenza non vi spaventi! Se non avete assimilato
alcune verità elementari e non le applicate, come posso condurvi
più lontano? Potrei farvi oggi delle rivelazioni sublimi, ma
domani non ne resterebbe più traccia poiché voi trascurate le
verità essenziali. Prendete dunque tre o quattro verità per
approfondirle, e in seguito potrete aggiungere ogni giorno nuove
ricchezze. “

Omraam Mikhaël Aïvanhov

 

Will, the – must be constantly called on to act
“You need someone to keep reminding you that there are efforts to be made. If you have to wait for inspiration before getting down to work, you will not do a great deal. Inspiration is a grace, and we don’t know when it will appear. Where major endeavours are concerned, you will certainly make the best decisions if you wait for inspiration, but when it comes to making ongoing progress in your everyday life, you will constantly need to call on your will. And for that you need someone in the visible or invisible world to remind you what efforts and exercises are necessary.
Don’t be shocked by my insistence! If you have not assimilated basic truths, if you do not apply them, how can I take you any further? I could offer you sublime revelations today, but tomorrow there would be no trace of them, because you neglect the essential truths. So take three or four truths and study them deeply, and then each day you will be able to add new riches.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Esiste


magiclife

“Esiste solo la sofferenza e non colui che soffre; c’è l’azione, ma non il suo autore; c’è il nirvana, ma non colui che lo persegue; c’è il sentiero, ma non il viaggiatore”.

                                          Il Buddha, Visuddhimagga

“There is only suffering and the suffering, there is action, but not its author, there is nirvana, but he who pursues him, there is a path, but not the traveler.”

                                           The Buddha, Visuddhimagga

Speranza – Aforisma


Speranza

Lanterna da portare in viaggio e da accendere nei momenti bui
per non perdere la rotta del nostro essere.

16.05.2011 Poetyca

Hope

Lantern to take on trips and a light in the darkest hours
to not to lose the route of our being.

16.05.2011 Poetyca

L’arte della trascendenza


L’arte delle trascendenza

“Un giorno il Buddha stava attraversando una foresta. Era un afoso giorno d’estate e aveva molta sete; disse ad Ananda, il suo discepolo più vicino: «Ananda, torna indietro. Cinque o sei chilometri fa, abbiamo attraversato un ruscello. Porta un po’ d’acqua, prendi la mia ciotola. Sono molto stanco e assetato». Era invecchiato…

Ananda tornò indietro, ma quando raggiunse il ruscello erano passati alcuni carri che avevano reso fangosa l’acqua. Le foglie morte che giacevano sul fondo erano sulla superficie; non era più possibile berla, perché si era intorbidita. Egli tornò a mani vuote e disse: «Dovrai aspettare un po’; andrò più avanti. Ho sentito dire che due, tre chilometri più avanti c’è un grande fiume. Porterò l’acqua da là».
Ma il Buddha insistette: «Torna indietro e prendi l’acqua da quel ruscello».

Ananda non riusciva a capire la sua insistenza, ma se il Maestro diceva così, il discepolo doveva eseguire l’ordine. Sebbene vedesse l’assurdità della cosa – camminare ancora per cinque chilometri, nonostante l’acqua non si potesse bere – si mise in cammino.

Mentre partiva, il Buddha gli disse: «Non tornare se l’acqua è ancora torbida. In quel caso, siediti sulla riva in silenzio. Non fare nulla, non entrare nel fiume. Siediti sulla riva in silenzio e osserva. Prima o poi l’acqua tornerà limpida, riempirai la ciotola e tornerai indietro».

Ananda andò e il Buddha aveva ragione: l’acqua era quasi pulita, le foglie se n’erano andate, il fango si era depositato; ma poiché non era ancora totalmente limpida, egli si sedette sulla riva a guardare il fiume scorrere. A poco a poco divenne chiaro come un cristallo. Allora tornò indietro danzando: aveva capito l’insistenza del Buddha. In ciò che era successo c’era un messaggio per lui, e l’aveva compreso. Diede l’acqua al Buddha e, ringraziandolo, gli toccò i piedi.

Il Buddha disse: «Che cosa stai facendo? Sono io che dovrei ringraziarti, poiché mi hai portato l’acqua».
Ananda rispose: «Adesso posso capire. Prima ero arrabbiato; non l’ho fatto vedere, ma lo ero perché pensavo fosse assurdo tornare indietro.

Tuttavia, ora comprendo il messaggio: era davvero ciò di cui avevo bisogno in questo momento. Seduto sulla riva del fiume, ho capito che la stessa cosa accade con la mente. Se salto nel ruscello, lo sporcherò di nuovo. Se salto nella mente, si crea più rumore, cominciano a sorgere nuovi problemi. Seduto in disparte, ho imparato la tecnica.

«Adesso anche con la mente mi siederò in disparte, osservandola in tutti i suoi problemi, la sporcizia, le foglie morte, le ferite, i traumi, i ricordi, i desideri. Imperturbato, starò seduto sulla riva, aspettando il momento in cui tutto sarà limpido.»
Accade da sé, perché quando siedi sulla riva della mente, non le dai più energia. Questa è la meditazione autentica. La meditazione è l’arte della trascendenza.”

OSHO, The Dhammapada: The Way of the Buddha, vol. 10, cap. 4.

The Art Of Transcendence

One day Buddha is passing by a forest. It is a hot summer day and he is feeling very thirsty. He says to Ananda, his chief disciple, “Ananda, you go back. Just three, four miles back we passed a small stream of water. You bring a little water — take my begging bowl. I am feeling very thirsty and tired.” He had become old.

Ananda goes back, but by the time he reaches the stream, a few bullock carts have just passed through the stream and they have made the whole stream muddy. Dead leaves which had settled into the bed have risen up; it is no longer possible to drink this water — it is too dirty. He comes back empty-handed, and he says, “You will have to wait a little. I will go ahead. I have heard that just two, three miles ahead there is a big river. I will bring water from there.”

But Buddha insists. He says, “You go back and bring water from the same stream.”

Ananda could not understand the insistence, but if the master says so, the disciple has to follow. Seeing the absurdity of it — that again he will have to walk three, four miles, and he knows that water is not worth drinking — he goes.

When he is going, Buddha says, “And don’t come back if the water is still dirty. If it is dirty, you simply sit on the bank silently. Don’t do anything, don’t get into the stream. Sit on the bank silently and watch. Sooner or later the water will be clear again, and then you fill the bowl and come back.”

Ananda goes there. Buddha is right: the water is almost clear, the leaves have moved, the dust has settled. But it is not absolutely clear yet, so he sits on the bank just watching the river flow by. Slowly slowly, it becomes crystal-clear. Then he comes dancing. Then he understands why Buddha was so insistent. There was a certain message in it for him, and he understood the message. He gave the water to Buddha, and he thanked Buddha, touched his feet.

Buddha says, “What are you doing? I should thank you that you have brought water for me.”

Ananda says, “Now I can understand. First I was angry; I didn’t show it, but I was angry because it was absurd to go back. But now I understand the message. This is what I actually needed in this moment. The same is the case with my mind — sitting on the bank of that small stream, I became aware that the same is the case with my mind. If I jump into the stream I will make it dirty again. If I jump into the mind more noise is created, more problems start coming up, surfacing. Sitting by the side I learned the technique.

“Now I will be sitting by the side of my mind too, watching it with all its dirtiness and problems and old leaves and hurts and wounds, memories, desires. Unconcerned I will sit on the bank and wait for the moment when everything is clear.”

And it happens on its own accord, because the moment you sit on the bank of your mind you are no longer giving energy to it. This is real meditation. Meditation is the art of transcendence.

Osho, The Dhammapada: The Way of the Buddha, Vol. 10, ch. 4.

Percorsi


63198_471569089645_742844645_5955757_2314205_n

Percorsi

Guardiamo la vita
prendendo le distanze
perché tutto si ripete
come una vecchia canzone
della quale conosciamo note
il ritmo e tutte le parole
Guardiamo e taciamo
con gli occhi rivolti al cielo
mentre il piede avanza
perché quel che si impara
è come seme da conservare
tenuto stretto in una tasca

13.07.2015 Poetyca

Paths

We look at life
moving away
because then it repeats
as an old song
which we know notes
the rhythm and all the words
We look and we are silent
with eyes turned to the sky
while the foot advances
because what you learn
It is to be preserved as seed
held tight in a pocket

13/07/2015 Poetyca

Ricerca della libertà


Ricerca delle libertà
Aforisma

Oltre il sogno o il miraggio nel deserto la speranza illumina la strada
e il nostro risveglio allontana le illusioni, conoscere la verità
rende sempre liberi.

28.02.2011 Poetyca

Finding freedom
Aphorism

Beyond the dream or the mirage in the desert
hope lights the way and our awakening away the illusions,
know the truth  makes us free.

28.02.2011 Poetyca

Impermanenza


Impermanenza
Aforisma

Il sorriso racconta di lacrime lontane
mentre una lacrima racconta il tuo ultimo sorriso

28,02.2011 Poetyca

 

Impermanence
Aphorism

The smile tells of tears away
as a tear tells your last smile

28,02.2011 Poetyca

Amare


Amare

“Un amore elevato richiede il tuo essere vulnerabile. Devi abbandonare la tua corazza, e questo è doloroso, devi smetterla di essere costantemente sulla difensiva, devi disfarti della tua mente calcolatrice, devi rischiare, devi vivere pericolosamente. L’altro può ferirti: per questo si ha paura di essere vulnerabili. L’altro può respingerti: per questo hai paura di innamorarti.
Vedrai la tua immagine riflessa nell’altro, e potrebbe essere qualcosa di orrendo.

Ma evitando le esperienze che la vita ti offre non crescerai mai. Devi accettare la sfida.”

Mohan Chandra Rajneesh Osho

To love

“A higher love requires your being vulnerable. You have to give up your armor, and this is painful, you need to stop being constantly on the defensive, you need to get rid of your calculating mind, you take risks, you have to live dangerously. The other can hurt you: for This one is afraid to be vulnerable. The other can reject you: why are you afraid of falling in love.
You’ll see your reflection in the other, and it could be something awful.

But avoiding the experiences that life offers you never grow. You must accept the challenge. “

Osho Rajneesh Chandra Mohan

Respiro in abbraccio


27a

Respiro in abbraccio

Essere nell’Essere
– senza separazione –
dove attimo è Adesso
nella mente/cuore
respiro in abbraccio
dove cadono tutte le paure

18.06.2015 Poetyca

Breath in embrace

being in Being
– Without separation –
where moment is now
in the mind / heart
breath in embrace
where they fall all fears

06/18/2015 Poetyca

Mattino senza silenzio


Mattino senza silenzio

Il giorno dormiente

si desta dallo sbadiglio
della notte silente
Respira l’alba
con cuore leggero
e conduce il passo
a raggi e riflessi di cielo
Fremente il giorno si mette in moto
e con ritmico ascolto si sente un canto
il gallo urla con note intonate
e tra i salici e il prato
sono ora i passeri ad accordare suono
La fretta reclama e rimugina dentro
mi metto in moto nel traffico lento
Troppe macchine
troppo rumore tra claxon impazziti
e continuo vociare
La città brulica e c’è confusione
tra autobus e studenti
impiegati e lavoro
S’è rotto l’incanto e m’immergo nel tempo
con la voglia d’urlare
ma resto in silenzio e cerco di respirare

30.09.2003 Poetyca

Morning without silence

The day sleeper

is aroused by yawn
silent night
Feel the sunrise
with a light heart
and leads up
ray and reflected sky
Quivering on the day is set in motion
and listen you will hear a rhythmic chant
the cock screams in tune with hints
and among the willows and the lawn
are now the sparrows to give sound
The claim quickly and within broods
I start moving in slow traffic
Too many cars
too much noise from horn mad
and continuous shouting
The city buzzes and there is confusion
between buses and students
employees and work
Has run the spell broke and I plunged in time
with the desire to scream
but I remain silent and try to breathe

30.09.2003 Poetyca

Semi buoni e cattivi


 

“Possedete un campo: se piantate contemporaneamente semi buoni e
cattivi, entrambi cresceranno insieme, perché la terra alimenta
tutti i semi. Non potete dirle che è stolta perché dovrebbe
soffocare i semi cattivi e lasciar crescere soltanto quelli
buoni, poiché essa vi risponderà: «Non capisco quello che dici.
Io proteggo e faccio crescere tutte le sementi. Per me tutto è
buono: anche il cattivo è buono».
Se proiettate pensieri buoni, la Natura li alimenterà, li
fortificherà, e la messe sarà magnifica; ma la Natura alimenterà
pure i vostri cattivi pensieri, perché i semi cattivi hanno
anch’essi la libertà di crescere. Fino a quando? Fino alla
mietitura. A quel punto, il padrone del campo darà l’ordine di
gettare nel fuoco le erbe cattive e di riempire il granaio con il
buon seme. È ciò che Gesù ha insegnato nella parabola della
zizzania e del frumento. Egli sapeva che il male, come il bene,
ha il diritto di crescere, e che sta all’uomo non seminare il
male.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

 

 

Seeds – good or bad, they have the right to grow
“You have a field. If you sow good and bad seeds in it at the same time, both will grow together, for the soil nourishes all seeds. You cannot convince it that this is stupid, that it should suppress the bad seeds and only let the good ones grow, because it will reply, ‘I don’t understand what you are saying. I protect all seeds and make them grow. To me, everything is good; even the bad is good.’
If you send out good thoughts, nature will feed them and make them strong, and the harvest will be magnificent. But it will also feed your negative thoughts, because the bad seeds are also free to grow. Until when? Until the harvest, when the farmer gives the order for the weeds to be thrown on the fire and the granary to be filled with the good grain. This is what Jesus taught in the parable of the weeds and the wheat. He knew that evil, like good, has a right to grow and that it is up to humans not to sow it.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Amare è agire


37223_406178744645_742844645_4688837_3581851_n

Amare è agire

 Più delle parole, del cercare di fare un varco
 nel cuore degli altri attraverso l’apparenza,
 amare è sempre agire,
 accogliendo ed offrendo quel che si è.

07.10.2014 Poetyca

To love is to act

  More than words, of trying to make an opening
  in the hearts of others through the appearance,
  love is always acting,
  accepting and offering what you are.

10/07/2014 Poetyca

In cerca d’amore


In cerca d’amore

Sei tu la vita
che prende colore
palpita e rinnova ali
per varcare il cielo
in cerca d’amore
Sei tu il respiro del tempo
che intreccia le anime
senza sosta
per tenerci uniti
ogni momento
dove è sempre amore

19.09.2003 Poetyca

Looking for love

You’re the life
that takes color
beats and renew wings
to cross the sky
looking for love
You’re the breath of time
that intertwines the souls
incessantly
to keep us together
any time
where it is always love

19.09.2003 Poetyca

Leggere dentro noi stessi


 

Leggere dentro noi stessi

Quando dentro di noi viviamo profondamente un momento di disagio,
a causa di gesti, di parole, di quello che altre persone dicono o fanno,
non è necessario imputare a loro la causa del nostro malessere:
in realtà ogni azione o parola è neutra, ma noi conferiamo ad essi
un eccesso di importanza, come se da esse si determina il valore di quello che noi siamo.
Questa è una buona occasione per comprendere il motivo per il quale
ci sentiamo tanto toccati,cosa ci aspettiamo e perchè siamo tanto vulnerabili ed insicuri.
Vogliamo apparire agli altri diversi da quello che realmente siamo?
Ma fuggire di fronte alle nostre incertezze non rendere migliore
il nostro percorso interiore, è invece necessario fermarsi e permettere
a noi stessi di leggere dentro di noi stessi, per capire da dove proviene la nostra paura.
Quando impariamo a riconoscere le nostre paure, le apparenze,
il bisogno di restare in superficie, la scelta facile di dare colpe ad altri,
allora noi siamo in grado di lasciare andare gli attaccamenti per accogliere
e vivere la realtà come essa è.

06.08.2011 Poetyca

Read inside ourselves

When we live inside a moment of deep distress,
because of gestures, words, of what other people say or do,
is not necessary to impute to them the cause of our malaise:
in fact every action or word is neutral, but we confer with them
too much importance, as if they determine the value of what we are.
This is a good opportunity to understand the reason why we feel so
touched, what we expect and why we are so vulnerable and insecure.
We want to appear to others different from what we really are?
But flee from uncertainty to our best not to make our inner journey,
it is not necessary to stop and allow ourselves to see inside of ourselves,
to understand where it comes from our fear.
When we learn to recognize our fears, the appearances,
the need to remain on the surface, the easy choice to give to other sins,
then we are able to let go of attachments to accommodate and live the reality as it is.

06.08.2011 Poetyca

Le nostre parole


36348_406177909645_742844645_4688831_8274134_n

Le nostre parole

Il nostro mondo è legato alle parole,
al loro significato e alla loro interpretazione,
parole possono essere scagliate
come frecce,
oppure possono essere delicate
come carezze sul cuore.
Sono armi o strumenti per costruire
Siamo noi a scegliere,
a portare attenzione perchè i rapporti umani
lascino sempre qualcosa … a lungo termine.

08.06.2015 Poetyca
Our words

Our world is related to words,
their meaning and their interpretation,
Words can be leveled
as arrows,
or they can be delicate
as caresses on the heart.
Are weapons or tools to build
  We choose,
to bring attention because human relationships
always leave something … in the long run.

08/06/2015 Poetyca

Un petalo d’amore


Un petalo d’amore

Consapevole il passo
di chi cerca dentro
di chi abbraccia il silenzio
e vive questo mistero:
via dalle illusioni
via dalle parole
per essere espanso attimo
per essere in ogni cosa
senza identificazione
senza aspettative
goccia,lampo, polline
che attraversa in un sospiro
tutto l’universo
La gioia è elettrica
la vita è uno scorrere lento
di nulla, di tutto
di aquiloni appesi alle stelle
dove non esiste separazione
e tu avvolgi tutto in un petalo d’amore

15.02.2011 Poetyca

A petal of love

Aware step
of who looking inside
of one who embraces the silence
and live this moment:
away from the illusions
away from the words
expanded mistery
to be in everything
without identification
no expectations
drop, flash, pollen
crossing with a sigh
the whole universe
The joy is electric
life is a slow flow
anything, everything
kites hanging from the stars
where there is no separation
and you wrap everything in a petal of love

15.02.2011 Poetyca

Senza lancette


Senza lancette

Negli sguardi sornioni
di gente che cerca di capire
passi di danza e parole
perchè i sogni
non hanno misura
ma sono capriole del cuore
che rincorrono momenti
e non hanno stagione
dove si sono perdute
le lancette del tempo

28.02.2011 Poetyca

Without lancets

in cunning glances
of people trying to understand
dance steps and words
because dreams
did not measure
but the heart somersaults
chasing time
andhave not seasonal
where they lost
the hands of time

28.02.2011 Poetyca

 

La coscienza di Dio


fioreloto

“Sulla foglia di loto della tua vita palpita la goccia di rugiada
della Coscienza di Dio. Comprendi questa verità! Trova il legame fra
la goccia di rugiada e la sorgente infinita, e troverai Dio!”

Paramahansa Yogananda

“On the lotus leaf in your life beats the dewdrop
Consciousness of God Understand this truth! Find the link between
the dewdrop and the infinite source, and you will find God! “

Paramahansa Yogananda

Vivere la Natura che si risveglia


“Certo la vita in Occidente è molto affannata e piena di distrazioni.
Ma volendo, se ci si impegna, si riesce a ritagliare spazi per
l’attività spirituale. Io dico sempre che, invece di fare lunghi
weekend o le ore piccole per divertirsi, ci si può svegliare presto
la mattina e godersi le emozioni della natura che si risveglia”.

Il Dalai Lama in un’intervista alla Repubblica, 9 dicembre 2001

“Certainly life in the West is very troubled and full of distractions.
But if you want, if you engage, you can cut out spaces for
spiritual activity. I always say that, instead of making long
weekend or the wee hours to have fun, you can wake up early
the morning and enjoy the excitement of awakening nature. “

The Dalai Lama in an interview to the Republic, December 9, 2001

Separati


199192_213452008681493_180153952011299_915126_1582933_n

Continuiamo a credere che siamo separati.
Non lo siamo – neanche per un solo istante.
Lascia andare l’idea della separazione
e sparirà la paura della morte.  
Se diventi uno con il tutto, vivrai per sempre,
sarai al di là della nascita e della morte.

                                          Osho

We continue to believe that we are separate.
We’re not – not even for an instant.
Let go of the idea of ​​separation
will disappear and the fear of death.
If you become one with everything, you will live forever,
‘re beyond birth and death.

                                           Osho

Io ci sono!


Io ci sono!

Canto d’anima…
Lo senti?
Tu lo conosci
e non sei lontano…

Pareti che si dilatano
a volte esplodono
ma non temere
io non fuggo
resto qui
…e non temo

Tu mi guardi …
io lo so,non sei solo
come non lo sono …
stata mai

A volte …
sono solo parole
mentre io vorrei
dire quell’oltre
che conosco
che vedo dentro di me

Non ho trovato ancora
chi sappia aprire gli occhi
chi raccolga le chiavi
della propria prigione
ma non temo …

E anche se il silenzio scivola…
tu sentimi…
io ci sono!

12.11.2003 Poetyca

I am here!

Song of soul …
Hear that?
You know him
and you’re not far away …

Walls that expand
sometimes explode
but fear not
I do not run away
rest here
… and I’m not afraid

You look at me …
I know, you’re not alone
nor are …
was never

Sometimes …
just words
while I would like
say that beyond
I know
I see in me

I have not found yet
those who canopen your your eyes
those who collect the keys
of its prison
but I am not afraid …

And even if the silence slips …
you hear me …
I am there!

12.11.2003 Poetyca

Amicizia


Amicizia

Sono in volo..
La notte il mio spazio libero,
il silenzio il mio ascolto
un raggio di sole la mia ricerca.

Una foglia agitata dal vento
pare abbia una lacrima
ma m’illudo che ascolti il mio cuore.

Amico ti sento..
le tue parole le conosco,
conosco il tuo sentimento
troppe volte ho visto il tuo pianto.

Ma ricorda sempre..
sei un gabbiano
le tue ali son forti
conosci i voli
mentr’io resto
attaccata al ramo.

Troppe compagne
ho visto cadere
conosco il mio destino,
vola dunque tu che puoi.

Il cuor tuo è di gabbiano
sii fiero di questo
fammi solo un favore:
” Fammi vivere ancora
raccontando a tutti
nei tuoi viaggi
di una foglia
che un giorno
ti diede ascolto”

Foglia mia
sarai anche piccola
ma…
Oggi mi hai detto
chi sono,me lo hai
ricordato,
non ti dimenticherò.

Ho un motivo per volare
per superare confini,
raccontare a tutti
che una piccola foglia
può nascondere saggezza.

Lo faccio per un motivo,
vorrei tu vivessi
per sempre
nella memoria.

Vorrei sapessero tutti
cosa sia il valore
dell’amicizia.

La foglia sorrise,
pur sapendo
che il destino chiamava
era certa ora
che dire la verità
traccia un segno
nella memoria.

La verità
non sarebbe
mai morta,
non sarebbe
mai morta
la loro amicizia.

27.06.2002 Poetyca

Friendship 

I am in flight ..
The night my free space,
the silence of my listening
a ray of sunshine to my research.

A leaf blown by the wind
seems to have a tear
m’illudo but it plays my heart.

I hear you friend ..
I know your words,
I know your feeling
Too many times I have seen your tears.

But always remember ..
you’re a seagull
your wings are strong
familiar Flights
while I rest
attached to the branch.

Too many companions
I saw it fall
I know my destiny,
So that you can fly.

The gull is your heart
Be proud of this
only show me a favor:
“Let me live again
telling everyone
in your travels
of a leaf
one day
I paid attention ”

My Leaf
be small
but …
Today you told me
Who are you to me
recalled,
I will not forget.

I have a reason to fly
to overcome borders,
tell all
a small leaf
can be hidden wisdom.

I do this for a reason,
I wish you lived
forever
in memory.

I would like to know all
What is the value
friendship.

The leaf smiled,
knowing
that destiny called
certain time was
that telling the truth
makes a mark
in memory.

The truth
never dead
never dead
their friendship.

27.06.2002 Poetyca

 

Bodhicaryavatara


Il Bodhicaryavatara

Capitolo I: Il beneficio dello spirito di risveglio

NOTA: Il Bodhicaryavatara (BCA) poichè compare su Shantideva in linea è una prova corretta basata sull’edizione di BIONA ed è stato esaminato per esattezza dagli insegnanti non solo di Chan, di Dzogchen e di Pureland, ma anche da Stephen Batchelor, il traduttore di uno dei migliori – versioni tibetane conosciute del Bodhicaryavatara.

1. Riverente piegandomi al Sugatas, che è dotato davanti il Dharmakaya, insieme ai loro bambini ed a tutti che sono degni di veneration, presenterò brevemente una guida alla disciplina dei bambini del Sugatas in conformità con le sacre scritture.

2. Ci è niente qui di che non sia stato detto prima, né ho tutta l’abilità in composizione. Quindi, non ho preoccupazione per il benessere di altri ed ho composto solamente questo per condire la mia propria mente.

3. A causa di questo, il potere della mia fede aumenta per coltivare la virtù. Inoltre, se qualcun’altro con una disposizione come il miei propri esamina questo, può essere espressivo.

4. Questa svago e dotazione, che sono così difficili verificarsi si sono acquistati e determinano il benessere del mondo. Se uno non riesce a prendere questa occasione favorevole in considerazione, come potrebbe questa occasione accadere ancora?

5. Appena poichè il lampo illumina la nerezza di una notte nuvolosa per un istante, nello stesso senso, dal potere del Buddha, le menti della gente sono occasionalmente momentaneamente propense verso merito.

6. Quindi, la virtù è perpetuo mai così debole, mentre il potere di vizio è grande ed estremamente terribile. Se non ci fosse spirito di risveglio perfetto, che cosa l’altra virtù lo sormonterebbe?

7. I signori delle salvie, che stanno contemplando per molti eoni, hanno veduto questo solo mentre una benedizione da cui la gioia è aumentata facilmente ed il gran numero illimitato di esseri sono salvati.

8. Coloro che lungamente per sormontare le miserie abbondanti dell’esistenza terrena, che desiderano dissipare le forze maggiori degli esseri sentient e coloro che yearn sperimentare una miriade delle gioia dovrebbe mai non forsake lo spirito di risveglio.

9. Quando lo spirito di risveglio ha presentato, in un istante un wretch che è limitato nella prigione del ciclo dell’esistenza è denominato un bambino del Sugatas e diventa degno di riverenza nei mondi dei dei e degli esseri umani.

10. Sul prendere questa forma impura, la converte nell’immagine senza prezzo della gemma del Jina. Così, tenga saldamente all’elisir del mercurio, denominato lo spirito di risveglio, che deve assolutamente essere convertito.

11. I soli capi del mondo, di cui le menti sono fathomless, hanno buono hanno esaminato il relativo gran valore. , Che sono inclinate per fuoriuscire dalle condizioni dell’esistenza terrena, tenete velocemente al gioiello dello spirito di risveglio.

12. Appena mentre un albero di plantano decade sulla perdita la relativa frutta, in modo da fa ogni altro declino di virtù. Ma l’albero dello spirito di risveglio perpetuo porta i suoi frutti, non decade e soltanto fiorisce.

13. A causa della relativa protezione, come dovuto la protezione di un uomo potente, anche dopo commettere i vizi orrendi, uno immediatamente sormonta i grandi timori. Perché gli esseri ignari gli non cercano il rifugio?

14. Come la conflagrazione ai tempi della distruzione dell’universo, consuma grande ghiaccia in un istante. Il signore saggio Maitreya ha insegnato ai relativi benefici incalcolabili a Sudhana.

15. Nel riassunto, questo spirito di risveglio è conosciuto per essere di due generi: lo spirito di risveglio e lo spirito di aspirazione per il risveglio e lo spirito di avventurarsi verso svegliarsi.

16. Appena poichè si percepisce la differenza fra una persona che yearns viaggiare e un viaggiatore, in modo da fa l’istruito riconosce la differenza corrispondente fra quei due.

17. Anche se il risultato dello spirito dell’aspirazione per il risveglio è grande all’interno del ciclo dell’esistenza, non è ancora come la condizione continua di merito dello spirito di avventurarsi.

18. A partire dal tempo che si adotta quello spirito con un atteggiamento irreversibile per la liberazione degli esseri sentient illimitati.

19. Da quel momento in poi, un flusso ininterrotto di merito, uguale al cielo, presenta costantemente anche quando uno è addormentato o distratto.

20. Il Tathágata egli stesso ha asserito valido questo nel Subahuprccha per gli esseri che sono propensi verso il poco veicolo.

21. Una persona well-intentioned che pensa, “eliminerò le emicranie degli esseri sentient,„ sopporto il merito illimitato.

22. Che cosa allora di una persona chi vuole rimuovere il dolore incomparabile di ogni singolo essere e dotarlo di buone qualità illimitate?

23. Chi ha persino una madre o un padre con tale altruismo? I dei, le salvie, o il Brahmas lo avrebbero?

24. Se quegli esseri non ha mai prima che avuto quel desiderio nel loro proprio interesse anche nei loro sogni, come potesse possibilmente averlo per altri?

25. Come questo gioiello senza precedenti e distinto, di cui il desiderio a favore di altri non presenta in altri neppure per il loro proprio interesse personale, entra in esistenza?

26. Come può uno misurare il merito del gioiello della mente, che è il seme dei mondi la gioia ed il rimedio ai mondi sta soffrendo?

27. Se la riverenza per il Buddhas è oltrepassata soltanto tramite un’intenzione altruistica, quanto più così tentando d’ottenere la felicità completa di tutti gli esseri sentient?

28. Quelli che vogliono fuoriuscire dalla sofferenza accelerano a destra verso soffrire. Con molto il desiderio per felicità, da delusione distruggono la loro propria felicità come se sia stato un nemico.

29. Soddisfa con tutte le gioia coloro che è affamato per felicità ed elimina tutti i dispiaceri di coloro che è afflitto in molti sensi.

30. Dissipa la delusione. Dove altrimenti è ci un tal san? Dove altrimenti è ci un tal amico? Dove altrimenti è ci tale merito?

31. Anche si chi rimborsa un documento legale gentile è elogiato piuttosto, in modo da che cosa dovrebbe essere detto di un bodhisattva di cui il buon documento legale è non sollecitato?

32. Gli onori del mondo come quello virtuoso chi fa un regalo ad alcuna gente, anche se è soltanto una donazione momentanea e sprezzante di alimento e di contributo normali a mezza giornata.

33. Che cosa allora di uno chi per sempre concede agli esseri sentient innumerevoli l’adempimento di tutti i desideri, che è inesauribile fino all’estremità degli esseri illimitati quanto lo spazio?

34. Il signore dichiarato, “uno chi produce un pensiero impuro nel suo cuore contro un benefattore, un bambino del Jina, abiterà negli inferni per altretanti eoni poichè ci erano pensieri impuri.

35. Ma se la sua mente è inclinata gentilmente, una produrrà una frutta ancora maggior. Anche quando un crimine notevolmente violento è commesso contro i bambini del Jinas, la loro virtù presenta spontaneamente.

36. Rendo l’omaggio ai corpi di quelli quale questo gioiello prezioso della mente ha presentato. Vado per il rifugio a coloro che è menti della gioia, verso quale persino un’offesa provoca la felicità.

The Bodhicaryavatara

Chapter I: The Benefit of the Spirit of Awakening

NOTE: The Bodhicaryavatara (BCA) as it appears on Shantideva Online is a corrected proof based on the BIONA edition and has been examined for accuracy by not only Chan, Dzogchen, and Pureland teachers, but also by Stephen Batchelor, the translator of one of the better known Tibetan versions of the Bodhicaryavatara.

1. Reverently bowing to the Sugatas, who are endowed with the Dharmakaya, together with their children and all who are worthy of veneration, I shall concisely present a guide to the discipline of the children of the Sugatas in accordance with the scriptures.

2. There is nothing here that has not been said before, nor do I have any skill in composition. Thus, I have no concern for the welfare of others, and I have composed this solely to season my own mind.

3. Owing to this, the power of my faith increases to cultivate virtue. Moreover, if someone else with a disposition like my own examines this, it may be meaningful.

4. This leisure and endowment, which are so difficult to obtain have been acquired, and they bring about the welfare of the world. If one fails to take this favorable opportunity into consideration, how could this occasion occur again?

5. Just as lightning illuminates the darkness of a cloudy night for an instant, in the same way, by the power of the Buddha, occasionally people’s minds are momentarily inclined toward merit.

6. Thus, virtue is perpetually ever so feeble, while the power of vice is great and extremely dreadful. If there were no spirit of perfect awakening, what other virtue would overcome it?

7. The Lords of Sages, who have been contemplating for many eons, have seen this alone as a blessing by which joy is easily increased and immeasurable multitudes of beings are rescued.

8. Those who long to overcome the abundant miseries of mundane existence, who wish to dispel the adversities of sentient beings, and those who yearn to experience a myriad of joys should never forsake the spirit of awakening.

9. When the spirit of awakening has arisen, in an instant a wretch who is bound in the prison of the cycle of existence is called a child of the Sugatas and becomes worthy of reverence in the worlds of gods and humans.

10. Upon taking this impure form, it transmutes it into the priceless image of the gem of the Jina. So, firmly hold to the quicksilver elixir, called the spirit of awakening, which must be utterly transmuted.

11. The world’s sole leaders, whose minds are fathomless, have well examined its great value. You, who are inclined to escape from the states of mundane existence, hold fast to the jewel of the spirit of awakening.

12. Just as a plantain tree decays upon losing its fruit, so does every other virtue wane. But the tree of the spirit of awakening perpetually bears fruit, does not decay, and only flourishes.

13. Owing to its protection, as due to the protection of a powerful man, even after committing horrendous vices, one immediately overcomes great fears. Why do ignorant beings not seek refuge in it?

14. Like the conflagration at the time of the destruction of the universe, it consumes great ices in an instant. The wise lord Maitreya taught its incalculable benefits to Sudhana.

15. In brief, this spirit of awakening is known to be of two kinds: the spirit of awakening, and the spirit of aspiring for awakening, and the spirit of venturing towards awakening.

16. Just as one perceives the difference between a person who yearns to travel and a traveler, so do the learned recognize the corresponding difference between those two.

17. Although the result of the spirit of aspiring for awakening is great within the cycle of existence, it is still not like the continual state of merit of the spirit of venturing.

18. From the time that one adopts that spirit with an irreversible attitude for the sake of liberating limitless sentient beings.

19. From that moment on, an uninterrupted stream of merit, equal to the sky, constantly arises even when one is asleep or distracted.

20. The Tathágata himself cogently asserted this in the Subahuprccha for the sake of beings who are inclined toward the lesser vehicle.

21. A well-intentioned person who thinks, “I shall eliminate the headaches of sentient beings,” bears immeasurable merit.

22. What then of a person who desires to remove the incomparable pain of every single being and endow them with immeasurable good qualities?

23. Who has even a mother or father with such altruism? Would the gods, sages, or Brahmas have it?

24. If those beings have never before had that wish for their own sake even in their dreams, how could they possibly have it for the sake of others?

25. How does this unprecedented and distinguished jewel, whose desire for the benefit of others does not arise in others even for their own self-interest, come into existence?

26. How can one measure the merit of the jewel of the mind, which is the seed of the worlds joy and is the remedy for the worlds suffering?

27. If reverence for the Buddhas is exceeded merely by an altruistic intention, how much more so by striving for the complete happiness of all sentient beings?

28. Those desiring to escape from suffering hasten right toward suffering. With the very desire for happiness, out of delusion they destroy their own happiness as if it were an enemy.

29. He satisfies with all joys those who are starving for happiness and eliminates all the sorrows of those who are afflicted in many ways.

30. He dispels delusion. Where else is there such a saint? Where else is there such a friend? Where else is there such merit?

31. Even one who repays a kind deed is praised somewhat, so what should be said of a bodhisattva whose good deed is unsolicited?

32. The world honors as virtuous one who makes a gift to a few people, even if it is merely a momentary and contemptuous donation of plain food and support for half a day.

33. What then of one who forever bestows to countless sentient beings the fulfillment of all yearnings, which is inexhaustible until the end of beings as limitless as space?

34. The Lord declared, “One who brings forth an impure thought in his heart against a benefactor, a child of the Jina, will dwell in hells for as many eons as there were impure thoughts.

35. But if one’s mind is kindly inclined, one will bring forth an even greater fruit. Even when a greatly violent crime is committed against the children of the Jinas, their virtue spontaneously arises.

36. I pay homage to the bodies of those whom this precious jewel of the mind has arisen. I go for refuge to those who are minds of joy, toward whom even an offence results in happiness.


Come pregare


Come pregare….

“Una volta Mosè si imbattè
in un uomo che stava
pregando, ma recitava una strana preghiera, così assurda che
Mosè si fermò.
Non solo la preghiera era
assurda, era addirittura
un insulto verso Dio.
L’uomo diceva:
“Lascia che mi avvicini a te,
o Signore, e ti prometto che pulirò
il tuo corpo quando è sporco.
Se hai i pidocchi, te li toglierò.
E sono un buon calzolaio,
ti farò delle scarpe perfette.
Nessuno si prende cura di
te, o Signore…
io mi prenderò cura di te!
Quando sarai
malato, ti servirò e ti porterò
le medicine.
E sono anche un bravo cuoco!”.
Mosè gridò: “Basta! Basta con queste assurdità! Cosa dici?
Che Dio ha i pidocchi? E che le sue vesti sono sporche e tu le pulirai?
E che gli farai da cuoco?
Chi ti ha insegnato
questa preghiera?”
L’uomo rispose:
“Non l’ho appresa da nessuno.
Io sono uomo povero e ignorante,
e so di non saper pregare.
L’ho inventata io… e queste sono le cose che conosco.
I pidocchi mi danno molto fastidio,
quindi penso che diano fastidio
anche a Dio. E a volte il cibo
che mangio non è molto buono,
e mi fa male lo
stomaco. Anche Dio, ogni tanto, deve aver il mal di stomaco!
Questa è semplicemente la mia esperienza,
ed è diventata la mia preghiera.
Ma se tu conosci la
preghiera giusta, per favore insegnamela.”
E Mosè gli insegnò
la preghiera giusta.
L’uomo si prostrò ai piedi di Mosè,
lo ringraziò, versando lacrime
di profonda riconoscenza.
Quando se ne andò,
Mosè era felicissimo,
pensava di aver compiuto una
buona azione.
Levò lo sguardo al cielo per vedere
che cosa ne pensasse Dio.
E vide che Dio era molto adirato!
Gli disse:
“Ti ho mandato nel mondo perchè tu avvicinassi la gente a
me, ma ora hai allontanato una delle persone che mi
ama di più. Ora questa “preghiera giusta” che tu gli hai
insegnato non sarà affatto
una preghiera, perchè la
preghiera non ha nulla a che vedere con la legge, essa è amore.
L’amore è una legge in sè,
non ha bisogno
di nessun’altra legge.”

E con l’amore accade la grazia!
Con l’amore accade la verità.
Ricorda,
se riesci a comprendere la verità,
la verità libera.
E non esiste altra liberazione.
Osho – da: “Come fallow me”

How to pray ….

“Once
Moses came upon
a man who was
praying, but prayer recited a strange, so absurd that
Moses stood.
Not only was the prayer
absurd, it was even
an insult to God
The man said:
“Let me closer to you,
O Lord, and I promise I will clean
When your body is dirty.
If you have lice, you will remove them.
It is a good shoemaker,
I’ll make the perfect shoes.
No one takes care of
You, O Lord …
I will take care of you!
When you
sick, I will serve you and I will take
the medicines.
It is also a good cook. “
Moses cried out: “Enough! Enough of this nonsense! What do you say?
That God has lice? And his clothes are dirty and you will pulirai?
And what do the chef?
Who taught you
this prayer? “
The man replied:
“I’ve learned by anyone.
I am poor and ignorant man,
and I know I do not know how to pray.
I invented … and those are the things that I know.
Lice give me much trouble,
so I think we get in the way
God also at times the food
I eat is not very good,
and it hurts him
the stomach. Even God, every time, must have a stomach ache!
This is just my experience,
and has become my prayer.
But if you know the
Prayer right, please Teach. “
And Moses taught
prayer right.
The man fell at the feet of Moses,
thanked him, shedding tears
of deep gratitude.
When he left,
Moses was very happy,
thought he had made a
good deed.
He looked up to heaven to see
what do you think God
And he saw that God was very angry!
Said:
“I sent into the world because you bring people to
me, but now you have removed one of the people I
he loves best. Now this “just pray” that thou hast
not be taught at all
a prayer, because the
Prayer has nothing to do with the law, it is love.
Love is a law in itself,
does not need
of any other law. “

And with the grace of love happens!
With the love of the truth happens.
Remember,
if you can understand the truth,
the truth free.
And there is no other liberation.

Osho – From: “How to fallow me”

I due tipi d’amore: l’amore “bisogno” e l’amore “dono”



 
I due tipi d’amore: l’amore “bisogno” e l’amore “dono”
 

“..la prima cosa: ci sono due tipi di amore. L’”amore-bisogno” e l’”amore-dono”. La distinzione è significativa e deve essere compresa.

L’ ”amore-bisogno” o l’ ”amore-carenza” dipende dall’altro, è amore immaturo. Tu usi l’altro, lo usi come un mezzo: sfrutti, manipoli, domini. In questo modo l’altro è reso succube, viene praticamente distrutto; ma anche l’altro fa esattamente la stessa cosa: tenta di manipolarti, di dominarti, di possederti, di usarti.

Usare un altro essere umano non ha niente a che fare con l’amore: sembra amore ma è una moneta falsa. Eppure questo è ciò che accade al novantanove per cento della gente perché la prima lezione d’amore la impari nella tua infanzia…milioni di persone rimangono infantili per tutta la vita, non crescono mai. Invecchiano, ma nella loro mente non crescono mai; la loro psicologia rimane infantile, immatura. Hanno sempre bisogno di amore. Sono sempre affamate di amore, lo bramano come il cibo.

L’uomo matura nel momento in cui comincia ad amare piuttosto che ad avere bisogno. Comincia a traboccare a condividere, comincia a donare. La differenza è fondamentale.

Nel primo caso ciò che importa è avere di più; nel secondo, l’importante è come donare sempre di più e incondizionatamente. Questo significa crescita, è l’inizio della maturità.

Una persona matura dà. Solo una persona matura può dare, perché solo una persona matura può avere. In questo caso l’amore non è dipendente, e tu puoi amare che l’altro ci sia o no.In questo caso l’amore non è una relazione, è uno stato dell’essere.

Ebbene questo è il paradosso: coloro che si innamorano non hanno amore, ecco perché si innamorano. E poiché non hanno amore, non possono darne. E ancora una cosa: una persona immatura si innamora sempre di un’altra persona immatura, perché parlano la stessa lingua.

Una persona matura ama una persona matura. Una persona immatura ama una persona immatura. Puoi continuare a cambiare marito o moglie mille volte, troverai di nuovo lo stesso tipo di persona e la stessa miseria ripetuta in forme diverse; ma la stessa miseria ripetuta è praticamente la stessa cosa. Il problema di base nell’amore è che prima devi diventare maturo, allora troverai un partner maturo: le persone immature non ti attireranno affatto.

Le persone immature che cadono in amore distruggono a vicenda la propria libertà, creano un legame, una prigione. Le persone mature in amore si aiutano a essere libere, si aiutano l’un l’altra a distruggere ogni tipo di legame.E quando l’amore fluisce nella libertà c’è bellezza. Quando l’amore fluisce nella dipendenza c’è bruttezza.

Ricorda, la libertà è un valore più alto dell’amore. Quindi se l’amore distrugge la libertà, non ha alcun valore.

L’amore può essere lasciato cadere, la libertà deve essere salvata: è un valore più elevato. E senza libertà non potrai mai essere felice, non è possibile.

Libertà è il desiderio intrinseco di ogni uomo, di ogni donna: libertà totale, assoluta. Ecco perché si inizia ad odiare tutto ciò che è distruttivo nei confronti della libertà.

Non odi forse l’uomo che ami? Non odi la donna che ami? Tu odii fatalmente. E’ un male necessario, devi tollerarlo. Poiché non sei in grado di stare da solo devi riuscire a stare con qualcuno e devi adeguarti alle richieste dell’altro. Devi tollerare, devi sopportare….”

Tratto dal libro:
“Con te e senza di te” di Osho

Both types of love: love “need” and love “gift”

“.. The first thing: there are two kinds of love. L ‘” love-need “and'” love-gift. “The distinction is significant and must be understood.

L ‘”love-need” or’ “love-shortage” depends on the other, it is immature love. You use the other, use it as a means: exploit, manipulate, dominate. In this way, the other is made under the thumb, is practically destroyed, but the other does the same thing: trying to manipulate, to dominate, to possess, to use you.

Using another human being has nothing to do with love, but love seems a smash.Yet this is what happens to the ninety-nine percent of the first people to learn the lesson of love in your childhood … millions of people remain children for life, never grow up. Age but never grow up in their minds, their psychology is childish, immature. They always need love. I’m always hungry for love, I crave as food.

The mature man when he begins to love rather than need. Begins to overflow to share, start giving. The difference is crucial.

In the first case, what matters is having more in the second, the important thing is how to donate more and unconditionally. This means growth, it is the beginning of maturity.

A mature person gives. Only a mature person can make, because only a mature person can have. In this case, love is not dependent on, and you can love the other person is there or no.In this case is not a love relationship, is a state of being.

Well this is the paradox: those who fall in love do not love, that’s why they fall in love. And since they did not love, can not give. And one more thing: an immature person always falls in love with another immature person, because they speak the same language.

A mature person loves a person ages. An immature person like an immature person. You can keep changing their husband or wife a thousand times, you will find again the same kind of person and the same misery repeated in different forms, but repeated the same misery is pretty much the same thing. The basic problem is that first love must become mature, then you will find a partner mature: immature people do not attract at all.

People who fall in love immature destroy each other’s freedom, create a bond, a jail. Mature people in love will help us be free, they help each other to destroy any kind of legame.E when love flows in freedom there is beauty. When love flows into addiction is ugliness.

Remember, freedom is a higher love. So if you love destroys freedom, has no value.

Love can be dropped, freedom must be saved: it is a higher value. And without freedom you will never be happy, you can not.

Freedom is the inherent desire of every man, every woman: total freedom, absolute. That’s why you start to hate everything that is destructive to freedom.

Maybe not hate the man you love? Do not hate the woman you love? You hate fatally. It ‘a necessary evil, you have to tolerate it. Because you are not able to be alone must be able to be with someone and you have to adapt to the requirements of the other. You have to tolerate, you have to endure …. “

From the book:
“With you and without you” by Osho