Archivio | 01/09/2020

Ed è – And it is


Ed è
Ed è sempre accordo
che cerca se stesso
per condurre musica
dell’equilibrio
E’ sempre suono
che vibrante t’attraversa
per essere d’Amore
rotta e viaggio
di perenne scoperta

05.02.2004 Poetyca
And it is
And it is always agreement
that self-seeking
to conduct music
balance
It ‘s always sound
that vibrant across you
for Love
route and travel
of perpetual discovery

05.02.2004 Poetyca

Ricorda – Remember


Ricorda

Per favore…
Ricorda che il cammino non è sempre facile
e che non sempre si è compresi.

Regaliamo amore
e riceviamo spesso rabbia…

Tante volte vorrei mollare tutto,
sparire nel silenzio.

Spesso sono stanca
e non ho il tempo di riposare.

Molte volte spero e prego in silenzio
per chi non sa fare un passo
e non afferra quello che lancio.

Ma..
Quando una persona amata
mi regala qualcosa che accarezza
la mia anima
io divento più forte
ed ogni amarezza svanisce per incontrare la luce.

15.10.2008 Poetyca

Remember

Please … Remember that the path is not always easy
and that is not always understood.

Free love
and often we get angry …

Many times I would give everything,
disappear into silence.

Often I am tired
and I do not have time to rest.

Many times I hope and pray in silence
if you do not know to take a step
and what is irrelevant to launch.

But ..
When a loved one
gives me something that caresses
my soul
I become stronger
and any bitterness fades to meet the light.

15.10.2008 Poetyca

Fotografia – Photo


Fotografia

Ricordi impressi in una fotografia
tempo ingiallito che riporta indietro
e tra una lacrima di nostalgia
e una spolverata memoria
rimane il mio sorriso
per aver toccato viaggi a ritroso
Tutto questo io l’ho vissuto

Poetyca 28.10.2003

Photo

Memories etched in a photograph
yellowed time recalling past
and between a tear of nostalgia
and a sprinkling memory
is my smile
for touching journey back
All this I have lived

Poetyca 28.10.2003

Strade già note – Already known streets


Strade già note

Ė viaggio
della mente
ritornando
a casa
dove i pensieri
ripercorrono
strade già note
edificando
indelebili ricordi
soffiati in cuore

30.08.2016 Poetyca

Already known streets

It is travel
of mind
returning
at home
where thoughts
retrace
already known streets
edifying
unforgettable memories
puffed heart

30/08/2016 Poetyca

Parole vive – Living words


🌸Parole vive🌸

Armonia
di parole
regala
palpito

Sillabe
in intreccio
come ali
nel vento

25.08.2020 Poetyca
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Living words

Harmony
of words
gives
heartbeat

Syllables
intertwining
like wings
in the wind

25.08.2020 Poetyca

Con la mente del cuore – With the mind of the heart


309483_228093627240058_1110643312_n
Con la mente del cuore

La via ė nel mezzo tra lo sperare e il disperare. Non ha senso disperarsi,in fondo il pre – occuparsi significa vedere prima che gli eventi avvengano qualcosa che si teme e si offre il fianco alla paura e all’ansia. Chi invece spera eccessivamente, perdendo di vista la realtà, soggiogato dall’illusione potrebbe delegittimare la necessità di poggiare i piedi per terra e non perdersi in illusioni. Sperare ė lecito per costruire buone azioni. La verità ė nel mezzo con la mente del cuore.

25.11.2015.Poetyca
With the mind of the heart

The way is in the middle between hope and despair. It makes no sense to despair, after the pre – deal means seeing before events take place something that is feared and provides the side with fear and anxiety. Those who hope excessively, losing sight of reality, illusion subjugated could delegitimize the need to rest your feet on the ground and not get lost in illusions. Ė lawful hope to build good deeds. The truth is in the middle with the heart-mind.

25.11.2015.Poetyca

Senza tempo – Timeless


Senza tempo

Inesorabile
il tempo
alla parete
non frena
la sua corsa
Fuggono via
le lancette
e nel silenzio
assaporo
solo il presente

12.08.2016 Poetyca

Timeless

Inexorable
the weather
to the wall
does not brake
its run
flee
the hands
and silence
I savor
only the present

08/12/2016 Poetyca

Sofferenza – Suffering


🌸Sofferenza🌸

Saper accogliere il dolore degli altri è anche aver saputo accogliere il proprio; esser stati capaci di immergersi in esso senza temere. Poi forse il tempo o l’esperienza insegnano a offrire parole e sostegno che sono espressione viva del vissuto
è com – partecipazione .

Come dice Osho si potrebbe con – dividere quello che si vuole trasmettere;
ma il silenzio, l’intesa anche se
non si usano parole è com – unione.

Chi apre il chakra del cuore;
senza averne cercato il fine,
si accorge che si assimila
quello che gli altri vivono in assonanza
e sintonia che è ” empatia ”
alla quale si resta sgomenti
all’inizio ma che si impara a gestire.

A volte il destino non fa trovare
persone che sappiano,in atto reciproco,
dare lo stresso ascolto.

Non sempre si è forti e capaci di affrontare le prove della vita; ma nella capacità
di essere autoconsapevoli e nell’autostima
si impara che abbiamo già gli strumenti
per affrontare ogni cosa.

Chi ci affianca è semplicemente capace
di farci da specchio; in noi il riconoscere
chi siamo.

11/10/2005 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Suffering

Knowing how to welcome the pain of others is also knowing how to welcome one’s own; having been able to immerse yourself in it without fear. Then perhaps time or experience teach us to offer words and support that are a living expression of our experience
is com – participation.

As Osho says, one could share – what one wants to transmit;
but silence, understanding even if
words and communion are not used.

Who opens the heart chakra;
without having sought the end,
he realizes that he assimilates
what others live in assonance
and harmony that is “empathy”
to which one is dismayed
at the beginning but that you learn to manage.

Sometimes fate does not find
people who know, in mutual act,
listen carefully.

You are not always strong and capable of facing the trials of life; but in capacity
to be self-aware and in self-esteem
you learn that we already have the tools
to face everything.

Those who work alongside us are simply capable
to act as a mirror; in us the recognition
who we are.

10/11/2005 Poetyca

Felicità – Happiness – Paramahansa Yogananda


🌸Felicità🌸

Cercare felicità
all’esterno di noi stessi
è come cercare
di prendere al laccio
una nuvola.

Paramahansa Yogananda
🌸🍃🌸#pensierieparole
🌸Happiness

Seek happiness
outside of ourselves
it’s like searching
to snare
a cloud.

Paramahansa Yogananda

Essere te stesso – Be yourself – Osho


Essere te stesso

In una società migliore,
formata da persone
più comprensive,
nessuno vorrà cambiarti.
Tutti ti aiuteranno
ad essere te stesso
perché essere te stesso
è la cosa più preziosa al mondo.

Osho

Be yourself

In a better society,
formed by people
more understanding,
no one will want to change you.
Everyone will help you
to be yourself
why be yourself
it is the most precious
thing in the world.

Osho

Cerchi concentrici – Concentric circles


🌸Cerchi concentrici🌸

Tu puoi osare
e dire quello
che sei
anche in silenzio

Ogni attimo
ogni sfumatura
è manifesto
modo di essere

Getta il sasso
nello stagno
e mille onde
sono riflesso

24.08.2020 Poetyca
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Concentric circles

You can dare
and say that
you are
even in silence

Every moment
every nuance
is manifest
way of being

Throw the stone
in the pond
and a thousand waves
are reflected

24.08.2020 Poetyca

Dire Straits – Sultans Of Swing: The Very Best Of Dire Straits



I Dire Straits (IPA: [daɪə(ɹ) stɹeɪts]) sono stati un gruppo rock britannico fondato nel 1977 da Mark Knopfler (voce, chitarra e autore di tutti i brani[4]) insieme al fratello David Knopfler (chitarra), a John Illsley (basso) e a Pick Withers (batteria)[3]. Nel corso degli anni, la band conobbe qualche avvicendamento nella formazione, che in tempi diversi vide Alan Clark (tastiere), Hal Lindes (chitarra), Terry Williams (batteria) e Guy Fletcher (tastiere) entrare a far parte del progetto come componenti stabili, affiancati di volta in volta – in base alle varie esigenze interpretative – da alcuni turnisti[3].

Il gruppo proponeva un rock limpido[1][2], costruito intorno agli stilemi del blues rock[3][5] e contraddistinto da un’ampia gamma di influenze musicali, tra le quali spiccavano elementi country, folk, jazz e rock progressivo[6][7]. Pur collocandosi in netta controtendenza rispetto ai canoni del periodo, dominato da post-punk, new wave, soft rock e disco music[2][8][9], i Dire Straits si affermarono grazie a sonorità originali e immediatamente riconoscibili[10], nonché alla loro abilità tecnica come esecutori[1][5]. Il frontman Mark Knopfler, in particolare, fin dagli esordi è stato considerato un virtuoso della chitarra[1][5] e un autore di talento[11][12].

L’atteggiamento sobrio e modesto, agli antipodi dello stereotipo delle rockstar, e la propensione a rifuggire le luci della ribalta per dedicarsi alla musica senza divagazioni[13] costituivano i tratti peculiari dello spirito che ha sempre animato l’attività del gruppo[8]. In occasione dei primi concerti della band, ad esempio, Mark Knopfler era solito chiedere agli ingegneri del suono di non alzare eccessivamente il volume dei diffusori, in modo tale da permettere al pubblico di conversare liberamente durante lo spettacolo[8].

Annoverati tra gli esponenti principali del rock britannico[11][14][15], i Dire Straits hanno inciso, escludendo le antologie, nove album – di cui tre dal vivo[16] – che nel complesso contano oltre 120 milioni di copie vendute[17]. Il sodalizio si sciolse di fatto agli inizi degli anni novanta, allorché Mark Knopfler – che insieme a John Illsley era rimasto l’unico componente del quartetto originario – preferì concentrarsi a tempo pieno sulla propria carriera solista e su alcuni progetti alternativi, allontanandosi ulteriormente dal mondo del music business e dalle sue dinamiche.

https://it.wikipedia.org/wiki/Dire_Straits

Dire Straits were a British rock band, formed in 1977 by Mark Knopfler (lead vocals and lead guitar), his younger brother David Knopfler (rhythm guitar and backing vocals), John Illsley (bass guitar and backing vocals), and Pick Withers (drums and percussion). Dire Straits’ sound drew from a variety of musical influences, including jazz, folk, and blues, and came closest to beat music within the context of rock and roll. Despite the prominence of punk rock during the band’s early years, the band’s stripped-down sound contrasted with punk, demonstrating a more “rootsy” influence that emerged from pub rock. Many of Dire Straits’ compositions were melancholic.[3] Dire Straits’ biggest selling album, Brothers in Arms, has sold over 30 million copies, and was the first album to sell a million copies on CD.[4][5]

They also became one of the world’s most commercially successful bands, with worldwide album sales of over 120 million.[6] Dire Straits won four Grammy Awards, three Brit Awards—winning Best British Group twice, two MTV Video Music Awards, and various other music awards.[6] The band’s songs include “Money for Nothing”, “Sultans of Swing”, “So Far Away”, “Walk of Life”, “Brothers in Arms”, “Private Investigations”, “Romeo and Juliet”, “Tunnel of Love”, and “Telegraph Road”.

According to the Guinness Book of British Hit Albums, Dire Straits have spent over 1,100 weeks on the UK albums chart, ranking fifth all-time.[7] Their career spanned a combined total of 15 years. They originally split up in 1988, but reformed in 1991, and disbanded for good in 1995 when Mark Knopfler launched his career full-time as a solo artist. There were several changes in personnel over both periods, leaving Mark Knopfler and John Illsley as the only two original bandmates who had remained throughout the band’s career.

https://en.wikipedia.org/wiki/Dire_Straits